Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Come formattare USB Mac

di

Chi sceglie di passare da Windows a macOS, specie nei primi tempi, riscontra sempre qualche piccola difficoltà nel cercare di adattarsi al sistema operativo della "mela morsicata" (che comunque, alla lunga, risulta estremamente intuitivo). Come dici? Anche tu hai appena effettuato lo "switch" da PC a Mac e vorresti una mano a risolvere i tuoi primi dubbi legati al mondo Apple? Nessun problema. Dimmi pure: che tipo di problema hai? Devi formattare una chiavetta o un hard disk portatile e non sai come formattare una USB con Mac? Tranquillo: si tratta di un gioco da ragazzi e, se vuoi, posso spiegarti io come procedere.

Nelle righe successive, andrò dunque a spiegarti come formattare le chiavette e gli hard disk USB su macOS adoperando uno strumento apposito già incluso nel sistema, utile gestire tutti i dispositivi di archiviazione collegati o integrati nel computer. Il tutto, ovviamente, spiegandoti come scegliere le impostazione giuste da utilizzare in base alle tue esigenze.

Allora? Posso sapere che cosa ci fai ancora lì impalato? Posizionati bello comodo, prenditi un po’ di tempo libero soltanto per te e comincia subito a concentrarti sulla lettura di questa guida. Sono sicuro che, alla fine, potrai dirti ben contento e soddisfatto di quanto appreso e che sarai anche pronto a darmi ragione riguardo il fatto che si trattava di un vero e proprio gioco da ragazzi. Che ne dici, scommettiamo?

Indice

Informazioni preliminari

Foto di una chiavetta USB

Prima di entrare nel vivo del tutorial, andandoti a spiegare come formattare una chiavetta USB con Mac, ci sono alcune informazioni preliminari che mi sembra doveroso fornirti.

In primo luogo, ci tengo a precisare in cosa consiste, esattamente, la procedura di formattazione. Con il termine in questione, viene fatto riferimento a quell’operazione che consente di predisporre un determinato supporto di memoria di massa al fine di poterlo poi usare per archiviarci i propri dati. Detta in altri termini, la formattazione consente di stabilire come hard disk, chiavetta USB ecc. devono gestire i file che successivamente andranno a contenere, eliminando i dati contenuti attualmente dall’unità.

Nel mettere in atto la procedura di formattazione è poi fondamentale scegliere un file system adeguato, vale a dire il sistema che determina la compatibilità del supporto di memoria con i vari sistemi operativi e i vari dispositivi, la grandezza massima dei singoli file che si possono archiviare su quest’ultimo e il modo in cui essi vengono gestiti sul drive. Di seguito trovi indicati i file system principali (di macOS e non) e le loro caratteristiche.

  • HFS/HFS+ e APFS – sono i file system dei Mac. APFS è più recente e offre prestazioni migliori, specie per quel che concerne gli SSD. È consigliabile usarli solo se il supporto di memoria da formattare verrà impiegato in via esclusiva su dei Mac.
  • FAT32 – è il file system più datato e più diffuso su tutti i dispositivi (computer, dispositivi mobili, Smart TV, decoder, console per videogiochi ecc.). Ha tuttavia diversi difetti, tra cui l’impossibilità di gestire singoli file più grandi di 4GB e la tendenza a frammentare parecchio i dati (rallentandone l’apertura). A suo favore ha il vantaggio di essere supportato praticamente da qualsiasi dispositivo e OS. È l’ideale se bisogna usare un supporto di memoria con tanti device e/o sistemi operativi diversi, oltre che, chiaramente se si hanno esigenze specifiche relative all’uso del disco su un dispositivo che supporta solo il file system FAT32.
  • NTFS – è il file system predefinito di Windows. Non gode del medesimo supporto del FAT32 (sui Mac è supportato solo in lettura, per usarlo in scrittura occorre ricorrere a delle soluzioni apposite di terze parti), ma offre prestazioni migliori, è meno soggetto alla frammentazione e non ha il limite dei 4GB per file. Chiaramente, è la soluzione ideale per chi deve usare un supporto di memoria prevalentemente su Windows.
  • ExFAT – è una versione evoluta del FAT32. Supporta una vasta gamma di dispositivi e sistemi operativi e non ha il limite dei 4GB per file. Ottimo per chi deve usare un supporto di memoria su più OS e dispositivi e ha necessità di archiviarci sopra file più grandi di 4GB.
  • EXT3/EXT4 – sono i file system del mondo Linux, per cui vanno presi in considerazione solo se si sta formattando un disco da usare con il sistema operativo in questione.

Visto che, come già detto, la formattazione di un’unità comporta la cancellazione di tutti i dati eventualmente presenti su di essa, è necessario eseguire un backup degli stessi.

Infine, ti segnalo che se hai un Mac di recente produzione, con sole porte Thunderbolt in formato USB-C, per poter collegare unità standard con connettore USB classico (USB-A) al computer, devi procurarti un apposito hub o adattatore.

HooToo Hub USB C Adattatore USB C Hub 6 in 1, Porta HDMI 4K, 3 Porte U...
Vedi offerta su Amazon
AUKEY Adattatore USB C a USB 3.0 (2 Pezzi) Connettore Tipo C a USB A p...
Vedi offerta su Amazon

Come formattare chiavetta USB Mac

Formattazione chiavetta USB da Utility Disco su macOS

Fatte le dovute precisazioni di cui sopra, veniamo al nocciolo vero e proprio della questione e andiamo a scoprire come formattare una chiavetta USB su Mac. Per compiere l’operazione in oggetto, puoi affidarti a Utility Disco: lo strumento predefinito di macOS per la gestione dei supporti di memorizzazione esterna e interna. Grazie a esso, infatti, è possibile formattare chiavette USB, dischi fissi e schede di memoria, suddividere i dischi in partizioni, creare file DMG e altro ancora.

Per servirtene, provvedi in primo luogo a collegare a una delle porte USB del Mac la chiavetta relativamente alla quale desideri andare ad agire, dopodiché richiama Utility Disco selezionando la relativa icona (quella con il disco fisso e lo stetoscopio) che trovi nella cartella Altro del Launchpad.

Ora che visualizzi la finestra di Utility Disco sulla scrivania, fai clic prima sul nome della chiavetta presente nel menu laterale di sinistra (se visualizzi solo le partizioni, per rimediare clicca sul menu Vista, in alto, e scegli la voce Mostra tutti i dispositivi) e poi sul pulsante Inizializza, posto in alto. Seleziona poi il file system che intendi utilizzare per formattare l’unità dal menu a tendina Formato, scegliendo tra APFS, MacOS esteso journaled (che sarebbe HFS+), MS-DOS FAT (che sarebbe FAT32) oppure ExFAT.

Successivamente, digita il nome che vuoi alla chiavetta USB disco nel campo Nome, seleziona lo schema della mappatura tra Mappa partizione GUID (che è quello predefinito di macOS) e Master Boot record (MBR) (per le unità da usare su Windows) dal menu a tendina Schema e fai clic sul pulsante Inizializza, per avviare l’operazione.

Entro qualche secondo, la procedura di formattazione verrà portata a termine. Quando completata, ti verrà mostrato un apposito messaggio su schermo, accompagnato da un segno di spunta verde. Premi, dunque, sul pulsante Fine, per chiudere l’avviso.

Se vuoi, prima di avviare il processo di formattazione puoi anche regolare il grado di sicurezza con cui l’operazione viene eseguita, vale a dire il numero di volte che i dati presenti sulla chiavetta USB formattata devono essere sovrascritti, in modo tale da non risultare eventualmente recueprabili ricorrendo all’uso di strumenti appositi, come quelli di cui ti ho parlato nella mia guida su come recuperare i file cancellati,

Per riuscirci, prima di cliccare sul bottone Inizializza nella finestra di Utility Disco, fai clic sul pulsante Opzioni di sicurezza e imposta il grado di sicurezza che preferisci, spostando il cursore sulla barra di regolazione apposita. Puoi decidere se eseguire una formattazione molto veloce ma poco sicura (ossia che consente abbastanza facilmente il recupero dei dati cancellati) oppure molto sicura ma più lenta. In tutto, ci sono quattro modalità di durata e sicurezza crescenti che si possono selezionare: una volta fatta la tua scelta, premi sul bottone OK.

Come formattare USB da Mac per Windows

Formattazione chiavetta USB da Utility Disco su macOS

Se hai bisogno di formattare un drive USB da Mac per Windows, ti basta mettere in pratica il medesimo procedimento che ti ho descritto nel capitolo precedente, andando però ad adottare alcune accortezze per fare in modo che la chiavetta USB possa poi essere impiegata senza problemi sui sistemi operativi di casa Microsoft.

Tutto quello che devi fare, dopo aver collegato la chiavetta o l’hard disk USB al Mac, avviato Utility Disco, selezionato il nome del dispositivo dalla barra laterale di sinistra e cliccato sul pulsante Inizializza che si trova in alto, è scegliere un file system tra MS-DOS (FAT) ed ExFAT dal menu a tendina Formato e impostare lo schema della mappatura su Master Boot Record (MBR) (che è quello usato attualmente da Windows) dal menu a tendina Schema. Regola, infine, le opzioni relative alla sicurezza (se vuoi) e clicca sul bottone Inizializza, per procedere.

Come formattare USB Mac in NTFS

Paragon NTFS for Mac

Vuoi formattare una USB su Mac in NTFS, il file system predefinito di Windows? Sebbene questo, per impostazione predefinita, sia supportato da macOS solo in lettura e quindi non possa essere usato sui computer a marchio Apple per operazioni diverse (scrittura, modifica e formattazione di hard disk, chiavette), ti comunico che, ricorrendo all’uso di alcuni appositi software, è possibile scavalcare questa limitazione.

Tra i programmi utili allo scopo, maggiormente diffusi e apprezzati, c’è Paragon NTFS for Mac che è a pagamento (costa 19,95 euro) ma lo si può provare gratis e senza limitazioni per 10 giorni.

Per effettuarne il download, recati sul sito Internet del programma e clicca sul pulsante Download posto a destra. A scaricamento ultimato, apri il pacchetto .dmg ottenuto e avvia il file Installa Paragon NTFS for Mac OS X che si trova al suo interno, facendo doppio clic su di esso.

Nella finestra che si apre, spunta la casella accanto alla voce I accept the Software License Agreement, clicca sul pulsante Avanti, digita la password di amministrazione del Mac e premi sul bottone Installa assistente. In seguito, fai prima clic sul pulsante Avanti, per avviare il periodo di prova del programma, e poi su quello Riavvia, per concludere il setup e riavviare il Mac.

Se nel fare ciò vedi comparire un avviso relativo al fatto che un’estensione di sistema è stata bloccata, fai clic sul bottone Apri le preferenze Sicurezza e premi sul bottone Consenti che trovi nella parte in basso della schermata di Preferenze di Sistema visualizzata sullo schermo.

Una volta effettuato nuovamente l’accesso al tuo account utente su Mac, potrai formattare la tua chiavetta o unità impostando il file system NTFS: per riuscirci, collega l’unità USB a una delle porte USB del Mac, avvia Utility Disco, seleziona il nome della chiavetta USB dalla barra laterale di sinistra, premi sul bottone Inizializza che si trova in alto, seleziona la voce NTFS dal menu a tendina Formato e l’opzione Master Boot Record (MBR) dal men a tendina Schema, dopodiché procedi in maniera analoga a quanto ti ho indicato nel capitolo a inizio guida relativo alla formattazione "generica" delle chiavetta USB sui computer Apple.

Per ulteriori dettagli riguardo le pratiche descritte in questo capitolo e per scoprire quali altri programmi puoi sfruttare per usare il file system NTFS su macOS, fa’ riferimento al mio tutorial incentrato specificamente su come formattare in NTFS con Mac.

Come formattare USB su Mac da Terminale

Formattazione chiavetta USB da Terminale su macOS

In conclusione, voglio spiegarti come formattare una chiavetta USB da Terminale, richiamando quindi i comandi di Utility Disco da riga di comando. La procedura può sembrare un po’ più da "smanettoni", ma è comunque abbastanza semplice da attuare.

Per riuscire nell’impresa, provvedi in primo luogo a collegare la chiavetta (o un’altra) USB di tuo interesse a una delle porte USB dal Mac, dopodiché richiama il Terminale selezionando la relativa icona (quella con la finestra nera con la riga di codice) che trovi nella cartella Altro del Launchpad.

A questo punto, digita il comando diskutil list, seguìto dalla pressione del tasto Invio sulla tastiera, in modo tale da visualizzare l’elenco delle periferiche d’archiviazione collegate al Mac.

Individua, dunque, la chiavetta USB su cui vuoi andare ad agire dall’elenco che ti viene mostrato e impartisci il comando diskutil erasedisk fileSystem nuovoNome /dev/percorsoMemoria (al posto di fileSystem devi inserire il file system che hai scelto, al posto di nuovoNome devi digitare il nome che vuoi assegnare alla periferica, mentre al posto di percorsoMemoria devi immettere il percorso dove si trova la chiavetta USB), premi ancora il tasto Invio sulla tastiera del Mac e attendi che la procedura venga avviata e porta a termine.