Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Come si misura la velocità della CPU

di

Ti hanno regalato un PC che, sebbene non più recentissimo, sembra cavarsela abbastanza bene nelle operazioni di tutti i giorni e sei curioso di scoprire con che processore è equipaggiato? Stai cercando una soluzione per monitorare le prestazioni della CPU in tempo reale ma non sai a quale programma affidarti? Nessun problema, sono qui per darti una mano. In questa guida, infatti, ti andrò a mostrare per filo e per segno come si misura la velocità della CPU.

Sappi che è una procedura molto semplice, e che ci sono davvero tantissimi metodi per dare un’occhiata alla velocità del processore, disponibili sia su PC Windows che su Mac, ma anche su dispositivi Android, iPhone e iPad. Potrai avvalerti sia di risorse interne ai sistemi operativi (per ottenere informazioni base sulle prestazioni della CPU in uso e sul carico di lavoro attuale), sia a programmi di terze parti, in grado di fornire maggiori dettagli sullo stato del processore.

Se sei pronto a metterti all’opera, ti consiglio di ritagliarti qualche minuto di tempo libero e di dedicarti alla lettura dei prossimi paragrafi. Vedrai che non è necessario essere un tecnico informatico per riuscire nel tuo intento. Buona lettura e in bocca al lupo per tutto!

Indice

Come si misura la velocità della CPU su Windows

Windows

Su PC con sistema operativo Windows, misurare la velocità della CPU è possibile attraverso diversi metodi. Puoi sfruttare sia gli strumenti predefiniti del computer — per effettuare un monitoraggio base delle prestazioni — sia scaricare dei software gratuiti, che forniscono molte più informazioni sul processore.

In ogni caso, nessuno di questi metodi richiede competenze troppo elevate nel mondo dell’informatica, dunque non preoccuparti. Resta concentrato e dai un’occhiata ai prossimi paragrafi per sapere come procedere.

Strumenti predefiniti

gestione attività

Il primo metodo per misurare la velocità del processore su computer con sistema operativo Windows, è quello di affidarsi al servizio denominato Gestione Attività: questo software, integrato in tutte le versioni più diffuse di Windows, consente di monitorare lo stato del sistema e le caratteristiche dei componenti hardware che compongono il computer, tra cui il processore.

Per raggiungere Gestione attività, puoi premere in maniera contemporanea i tasti Ctrl+Alt+Canc sulla tastiera del PC e poi fare clic sul tasto Gestione attività nella finestra comparsa su schermo. In alternativa, puoi premere direttamente Ctrl+Shift+Esc. Ancora, puoi fare clic destro su un punto vuoto della barra delle applicazioni e selezionare la voce Gestione Attività dal menu contestuale.

Una volta aperto il software, recati nel sottomenu Prestazioni, dopodiché fai clic alla voce CPU, posta nella prima casella collocata in alto sulla sinistra. Nella schermata di monitoraggio, puoi trovare alcune informazioni utili come il nome del modello della CPU, un grafico riguardante il carico di utilizzo e, tra le altre cose, la Velocità, espressa in GHz.

Inoltre, puoi controllare anche la Velocità di base, ovvero la minima velocità che può raggiungere il processore. Sotto la voce Processi puoi trovare tutti i processi in esecuzione al momento sul computer, mentre in quelle Core, Processori fisici e Processori logici puoi avere delle informazioni sulle caratteristiche dell’architettura della CPU.

Info CPU

Per vedere semplicemente la potenza del processore, puoi avvalerti anche della sezione Specifiche dispositivo delle Impostazioni di Windows. Recati, dunque, in queste ultime (premendo sull’icona dell’ingranaggio presente nel menu Start) e vai su Sistema > Informazioni. Potrai trovare le informazioni sulla velocità di base alla voce Processore, espressa in GHz nella schermata mostrata.

Ancora, puoi visualizzare le informazioni sulla CPU dando il comando msinfo32 nel pannello Esegui (Win+R) o nella barra di ricerca del menu Start. La velocità del processore ti verrà indicata, in GHz, in corrispondenza della voce Processore nella finestra mostrata.

Puoi infine ricorrere allo Strumento di diagnostica DirectX, richiamabile tramite il comando dxdiag nel pannello Esegui (Win+R) o nella barra di ricerca del menu Start. La velocità del processore si trova espressa in GHz di fianco alla voce Processore.

CPU-Z

CPU-z

Uno dei migliori programmi gratuiti su Windows per monitorare le caratteristiche della propria CPU è senza dubbio CPU-Z. Questo software, sviluppato da CPUID, consente di avere informazioni dettagliate riguardanti il proprio processore, in maniera decisamente più completa rispetto a quella offerta da Gestione attività. Supporta tutti i principali processori Intel e AMD.

Per scaricarlo, collegati al suo sito ufficiale e fai clic prima sul tasto viola Setup — English che si trova sulla sinistra e poi sul bottone Download now!.

A download completato, apri il file .exe ottenuto e clicca in sequenza sui pulsanti Esegui e Next. Accetta poi le condizioni di utilizzo del programma, mettendo il segno di spunta accanto alla voce I accept the agreement, e fai clic su Next per quattro volte consecutive e poi su Install e Finish per completare il setup. Se ti viene chiesto di installare altri software, nega il consenso.

Adesso, avvia CPU-Z tramite la sua icona presente sul desktop, clicca sul pulsante  e consulta le informazioni date dal software. CPU-Z, a dispetto del nome, non offre solamente informazioni riguardanti il processore. Infatti, nella barra posta in alto puoi notare diverse voci, come Mainboard, Memory e Graphics, che danno informazioni riguardo la scheda madre, la memoria RAM e la scheda video.

Quella che ti interessa, in ogni caso, resta la scheda CPU, aperta di default all’apertura del programma. Partendo dalle prime informazioni visualizzate, sono presenti sia il nome del modello del processore (Name) sia il nome in codice utilizzato dalla casa di sviluppo per indicare la serie delle CPU (Code Name).

La voce Max TDP (Thermal Design Power), indica il calore massimo che il sistema di raffreddamento del processore può dissipare, ed è espresso in Watt. In Package viene espresso il tipo di socket, ovvero il tipo di presa che il processore utilizza per connettersi alla scheda madre.

Per trovare la velocità della CPU puoi fare riferimento al sottomenu Clocks, che contiene informazioni riguardanti i GHz di velocità del processore. In Core Clocks puoi notare la velocità in tempo reale che sta raggiungendo il tuo processore, mentre in Bus Speed è visualizzata la velocità sui Bus (canali di comunicazione) della stessa.

Le caratteristiche dell’architettura della CPU sono presenti di fianco le voci Cores e Threads. Tramite il pulsante Tools, infine, puoi decidere di esportare i dati della CPU attraverso un file di tipo .TXT o .HTML, e controllare gli ultimi aggiornamenti del programma.

Altre soluzioni per misurare la velocità della CPU

Speccy

Nel caso non ti bastassero le soluzioni che ti ho fornito finora, ti lascio alcune valide alternative.

  • Speccy — è un programma sviluppato dalla Piriform (stessa casa di sviluppo di CCleaner), che consente di analizzare a fondo le informazioni riguardanti l’hardware del sistema, CPU compresa. Dal sito ufficiale è possibile scaricare l’installer del programma e acquistare la versione PRO dello stesso a 14,95 euro. Una volta installato, per trovare le informazioni sulla velocità del processore nel sottomenu chiamato CPU. In particolare, puoi trovare la velocità di base alla voce Stock Clock Speed, mentre quella su ogni core nel menu a tendina Cores, posizionato in basso.
  • HWiNFO — questo programma è una comoda alternativa a CPU-Z e Speccy. È disponibile anche in una versione portatile, che non necessita di installazione. Una volta ottenuto il programma, per trovare le informazioni sulla velocità della CPU recati nel sottomenu sulla sinistra Central Processor(s), dunque seleziona la voce relativa al tuo processore. Questo programma offre un’accurata analisi della velocità dei vari core soprattutto nel menu Operating Points.

Come si misura la velocità della CPU su Mac

MAC

Possiedi un Mac? Nessun problema. Anche in questo caso controllare la velocità della CPU è un gioco da ragazzi. Puoi ricorrere sia a strumenti integrati nel sistema operativo che — per esigenze più avanzate — a tool di terze parti.

Strumenti predefiniti

Info Mac

Gli strumenti predefiniti di macOS consentono di scoprire alcune informazioni base sulla CPU, come la sua potenza o lo stato di carico dei processi in esecuzione.

Se vuoi sapere semplicemente la potenza della CPU in uso sul tuo Mac, puoi andare nel menu mela > Informazioni su questo Mac, presente in alto a sinistra. Si aprirà una finestra con le informazioni base del Mac in uso: cliccando poi sul pulsante Resoconto di sistema e selezionando la voce Hardware dal menu laterale della finestra successiva potrai consultare il Nome del processore e la Velocità dello stesso (espressa in GHz).

Inoltre, puoi trovare informazioni aggiuntive relative all’architettura della CPU, il Numero totale dei processori e il Numero totale di Core.

Monitoraggio Attività

Se, invece, vuoi visualizzare informazioni in tempo reale riguardanti la CPU, puoi ricorrere all’applicazione predefinita Monitoraggio attività, accessibile dalla cartella Altro del Launchpad.

Una volta aperta, puoi monitorare attraverso la scheda CPU tutte le informazioni riguardanti i processi in esecuzione e il loro “peso” sul processore.

In particolare, in corrispondenza della voce Carico CPU, è disponibile un grafico che mostra in percentuale quanto i processi avviati dal sistema o quelli avviati dall’utente stanno avendo peso sul processore. Lo stesso dato è espresso tramite valori percentuali proprio di fianco le voci Sistema, Utente e Inattiva.

Inoltre, in Processi, puoi controllare quanti processi siano aperti al momento, mentre in Threads i thread totali utilizzati. Inoltre, di fianco ad ogni processo, nella colonna % CPU, viene mostrato in percentuale quanto quel processo sta incidendo sulle prestazioni della stessa.

iStat Menus

istat menus

Puoi controllare in maniera più dettagliata la velocità della CPU su Mac attraverso il celebre programma iStat Menus. Questo software è utile per monitorare anche le prestazioni di RAM, dischi, attività di rete e molto altro in tempo reale, tramite delle icone personalizzabili che si “accomodano” sulla barra dei menu, in prossimità dell’orologio di sistema. È compatibile anche con i Mac con chip Apple Silicon (es. M1).

La versione di prova del programma ha una durata di 14 giorni, e può essere prelevata direttamente dal sito ufficiale, cliccando sul pulsante di download. Quella completa (disponibile anche su Mac App Store, ma ti consiglio di scaricarla dal sito ufficiale) costa 10,99 euro.

Una volta scaricato il programma, copialo nella cartella Applicazioni di macOS, avvialo e segui la procedura guidata per installare i componenti necessari al suo funzionamento (dovrai immettere la password del tuo account utente). Fatto questo, tramite l’icona dedicata alla CPU potrai controllare il carico dei processi attivati dall’utenti, quelli attivati dal sistema, la temperatura del processore e vari grafici che mostrano su schermo l’impatto che i processi aperti hanno sulle prestazioni. Puoi personalizzare le icone e i parametri da mostrare nelle preferenze di iStat Menus.

Se hai un Mac con processore Intel, puoi visualizzare una voce aggiuntiva nel programma, relativa alla frequenza della CPU tramite l’installazione del programma gratuito Intel Power Gadget.

Come si misura la velocità della CPU su Android

CPU-Z android

Nel caso avessi intenzione di misurare la velocità della CPU su dispositivi con sistema operativo Android, non puoi non scegliere la versione mobile del software CPU-Z, la più completa per quanto riguarda le informazioni su processore e altri componenti hardware di smartphone e tablet.

Una volta installata, visitando la relativa pagina del Play Store o di uno store alternativo (per i device senza servizi Google) e premendo sul pulsante Installa, aprila e potrai trovare informazioni sulla velocità del processore nel menu denominato SOC.

In particolare, potrai trovare il nome del modello di fianco la voce Model, il numero di Cores, e la velocità in tempo reale e massima del processore. Per individuarla, fai riferimento alla voce Clock Speed.

Il primo numero (espresso in MHz o GHz) si riferisce alla velocità attuale del processore, mentre il secondo, che resta fisso ed è solitamente indicato in GHz, riguarda la velocità massima raggiungibile dal processore.

Inoltre, nei sottomenu denominati CPU0, CPU1 ecc., puoi monitorare la velocità dei singoli core presenti nell’architettura del processore. CPU-Z per smartphone e tablet, offre inoltre l’opportunità di controllare lo stato di Batteria, Sistema e Sensori. La versione gratuita comporta la visualizzazione di pubblicità ogni due o tre swipe fra le categorie.

Come si misura la velocità della CPU su iPhone e iPad

ios app

Per misurare la velocità della CPU su iPhone e iPad, il mio consiglio è quello di fare affidamento su applicazioni di terze parti, e in particolare su Lirum Device Info Lite.

Una volta installata dall’App Store, tramite il link che ti ho appena fornito (premendo sul pulsante Ottieni e verificando la tua identità con Face ID, Touch ID o password) apri l’applicazione, premi sul pulsante ≡ e vai nel menu This Device > CPU che si apre di lato per avere accesso alle informazioni riguardanti il processore installato nel device.

Puoi trovare la velocità in tempo reale e quella massima della CPU in corrispondenza delle voci CPU Actual Clock e CPU Maximum Clock, espresse in GHz.

Salvatore Aranzulla

Autore

Salvatore Aranzulla

Salvatore Aranzulla è il blogger e divulgatore informatico più letto in Italia. Noto per aver scoperto delle vulnerabilità nei siti di Google e Microsoft. Collabora con riviste di informatica e cura la rubrica tecnologica del quotidiano Il Messaggero. È il fondatore di Aranzulla.it, uno dei trenta siti più visitati d'Italia, nel quale risponde con semplicità a migliaia di dubbi di tipo informatico. Ha pubblicato per Mondadori e Mondadori Informatica.