Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Come registrare lo schermo Samsung

di

Vorresti registrare lo schermo del tuo smartphone Samsung per mostrare a un tuo amico, in possesso del medesimo cellulare, la procedura esatta da compiere per configurare specifiche funzioni, ma non sai come riuscirci? Non preoccuparti! Sei capitato sulla guida giusta, al momento giusto. Pensa un po’… con questo mio tutorial di oggi desideravo spiegarti proprio come registrare lo schermo Samsung.

Prenditi, quindi, qualche minuto di tempo libero per te, posizionati bello comodo, prendi il tuo smartphone dell’azienda sudcoreana e inizia a concentrarti sulla lettura di quanto riportato qui di seguito. Ti spiegherò come procedere sia senza l’ausilio di alcuna applicazione esterna che tramite l’installazione di alcune app.

Oltre che direttamente dal cellulare, la registrazione dello schermo può essere compiuta anche con l’ausilio del computer, usando dei programmi appositi. Per saperne di più, prosegui anche nella lettura: trovi spiegato tutto sin nei minimi dettagli proprio qui di seguito.

Indice

Informazioni preliminari

Foto di un Samsung Galaxy S6

Per la maggior parte degli usi ti consiglio di usare la funzione integrata nel tuo smartphone Samsung. Ha molte opzioni e in generale è adatta a tutto ciò che potresti voler fare.

Se hai un telefono che ha qualche anno sulle spalle potresti però notare che la funzione non è presente, e in questo caso diventa necessario utilizzare le app. Non preoccuparti, comunque, saprai in poco tempo come registrare lo schermo Samsung Galaxy A12, come registrare lo schermo Samsung A32 e come compiere la suddetta operazione sulla maggior parte degli smartphone Samsung (i passaggi da compiere sono quasi sempre gli stessi).

Come registrare lo schermo Samsung senza app

Registra schermo

Il metodo più semplice che hai per registrare lo schermo del tuo smartphone Samsung è quella di avvalerti della funzione già presente nel telefono stesso. Per poterla utilizzare, ti basta scorrere il dito dalla cima dello schermo verso il basso, per far comparire i pulsanti di scelta rapida del centro notifiche. Tra le varie icone cerca quella chiamata Regist. schermo, puoi anche riconoscerla dal fatto che ha il disegno di una videocamera chiusa in un rettangolo.

Prima di iniziare la registrazione ti consiglio di premere sull’icona e tenere premuto: in questo modo accederai automaticamente a delle opzioni avanzate relative a fare screenshot e alla registrazione video dello schermo. L’opzione importante qui è Qualità video, dove potrai scegliere la risoluzione a cui registrare lo schermo del tuo smartphone scegliendo tra 480p, 720p e 1080p. Una volta scelta la risoluzione che fa maggiormente al tuo caso torna sulla schermata principale del tuo smartphone e ripeti i passaggi per trovare il pulsante Regist. schermo e premilo normalmente stavolta. Comparirà una schermata che ti permette di decidere se vuoi registrare senza audio, se desideri che vengano registrati i Suoni multimediali o, infine, se vuoi registrare i Suoni multimediali e microfono. Se vuoi spiegare una procedura a un tuo amico o familiare è molto comodo perché puoi descrivere a voce quello che stai facendo.

Un’altra utile opzione che puoi notare su quella schermata è quella chiamata Mostra tocchi, che ti permette di registrare visivamente i tocchi che fai sullo schermo se la attivi. Anche questo è molto utile se vuoi illustrare una procedura a qualcuno perché ti permetterà di mostrare esattamente cosa stai toccando e dove si trova.

Quando hai finito di impostare la registrazione, ti basta premere il pulsante Avvia registrazione e potrai tornare a usare il telefono normalmente. Quando hai finito di registrare quel che devi, ti basta premere sul pulsante Stop per fermare la registrazione e salvarla: la troverai nella Galleria.

App per registrare lo schermo con Samsung

Se il tuo modello di smartphone Samsung non ha la funzione Registra schermo o se, semplicemente, preferisci affidarti alle applicazioni presenti sul Google Play Store continua a leggere e ti consiglierò alcune app che potrebbero fare al tuo caso!

Mobizen Screen Recorder

Come registrare lo schermo Samsung

Mobizen Screen Recorder è una delle soluzioni più complete per la registrazione dello schermo disponibili per Android. Consente di effettuare registrazioni permettendo di regolare la qualità video, di scegliere se attivare o meno la fotocamera frontale e molto altro ancora. Consente altresì di editare il filmato dopo la registrazione e di condividerlo “al volo”. È gratis, ma creando un account Premium (al costo base di 3,99 euro/mese) si possono ottenere funzioni extra.

Per servirti dell’app, provvedi innanzitutto a scaricare la sua versione specifica per dispositivi Samsung collegandoti alla relativa sezione del Play Store, facendo tap sul pulsante Installa. In seguito, avvia l’app pigiando sul pulsante Apri che intanto è comparso sullo schermo oppure selezionando la sua icona che è stata aggiunta al drawer (la schermata di Android in cui vengono raggruppate tutte le app).

A questo punto, segui il breve tutorial introduttivo che ti viene proposto, accetta le condizioni di utilizzo dell’app e pigia sull’icona di Mobizen Screen Recorder comparsa sul lato destro dello schermo, in primo piano. Dopodiché fai tap sul pulsante con la telecamera, pigia sulla voce Consenti per autorizzare l’applicazione a registrare l’audio e fai tap su Avvia adesso. Dopo un conto alla rovescia di 3 secondi, partirà la registrazione dello schermo.

Se vuoi mettere momentaneamente in pausa la registrazione, pigia nuovamente sull’icona dell’applicazione posta sul lato destro dello schermo e seleziona il pulsante Pausa, mentre per interrompere in via definitiva la registrazione fai tap sul pulsante Stop.

A registrazione completata, pigia sulla voce Guarda un video per riprodurre subito il filmato creato, selezionandolo dalla schermata che si apre (da cui è altresì possibile editare il filmato facendo tap sul relativo pulsante con la pellicola e la matita), oppure scegli la voce Vicino per salvare il filmato senza guardarlo. Pigiando, invece, sulla dicitura Elimina puoi cancellare la registrazione.

Per impostazione predefinita, tutti i video delle registrazioni vengono salvati in formato MP4 nella cartella /Mobizen/ del dispositivo e sono visibili aprendo l’app Galleria (quella con lo sfondo arancio e il fiore) present nel drawer, cercando l’album MOBIZEN. Se vuoi modificare questa e altre impostazioni (la qualità dei video, le impostazioni relative all’audio ecc.), pigia sull’icona di Mobizen posta lateralmente sullo schermo, fai tap sul pulsante con i quattro quadratini, pigia sul simbolo dell’ingranaggio nella nuova schermata visualizzata e intervieni da lì.

Registrare lo schermo del Samsung da computer

Passiamo adesso alle soluzioni grazie alle quali è possibile registrare lo schermo dei cellulari Samsung agendo da computer. Qui di seguito trovi segnalate quelle che ritengo essere le più interessanti soluzioni della categoria.

AZ Screen Recorder

Come registrare lo schermo Samsung

Un’altra app che, a parer mio, faresti bene a prendere in considerazione per registrare lo schermo del tuo telefonino Samsung è AZ Screen Recorder. È gratis, non presenta limiti di tempo, non visualizza testi in sovrimpressione nei video registrati ed è molto semplice da utilizzare. Offre però acquisti in-app (al costo di 3,29 euro) per rimuovere i banner pubblicitari.

Per usarla, visita la relativa sezione del Play Store, fai tap sul pulsante Installa. Dopodiché avvia l’app sfiorando il pulsante Apri che nel frattempo è comparso sullo schermo oppure facendo tap sulla sua icona che è stata aggiunta al drawer (la schermata di Android in cui vengono raggruppate tutte le app).

A questo punto, concedi all’app le autorizzazioni richieste seguendo le indicazioni su schermo. In seguito, vedrai comparire l’icona di AZ Screen Recorder sul lato sinistro dello schermo. Se non visualizzi il relativo menu, pigiaci sopra e seleziona il pulsate con lo sfondo arancione e la telecamera. Pigia, dunque, sulla voce Avvia adesso, in risposta all’avviso che compare sul display, e la registrazione dello schermo verrà avviata dopo un conto alla rovescia di 3 secondi.

Se hai bisogno di mettere in pausa la registrazione, richiama il centro notifiche di Android (effettuando uno swipe dall’alto verso il basso dello schermo) e pigia sul pulsante Pausa che trovi in corrispondenza del nome dell’applicazione. Per interrompere la registrazione, invece, fai tap sul bottone Stop.

Ti segnalo altresì la possibilità di disegnare sullo schermo quando la registrazione è in corso. Per riuscirci, pigia sull’icona della matita che trovi accanto al nome dell’app dopo aver aperto il centro notifiche, dopodiché muovi il dito sul display per, appunto, iniziare a disegnare. Se vuoi modificare i colori, lo spessore del tratto, annullare l’ultima modifica, cancellare tutto o uscire dalla modalità disegno, fai tap sul simbolo della tavolozza posto in cima allo schermo.

Una volta interrotta la registrazione, ti sarà mostrata in automatico l’anteprima della stessa. Potrai quindi riprodurre il video, condividerlo, modificarlo o cancellalo servendoti dei comandi disponibili.

Tutti i filmati vengono salvati in formato MP4 nella cartella /AzRecordrFreee/ del dispositivo e sono visibili aprendo l’app Galleria (quella con lo sfondo arancio e il fiore) present nel drawer, cercando l’album AzRecorderFree. Se vuoi, però, puoi modificare questo comportamento e regolare altri parametri relativi al funzionamento dell’app pigiando sulla sua icona posta sul lato sinistro del display, poi sul pulsante con l’ingranaggio annesso al menu che si apre e intervenendo sulle opzioni annesse alla nuova schermata visualizzata.

AirDroid (Windows/macOS)

Come registrare lo schermo Samsung

Il primo tra i programmi per registrare lo schermo dei device Samsung che voglio consigliarti è AirDroid. È compatibile sia con Windows che con macOS e richiede l’installazione dell’app companion su Android. Il suo scopo principale è quello di permettere di collegare con facilità e senza cavi i cellulari al computer per l’effettuazione di operazioni quali il trasferimento di file, la visualizzazione delle notifiche in tempo reale e la gestione remota. Di conseguenza, si rivela utile anche per lo scopo in questione. Di base è gratis, ma da mobile propone acquisti in-app (a partire da 0,59 euro) per sbloccare funzioni extra.

Per servirtene, provvedi in primo luogo a installare l’app AirDroid sul tuo Samsung, collegandoti alla relativa sezione del Play Store, pigiando sul pulsante Installa. Successivamente, visita da computer il sito Internet di AirDroid e crea un account compilando il modulo proposto su schermo. Dopodiché effettua il download del client desktop collegandoti a quest’altra pagina del sito del servizio. Pigia sull’icona del sistema operativo in uso sul tuo computer per scaricare il relativo file d’installazione.

A download completato, se stai usando Windows, apri il file .exe ottenuto e, nella finestra che compare sul desktop, fai clic sui pulsanti OK e Avanti. Premi sui bottoni Accetto e Installa e concludi il setup pigiando sul pulsante Fine. Se, invece, stai usando macOS, apri il pacchetto .dmg ottenuto, trascina l’icona di AirDroid nella cartella Applicazioni di macOS, fai clic destro su di essa e seleziona la voce Apri dal menu contestuale che si apre, per avviare il programma andando però ad aggirare le limitazioni che Apple impone verso le applicazioni provenienti da sviluppatori non certificati (operazione che va eseguita solo al primo avvio).

Adesso, prendi il tuo cellulare, avvia l’app AirDroid pigiando sulla relativa icona che è stata aggiunta al drawer (la schermata in cui trovi raggruppate le icone di tutte le app) ed segui il login al tuo account pigiando sul bottone Accedi. Fai, dunque, tap sul bottone Continua e sulla voce Consenti (per due volte) per concedere all’app i permessi per l’accesso alle funzionalità dello smartphone, dopodiché pigia sulle voci No e No, grazie. La prima volta che avvii l’app ti comparirà anche una schermata in cui dovrai scegliere a cosa ha accesso AirDroid, se può accedere allo schermo, al microfono, alla videocamera, eccetera. Seleziona tutto ciò che ti senti a tuo agio di attivare e vai avanti. Per registrare e vedere lo schermo del tuo smartphone dal pc devi comunque attivare almeno l’opzione Controllo Remoto e Clonazione Schermo. Quando lo farai AirDroid ti porterà automaticamente sul Google Play Store per scaricare un’estensione, premi tranquillamente su Scarica.

Quando avrai finito di installare l’estensione dovrai concedere un ultimo permesso. AirDroid ti porterà automaticamente nella schermata Accessibilità delle Impostazioni del tuo smartphone. Tu devi quindi premere su Applicazioni installate e poi su AirDroid Control Add-on e attivarlo concedendo i permessi richiesti.

Ora non ti resta che tornare sul computer e fare clic sull’icona con il binocolo situata sulla barra di sinistra nella finestra del programma. Seleziona poi il dispositivo Samsung e fai clic sulla voce Modalità Solo Lettura (a destra). Sullo smartphone ti verrà mostrato un avviso per garantire al computer l’accesso al dispositivo: fai quindi tap sulla voce Avvia adesso per confermare.

Una volta fatto ciò, sullo schermo del computer potrai visualizzare il display del tuo cellulare a marchio Samsung. Per avviare la registrazione (in formato MP4), fai clic sull’icona con la videocamera collocata in basso. Quando lo vorrai, potrai interromperla facendo nuovamente clic sull’icona con la videocamera.

Reflector (Windows/macOS)

Come registrare lo schermo Samsung

Reflector è un altro valido software di cui puoi avvalerti per registrare lo schermo del tuo Samsung. Funziona sia su Windows che su macOS e, terminali Android a parte, è altresì in grado di registrare lo schermo degli iPhone. Sfrutta i sistemi di trasmissione wireless Google Cast e AirPlay, per cui per funzionare è sufficiente che i due dispositivi siano collegati alla medesima rete wireless. Costa 21,89€ ma è disponibile in una versione di prova gratuita che dura 7 giorni (imprimendo però un watermark sui filmati).

Per scaricare Reflector sul tuo computer, collegati al sito Internet del programma e clicca prima sul pulsante Try e poi sul collegamento relativo al sistema operativo che stai usando sul tuo computer. A scaricamento ultimato, se stai usando Windows, apri il file .msi ottenuto. Nella finestra che compare sul desktop, metti un segno di spunta accanto alla voce I accept the terms in the License Agreement e porta a termine il setup cliccando prima sui pulsanti Install, e Finish. Dopodiché avvia Reflector facendo doppio clic sul relativo collegamento che è stato aggiunto sul desktop.

Se, invece, stai usando macOS, apri il pacchetto .dmg appena ottenuto, trascina l’icona del programma nella cartella Applicazioni di macOS, fai clic destro su di essa e seleziona la voce Apri per due volte, per avviare il programma andando però ad aggirare le limitazioni che Apple impone verso le applicazioni provenienti da sviluppatori non certificati (operazione che va eseguita solo al primo avvio).

Adesso, devi attivare la trasmissione dello schermo dello smartphone tramite Google Cast, selezionando il tuo computer come dispositivo di destinazione. Per riuscirci, prendi il tuo Samsung, richiama il centro notifiche (effettuando uno swipe dall’alto verso il basso dello schermo), pigia sull’icona di Smart View (quella con il cerchio attorno alla freccia) e seleziona il tuo computer dalla schermata Seleziona il dispositivo.

A questo punto, fai clic sul pulsante Record all che si trova nella finestra di Reflector sul computer e realizza la tua registrazione (in formato MP4). Quando lo vorrai, potrai stoppare la registrazione pigiando sul pulsante Stop e indicando la cartella in cui salvare il filmato.

Salvatore Aranzulla

Autore

Salvatore Aranzulla

Salvatore Aranzulla è il blogger e divulgatore informatico più letto in Italia. Noto per aver scoperto delle vulnerabilità nei siti di Google e Microsoft. Collabora con riviste di informatica e cura la rubrica tecnologica del quotidiano Il Messaggero. È il fondatore di Aranzulla.it, uno dei trenta siti più visitati d'Italia, nel quale risponde con semplicità a migliaia di dubbi di tipo informatico. Ha pubblicato per Mondadori e Mondadori Informatica.