Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Come sbloccare il telefono con la voce

di

Ormai lo smartphone fa parte della tua vita quotidiana e lo utilizzi regolarmente, come molte altre persone, per compiere le operazioni più disparate. In alcune occasioni, però, non hai la possibilità di servirti del telefono in quanto le tue mani sono occupate e, di conseguenza, non riesci a sbloccare il suo schermo, né ad avviare le app di cui hai bisogno: per questo motivo, vorresti capire se è possibile, in qualche modo, usare il telefono con la voce e usarlo in circostanze del genere, anche quando lo schermo è bloccato.

Se è questa la domanda che ti stai ponendo, sappi che ti trovi proprio nel posto giusto, al momento giusto! Nel corso di questa guida, infatti, avrò cura di spiegarti come sbloccare il telefono con la voce e controllarlo, entro certi limiti, servendoti degli assistenti vocali di Google e Apple: Assistente Google e Siri. A dispetto di quanto potresti pensare, configurare questi ultimi è tutt’altro che difficile: bastano un po’ di pazienza e qualche minuto di tempo, per riuscire brillantemente nell’impresa.

Dunque, senza attendere un secondo in più, mettiti bello comodo e leggi con attenzione tutto quanto ho da spiegarti sull’argomento: sono sicuro che, al termine della lettura di questa guida, sarai perfettamente in grado di configurare il tuo smartphone per l’utilizzo senza mani, esattamente come desideravi. Detto ciò, non mi resta altro da fare, se non augurarti buona lettura e buon divertimento!

Indice

Come sbloccare il telefono con la voce: Android

Come sbloccare il telefono con la voce: Android

Il metodo più sicuro per poter a sbloccare uno smartphone Android con la voce prevede l’impiego di Assistente Google, cioè l’assistente “tuttofare” di Google che consente di effettuare comandi e ricevere informazioni, anche senza toccare il dispositivo, con il solo ausilio della voce.

Questo sistema, però, ha delle limitazioni: innanzitutto, a partire da Android 8.0, Assistente Google non può essere invocato a schermo spento ma soltanto se lo schermo è acceso, ed eventualmente bloccato; in secondo luogo, non è possibile chiedere ad Assistente Google di sbloccare completamente lo schermo, ma lo si può usare per effettuare un gran numero di operazioni: leggere le notifiche ricevute, avviare telefonate, inviare messaggi SMS, inviare messaggi di chat, ricevere informazioni di varia natura (appuntamenti, luoghi, istruzioni di navigazione) e molto altro.

Per farti un esempio, con lo schermo bloccato, puoi chiedere ad Assistente Google di eseguire operazioni come “chiama [nome contatto]”, “invia un WhatsApp a [nome contatto]”, “leggi le email ricevute”, “leggi le ultime notizie”, “elencami gli appuntamenti della giornata” o, ancora, “imposta un promemoria”, “imposta un timer”, “imposta una sveglia” e tanto, tanto altro. Per maggiori informazioni in merito alle domande da poter fare ad Assistente Google, ti rimando alla guida ufficiale di Google.

Compresi i limiti e le potenzialità di Assistente Google, è arrivato il momento di capire come abilitarlo e, soprattutto, come far sì che lo stesso possa essere impiegato anche a schermo bloccato.

Per iniziare, apri le Impostazioni di Android, facendo tap sull’icona a forma d’ingranaggio situata sulla schermata Home oppure nel drawer del dispositivo, fai tap sulla voce Google e, successivamente, sulla dicitura Servizi dell’account.

Ora, tocca l’opzione dedicata a Ricerca, assistente e funzioni vocali, accedi alle sezioni Assistente Google e Voice Match e assicurati che la levetta posta accanto alla dicitura Hey Google sia impostata su ON, altrimenti fallo tu e sfiora successivamente il pulsante Accetta.

Come sbloccare il telefono con la voce: Android

Come ulteriore misura di sicurezza, per poter usare l’Assistente Google anche a schermo bloccato, devi necessariamente memorizzare il tuo modello vocale, in modo tale che il dispositivo risponda esclusivamente ai comandi impartiti con la tua voce; per riuscirci, fai tap sulla voce Modello vocale, poi sul pulsante Continua e segui le indicazioni che ti vengono fornite, affinché Google “impari” a riconoscere la tua voce: generalmente, è sufficiente pronunciare per due volte la frase “OK Google” e per altre due volte “Hey Google”.

Ultimata la configurazione del modello vocale, ritorna al menu Ricerca, assistente e funzioni vocali, fai tap sulla voce Personalizzazione e attiva le levette relative ai risultati personali e ai risultati personali nella schermata di blocco. Se richiesto, dai conferma agli eventuali messaggi di sicurezza che compaiono su schermo.

Per finire, affinché Assistente Google possa leggere le tue notifiche, devi fornirgli le autorizzazioni necessarie per procedere: dunque, raggiungi il menu Impostazioni > App e notifiche di Android, fai tap sulle voci Avanzate > App con accesso speciale > Accesso alle notifiche e sposta su ON la levetta relativa a Google. Se richiesto, rispondi affermativamente all’avviso successivo.

Finalmente ci siamo! Superato anche questo step, puoi avvalerti dell’Assistente Google anche dalla schermata di blocco: per riuscirci, basta accendere il display e pronunciare le parole “OK Google” oppure “Hey Google”, seguite dalla tua richiesta specifica (ad es. “Hey Google, chiama [nome]”), senza sbloccare il dispositivo. Chiaramente, puoi usufruire delle stesse funzionalità, in maniera analoga, anche quando il display è sbloccato.

Per maggiori informazioni riguardo il funzionamento di Assistente Google, ti consiglio di prendere visione dell’approfondimento che ho dedicato al tema, ricco di suggerimenti e consigli utili.

Come sbloccare il telefono con la voce: iPhone

Come sbloccare il telefono con la voce: iPhone

Anche nel caso di iPhone è possibile effettuare un gran numero di operazioni tramite la voce, anche con lo schermo bloccato, utilizzando Siri, l’assistente vocale di Apple preinstallato su iPhone, iPad e numerosi altri dispositivi prodotti dal big della “mela morsicata” (come Mac e Apple Watch).

Anche in questo caso, bisogna fare una precisazione: Siri non è in grado di sbloccare lo schermo del “melafonino”, ma può comandarlo, entro certi limiti, anche con lo schermo bloccato. A differenza di quanto visto su Android, i comandi vocali di Siri possono essere invocati anche se il display di iPhone è spento.

Siri è in grado di rispondere a un gran numero di richieste: dalle indicazioni stradali (“Ehi Siri, portami a [nome luogo]”) all’avvio di chiamate (“Ehi Siri, chiama [nome contatto]”), passando per l’invio di SMS e messaggi di chat (“Ehi Siri, invia un WhatsApp a [nome contatto]”), la lettura della propria agenda (“Ehi Siri, che appuntamenti ho?”), l’impostazione di timer e sveglie e tanto, tanto altro.

In definitiva, puoi chiedere a Siri di fornirti notizie e di effettuare comandi relativi a qualsiasi cosa abbia a che fare con l’iPhone e con le app presenti su di esso; il mio consiglio è quello di usare un linguaggio più naturale possibile, ben consapevole che l’assistente vocale di Apple è in grado anche di seguire il “filo” di un discorso!

Ad ogni modo, per abilitare l’utilizzo di Siri con la voce, entra nelle Impostazioni di iOS, facendo tap sul simbolo dell’ingranaggio che risiede nella schermata Home oppure nella Libreria app del dispositivo, fai tap sulla voce Siri e ricerca, sposta su ON la levetta corrispondente alla voce Abilita “Ehi, Siri” e tocca il pulsante Abilita Siri.

Come sbloccare il telefono con la voce: iPhone

Lo step successivo consiste nell’insegnare all’assistente vocale a riconoscere la tua voce: fai dunque tap sul pulsante Continua e pronuncia, rivolgendoti all’iPhone, le frasi che compaiono su schermo. Al termine della procedura, dovresti visualizzare un ultimo messaggio, indicante l’avvenuta attivazione dell’assistente vocale.

A questo punto, ritorna al menu Siri e ricerca e sposta su ON la levetta relativa alla voce Usa Siri quando bloccato, così da poter richiamare l’assistente vocale anche quando il display è bloccato/spento, senza doverlo necessariamente toccare. Sempre tramite lo stesso menu, puoi scegliere la voce di Siri (donna o uomo) o, ancora, far sì che la trascrizione del parlato di Siri e/o delle tue richieste venga sempre visualizzata su schermo (menu Risposte di Siri).

Superato anche questo step, puoi finalmente iniziare a utilizzare Siri con la voce, anche quando lo schermo di iPhone è spento e/o bloccato: per riuscirci, devi semplicemente pronunciare le parole Ehi Siri seguite dall’istruzione che vuoi portare a termine (ad es. “Che ore sono?”). Per approfondire il discorso riguardante le potenzialità di Siri e le modalità d’impiego, ti rimando al tutorial specifico che ho dedicato all’assistente digitale di Apple.

Ti faccio presente che, qualora avessi in dotazione un paio di AirPods, puoi richiamare Siri, oltre che tramite la voce, con un doppio tocco oppure una pressione prolungata sul sensore a bordo di ciascun auricolare: trovi tutto spiegato nella mai guida su come attivare gli AirPods.

Salvatore Aranzulla

Autore

Salvatore Aranzulla

Salvatore Aranzulla è il blogger e divulgatore informatico più letto in Italia. Noto per aver scoperto delle vulnerabilità nei siti di Google e Microsoft. Collabora con riviste di informatica e cura la rubrica tecnologica del quotidiano Il Messaggero. È il fondatore di Aranzulla.it, uno dei trenta siti più visitati d'Italia, nel quale risponde con semplicità a migliaia di dubbi di tipo informatico. Ha pubblicato per Mondadori e Mondadori Informatica.