Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Come bloccare l’immagine su Meet

di

Già presente nelle vite di numerosi studenti e professionisti, l’applicazione di teleconferenza Google Meet, che insieme a Google Chat costituisce una delle due nuove versioni di Google Hangouts, è diventata per molti di noi una compagna inseparabile.

Lezioni, conferenze e riunioni aziendali, però, possono rivelarsi davvero lunghe e impegnative. Scommetto che ti è già capitato più di una volta di aver bisogno di una pausa, magari per rispondere a una telefonata urgente o anche solo per prepararti un caffè, ma hai esitato a disattivare la videocamera perché temevi che lo schermo nero in corrispondenza del tuo nome tra i partecipanti sarebbe saltato all’occhio del docente o del tuo capo. Una situazione piuttosto antipatica, vero? Per fortuna c’è una buona notizia: esiste una procedura molto semplice per bloccare la propria immagine su Meet e sottrarsi con discrezione al collegamento video.

Come dici? La prospettiva di poterti assentare momentaneamente da una riunione senza essere notato ti sembra troppo bella per essere vera? Se ti metti comodo e mi concedi qualche minuto del tuo tempo, ti dimostrerò che invece è una possibilità più che concreta: in questo tutorial, infatti, ti spiegherò proprio come bloccare l’immagine su Meet grazie all’utilizzo mirato di una semplice soluzione gratuita.

Indice

Come bloccare l’immagine su Meet da PC

Come bloccare l'immagine su Meet in videoconferenza

Se sei un utente abituale di Google Meet, la piattaforma di Google per le videoconferenze, probabilmente avrai già sentito parlare di Visual Effects for Google Meet, anche se magari non sai bene di cosa si tratta. Te lo spiego subito: Visual Effects è un’estensione gratuita per browser che permette di attivare e utilizzare una serie di effetti video in tempo reale durante le riunioni su Google Meet.

Ad esempio, grazie a questa estensione è possibile cambiare lo sfondo alle proprie spalle, utilizzando l’effetto Green Screen, sfocarlo a piacimento con l’effetto Background Blur e addirittura ribaltare la propria immagine facendosi vedere a testa in giù dagli altri partecipanti, per mezzo dell’effetto Flip. Si tratta, insomma, di uno strumento che permette di personalizzare le videoconferenze rendendole meno monotone, più divertenti.

Ora, tra i numerosi effetti offerti da Visual Effects si trova anche quello che fa al caso tuo: l’effetto Freeze. Questo effetto, infatti, permette di “congelare” la propria immagine al momento in cui viene attivato. In questo modo sembrerà che tu non ti sia mosso dalla tua postazione. Se poi dovessero chiederti come mai la tua immagine risultasse così innaturalmente ferma, potrai sempre inventare la scusa di un piccolo problema di connessione. Mi raccomando però, non abusarne e usala solo per piccole assenze giustificate (es. l’urgenza di andare in bagno), per evitare di proporre uno schermo nero ai tuoi interlocutori!

Come ti ho accennato sopra, Visual Effects è un’estensione gratuita per browser: questo significa che per utilizzare gli effetti che mette a disposizione non dovrai installare un programma specifico sul PC, ma soltanto aggiungere l’estensione al tuo browser e abilitarla. L’estensione, però, è disponibile soltanto per Google Chrome, per la versione più recente di Microsoft Edge (quella basata sul motore di Chrome) e per Opera: perciò, se non disponi di uno di questi tre browser, ti suggerisco per prima cosa di installarne uno. Ad esempio, per installare Google Chrome puoi far riferimento al mio tutorial dedicato all’argomento.

Prima di procedere a illustrarti come aggiungere l’estensione Visual Effects for Google Meet e come bloccare l’immagine su Meet, tuttavia, devo fare una precisazione importante. Visual Effects non è un’estensione ufficiale: si tratta, cioè, di una soluzione sviluppata non da Google ma da terze parti. Di conseguenza, anche se funziona bene, potrebbe comportare qualche rischio per la privacy dei tuoi dati: per questo motivo, ti consiglio di installarla solo se la ritieni davvero necessaria. Se dovesse rivelarsi superflua, ti suggerisco di disinstallarla: qui ti spiego in dettaglio come farlo. Chiarito questo punto, vediamo insieme come attivare l’estensione sul tuo browser.

Per prima cosa, collegati alla pagina del Chrome Web Store dedicata a Visual Effects), clicca sul pulsante Aggiungi e dai conferma, tramite il tasto Aggiungi Estensione. Ecco fatto! A questo punto, un piccolo riquadro informativo conferma l’aggiunta dell’estensione: la trovi nell’elenco di tutte le estensioni attive, che puoi visualizzare cliccando l’icona del puzzle in alto sulla destra della barra degli indirizzi.

Se utilizzi Opera, dopo aver cliccato su “Aggiungi”, vedrai un riquadro informativo ti suggerisce di recarti nella sezione Estensioni per completare l’attivazione dell’estensione (Opera, infatti, non riconoscendone la provenienza, la disabilita): per autorizzare il tutto, clicca quindi sul pulsante Vai alle estensioni, in alto a destra, oppure sull’icona del cubo collocata accanto alla barra degli indirizzi. In seguito, clicca su Installa per confermare l’attivazione e il gioco è fatto.

Come bloccare l'immagine su Meet da PC 1

Complimenti: a questo punto sei pronto per come bloccare l’immagine su Meet. Come? Nulla di più semplice! Ti basta partecipare a una riunione su Google Meet, oppure avviarne una tu stesso.

Per prima cosa, raggiungi dunque la pagina ufficiale di Google Meet dal browser compatibile sul quale hai attivato l’estensione Visual Effects e clicca sulla voce Accedi, in alto a destra, per accedere al tuo account Google.

Dopo aver effettuato l’accesso, se disponi di un codice riunione, inseriscilo nel campo Inserisci il codice riunione e clicca su Partecipa. Altrimenti, clicca direttamente sul pulsante Avvia una riunione, seleziona la voce Avvia una riunione immediata e clicca nuovamente sul pulsante Partecipa nella pagina che si apre.

All’avvio della riunione, sulla sinistra del video trovi la barra verticale di un Menù a scomparsa: cliccandoci sopra potrai esplorare gli effetti di Visual Effects. Scorri verso il basso la lista utilizzando la barra sulla destra: quando avrai individuato l’effetto Freeze, clicca sul quadratino alla sua sinistra per selezionarlo.

A questo punto, la tua immagine sullo schermo si presenta “congelata”, ferma al momento esatto in cui hai selezionato l’effetto. Facile, vero?

Qualora volessi approfondire ulteriormente il funzionamento di Visual Effects e scoprire tutti i suoi principali effetti, ti consiglio di leggere la mia guida dedicata a quest’ultimo.

Come bloccare l’immagine su Meet da smartphone e tablet

Meet

Forse, a questo punto, ti starai chiedendo se non sia possibile bloccare l’immagine su Meet anche su smartphone e tablet. Ahimè, devo deluderti: purtroppo, almeno nel momento in cui scrivo, gli effetti e i filtri di Visual Effects non sono disponibili per l’applicazione di Google Meet. Non è escluso che lo siano in futuro ma, almeno per il momento, se proprio devi assentarti momentaneamente da una riunione, posso soltanto consigliarti di fare tap sull’icona della videocamera posta in basso, per disattivarla, oppure di toccare l’icona con due frecce orientate in direzioni opposte posta in alto sulla destra, per invertire la fotocamera frontale del tuo dispositivo con quella esterna.

In ogni caso, ti raccomando di assicurarti sempre che il tuo microfono sia disattivato. Qualora non lo fosse, fai tap sull’icona del microfono che trovi nella parte bassa dello schermo: quando il microfono è disattivato, la sua icona si presenta in un colore diverso e coperta da una sbarretta diagonale.

Salvatore Aranzulla

Autore

Salvatore Aranzulla

Salvatore Aranzulla è il blogger e divulgatore informatico più letto in Italia. Noto per aver scoperto delle vulnerabilità nei siti di Google e Microsoft. Collabora con riviste di informatica e cura la rubrica tecnologica del quotidiano Il Messaggero. È il fondatore di Aranzulla.it, uno dei trenta siti più visitati d'Italia, nel quale risponde con semplicità a migliaia di dubbi di tipo informatico. Ha pubblicato per Mondadori e Mondadori Informatica.