Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero
Scopri le migliori offerte sul canale Telegram ufficiale. Guarda su Telegram

Come vedere Starlink

di

Da appassionato di astrodinamica quale sei, ti metti spesso a osservare il cielo di notte per vedere alcuni satelliti nello spazio. Ultimamente hai poi sentito che SpaceX, l’azienda aerospaziale di Elon Musk, ha lanciato tutta una serie di satelliti nell’atmosfera, chiamati Starlink, per distribuire la connessione Internet a livello globale. La cosa ti ha affascinato molto e ora ti stai chiedendo come vedere Starlink.

Beh, non sono di certo un professionista del settore aerospaziale, però in questa mia guida ti parlerò di alcuni siti e applicazioni che hai dalla tua parte che ti permettono di sapere in quale punto e a che ora passano i satelliti Starlink, in modo da poterli osservare (a volte addirittura a occhio nudo). Detto questo, non voglio illuderti: in alcuni casi dovrai aspettare diversi giorni prima di riuscire a trovare una giusta coincidenza.

Al netto di ciò, direi che possiamo passare all’azione. Prenditi tutto il tempo che ti serve e prosegui nella lettura di questo mio articolo. Spero vivamente che, grazie alle mie indicazioni, tu riesca a vedere una striscia di satelliti Starlink. Buona lettura e buon divertimento!

Indice

Informazioni preliminari

starlink

Prima di procedere andando a vedere insieme quali strumenti puoi utilizzare per vedere i satelliti Starlink, ci tengo a fornirti alcune informazioni preliminari. Anzitutto, devi sapere che i satelliti Starlink (ma questo vale per quasi tutti i satelliti) sono visibili a occhio nudo perlopiù durante le ore di buio, infatti, è praticamente impossibile avvistare un satellite durante le ore diurne. Il motivo è che quello che riusciamo a vedere con i nostri occhi è in realtà la luce emessa dai satelliti e non la struttura del satellite stesso.

Inoltre, benché in particolari condizioni meteo dove c’è un cielo sereno senza troppa illuminazione artificiale e nel posto giusto al momento giusto sia possibile vedere i satelliti a occhio nudo, nella maggior parte dei casi sarà necessario l’utilizzo di un telescopio.

Tramite i siti e le app di cui ti parlerò a breve, infatti, potrai ottenere tutte le coordinate necessarie per orientare il telescopio nella giusta direzione e vedere così la scia di satelliti o anche un singolo satellite Starlink.

Tieni presente che si tratta di oggetti in rapido movimento e potrebbe non essere una cosa semplicissima seguirne la traiettoria tramite telescopio per chi non è molto esperto.

Zoomion Philae 114/500 EQ riflettore telescopio - Cannocchiale astrono...
Vedi offerta su Amazon
Zoomion Genesis 200/800 EQ-4 Telescopio astronomico riflettente per ad...
Vedi offerta su Amazon

Come vedere Starlink in tempo reale

Andiamo ora a scoprire come vedere Starlink in tempo reale. Qui di seguito ti propongo dei siti Web e delle applicazioni che permettono di seguire la traiettoria in tempo reale dei satelliti Starlink. Alcuni degli strumenti di cui ti sto per parlare ti danno anche la possibilità di sapere quando/se saranno visibili i satelliti dalla tua città e anche con che qualità di visione. Buon proseguimento!

Find Starlink (Web/Android/iOS/iPadOS)

findstarlink

Il primo strumento di cui ti voglio parlare è Find Starlink, dedicato proprio alla localizzazione dei satelliti Starlink, fruibile sia da Web che tramite applicazione per dispositivi mobili.

Find Starlink ti offre la possibilità sia di vedere la traiettoria di alcuni satelliti Starlink, sia di scoprire a quale ora e in che modo saranno visibili i satelliti dalla città di tuo interesse. Ora ti spiego subito come puoi avvalertene.

Per usare la versione Web, accedi a questa pagina e clicca nel menu a tendina accanto alla voce Country per cercare la nazione di tuo interesse: se sei in Italia, seleziona quindi Italy e poi scrivi nel campo Place il nome della città di tuo interesse. Fatto ciò, clicca sul pulsante FIND VISIBLE TIMES.

A questo punto, nella pagina successiva, dovresti vedere diversi risultati, distribuiti in un massimo di tre sezioni, ovvero: una di colore azzurro Timings with good visibility, che rappresenta i momenti in cui c’è una buona visibilità dei satelliti, una di colore giallo Timings with average visibility, che rappresenta i momenti in cui c’è una discreta visibilità dei satelliti e infine una di colore rosso Timings with poor visibility, che sta a indicare i momenti in cui c’è una scarsa visibilità dei satelliti.

Spesso potrebbe capitare che nella città da te selezionata non ci siano risultati con una buona visibilità; tuttavia, sotto a ogni risultato, puoi visualizzare l’orario, il giorno e la direzione dalla quale la striscia di satelliti o il singolo satellite arriverà e dove è diretto.

Ci tengo poi a precisare che le previsioni del sito non sono accurate al 100% e arrivano sempre e comunque a un massimo di cinque giorni nel futuro. Come ti ho già accennato, i satelliti potrebbero anche essere visibili a occhio nudo di notte e con buone condizioni di visibilità. Ad ogni modo, è sempre meglio munirsi di un telescopio direzionandolo in base alle coordinate fornite dal sito di Find Starlink.

Un’altra interessante funzione del sito è quella che puoi trovare cliccando su Live Map nella barra in alto: da qui puoi vedere la mappa del pianeta con tanto delle orbite che alcuni satelliti Starlink seguono. Tieni presente, però, che non ti vengono mostrati tutti i satelliti Starlink in orbita. Questa sezione del sito può comunque tornare estremamente utile per vedere a colpo d’occhio se nell’arco di qualche ora una striscia di satelliti Starlink passerà nelle tue zone.

Il funzionamento dell’app di Find Starlink per Android (disponibile anche su store alternativi) e per iOS/iPadOS è del tutto analogo alla versione Web.

N2YO (Web)

n2yo

Un altro utile strumento che puoi usare per vedere i satelliti Starlink è il sito N2YO. Si tratta di un servizio disponibile solo in versione Web che permette di seguire in modo dettagliato l’orbita di moltissimi satelliti Starlink, oltre che a molti altri satelliti e stazioni spaziali. Ti spiego ora come puoi usarlo.

Anzitutto, accedi alla pagina principale del sito in questione e poi recati nel campo di ricerca in alto a destra denominato Find a satellite…. In questo campo scrivi pure starlink e clicca su Search. Ora il sito dovrebbe mostrarti i primi cento risultati pertinenti (e tieni conto che esistono migliaia di satelliti Starlink). Se, invece, stai cercando un satellite preciso, perché sei a conoscenza del nome, puoi scrivere il nome del satellite per esteso.

A questo punto, se ti trovi davanti al lungo elenco di satelliti Starlink che ti propone il sito, puoi cliccare sul pulsante TRACK-IT in corrispondenza del nome di un satellite per visualizzare sulla mappa del mondo dove si trova in questo momento e dove è diretto.

Naturalmente, il metodo che ti ho appena illustrato potrebbe risultare poco efficace, dato che dovresti controllare uno a uno tutti i risultati che ti vengono proposti. Per questo motivo, potresti anche avvalerti di questa pagina del sito di N2YO dove puoi tracciare contemporaneamente sulla mappa più satelliti. Per riuscirci, una volta che hai effettuato l’accesso alla pagina, metti il segno di spunta in corrispondenza della casella sotto alla voce Select di tutti i satelliti che vuoi vedere, ma ti consiglio di selezionare al massimo dieci satelliti (altrimenti si fa troppa confusione sulla mappa). Una volta selezionati, vai in fondo alla pagina e clicca sulla voce per tracciare i satelliti selezionati.

Fatto ciò, ti ritroverai davanti alla mappa del mondo con la possibilità di visualizzare la traiettoria di tutti i satelliti che hai selezionato precedentemente. In questo modo puoi vedere con più rapidità e facilità se qualcuno di essi passerà nelle prossime ore nelle tue zone. Se ne hai individuato uno che ti interessa, puoi cliccare sopra al simbolo del satellite sulla mappa per controllare le coordinate, la velocità e altre informazioni utili.

Nella parte sottostante la mappa, il sito ti permette di scegliere se visualizzare l’orbita dei satelliti o meno spuntando la casella Draw orbits, di vedere l’area che quel satellite copre con il segnale spuntando la casella Draw footprint, di tenere il satellite che hai selezionato sempre al centro della mappa spuntando la casella Keep selection centred, di tenere tutti gli eventuali satelliti che stai visualizzando sempre nel riquadro della mappa cliccando su Fit all satellites on the map e infine di allargare la mappa per avere una visuale più ampia cliccando su Large map.

Heavens-Above (Web/Android)

heavens-above

Un ulteriore strumento che ti voglio consigliare e che ti permette di seguire la traiettoria dei satelliti Starlink (ma anche molti altri satelliti e stazioni spaziali) è Heavens-Above e ora ti spiego brevemente come puoi utilizzarlo.

Anzitutto, accedi alla pagina principale del sito e clicca su Cambia la tua località d’osservazione che trovi sotto alla voce Impostazioni a centro pagina (o clicca qui). Nella pagina in cui ti trovi ora, recati nel campo di testo che si trova sotto alla mappa Inserisci il luogo da cercare e qui scrivi la città di tuo interesse, clicca su Cerca e poi clicca su Aggiorna in basso. In questo modo hai impostato la tua città come punto di riferimento per Heavens-Above.

Ora, una volta tornato alla pagina principale, puoi cliccare su Vista dinamica del cielo che si trova sotto alla voce Satelliti a centro pagina. Grazie a questa sezione del sito, puoi visualizzare tutti i satelliti che sono visibili dalla tua posizione e vedere anche dove sono diretti. Sulla destra puoi trovare un elenco dei satelliti con tanto di nome e cliccando su uno di essi hai la possibilità di consultare in alto a destra molte informazioni circa la posizione del satellite selezionato.

Un’altra interessante funzione del sito è quella che trovi sempre nella pagina principale, sotto alla voce Satelliti e che è denominata Visualizzazione dinamica di tutti gli oggetti di un singolo lancio Starlink. Questa sezione del sito ti permette di vedere in tempo reale il passaggio di tutti i satelliti Starlink su una mappa del globo in 3D. Se la vuoi usare per vedere un satellite Starlink, puoi fare lo Zoom con la rotella del mouse oppure, se stai usando un trackpad/touchpad su un computer portatile, puoi usare due dita, mettendole al centro e allontanandole entrambe alle estremità opposte per ingrandire la mappa verso la località di tuo interesse.

A questo punto, puoi cliccare sul simbolo in alto a destra [>] per mettere in moto la mappa e vedere gli spostamenti dei satelliti in tempo reale. Ad ogni modo, potrebbe tornarti utile cliccare sui simboli [

] o [

] per far andare più veloce il tempo e visualizzare così i passaggi futuri dei satelliti Starlink. Puoi sempre mettere in pausa il movimento dei satelliti cliccando sul pulsante della pausa [||]. Questo ti darà l’opportunità di cliccare sul quadratino rosso e di vedere anche il nome del satellite Starlink che passerà nella tua zona.

Sono felice di informarti che Heavens-Above è disponibile anche in qualità di applicazione ma solo per Android (anche su store alternativi). Il funzionamento dell’app è molto simile a quello della versione Web, tuttavia alcune funzioni risultano forse più comode come quella che trovi nella pagina principale chiamata Nightly Events, la quale (dopo aver concesso all’app il permesso di accedere alla tua posizione) ti permetterò di scoprire tutti i passaggi di satelliti che avverranno durante la notte nella tua area.

Tramite app, però, non è possibile visualizzare il passaggio in tempo reale di tutti i satelliti Starlink a livello globale come avviene nella versione Web. La versione gratuita dell’applicazione contiene la pubblicità, è però possibile acquistare la versione Heavens-Above Pro al costo di 3,99 euro una tantum per eliminare gli annunci pubblicitari.

In qualità di affiliati Amazon, riceviamo un guadagno dagli acquisti idonei effettuati tramite i link presenti sul nostro sito.

Salvatore Aranzulla

Autore

Salvatore Aranzulla

Salvatore Aranzulla è il blogger e divulgatore informatico più letto in Italia. Noto per aver scoperto delle vulnerabilità nei siti di Google e Microsoft. Collabora con riviste di informatica e cura la rubrica tecnologica del quotidiano Il Messaggero. È il fondatore di Aranzulla.it, uno dei trenta siti più visitati d'Italia, nel quale risponde con semplicità a migliaia di dubbi di tipo informatico. Ha pubblicato per Mondadori e Mondadori Informatica.