Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Programmi per sbloccare PDF

di

Devi stampare un file in formato PDF ma non ti è possibile perché nel cercare di fare ciò ti viene chiesto di immettere una password? Tempo addietro avevi protetto un PDF con password ma ora non riesci più a visualizzarlo perché non ricordi la relativa chiave d’accesso? Non disperare! Puoi far fronte a situazioni del genere ricorrendo all’uso di alcuni strumenti appositamente adibiti allo scopo, quelli che trovi indicati in questa mia guida.

Posizionati, dunque, bello comodo, prenditi qualche minuto libero soltanto per te e comincia subito a concentrarti sulla lettura di quanto riportato qui di seguito, alla scoperta dei migliori programmi per sbloccare PDF presenti su piazza. Ti anticipo già che ce ne sono sia per Windows che per macOS e che esistono anche delle risorse fruibili direttamente via Web, senza dover installare alcun plugin particolare per il browser e senza scaricare nulla sul PC, ad eccezione del file finale, ovviamente.

Per completezza d’informazione, provvederò altresì ad indicarti alcune app per smartphone e tablet Android e per iPhone e iPad di cui puoi avvalerti per sbloccare i tuoi documenti in mobilità, senza dover passare per forza dal PC. Ora, però, basta chiacchierare e procediamo. In bocca al lupo per ogni cosa!

Indice

Informazioni preliminari

Logo PDF

Prima di entrare nel vivo del tutorial, andandoti ad indicare quali sono i migliori programmi per sbloccare PDF, è mio dovere fornirti alcune informazioni preliminari al riguardo.

Nel caso in cui non ne fossi già a conoscenza, ti comunico che esistono due differenti tipologie di password che possono essere applicate ai PDF per preservare i documenti. C’è la owner password, che protegge i file contro la stampa e/o la modifica, e c’è la user password che, invece, impedisce l’apertura dei PDF.

La owner password può essere bypassata in maniera piuttosto semplice e solitamente sono sufficienti soltanto pochi secondi, mentre la user password è molto più difficile da aggirare, in quanto occorre mettere a segno un attacco di tipo “brute force” sul documento, tentando tutte le possibili combinazioni di caratteri fino a trovare quella corretta, un’operazione, questa che può richiedere svariate ore, se non addirittura intere giornate.

Programmi per sbloccare PDF protetti gratis

Fatte le dovute precisazioni di cui sopra, veniamo al nocciolo vero e proprio dell’argomento e andiamo a scoprire quali sono i migliori programmi per sbloccare PDF attualmente presenti su piazza. Qui di seguito, dunque, trovi segnalate quelle che ritengo essere le più interessanti risorse gratis per Windows, macOS e Linux.

QPDF (Windows/macOS/Linux)

QPDF

QPDF è un programma gratuito, di natura open source e funzionante su Windows, macOS e Linux che consente di aggirare la protezione applicata ai PDF andando ad intervenire sulla owner password. Non è difficile da usare, ma va tenuto conto che non dispone di un’interfaccia grafica, pertanto può essere impiegato solo da riga di comando.

Per eseguire il download del software sul tuo PC, se stai usando Windows, recati sulla pagina per il download di QPDF presente sul sito di SourceForge e fai clic sul pulsante Download Latest Version che si trova in alto a sinistra.

A scaricamento completato, estrai in una posizione a piacere l’archivio ZIP ottenuto e avvia QPDF tramite il Prompt dei comandi, indirizzandolo verso la cartella contenente il programma. Per riuscirci, procedi in questo modo: tieni premuto il tasto Shift sulla tastiera del PC, fai clic destro sulla cartella bin presente nella cartella in cui hai estratto QPDF e, dal menu che compare, seleziona la voce Apri finestra di comando qui.

Una volta visualizzata la finestra del Prompt dei comandi sullo schermo, immetti la stringa qpdf --decrypt input.pdf output.pdf (al posto di input.pdf e output.pdf devi inserire il percorso completo del PDF da sbloccare e del file di output da ottenere; puoi ottenere il percorso completo di un file trascinando quest’ultimo nella riga di comando) e premi il tasto Invio. Dopo aver compiuto questi passaggi, otterrai una versione sbloccata del PDF nella cartella scelta per il file di output.

Se stai usando macOS, invece, per scaricare e installare il programma devi rivolgerti a Homebrew, un gestore di pacchetti gratuito e open source che permette di installare vari tipi di software sfruttando il Terminale. Per cui, provvedi innanzitutto ad aprire il Terminale, selezionando la relativa icona (quella con la finestra nera e la riga di codice) che trovi nella cartella Altro del Launchpad.

Una volta visualizzata la finestra del Terminale sulla scrivania, per installare Homebrew, immetti il comando /usr/bin/ruby -e "$(curl -fsSL https://raw.githubusercontent.com/Homebrew/install/master/install)", seguito dalla pressione del tasto Invio sulla tastiera del Mac e dall’immissione della password di amministrazione del computer. Successivamente, per installare QPDF, inserisci il comando brew install qpdf, seguito sempre dalla pressione del tasto Invio.

Dopo aver completato la procedura d’installazione, inserisci nella finestra del Terminale il comando qpdf --decrypt input.pdf output.pdf (al posto di input.pdf e output.pdf devi immettere i percorsi dei file di input e output; puoi ottenere il percorso completo di un file semplicemente trascinandolo nella riga di comando) e schiaccia il tasto Invio per ottenere una versione libera da password del PDF. Et voilà!

PDFCrack (Windows/macOS)

PDFCrack

Un altro tra i programmi per sbloccare PDF che voglio invitarti a prendere in considerazione è PDFCrack. È in grado di agire sui documenti protetti con user password, è disponibile sia per Windows che per macOS e anch’esso non dispone di un’interfaccia grafica, per cui va usato sempre da riga di comando.

Per scaricare il software sul tuo PC, se stai usando Windows, visita il relativo sito Web e fai clic sul collegamento Download(pdfcrack-xx.zip, xxk) che si trova a destra.

A download completato, apri l’archivio ZIP ricavato ed estraine il contenuto in una cartella a tuo piacimento. Adesso, richiama il Prompt dei comandi, cliccando sul pulsante Start (quello con la bandierina di Windows) situato nella parte in fondo a sinistra della barra delle applicazioni, digitando “prompt” nel campo di ricerca visualizzato e selezionando il collegamento pertinente dal menu che si apre.

Una volta visualizzata la finestra del Prompt dei comandi sul desktop, digita il comando CD "[cartella PDFCrack]" (al posto di [cartella PDFCrack] devi inserire il percorso completo della cartella in cui hai estratto PDFCrack) e premi il tasto Invio sulla tastiera del computer. In seguito, inserisci il comando pdfcrack "file.pdf" (al posto di file.pdf devi immettere il percorso completo e il nome del file da decifrare) e premi nuovamente il tasto Invio.

Una volta effettuati i passaggi di cui sopra, PDFCrack inizierà ad attaccare il PDF per individuarne la password e quando l’avrà trovata ti sarà mostrata la scritta found user-password, unitamente alla chiave d’accesso per il documento.

Se stai usando macOS, invece, per scaricare PDFCrack visita la pagina per il download che trovi sul sito Internet di SourceForge e clicca sul pulsante Download Latest Version che si trova in alto.

A scaricamento completato, apri l’archivio tar.gz ottenuto ed estraine il contenuto in una cartella a piacere. Successivamente, richiama il Terminale, selezionandone l’icona (quella con la finestra nera e la riga di codice) che trovi nella cartella Altro del Launchpad, digita il comando cd [cartella PDFCrack] (al posto di [cartella PDFCrack] devi inserire il percorso completo della cartella in cui hai estratto PDFCrack) e premi il tasto Invio sulla tastiera. In seguito, inserisci il comando make f Makefile, seguito sempre dalla pressione del tasto Invio.

Dopo aver eseguito i passaggi di cui sopra, apri una nuova finestra del Terminale, inserisci il comando [cartella PDFCrack]/pdfcrack -u "file.pdf" (al posto di [cartella PDFCrack] devi digitare il percorso completo della cartella in cui hai estratto PDFCrack e al posto di file.pdf devi inserire il percorso completo e il nome del file da decifrare) e premi il tasto Invio per scoprire la password del PDF.

Programmi per sbloccare PDF online

Come ti dicevo a inizio guida, esistono anche dei programmi per sbloccare PDF funzionanti direttamente e comodamente online, senza dover scaricare e installare nulla, agendo direttamente dalla finestra del browser (qualsiasi). Se la cosa ti interessa, qui di seguito trovi segnalati quelli che a mio avviso rappresentano i migliori della categoria.

Online2PDF

Online2PDF

Il primo servizio online utile per aggirare la password applicata ai PDF che ti invito a provare è Online2PDF. È gratuito, non richiede registrazione e, oltre ad adempiere allo scopo in questione, consente di modificare e convertire i file PDF, anche agendo in batch. Da notare che, per quel che concerne la questione sblocco, è in grado di agire sia sui file protetti contro stampa e modifica che su quelli protetti da accessi non autorizzati, ma in questo secondo caso occorre conoscere la password, per poter creare una copia “libera” del documento.

Altre cose da tenere a mente sono che il servizio non consente di caricare più di 20 file per volta, che la dimensione massima consentita per i singoli file è pari a 100 MB e che quella complessiva non deve superare i 150 MB. Per quel che concerne il discorso privacy, Online2PDF rimuove i file caricati sui suoi server entro poche ore dall’upload.

Per utilizzare il servizio, visita la relativa home page e trascina i documenti da sbloccare sul rettangolo tratteggiato situato al centro. In alternativa, fai clic sul bottone Seleziona i file e seleziona “manualmente” i PDF su cui vuoi andare ad agire.

Completata la procedura di upload, se stai provando a sbloccare dei PDF protetti con owner password, clicca direttamente sul bottone Converti posto in basso, attendi che venga creata una copia “sprotetta” dei file e che parta automaticamente il download. Se il download non viene avviato automaticamente, puoi forzarlo tu selezionando il collegamento Passa al download manuale che vedi comparire.

Se, invece, quelli che vuoi sbloccare sono dei PDF protetti con user password, prima di procedere con il download come ti ho spiegato poc’anzi, dovrai fare clic sul pulsante nero con il lucchetto comparso accanto al nome di ogni documento in seguito all’upload e digitare la relativa password nel campo di testo.

PDF2Go

PDF2Go

Un altro servizio online al quale puoi valutare di appellarti è PDF2GO. È a costo zero, facile da usare e mette a disposizione degli utenti vari strumenti per agire sui PDF, convertendoli, comprimendoli, unendoli ecc., anche operando su più elementi in simultanea. Ovviamente, consente anche di sbloccare tale tipologia di documenti, intervenendo sia sulla owner password che sulla user password, ma in questo secondo caso viene richiesta prima l’immissione della relativa chiave d’accesso, per creare delle copie liberamente accessibili dei file.

L’unica cosa da tenere presente è che non possono essere caricati file aventi dimensioni maggiori a 50 MB. Per aumentare questo limite, bisogna creare un account gratuito per usare il servizio oppure occorre passare alla versione a pagamento dello stesso (con costi a partire 5,50 euro/mese), il quale consente di fruire anche di altri vantaggi. Riguardo il discorso privacy, invece, questa è tutelata in quanto tutti i file caricati sul servizio vengono eliminati dopo 24 ore.

Per utilizzare PDF2GO, collegati innanzitutto al sito Internet del servizio e trascina nella finestra del browser i PDF su cui vuoi andare ad agire. In alternativa, puoi selezionare i documenti a mano, facendo clic sul pulsante Scegli un file. Se i tuoi file si trovano su uno dei servizi di cloud storage supportati (Google Drive e Dropbox), puoi prelevarli anche da lì, facendo clic sulla relativa icona. Puoi altresì caricare i file da una qualsiasi altra posizione online, selezionando il collegamento Inserisci l’URL e digitando il relativo link.

Ad upload avvenuto, fai clic sul pulsante Inizia che si trova in basso, attendi che i file vengano elaborati e, se protetti contro stampa e modifica, partirà in automatico il download dei PDF “liberi”. Se il download non viene avviato da solo, puoi forzarlo premendo sul pulsante Download.

Invece, se i PDF caricati sono protetti con user password, prima di poterne effettuare il download come ti ho appena indicato, dovrai digitare la relativa password nel campo Inserisci la password che, in seguito all’upload, vedrai comparire in basso accanto al nome di ogni documento, e dovrai poi fare clic sul pulsante Imposta password.

App per sbloccare PDF

iLovePDF

Non hai il computer a portata di mano e ti piacerebbe che ti suggerissi dei programmi per sbloccare PDF per Android e iOS? Ti accontento subito! Qui di seguito, infatti, trovi un elenco di utilizzi applicazioni per smartphone e tablet che puoi valutare di utilizzare per agire direttamente in mobilità. Provale subito!

  • iLovePDF (Android/iOS/iPadOS) – è l’applicazione di un rinomato servizio online che permette di apportare modifiche di vario tipo ai PDF. Include anche un tool per rimuovere la password applicata ai file in questione, ma nel caso specifico della protezione contro l’apertura occorre prima digitarla, al fine di poterne creare una copia non protetta. È gratis, ma propone acquisti in-app (al costo di 5,99 euro/mese oppure di 48,99 euro/anno) per rimuovere gli annunci pubblicitari e usufruire di altre funzionalità extra.
  • PDF Tools (Android) – app gratuita per soli dispositivi Android che permette di intervenire sui file PDF in vari modi: unendoli, dividendoli, estraendo specifiche pagine ecc. Consente, ovviamente, anche di sbloccare quelli protetti, sia con owner password che con user password (in questo secondo caso bisogna prima digitarla, per creare una copia del file liberamente accessibile).
  • PDF Unlocker (iOS/iPadOS) – app funzionante solo su iPhone e iPad che, come facilmente intuibile dal nome stesso, permette di sbloccare i PDF protetti contro stampa, modifica e apertura. Nel caso specifico dei file a cui è applicata la user password, però, bisogna prima fornire la relativa chiave d’accesso, in modo tale da genere una copia libera.
Salvatore Aranzulla

Autore

Salvatore Aranzulla

Salvatore Aranzulla è il blogger e divulgatore informatico più letto in Italia. Noto per aver scoperto delle vulnerabilità nei siti di Google e Microsoft. Collabora con riviste di informatica e cura la rubrica tecnologica del quotidiano Il Messaggero. È il fondatore di Aranzulla.it, uno dei trenta siti più visitati d'Italia, nel quale risponde con semplicità a migliaia di dubbi di tipo informatico. Ha pubblicato per Mondadori e Mondadori Informatica.