Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Come mettere il Green Screen su Meet

di

Hai recentemente scoperto che su Google Meet, la piattaforma di videoconferenze che utilizzi abitualmente per scopi personali e lavorativi, è presente una funzione chiamata Green Screen che consente di modificare lo sfondo delle riunioni in tempo reale, un po’ come accade nei film quando utilizzano il famoso telo verde posto dietro agli attori durante le riprese.

Posso confermarti che è tutto vero: la funzione esiste e la puoi utilizzare durante le tue riunioni servendoti di un paio di semplici procedure. Un tempo il Green Screen non era compreso direttamente tra le funzioni di Meet, ma adesso le cose sono cambiate e, anche se non si chiama esattamente “Green Screen”, è stato introdotto e permette di cambiare lo sfondo prima o durante le videocall in modo molto semplice.

Nel prosieguo di questo tutorial, dunque, ti mostrerò come mettere il Green Screen su Meet utilizzando la funzione in questione su tutti i device. Quando sei pronto per approfondire la questione, prenditi cinque minuti di tempo libero e leggi attentamente quanto ho da dirti. In men che non si dica, ti assicuro che riuscirai a utilizzare il Green Screen e a modificare lo sfondo delle tue riunioni. Buona lettura e buon divertimento!

Indice

Come funziona il Green Screen su Meet

green screen 1

Il Green Screen (conosciuto anche con il nome di chroma key) è una tecnica utilizzata per sostituire lo sfondo di un video. Nella sua “forma fisica” consiste in un telo verde (da qui il nome) collocato come sfondo durante una ripresa che facilita, in un momento successivo e utilizzando appositi programmi di editing, le operazioni per aggiungere uno sfondo desiderato.

Come ti ho anticipato, su Google Meet, la piattaforma dedicata alle videoconferenze e alle riunioni di Google, puoi utilizzare questa funzione tramite la sezione Effetti, così da poter inserire direttamente un’immagine di sfondo scelta da te tra quelle disponibili o, in alternativa, caricandone una da usare a tale scopo.

Dai test che ho fatto l’uso di un telo verde non è poi così fondamentale, in quanto Meet sembra riconoscere abbastanza bene il soggetto e lo sfondo da modificare, ma qualora fossi interessato ad acquistarne uno, puoi fare riferimento agli store online (come Amazon) o a qualche negozio fisico della tua zona che sia ben fornito.

Se vuoi approfondire la tematica riguardante il funzionamento della tecnica del Green Screen, ti rimando alla lettura della guida che ho dedicato all’argomento.

Come si mette il Green Screen su Meet da smartphone e tablet

Personalizzare sfondo Meet

Vediamo innanzitutto come si mette il Green Screen su Meet da smartphone e tablet, così da cambiare lo sfondo prima o durante le videocall in modo semplice e intuitivo.

Prima di guidarti passo-passo, però, ci tengo a dirti che per avvalersi della funzione bisogna assicurarsi di avere un device che soddisfi tutti i requisiti del caso: un dispositivo con Android 5.0 o successivi sufficientemente potente (es. Samsung Galaxy S9 o versioni successive, Pixel 3 o versioni successive, etc.) oppure un dispositivo con iOS/iPadOS 12 o successivi adatto (iPhone 8 o versioni successive oppure iPad di quinta generazione o versioni successive). Ciò detto, procediamo!

Dopo aver avviato l’applicazione di Google Meet sul tuo device Android o iOS/iPadOS, avvia dunque una videochiamata o partecipa a una già avviata (qui ti ho spiegato come fare) e poi segui le indicazioni riportate di seguito.

  • Su Android — se vuoi modificare lo sfondo prima di avviare o partecipare alla videocall, premi sul simbolo delle stelline posto nel riquadro dove vedi te stesso, scegli lo sfondo da utilizzare o, eventualmente, premi sull’icona (+) per sceglierne uno personalizzato. Dopodiché premi sul bottone Fine e partecipa alla riunione. È possibile procedere anche a videochiamata già avviata: basta premere sul pulsante (+), scegliere lo sfondo da usare o caricare una foto da usare come tale e pigiare sulla (x) per chiudere la schermata in cui ti trovi.
  • Su iOS/iPadOS — prima di partecipare a una videochiamata, fai tap sull’icona delle stelline presente nel riquadro dove vedi te stesso e seleziona lo sfondo da usare, oppure caricane uno personale premendo il pulsante (+). Dopo aver scelto l’immagine da usare come sfondo virtuale, premi sul pulsante Fine e partecipa alla videochiamata. Se la chiamata è già in corso, invece, premi sempre sul simbolo delle stelline presente nel riquadro dove vedi te stesso, seleziona uno sfondo tra quelli disponibili o caricane uno personale tramite la pressione del bottone (+) e scegli la foto da utilizzare. Per concludere, chiudi il riquadro relativo alla scelta dello sfondo e il gioco è fatto.

Come si mette il Green Screen su Meet da PC

Meet desktop

Preferisci agire da computer? No problem! La funzione che consente di cambiare sfondo su Meet è disponibile anche in questo caso e, a differenza di quanto avviene in ambito mobile, non richiede alcun requisito particolare. L’unica accortezza che ti invito a usare è quella di accedere a Meet tramite Chrome, in quanto è il browser su cui il servizio “gira” meglio.

Per procedere, recati innanzitutto sulla pagina principale di Meet, avvia la videochiamata o partecipa a quella a cui sei stato invitato (se non sai come fare, leggi quest’altra guida) e poi, se ancora non hai preso parte a una videocall, clicca sulle stelline presente nel riquadro dove vedi te stesso, in basso.

Ora, clicca sulla voce Effetti e scegli lo sfondo da usare o, se preferisci, clicca sul simbolo della cartolina (+) per caricarne uno personalizzato. A questo punto sei pronto per partecipare alla chiamata facendo clic sul relativo pulsante che ti consente di fare ciò.

Qualora tu voglia agire durante una call, invece, devi fare clic sull’icona dei tre puntini verticali situata in basso, selezionare la voce Applica effetti visivi dal menu apertosi e scegliere uno sfondo tra quelli messi a disposizione dalla piattaforma oppure cliccare sul simbolo della cartolina (+) per effettuare l’upload di uno personalizzato. Ricordati, poi, di chiudere il riquadro apertosi facendo clic sulla (x). Più semplice di così?!

Salvatore Aranzulla

Autore

Salvatore Aranzulla

Salvatore Aranzulla è il blogger e divulgatore informatico più letto in Italia. Noto per aver scoperto delle vulnerabilità nei siti di Google e Microsoft. Collabora con riviste di informatica e cura la rubrica tecnologica del quotidiano Il Messaggero. È il fondatore di Aranzulla.it, uno dei trenta siti più visitati d'Italia, nel quale risponde con semplicità a migliaia di dubbi di tipo informatico. Ha pubblicato per Mondadori e Mondadori Informatica.