Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Come sbloccare PDF protetto

di

Hai scaricato un file PDF da Internet ma non riesci a stamparlo perché ti viene chiesto di digitare una password che non conosci? Hai recuperato alcuni documenti PDF da una vecchia chiavetta USB ma non ti è possibile aprirli perché non ricordi la password necessaria a visualizzarne il contenuto? Forse posso darti una mano.

Conosco alcune soluzioni per Windows e macOS che permettono di sbloccare un PDF protetto in maniera abbastanza semplice. Credo facciano proprio al caso tuo! Come dici? Vorresti sapere se esiste anche qualche risorsa fruibile direttamente dalla finestra del browser oppure dallo schermo del tuo smartphone o tablet? Ma certo che sì! Nei capitoli successivi, infatti, trovi segnalati anche servizi online e app che possono far comodo in tal senso.

Ora però basta chiacchierare e passiamo all’azione. Posizionati bello comodo, prenditi qualche minuto di tempo libero soltanto per te e comincia a concentrarti sulla lettura di quanto riportato qui sotto. A prescindere dallo strumento che sceglierai di impiegare, dovresti riuscire nel tuo intento. Tieni però presente che aggirare la protezione dei PDF di cui non sei il legittimo proprietario (o comunque senza averne l’autorizzazione) può costituire reato. Pertanto, io non mi assumo alcuna responsabilità circa l’uso che ne farai. Chiaro? Bene, allora cominciamo!

Indice

Informazioni preliminari

Lucchetto

Prima di entrare nel vivo del tutorial, andandoti a spiegare come sbloccare un PDF protetto, ci sono alcune informazioni preliminari, a questo proposito, che è mio dovere fornirti.

Devi sapere che le password applicate ai PDF non sono tutte uguali. La tipologia di file in questione, infatti, può essere protetta con due tipi di password differenti: una è la owner password, che impedisce di effettuare modifiche o stampare i documenti ed è molto facile da rimuovere; l’altra è la user password che, invece, impedisce totalmente l’accesso ai file e può essere scoperta solo tramite attacco brute-force, ossia tentando tutte le combinazioni di caratteri possibili, e quest’operazione può richiedere tantissimo tempo.

Come sbloccare PDF protetto gratis

Fatte le precisazioni di cui sopra, veniamo al sodo e andiamo a scoprire, in dettaglio, come sbloccare un PDF protetto usando alcuni programmi per WindowsmacOS e Linux: quelli di cui andrò a parlarti nei passi successivi. Sono strumenti completamente gratis e, sebbene in apparenza possa sembrarti il contrario, anche piuttosto semplici da usare.

QPDF (Windows/macOS/Linux)

QPDF

Il programma che ti consiglio di utilizzare per rimuovere la owner password, cioè la password contro la stampa o le modifiche dei documenti, è QPDF. È gratis, open source e disponibile per Windows, macOS e Linux. Funziona da linea di comando, non dispone di un’interfaccia grafica, ma è ugualmente semplice da utilizzare.

Per scaricare il programma su Windows, recati sulla pagina per il download di QPDF presente sul sito di SourceForge e fai clic sul pulsante Download Latest Version, che si trova in alto a sinistra.

Completato il download, estrai l’archivio ZIP ottenuto in una cartella a piacere e avvia QPDF tramite il Prompt dei comandi, indirizzandolo direttamente verso la cartella contenente il programma. Se non sai come fare, procedi in questo modo: tieni premuto il tasto Shift sulla tastiera, fai clic destro sulla cartella bin presente nella cartella in cui hai estratto QPDF e seleziona la voce Apri finestra di comando qui dal menu che ti viene mostrato.

Una volta visualizzata la finestra del Prompt dei comandi sullo schermo, digita la stringa qpdf --decrypt input.pdf output.pdf (al posto di input.pdf e output.pdf devi digitare il percorso completo del PDF da sbloccare e del file di output da ottenere, puoi ottenere il percorso completo di un file semplicemente trascinandolo nella riga di comando) e premi il tasto Invio sulla tastiera. Dopo aver compiuto questi passaggi, otterrai una versione sbloccata del PDF nella cartella che hai indicato per il file di output.

Se stai usando macOS, per scaricare e installare QPDF, devi invece affidarti ad Homebrew, un gestore di pacchetti gratuito e open source che permette di installare vari tipi di software usando il Terminale. Ciò detto, provvedi innanzitutto ad aprire il Terminale, selezionando la relativa icona (quella con la finestra nera e la riga di codice) che trovi nella cartella Altro del Launchpad.

Una volta visualizzata la finestra del Terminale sulla scrivania, per installare Homebrew, immetti il comando /usr/bin/ruby -e "$(curl -fsSL https://raw.githubusercontent.com/Homebrew/install/master/install)", seguito dalla pressione del tasto Invio sulla tastiera e dall’immissione della password di amministrazione del Mac. Dopodiché, per installare QPDF, digita il comando brew install qpdf, seguito sempre dalla pressione del tasto Invio.

Completata la procedura d’installazione, inserisci nel Terminale il comando qpdf --decrypt input.pdf output.pdf (al posto di input.pdf e output.pdf devi digitare i percorsi dei file di input e output, ti ricordo che anche in questo caso puoi ottenere il percorso completo di un file semplicemente trascinandolo nella riga di comando), schiaccia il tasto Invio sulla tastiera del Mac e otterrai una versione sbloccata del documento PDF.

PDFCrack (Windows/macOS)

PDFCrack

Se la tua necessità è quella di sbloccare un PDF protetto da user password, ti suggerisco di fare affidamento su PDFCrack: si tratta di un programma gratuito e open source, disponibile per Windows e macOS, che sfrutta il sistema degli attacchi brute-force per rendere accessibili i documenti. Anche in questo caso, però, si tratta di una risorsa funzionante in via esclusiva da riga di comando.

Per effettuarne il download su Windows, visita il sito Web del programma e clicca sul collegamento Download(pdfcrack-xx.zip, xxk) che si trova nella barra laterale di destra.

Completato il download, apri l’archivio ZIP ottenuto, estraine il contenuto in una cartella a piacere e richiama il Prompt dei comandi, facendo clic sul pulsante Start (quello con la bandierina di Windows) situato nella parte in fondo a sinistra della barra delle applicazioni, digitando “prompt” nel campo di ricerca visualizzato e selezionando il collegamento pertinente dal menu.

Ora che visualizzi la finestra del Prompt dei comandi sullo schermo, immetti il comando CD "[cartella PDFCrack]" (al posto di [cartella PDFCrack] devi inserire il percorso completo della cartella in cui hai estratto PDFCrack) seguito dalla pressione del tasto Invio sulla tastiera. Digita poi il comando pdfcrack "file.pdf" (al posto di file.pdf devi inserire il percorso completo e il nome del file da decifrare), provvedendo sempre a schiacciare il tasto Invio.

Dopo aver compiuto i passaggi di cui sopra, PDFCrack comincerà ad attaccare il documento per trovarne la password. Quando individuata, ti sarà mostrata la scritta found user-password, unitamente alla password necessaria ad aprire il file.

Se stai usando macOS, invece, per usare il programma visita la pagina a esso dedicata che trovi sul sito Internet di SourceForge e clicca sul bottone Download Latest Version situato in cima.

A scaricamento ultimato, apri l’archivio tar.gz ottenuto ed estraine il contenuto in una cartella a piacere. Successivamente, richiama il Terminale, selezionandone l’icona (quella con la finestra nera e la riga di codice) che trovi nella cartella Altro del Launchpad e impartisci il comando cd [cartella PDFCrack] (al posto di [cartella PDFCrack] devi inserire il percorso completo della cartella in cui hai estratto PDFCrack), seguito dalla pressione del tasto Invio sulla tastiera. Digita poi il comando make f Makefile, seguito sempre dalla pressione del tasto Invio.

Dopo aver effettuato i passaggi in questione, apri una nuova finestra del Terminale, digita il comando [cartella PDFCrack]/pdfcrack -u "file.pdf" (al posto di [cartella PDFCrack] devi inserire il percorso completo della cartella in cui hai estratto PDFCrack e al posto di file.pdf devi inserire il percorso completo e il nome del file da decifrare), schiaccia il tasto Invio sulla tastiera e potrai finalmente visualizzare la password del documento.

Come sbloccare PDF protetto online

Se non vuoi scaricare programmi sul tuo computer, ti comunico che, per sbloccare un PDF protetto, puoi intervenire anche online, utilizzando appositi servizi Web, come quelli di cui andrò a parlarti nei passi successivi, che sono funzionanti da qualsiasi browser e sistema operativo.

SmallPDF

SmallPDF

Il primo servizio online per sbloccare i PDF che ti suggerisco di mettere alla prova è SmallPDF. Permette di intervenire sui documenti che non possono essere stampati e/o modificati, è gratis e non prevede la creazione obbligatoria di un account. L’unica cosa da considerare è che consente di elaborare massimo due file l’ora. Per fronteggiare questa limitazione, bisogna sottoscrivere un abbonamento a pagamento (al costo di 5 euro/mese oppure 40 euro/anno). Per quel che concerne il discorso privacy, i file caricati vengono rimossi in automatico dai server dell’azienda nel giro di qualche ora.

Per utilizzare SmallPDF, visita dunque la home page del servizio e trascina il PDF su cui desideri andare ad agire nella finestra del browser. In alternativa, fai clic sul collegamento Scegli file e seleziona “a mano” i file di tuo interesse. Se i PDF si trovano su Google Drive oppure su Dropbox, puoi caricarli anche da lì, facendo prima clic sulle relative icone poste in basso.

Completata la procedura di upload, metti un segno di spunta sulla casella accanto alla voce Giuro che sono autorizzato a modificare questo file e rimuovere le sue protezioni che vedi comparire lateralmente, dopodiché clicca prima sul bottone Sbloccare PDF! e poi su quello Scarica, così da effettuare il download del documento sbloccato. In alternativa, puoi anche scegliere di inviare il documento mediante email oppure di caricarlo su Google Drive e Dropbox, facendo clic sui pulsanti appositi collocati in basso.

Online2PDF

Online2PDF

Online2PDF è un servizio online dedicato in via esclusiva alla modifica, alla conversione e allo sblocco dei PDF. In quest’ultimo caso, occorre conoscere la password del PDF per poterne creare una copia “libera”. Da notare, poi, che presenta delle restrizioni per quel che concerne l’upload. Il servizio, infatti, non consente di caricare più di 20 file per volta, i quali devono avere un peso complessivo non superiore ai 100 MB. Per quanto riguarda la privacy, Online2PDF rimuove i file caricati sui suoi server dopo l’elaborazione.

Per usufruire del servizio, recati sulla sua home page, clicca sul pulsante Seleziona i file e seleziona i documenti da trattare. In alternativa, trascina i file direttamente nella finestra del browser. Ad upload avvenuto, clicca sul pulsante nero con il lucchetto che vedi comparire accanto al nome del documento, digita la password usata per proteggere il PDF nel campo apposito che ti viene mostrato e clicca sul bottone Converti, in basso, in modo tale da scaricare una copia del documento sbloccata.

Se prima di scaricare il documento vuoi intervenire sul grado di compressione, sulla visualizzazione, su intestazione e piè di pagina o sul layout, ti comunico che puoi farlo selezionando le apposite schede situate in basso, in corrispondenza della sezione Preferenze, e intervenendo sulle varie voci e sui vari menu che compaiono. Se, invece, vuoi ruotare le pagine, selezionarle, riordinarle oppure dividere il file, clicca preventivamente sul pulsante con la pagina e/o su quello con le fobici che trovi accanto al nome del documento.

App per sbloccare PDF protetto

Per concludere, voglio segnalarti alcune app di cui puoi avvalerti su Android e iOS per sbloccare un PDF protetto in mobilità. Mettile subito alla prova, sono sicuro che sapranno soddisfarti!

iLovePDF (Android/iOS)

iLovePDF

La prima tra le app utili per sbloccare un PDF che ti invito a prendere in considerazione è iLovePDF: si tratta di una soluzione gratuita, disponibile per Android e iOS, la quale, sblocco dei PDF a parte (permette di rimuovere solo la owner password), consente di effettuare operazioni di vario tipo sulla tipologia di file in questione. È gratis, ma offre acquisti in-app per sottoscrivere il piano a pagamento del servizio (al costo di 5,99 euro/mese oppure di 48,99 euro/anno), che permette di rimuovere gli annunci pubblicitari e di usufruire di altre funzionalità extra.

Per scaricare l’app su Android, visita la relativa sezione del Play Store e fai tap sul pulsante Installa. Se, invece, stai usando iOS, accedi alla relativa sezione di App Store, sfiora il pulsante Ottieni, poi quello Installa e autorizza il download tramite Face ID, Touch ID o password dell’ID Apple. In seguito, avvia l’app, premendo sul bottone Apri comparso sul display oppure selezionando la relativa icona che è stata aggiunta in home screen.

Una volta visualizzata la schermata principale dell’app, premi sul bottone Sblocca, decidi se prelevare il PDF dal dispositivo, da Google Drive oppure da Dropbox e seleziona il documento di tuo interesse.

In seguito, fai tap sul bottone Sblocca PDF comparso in basso e aspetta che il procedimento di sblocco venga avviato a completato. Quando vedrai comparire la scritta Completato! sul display, potrai premere sul pulsante Vai al file, per accedere alla versione sbloccata del tuo PDF. Più facile di così?

PDF Utilities (Android)

PDF Utilities

Un’altra app alla quale puoi affidarti per sbloccare i PDF protetti con owner password è PDF Utilities per Android. È gratis, molto semplice da usare e, oltre ad adempiere allo scopo in questione, consente anche di editare i documenti rimuovendo e aggiungendo pagine.

Per scaricare l’applicazione sul tuo dispositivo, visita la relativa sezione sul Play Store e fai tap sul pulsante Installa. Successivamente, avvia PDF Utilities, sfiorando il pulsante Apri comparso sul display oppure selezionando la relativa icona aggiunta in home screen.

Una volta visualizzata la schermata principale dell’applicazione, premi sul bottone con le tre linee in orizzontale situato in alto a sinistra e, dal menu che si apre, seleziona l’opzione Remove write-protection. Premi poi sul pulsante Select, concedi all’app i permessi necessari per accedere ai file sul tuo dispositivo e seleziona il PDF relativamente al quale ti interessa andare ad agire.

In seguito, premi sul pulsante Start e aspetta che l’app elabori il documento. A processo completato, verrà generato un nuovo file non protetto, il quale sarà salvato in maniera automatica nella medesima posizione di quello originale.