Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Come mettere sfondo su Meet

di

Utilizzi Google Meet da ormai diverso tempo. Conosci piuttosto bene la piattaforma di conference call del colosso di Mountain View, compresi i suoi pregi e difetti. A proposito di difetti, uno di questi riguarda l’impossibilità di cambiare lo sfondo, cosa che è possibile fare con la stragrande maggioranza delle piattaforme concorrenti.

In realtà un modo per risolvere questo problema c’è: ricorrere a delle estensioni gratuite per il browser, mediante le quali è possibile applicare uno sfondo virtuale durante le proprie videoconferenze. Si tratta di soluzioni non ufficiali che funzionano abbastanza bene, ma che sono sviluppate da soggetti terzi e non da Google, il che potrebbe sollevare qualche dubbio sulla sicurezza nell’adoperarle (come ti spiegherò a breve). Nei prossimi paragrafi di questa guida, comunque, avrò modo di indicarti come mettere sfondo su Meet adoperando le soluzioni in questione, lasciando a te la scelta se utilizzarle o no.

Se sei pronto per iniziare, mettiti bello comodo, prenditi tutto il tempo di cui hai bisogno per concentrarti sulla lettura dei prossimi paragrafi e, cosa ancora più importante, cerca di seguire scrupolosamente le indicazioni che ti darò. A me non resta altro da fare, se non augurarti una buona lettura e, soprattutto, un buon divertimento!

Indice

Informazioni preliminari

Prima di procedere e vedere nel dettaglio come mettere sfondo su Meet, devo fornirti alcune informazioni preliminari relative all’operazione in oggetto.

Innanzitutto, dal momento che lo sfondo può essere modificato con l’uso di estensioni per browser, l’operazione può essere effettuata soltanto da computer e non da smartphone e tablet. Se sei solito utilizzare Meet dal PC, comunque, questo non dovrebbe costituire un grosso problema.

Ci tengo anche a ribaditi quanto già accennato nell’apertura dell’articolo: l’uso di estensioni non ufficiali può comportare potenziali rischi per la privacy, quindi ti consiglio di adoperare soluzioni di questo tipo solo se strettamente necessario e per periodi limitati: se non ti servono più, dunque, cancellale dal browser.

Se fin qui è tutto chiaro, mettiamo al bando le ciance e passiamo al lato pratico della questione. Trovi tutte le informazioni di cui hai bisogno nei capitoli successivi del tutorial.

Come si mette lo sfondo su Meet

Passiamo, dunque, all’azione e vediamo come si mette lo sfondo su Meet mediante l’utilizzo di alcune estensioni per il browser Chrome (compatibili anche con la versione Chromium di Microsoft Edge e Opera), tutte molto semplici da utilizzare e che funzionano senza registrazione, né accesso al proprio account Google.

Visual Effects for Google Meet (Chrome/Edge Chromium/Opera)

Cambiare sfondo Google Meet

La prima estensione che ti consiglio di provare è Visual Effects for Google Meet, che permette di personalizzare il proprio sfondo in modo semplice e intuitivo. Consente anche di applicare vari effetti e filtri facciali, alcuni dei quali sono particolarmente divertenti, il che può essere utile nel caso si voglia dare un tocco di ilarità alle proprie videocall. L’estensione è sviluppata per Chrome, ma è compatibile anche con Microsoft Edge (nella sua versione basata su Chromium) e Opera.

Per avvalertene, la prima cosa che devi fare è installare l’estensione. Collegati, dunque, sulla pagina del Chrome Web Store che ospita Visual Effects for Google Meet e clicca prima sul bottone Aggiungi e sul pulsante Aggiungi estensione. Terminata la procedura d’installazione, dovresti vedere comparire un messaggio indicante l’aggiunta dell’add-on nel browser.

Ora, tutto ciò che devi fare per adoperare Visual Effects è avviare una conferenza su Meet o prendere parte a una videocall alla quale sei stato invitato e personalizzare il tuo sfondo tramite essa. Pertanto, se vuoi avviare una nuova chiamata, recati sulla home page di Meet, accedi al tuo account Google (se non l’hai già fatto), clicca sul pulsante Nuova riunione, concedi al servizio l’accesso alla webcam e al microfono del PC e clicca sul bottone Partecipa.

Se, invece, devi prendere parte a una riunione già avviata, dopo esserti recato sulla home page di Meet, clicca sul bottone Inserisci un codice o un link e, dopo aver inserito il codice riunione o il link di invito che ti è stato inviato dall’organizzatore della videoconferenza, clicca sul pulsante Partecipa.

A conferenza avviata, passa con il cursore sulmenu comparso sulla sinistra e scorri quest’ultimo fino a quando non vedi la scritta Green Screen. Successivamente, clicca sul pulsante Upload Background, seleziona l’immagine che intendi caricare e usare come sfondo virtuale e, una volta che l’upload sarà portato a termine, apponi il segno di spunta sulla casella Green Screen.

Adesso non devi fare altro che cliccare sulla scheda Virtual e il gioco è fatto: come per “magia”, l’immagine che hai caricato verrà usata come sfondo virtuale. Il risultato sarà particolarmente apprezzabile se alle tue spalle è presente un green screen (in caso contrario potresti notare qualche “sbavatura”). Per ritornare a utilizzare lo sfondo “reale”, invece, clicca sulla scheda Default annessa alla sezione Green Screen del menu laterale sinistro. Semplice, vero?

Virtual Backgrounds for Google Meet (Chrome/Edge Chromium/Opera)

Virtual Background Google Meet

Un’altra estensione che funziona molto bene è Virtual Background for Google Meet. Come suggerisce il suo nome, questo add-on gratuito, compatibile con Chrome, Edge (in versione Chromium) e Opera, offre la possibilità di inserire uno sfondo virtuale mentre si è in una videoconferenza su Meet.

Il suo funzionamento è semplice: dopo averlo installato, bisogna avviare una conferenza su Meet e attivare uno dei 10 sfondi virtuali disponibili, utilizzando la funzione integrata nell’add-on. Purtroppo non permette di caricare immagini proprie da usare come sfondo, né aggiungere effetti e filtri facciali.

Comunque sia, se vuoi utilizzare Virtual Background for Google Meet, devi provvedere a installare l’add-on nel browser. Recati, dunque, sulla pagina del Chrome Web Store che ospita l’estensione e clicca prima sul pulsante Aggiungi e poi sul bottone Aggiungi estensione.

Una volta installato l’add-on, avvia una videoconferenza su Meet o partecipa a una conferenza già avviata. Nel primo caso, recati sulla pagina principale del servizio, accedi al tuo account Google (qualora tu non l’abbia ancora fatto) e, dopo aver cliccato sul bottone Nuova riunione e aver concesso alla piattaforma il permesso di accedere alla webcam e al microfono del computer, premi sul bottone Partecipa posto sulla destra.

Nel caso in cui tu debba partecipare a una videocall organizzata da un altro utente, invece, dopo essere giunto sulla pagina principale di Meet, fai clic sul pulsante Inserisci un codice o un link, fornisci il codice riunione o il link di invito che ti è stato dato dalla persona che ti ha invitato e clicca sul bottone Partecipa.

Come puoi notare, a conferenza avviata verrà applicato di default uno sfondo virtuale. Per modificarlo, clicca sull’icona dell’estensione (in alto a destra della finestra di Chrome) e clicca sull’anteprima di uno degli sfondi disponibili. Come potrai notare, lo sfondo virtuale scelto verrà applicato all’istante. Per ottenere risultati apprezzabili, dovresti usare un green screen (altrimenti potresti notare qualche imprecisione nell’applicazione dello sfondo).

Nel caso in cui tu voglia disattivare lo sfondo virtuale, sposta su OFF l’interruttore collocato accanto alla dicitura Use virtual background, presente nel menu che si è aperto dopo aver fatto clic sull’icona dell’estensione. Semplice, vero?

Salvatore Aranzulla

Autore

Salvatore Aranzulla

Salvatore Aranzulla è il blogger e divulgatore informatico più letto in Italia. Noto per aver scoperto delle vulnerabilità nei siti di Google e Microsoft. Collabora con riviste di informatica e cura la rubrica tecnologica del quotidiano Il Messaggero. È il fondatore di Aranzulla.it, uno dei trenta siti più visitati d'Italia, nel quale risponde con semplicità a migliaia di dubbi di tipo informatico. Ha pubblicato per Mondadori e Mondadori Informatica.