Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero
Salvatore Aranzulla Day
Evento di formazione SEO con Salvatore Aranzulla. Scopri il programma

Bitcoin: come funziona

di

Parlando con un amico sei venuto a conoscenza dell’esistenza dei Bitcoin. La cosa ti ha incuriosito ed ora eccoti qui, sul mio sito, desideroso di saperne di più, o meglio di capire come funziona l’intero sistema su cui è basata questa criptovaluta e come fare per poterla sfruttare. Mi sbaglio? No, ecco. Beh, vista la situazione non posso far altro se non suggerirti di prenderti qualche minuto di tempo libero tutto per te, di metterti bello comodo e di concentrarti sulla lettura di questa mia guida interamente dedicata all’argomento.

Nelle righe successive sarà infatti mia premura spiegarti che cosa sono esattamente i Bitcoin, come fare per poterli guadagnare (oppure acquistare) e ovviamente anche come e dove spenderli. Insomma, alla fine di quest’articolo avrai un quadro praticamente completo al riguardo e, se lo vorrai, potrai finalmente avventurarti nel mondo delle criptovalute andando a mettere tu stesso in pratica le nozioni in oggetto.

Allora? Ti va di passare al sodo e di approfondire l’argomento? Si? Molto bene! Direi dunque di non perdere ulteriore tempo prezioso, di mettere le chiacchiere da parte e di iniziare immediatamente a darci da fare. Mettiti bello comodo dinanzi il tuo fido PC e leggi dunque con la massima attenzione le indicazioni che sto per fornirti. Sono sicuro che alla fine non avrai più neppure un solo dubbio riguardo il funzionamento dei Bitcoin e sarai addirittura pronto a fornire eventuali spiegazioni ad altri tuoi conoscenti interessati alla cosa. Che ne dici, scommettiamo?

Indice

Nozioni di base

Partiamo dalle basi. I Bitcoin, come ti ho già anticipato in apertura, sono una criptovaluta, ovvero un tipo di moneta digitale (non è l’unica ma è sicuramente quella più diffusa al momento) che può essere generata sfruttando la potenza di calcolo dei computer. Al pari degli euro, i Bitcoin possono essere usati per la compravendita di beni e/o servizi.

Fatta questa eccezione, i Bitcoin si distinguono profondamente dalle valute “tradizionali” per varie ragioni. In primo luogo, non hanno una banca centrale o un ente che fa da intermediario tra le persone che se li scambiano poiché tutto è basato su una rete peer-to-peer di natura open source che sfrutta un database distribuito tra i computer degli utenti, i cosiddetti nodi. Questo database contiene tutte le transazioni avvenute sulla rete Bitcoin e può essere consultato da chiunque.

A questo punto sono sicuro che ti starai chiedendo se i Bitcoin sono cosa legale oppure no. Qualora così fosse, sappi che la risposta è affermativa. I Bitcoin sono infatti legali in tutto il globo, la regolarità delle transazioni viene garantita da un sistema di crittografia a chiave pubblica grazie al quale gli utenti sono impossibilitati a spendere le stesse monete per più volte o comunque sia a truccare il portamonete (lo strumento che va impiegato per raccogliere i Bitcoin posseduti) di cui non si è effettivamente proprietari. Insomma, tutto sotto controllo!

Per quel che concerne invece la questione valore, quello dei Bitcoin oscilla in maniera perenne. Per monitorarlo occorre fare riferimento a servizi appositi che ne mostrano la valutazione corrente su tutti i principali mercati di scambio della Rete. Sappi inoltre che, contrariamente a quel che si possa pensare, il valore dei Bitcoin non è infinito. Ne sono previsti un numero massimo di 21 milioni e ogni quattro anni la quantità di monete generata viene dimezzata sulla base di una regola deflazionistica.

Portamonete Bitcoin

Bitcoin come funziona

Come anticipato qualche riga più su, tutti i Bitcoin posseduti devono essere raccolti all’interno di un portafoglio digitale apposito (che è una sorta di client), quello che in gergo tecnico viene chiamato wallet, e che dunque permette di effettuare e ricevere pagamenti Bitcoin. Di portafogli digitali per i Bitcoin ce ne sono diversi, puoi scegliere quello che più ti aggrada fra i vari disponibili in rete e seguire le indicazioni in esso contenute per aprire il tuo portamonete Bitcoin.

Tra i vari client disponibili, il più diffuso è senz’altro Bitcoin Core. Lo puoi scaricare gratuitamente dal sito Internet Bitcoin.org, su cui sono disponibili anche diversi altri client per tutti i principali sistemi operativi, inclusi quelli mobile.

Tornando a Bitcoin Core, si tratta di un software multi-piattaforma (quindi compatibile con Windows, Mac e Linux) dal funzionamento abbastanza elementare. Una volta scaricato, installalo avviando il pacchetto .exe ottenuto e clicca sempre su Avanti. Se usi un Mac, devi trascinare l’icona del programma nella cartella Applicazioni. Successivamente, a prescindere dal sistema operativo, avvia il software ed indica la cartella in cui salvare il tuo portafogli.

Una volta fatto ciò, ti consiglio di mettere subito al sicuro il tuo portamonete abilitando la funzione di cifratura recandoti nel menu Impostazioni e cliccando poi su Cifra portamonete. Onde evitare l’insorgenza di problemi futuri, ti suggerisco anche, di tanto in tanto, di crearne delle copie di sicurezza richiamando la voce Backup portamonete sempre annessa al menu dell’applicazione.

Un’altra cosa molto importante che ti consiglio di fare quando utilizzi Bitcoin Core o un qualsiasi altro wallet è quella di aspettare che il programma si sincronizzi completamente con la rete della criptovaluta in modo tale che sul computer in uso venga scaricata la blockchain su cui si basa il sistema, ovvero il database nel quale vengono registrate tutte le transazioni dei Bitcoin.

Come facilmente deducibile dal nome stesso, la blockchain è strutturata a blocchi. Tali blocchi sono univoci e contengono un numero fisso di monete più le chiavi pubbliche di chi effettua le transazioni e i dati del blocco precedente. Il numero di Bitcoin creati per blocco era inizialmente di 50 ma questo numero è stato programmato per ogni quattro anni, come accennato ad inizio articolo. Come fare per conoscere la data stimata per il prossimo cambio di valore dei blocchi? Semplice: visitano il sito apposito Bitcoin Clock.

Per conoscere invece l’indirizzo del tuo portamonete (che è indispensabile per poter inviare e ricevere denaro) devi recati nel menu File del programma e fare clic su Indirizzi di ricezione. Volendo, puoi anche crearne di personalizzati (ma comunque facenti capo al medesimo wallet) semplicemente facendo clic sul pulsante Nuovo.

Generare Bitcoin

Ora che ti è finalmente chiaro che cosa sono i Bitcoin e come fare per poterli conservare e sfruttare sei finalmente pronto per passare al capito successivo, quello relativo a come generare questa criptovaluta.

In teoria è possibile generare nuovi Bitcoin facendo eseguire alla CPU o alla GPU del computer un’attività che, sempre in gergo tecnico, viene definita mining e che man mano che passa il tempo aumenta sempre più di complessità. Tecnicamente si tratta di attaccare tramite la tecnica del brute force dei dati protetti con crittografia basata sull’algoritmo SHA–256.

Considerando però che la creazione di Bitcoin – così come quella di altre monete digitali – richiede una notevole potenza di calcolo e quindi anche un elevato dispendio energetico, i “comuni” utenti possono affidarsi ad alcune soluzioni alternative pensate appositamente allo scopo, quelle che trovi indicate in dettaglio qui di seguito.

Mining

Come ottenere Bitcoin

Alcune aziende hanno immesso in commercio computer pensati appositamente per fare Bitcoin andando però a consumare molta meno energia rispetto ai PC tradizionali. Per l’esattezza, si tratta di quelli che vengono definiti ASIC Bitcoin Miner.

Lo so, la cosa può sembrare molto allettante ma è bene tener presente che la maggior parte di questi computer specifici presentano una scarsa qualità costruttiva e, di conseguenza, le loro prestazioni si riducono nel giro di brevissimo tempo. In ogni caso, se sei intenzionato ad effettuare l’acquisto puoi rivolgerti a tutte le più comuni piattaforme online per il commercio elettronico.

Mining Pool

Come ottenere Bitcoin

Un’altra buona soluzione per accumulare Bitcoin senza gravare sulla salute del PC e senza spendere fiumi di euro in energia elettrica è il mining pool. Si tratta di un sistema che, sfruttando la tecnologia del calcolo distribuito, permette a più utenti sparsi in giro per il globo di unire le potenze di calcolo dei propri computer per effettuare il mining. Ad operazione conclusa, il valore del blocco minato viene suddiviso fra tutti gli utenti.

Di sistemi di mining pool ce ne sono diversi, tra i più famosi di segnalo Slushpool. Per sfruttarli bisogna usare appositi client, come BFGMiner che utilizza la potenza di calcolo della GPU ed è compatibile con tutti i sistemi operativi (se sei un utente macOS/OS X puoi scaricarlo da qui).

ASIC

Come ottenere Bitcoin

Anche ricorrere all’uso degli ASIC (acronimo di Application-Specific Integrated Circuit) in formato USB rappresenta un altro buon metodo per guadagnare Bitcoin. Si tratta di una sorta di chiavette USB, con un costo minimo di 50 euro, che vanno collegate al computer e che integrano dei circuiti progettati per risolvere calcoli ben precisi in maniera rapida ed efficace. I consumi energetici son piuttosto ridotti ed anche in tal caso si possono trovare senza problemi sugli store online.

Sistemi di affiliazione

Bitcoin come funziona

Altra soluzione alla quale ci si può affidare per guadagnare dei Bitcoin è quella delle affiliazioni. Più precisamente, registrandosi su siti Internet appositi, come nel caso di QoinPro, è possibile incassare ogni giorno un piccolo numero di Bitcoin senza fare praticamente nulla.

Come anticipato, la somma di Bitcoin guadagnata giornalmente in questo modo è decisamente bassa. Un piccolo aumento può essere tuttavia ottenuto facendo iscrivere al servizio altre persone mediante il proprio link referral.

Comprare Bitcoin

Bitcoin come funziona

Oltre che essere generati, i Bitcoin possono essere anche comperati, nulla e nessuno ti vieta di farlo. Se la cosa ti interessa, puoi affidarti ad alcuni servizi appositi, come ad esempio Bitstamp, che consente di aprire un conto e “rimpinzarlo” con monete digitali comperate da altri utenti del sito. Per cominciare ti basta dunque visitare la pagina Web principale del servizio, cliccare sulla voce Create account collocata in alto, compilare il modulo proposto con i tuoi dati e cliccare sul bottone Register.

Una volta effettuata e completata la registrazione, potrai cominciare a comprare Bitcoin effettuando il login al sito con i dati che ti sono stati forniti automaticamente nella mai di conferma della registrazione (mi raccomando però, ad accesso effettuato modifica la password che ti è stata assegnata in automatico dal servizio), cliccando Buy/Sell a cui puoi accedere pigiando sul bottone con le tre linee in orizzontale in alto a destra e selezionando una delle opzioni disponibili.

Spendere i Bitcoin

Bitcoin come funziona

A questo punto ti starai senz’altro domandando: ma come e dove possono essere spesi i Bitcoin guadagnati e/o comperati? La domanda è lecita e la riposta è per certi versi scontata: in rete, sugli store digitali che supportano questo metodo di pagamento, ma anche nei negozi fisici, quelli che fanno altrettanto.

Puoi riconoscer facilmente tutti gli store online che consentono di pagare i Bitcoin poiché i prezzi vengono indicati anche (o solo) in BTC e generalmente sul sito è esposto anche il logo della criptovaluta.

Per quel che concerne invece i negozi fisici, sebbene rispetto a quelli online siano in numero nettamente inferiore, i “segni di riconoscimento” sono praticamente gli stessi di cui sopra. Tieni presente che in Italia la cosa è meno diffusa che all’estero ma non assente. Puoi comunque facilitarti nella ricerca dei negozi fisici che consentono il pagamento in Bitcoin consultando la mappa presente sul sito Internet CoinMap.org che, appunto, segnala la diffusione della moneta elettronica in tutto il globo.

Ulteriori info utili

Come guadagnare Bitcoin

Come avrai senz’altro avuto modo di notare tu stesso, con le dovute spiegazioni comprendere come funziona la criptovaluta Bitcoin non è affatto complicato, anzi diciamo addirittura che è cosa facile. Ciononostante, nel caso in cui qualcosa non ti fosse chiaro e volessi dunque approfondire ulteriormente la questione, mi permetto di consigliarti di dare un’occhiata alla sezione dedicata al come iniziare del sito Internet Bitcoin.org che al suo interno include una guida grazie alla quale è possibile cominciare a muovere i primi passi nel mondo della criptovaluta in questione, con tanti link e suggerimenti interessanti.