Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Come entrare in pagoPA con SPID

di

Recentemente hai sentito parlare di pagoPA, un sistema di gestione dei pagamenti elettronici messo a punto dall’Agenzia per l’Italia Digitale che è nato con lo scopo di semplificare e rendere sicuri (oltre che trasparenti) tutti i pagamenti che vengono fatti verso la Pubblica Amministrazione. pagoPA consente infatti di pagare bollette, multe e avvisi di pagamento di vario tipo tramite i siti Web delle Pubbliche Amministrazioni e degli enti che hanno deciso di aderire al circuito, nonché mediante app per dispositivi mobili.

Incuriosito da questa possibilità, ti sei munito di SPID e hai provato a effettuare il login tramite la tua identità digitale sul sito di pagoPA, ma non ci sei riuscito. Beh, è normale: nel momento in cui scrivo, infatti, non si ha la possibilità di entrare nel sito di pagoPA con SPID. Ciò che è possibile fare, infatti, è utilizzare lo SPID per entrare sui siti delle Pubbliche Amministrazioni e, solo una volta fatto ciò, procedere al pagamento mediante pagoPA.

Chiarito questo punto fondamentale, direi che posso soddisfare la tua richiesta e aiutarti ad avvalerti di pagoPA. Devi solo metterti comodo, prenderti il tempo che ti serve per leggere le prossime righe e, cosa più importante, mettere in pratica tutte le indicazioni che ti darò. Se lo farai non avrai problemi nel comprendere come avvalerti dello SPID per entrare nei siti che consento di effettuare pagamenti tramite pagoPA. Promesso!

Indice

Come accedere a pagoPA con SPID

Se sei d’accordo, addentriamoci sùbito nel vivo dell’articolo andando vedere come accedere a pagoPA con SPID. Trovi tutto spiegato proprio qui sotto.

Ottenere SPID

infografica SPID

Per poter procedere al pagamento tramite il sistema pagoPA, devi ottenere lo SPID. Senza di esso, infatti, non potrai accedere al sito della Pubblica Amministrazione o al sito dell’ente aderente al circuito pagoPA.

Come si fa a ottenere lo SPID? È semplice: ci si rivolge a uno degli Identity Provider abilitati (es. Register, Sielte, Namirial, Aruba, TIM, InfoCert e Poste Italiane), compilare il modulo online in cui registrare i propri dati personali ed effettuare l’autenticazione tramite uno dei sistemi disponibili (es. firma digitale, tessera sanitaria con carta nazionale dei servizi, carta di identità elettronica, autenticazione “de visu” tramite webcam o di persona, e così via).

Il costo dell’operazione? Solitamente è gratuito per i privati cittadini, a meno che non si scelga un metodo di autenticazione che comporta dei costi: farlo “de visu” o comunque coinvolgendo un operatore umano può comportare un aggravio di una ventina di euro circa. Maggiori info qui.

Entrare in pagoPa con SPID

pagoPA

Come ti ho già accennato a inizio guida, non è possibile entrare nel sito di pagoPA con lo SPID, ma è possibile utilizzare il Sistema Pubblico di Identità Digitale per accedere ai servizi della Pubblica Amministrazione aderenti al sistema pagoPa.

La procedura da seguire varia in base al sito Web dell’ente della Pubblica Amministrazione che ha richiesto il pagamento e all’ente certificatore scelto per ottenere la propria identità SPID. Anche se i passaggi e le diciture possono differire a seguito di queste variabili, però, gli step da seguire sono praticamente sempre gli stessi.

In sostanza basta collegarsi al sito della Pubblica Amministrazione che ha richiesto il pagamento (es. il sito Web del Comune, il sito della Polizia Municipale, etc.) e individuare la sezione dedicata ai servizi online o ai pagamenti. Una volta giunto nell’area dedicata ai pagamenti pagoPA, bisogna cliccare sul pulsante Accedi, selezionare il nome dell’Identity Provider scelto per il propri SPID (es. Poste ID, InfoCert ID, etc.) e, dopo aver preso visione dei dati a cui la Pubblica Amministrazione vuole accedere, cliccare sul pulsante Acconsento.

Ad accesso effettuato, occorre selezionare la voce Paga online, Pago PA (o una voce simile), scegliere il metodo di pagamento e selezionare uno dei PSP (prestatori di servizio di pagamento) tra quelli disponibili. Successivamente, basterà cliccare sul bottone Procedi con il pagamento e in automatico questo verrà registrato dall’ente a cui è stato erogato.

Pagare con pagoPA

La medesima procedura può essere svolta anche per tutte quelle app che supportano i pagamenti del circuito pagoPA, come IO per Android e iOS/iPadOS: anche in questo caso, infatti, bisogna premere sul pulsante Entra con SPID ed effettuare il login tramite SPID come mostrato nelle righe precedenti.

Successivamente bisogna recarsi nella sezione portafoglio (facendo tap sull’apposita dicitura posta in basso), pigiare sul pulsante Paga un avviso e, quindi, inquadrare il QR Code presente nell’avviso di pagamento o, in alternativa, inserendo manualmente il Codice Avviso e il Codice Fiscale Ente Creditore indicato nell’avviso di pagamento aderente al circuito pagoPA. Se necessario, poi, occorre aggiungere un metodo di pagamento e premere sul pulsante Continua per proseguire nella procedura.

Salvatore Aranzulla

Autore

Salvatore Aranzulla

Salvatore Aranzulla è il blogger e divulgatore informatico più letto in Italia. Noto per aver scoperto delle vulnerabilità nei siti di Google e Microsoft. Collabora con riviste di informatica e cura la rubrica tecnologica del quotidiano Il Messaggero. È il fondatore di Aranzulla.it, uno dei trenta siti più visitati d'Italia, nel quale risponde con semplicità a migliaia di dubbi di tipo informatico. Ha pubblicato per Mondadori e Mondadori Informatica.