Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Come funziona app IO

di

Da diverso tempo senti parlare, in TV così come da amici e conoscenti, del Cashback di Stato. In base a quello che hai capito, c’è un’app chiamata IO sulla quale puoi registrare i tuoi dati e i tuoi metodi di pagamento, in modo da accedere al rimborso previsto dal Governo per i pagamenti elettronici effettuati nei negozi fisici, fino a 150 euro a semestre (l’iniziativa è stata però sospesa a giugno 2021, dopo il primo semestre, non si sa se verrà ripresa). Ti è sembrata una cosa molto complicata da mettere in pratica, anche e soprattutto perché non hai molta confidenza con le applicazioni per smartphone e ogni volta che provi a utilizzarne una tutto si traduce con un nulla di fatto. Le cose stanno così, vero?

In questo caso, ti informo subito che non devi preoccuparti: nell’app di cui hai sentito parlare e che vorresti iniziare a sfruttare non c’è proprio nulla di complicato o inaccessibile. Scopo di questo mio tutorial sarà proprio mostrarti, nel modo più semplice e lineare possibile, come funziona app IO. Ti guiderò passo passo nei prossimi capitoli facendoti vedere, innanzitutto, come è strutturata l’app, come scaricarla sui tuoi dispositivi, come effettuare il primo accesso e come registrare i tuoi metodi di pagamento per il Cashback di Stato.

Allora? Che ne dici? Se la cosa ti suona come interessante, prosegui nella lettura e prova a mettere subito in pratica le mie indicazioni. Ti assicuro che riuscirai a fare tutto rapidamente. A me non resta che augurarti una buona lettura e farti un grosso in bocca al lupo per tutto!

Indice

Informazioni preliminari

App IO informazioni preliminari

L’app IO è nata come progetto gestito dalla società per lo sviluppo dei servizi digitali PagoPA S.p.A ed è disponibile, per tutti i cittadini, dal mese di aprile del 2020 in forma totalmente gratuita. Nel momento in cui scrivo, l’applicazione è disponibile per smartphone e tablet Android e iPhone ed è ancora in open beta. Ciò vuol dire, essenzialmente, che IO è un progetto ancora in divenire e che i servizi inclusi nell’applicazione sono disponibili in quantità limitata. Insomma, tutto è ancora in fase sperimentale e bisognerà attendere ancora prima di poter utilizzare l’applicazione al pieno delle sue funzionalità.

Sì, ma come funziona app IO e cosa è possibile fare con quest’applicazione? Ti rispondo subito. IO è stata ideata, essenzialmente, per essere un tramite tra cittadini e Pubblica Amministrazione. In particolare, IO mira a essere il punto di riferimento per i servizi telematici offerti da quest’ultima. Il progetto IO.it fa riferimento all’art. 64 bis del nuovo Codice dell’Amministrazione Digitale che punta a proporre i servizi telematici della pubblica amministrazione in un unico punto e in maniera chiara, semplice e trasparente.

Per quanto riguarda i servizi offerti dall’applicazione, c’è una distinzione da fare: sono disponibili vari servizi a livello nazionale e altri a livello locale. Questi ultimi variano in base alla propria zona di residenza: una volta che avrai effettuato il tuo primo accesso, come ti mostrerò in un apposito capitolo di questa guida, sarà l’app a mostrarti in automatico tutti i servizi disponibili nella tua area.

In ogni caso, avrai la possibilità di ricevere notifiche e avvisi (controllare scadenze e comunicazioni) da parte degli enti pubblici: in questo modo avrai sempre la possibilità di verificare se sei in regola con il pagamento delle imposte e dei tributi previsti e potrai anche impostare i promemoria relativi direttamente sul tuo calendario personale. L’app rende poi possibile il pagamento diretto dei conti tramite il servizio PagoPA.

Per quanto riguarda gli avvisi, al momento, sono disponibili quelli relativi all’ACI (riceverai notifiche, ad esempio, quando un veicolo intestato a te viene iscritto al pubblico registro automobilistico o quando avviene un’iscrizione o un fermo amministrativo da parte di un Agente della riscossione). Puoi anche ricevere notifiche sullo stato del pagamento del Bollo Auto, controllare i certificati e le attestazioni di proprietà e ricevere comunicazioni riguardo una domanda di richiesta di cittadinanza. Insomma: in IO c’è molto di più oltre al Cashback, di cui ti parlerò comunque a tempo debito.

Inoltre, se hai ricevuto un avviso cartaceo con una richiesta di pagamento, avrai anche la possibilità di pagare in modo diretto inquadrando il QR code direttamente con l’app. Potrai anche visualizzare la cronologia delle transazioni effettuate con i metodi di pagamento registrati nell’applicazione, di cui ti parlerò meglio più avanti in questo tutorial.

Da ultimo, IO funge anche da archivio personale dei propri documenti (sono supportati, per adesso, la Carta d’Identità Elettronica e il codice fiscale, mentre la tessera sanitaria sarà inclusa prossimamente). Ad esempio nell’app puoi visualizzare un fac-simile del tuo codice fiscale che potrai mostrare all’occorrenza negli esercizi in cui può essere richiesto, come ad esempio nelle farmacie o alle poste. Inoltre, a partire da giugno 2021, l’app IO può contenere la Certificazione Verde COVID-19. Ti parlerò nello specifico di queste funzionalità in un capitolo dedicato del tutorial.

Prima di procedere oltre, ti informo che per utilizzare IO è necessario essere in possesso dell’identificativo SPID, ottenibile gratuitamente online e utilizzabile per accedere a tutti i servizi della PA (e non solo) usando le stesse credenziali, oppure della Carta d’Identità Elettronica (CIE). Per quest’ultima puoi rivolgerti direttamente all’anagrafe del tuo comune di residenza (controlla fin da subito qui se nella tua città è possibile fare domanda per l’ottenimento della CIE).

Come usare l’app IO

Come usare App IO

Passiamo ora al sodo e a vedere nello specifico tutti i passaggi per scaricare l’app IO, installarla ed effettuare il primo accesso. Come vedrai a breve, si tratta di procedure veramente immediate e semplicissime da portare a termine. Ti basta seguire le indicazioni che sto per fornirti. Ecco tutti i dettagli.

Come scaricare l’app IO

Scaricare App IO

Devi sapere, innanzitutto, che IO è disponibile sia su dispositivi basati sul sistema operativo Android, sia su iPhone. Per quanto iPad, purtroppo, al momento gli sviluppatori non hanno ancora rilasciato una versione apposita. Inizio dunque col mostrarti come scaricare e installare l’applicazione su Android. Per cominciare, apri la pagina di IO sul Play Store oppure, se sul tuo smartphone o tablet non dovesse essere disponibile lo store di Google, dai un’occhiata alle alternative di cui ti ho parlato in questa guida. Una volta che hai aperto la pagina che ti ho indicato sopra, premi sul pulsante Installa, per scaricare IO.

Se quello che utilizzi, invece, è un iPhone puoi aprire la pagina dell’applicazione su App Store; dopodiché, per scaricarla, ti basta premere sul pulsante Ottieni/Installa e verificare la tua identità tramite Face ID, Touch ID o password dell’ID Apple (se richiesto).

Come accedere all’app IO

Accedere App IO

Una volta che hai scaricato l’applicazione, devi effettuare il primo accesso. Avvia dunque l’app IO e, nella pagina di login, scegli un metodo per il processo di autenticazione. Quelli disponibili sono, come ti ho specificato nel capitolo delle informazioni preliminari, la CIE o lo SPID. Per accedere con quest’ultimo ti basta premere sul pulsante Entra con SPID.

A questo punto, puoi scegliere il provider con cui hai registrato lo SPID premendo sulla relativa icona. Se vuoi sapere come creare un identificativo SPID, controlla la guida che ho scritto sull’argomento. Sarai quindi reindirizzato alla pagina di accesso SPID prevista dal tuo provider, in cui dovrai fornire il tuo indirizzo email, la password e il codice di sicurezza (o comunque dovrai autorizzare l’accesso tramite l’app dell’identity provider). Una volta effettuato l’accesso con SPID, premi sul pulsante Accetta, per accettare i termini e le condizioni d’uso dell’applicazione.

Imposta, quindi, un codice di sblocco numerico di 6 cifre (PIN) digitandolo sulla tastiera a schermo e poi digitandolo nuovamente per confermarlo. Questo codice ti sarà richiesto al posto del tuo identificativo SPID o dei dati della tua CIE durante gli accessi successivi che effettuerai. Premi quindi sul pulsante Continua e poi premi ancora sul pulsante Continua per confermare il tuo indirizzo di posta elettronica. Perfetto! hai appena avuto accesso all’app.

Nella home page, nella scheda Messaggi, puoi vedere una panoramica di tutte le comunicazioni da parte degli enti pubblici. Per attivare l’impronta digitale o il riconoscimento del volto e rendere l’accesso più rapido, ti basta premere sulla voce Profilo, in basso a destra. Premi quindi sulla voce Preferenze e poi su quella Riconoscimento biometrico.

Pigia poi sull’interruttore posto vicino alla voce Attiva il riconoscimento biometrico. Ottimo: da questo momento, l’applicazione ti consentirà di accedere tramite riconoscimento di volto o impronta. Se non potrai usare il metodo di riconoscimento biometrico, ti basterà premere sul pulsante Annulla, all’accesso e digitare il PIN. Ti informo, comunque, che per ragioni di sicurezza, dopo 30 giorni dall’ultimo accesso all’app, dovrai nuovamente entrare con SPID o CIE.

Come attivare Cashback su app IO

Cashback App IO

Ti ho parlato finora in generale di IO e del modo per scaricarla e accedere, tuttavia, se sei capitato su questa pagina, molto probabilmente è proprio per capire come attivare il Cashback di Stato in quest’applicazione. Come forse sai già, infatti, a partire da dicembre 2020, per combattere l’evasione fiscale e incentivare l’uso dei metodi di pagamento elettronici, il Governo Italiano permette di ricevere indietro il 10% (fino a un massimo di 300 euro/anno, suddivisi in 150 euro a semestre) delle spese sostenute nei negozi fisici in cui si è scelto di pagare tramite moneta elettronica (quindi carta di credito/debito/prepagata o app di pagamento) sotto forma, per l’appunto, di bonus cashback.

Per ogni singola transazione, potrai recuperare al massimo 15 euro. Il requisito, per accedere al bonus, è di aver compiuto 18 anni e risiedere in Italia. Per ottenere il cashback dovrai aver effettuato almeno 50 transazioni tramite moneta elettronica a partire dal 1° gennaio 2021 nei 6 mesi successivi. Il bonus cashback sarà attivo in tre differenti periodi di sei mesi ciascuno: il primo da gennaio 2021 a giungo 2021 incluso, il secondo da luglio 2021 a dicembre 2021 incluso e il terzo (per ora ultimo) da gennaio 2022 a giugno 2022 incluso. Per altri dettagli sul funzionamento del Cashback di Stato, puoi controllare la mia guida al riguardo.

Per sfruttare quest’opportunità, devi innanzitutto registrare un metodo di pagamento idoneo di cui sei titolare nell’app IO. Ti spiego subito come farlo. Una volta che hai scaricato l’app e hai effettuato l’accesso come ti ho indicato nei capitoli precedenti di questa guida, premi sulla voce Portafoglio che trovi nella pagina principale dell’applicazione, premi quindi sull’avviso in evidenza relativo al Cashback.

Da qui, pigia sul pulsante Attiva il Cashback, premi quindi su ciascuna delle caselle di autorizzazione per mettere la spunta su ognuna e, infine, premi sul pulsante Dichiaro. A questo punto devi inserire il tuo codice IBAN nell’app IO per l’accredito del bonus e premere sul pulsante Continua (se vuoi invece aggiungere il tuo IBAN in un secondo momento premi sul pulsante Salta).

A questo punto, premi sul pulsante Aggiungi un metodo per inserire una delle tue carte. A oggi, l’applicazione supporta la maggior parte delle carte di credito e di debito. Ai fini del tutorial ti mostrerò nello specifico come funziona app IO con bancomat e come funziona app IO per bonus bancomat.

Una volta che hai premuto sul pulsante Aggiungi un metodo, premi sulla voce Carta PagoBANCOMAT (se vuoi inserire un altro metodo di pagamento ti basta premere sulle relative voci che vedi in lista). Premi, quindi, sul pulsante Continua. A questo punto dovrebbe comparire automaticamente la carta PagoBANCOMAT intestata a te, se così non fosse dovrai contattare il tuo istituto bancario.

Una volta che hai trovato la carta PagoBANCOMAT, premi sul pulsante Salva. A questo punto ti verrà fatta la richiesta di attivare il cashback sulla carta: premi, quindi, sull’interruttore posto vicino al nome della carta e poi sul pulsante Attiva.

Ottimo! Hai fatto tutto quello che c’era da fare, contento? A questo punto, ogni volta che pagherai in un negozio fisico con la carta che hai registrato in questo modo, l’app IO terrà conto in automatico del pagamento e potrai controllare il tuo cashback e le transazioni, premendo sulla voce Portafoglio nella pagina principale dell’app e poi sfiorando la voce Cashback e il pulsante Dettaglio transazioni.

Cashback App IO

Se vuoi aggiungere un altro metodo di pagamento per il Cashback di Stato, ti basta premere nuovamente sulla voce Portafoglio nella pagina principale dell’app, poi sul pulsante Aggiungi un metodo al cashback e ripetere i passaggi che ti ho mostrato sopra. I passaggi sono gli stessi per qualsiasi carta di credito o debito, con l’unica differenza che in quel caso ti sarà richiesto di inserire il nome del titolare della carta, il numero di quest’ultima, la scadenza e il relativo codice CVC che trovi nella parte posteriore.

Ti ricordo, infine, che affinché il cashback diventi attivo potresti dover attendere qualche ora e, in genere, anche i pagamenti effettuati vengono visualizzati nell’app alcune ore dopo l’avvenuta effettiva delle singole transazioni.

Nota: sebbene si tratti della soluzione “ufficiale” preposta alla gestione del Cashback di Stato l’app IO non è indispensabile per aderire all’iniziativa. Alcune app di pagamento, come Satispay ed Enel X Pay, ad esempio, consentono di partecipare al Cashback di Stato senza passare per quest’ultima. Trovi tutti i dettagli nei tutorial che ti ho appena linkato.

Come funziona la Certificazione Verde COVID-19

IO

La app IO permette anche di ricevere la Certificazione Verde COVID-19 (EU Digital Covid Certificate), conosciuta anche come Green Pass. Come funziona? Nulla di più facile: nell’app IO riceverai un messaggio ogni volta che sarà disponibile un certificato intestato a te. Aprendo il suddetto messaggio, IO scaricherà dalla piattaforma nazionale il QR code e i dati del tuo certificato, che potrai in seguito mostrare direttamente dal tuo device.

Puoi salvare il QR code del certificato in Galleria e mostrarlo in qualsiasi momento come se fosse una comune immagine, oppure potrai salvarlo nel Wallet del sistema operativo (funzione non ancora supportata nel momento in cui scrivo).

Per tutti i dettagli, ti consiglio di consultare la pagina ufficiale di IO e le FAQ presenti sempre sul sito ufficiale dell’applicazione.

Altre funzioni dell’app IO

App IO funzioni

Come ti ho accennato nelle battute iniziali del tutorial, oltre al Cashback, nell’app IO è possibile anche fare altro, a partire dall’esaminare i documenti memorizzati. Per fare questo, ti basta premere sulla voce Profilo che trovi in basso a destra nella pagina principale e poi premere sulla voce Codice Fiscale che vedi in alto.

Adesso, premi due volte su ciascun documento presente, per visualizzarne il fac-simile e scorri la pagina verso il basso, per visionare il codice a barre.

Per controllare, invece, i servizi disponibili per l’app nella tua area, ti basta premere sulla voce Servizi, in basso nella pagina principale. A questo punto, nella scheda Locali, premi sulla voce Aggiungi le tue aree di interesse e digita il nome del tuo Comune di residenza, per memorizzarlo e mostrare i servizi nella scheda Locali dell’app.

Sempre nel menu Servizi, premendo sulla scheda Tutti, puoi visualizzare tutti i servizi disponibili per l’app. Premendo sul nome di ogni servizio, puoi accedere all’area di gestione degli avvisi e delle notifiche, che saranno automaticamente impostate come attive. Puoi disattivare queste ultime premendo sull’interruttore vicino alla voce Notifiche push; se intendi invece disattivare il servizio, premi sull’interruttore posto accanto alla voce Il servizio è attivo e sul pulsante Ok.

Per scansionare il QR code di un avviso di pagamento cartaceo, ti basta invece premere sulla voce Portafoglio presente nella home page. Pigia, quindi, sul pulsante Paga un avviso, autorizza l’app ad accedere alla fotocamera e inquadra il QR code.

Per aggiungere i promemoria delle scadenze in automatico ai tuoi calendari, premi sulla voce Profilo della pagina principale dell’app, poi premi sulle voci Preferenze e Calendario preferito, fornisci l’autorizzazione all’uso dei calendari e, infine, scegli il calendario in cui memorizzare i promemoria, premendo sul relativo nome che trovi nella lista.

Per altre informazioni di carattere generale sull’applicazione e le sue funzionalità, ti rimando alla sezione con le risposte alle domande più frequenti su IO del relativo sito ufficiale.

Salvatore Aranzulla

Autore

Salvatore Aranzulla

Salvatore Aranzulla è il blogger e divulgatore informatico più letto in Italia. Noto per aver scoperto delle vulnerabilità nei siti di Google e Microsoft. Collabora con riviste di informatica e cura la rubrica tecnologica del quotidiano Il Messaggero. È il fondatore di Aranzulla.it, uno dei trenta siti più visitati d'Italia, nel quale risponde con semplicità a migliaia di dubbi di tipo informatico. Ha pubblicato per Mondadori e Mondadori Informatica.