Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Come usare Google Traduttore vocale

di

Devi affrontare un viaggio all’estero, non hai padronanza della lingua parlata nel Paese in cui stai per recarti e, seguendo il suggerimento di un amico, hai deciso di affidarti a Google Traduttore per aiutarti nella comprensione dell’idioma locale. Più precisamente, vorresti affidarti al sistema di riconoscimento vocale del traduttore in questione, poiché lo ritieni potenzialmente molto comodo; tuttavia, considerando che non sei espertissimo di tecnologia, prima di servirtene in viaggio e rischiare qualche “figuraccia” internazionale, vorresti una mano a capire bene come funziona.

Come dici? Le cose stanno esattamente in questo modo e vorresti sapere se posso darti una mano io? Ma certo, nessun problema! Se mi dedichi qualche minuto della tua attenzione, infatti, posso spiegarti personalmente come usare Google Traduttore vocale sia su smartphone e tablet, tramite l’apposita app disponibile per Android e iOS/iPadOs, che da computer, utilizzando il relativo servizio Web.

Ti anticipo già che, contrariamente a quel che tu possa pensare, non dovrai fare nulla di particolarmente complesso o che sia fuori dalla tua portata. Allora? Posso sapere che ci fai ancora lì impalato? Posizionati bello comodo, prenditi un po’ di tempo libero soltanto per te e comincia a concentrati sulla lettura di quanto riportato qui di seguito. A me non resta che augurarti una buona lettura e… una buona traduzione!

Indice

Informazioni preliminari

Logo Google Traduttore

Prima di entrare nel vivo del tutorial, andandoti a spiegare come usare Google Traduttore vocale, ci sono alcune informazioni preliminari, riguardo il noto servizio di traduzione reso disponibile da “big G”, che è mio dovere fornirti.

In primo luogo, tieni presente che Google Traduttore è completamente gratis ed è fruibile sia da smartphone e tablet che da computer. Nel primo caso è disponibile sotto forma di app, mentre nel secondo caso occorre rivolgersi alla versione Web del servizio.

Premesso ciò, sappi che con Google Traduttore è possibile compiere traduzioni vocali in vari modi: sfruttando la funzione denominata Voce, cioè dettando parole e frasi da tradurre, oppure la modalità denominata Conversazione, la quale permette a due interlocutori di interagire tra loro parlando e ascoltando a turno le traduzioni fornite. Esiste poi anche la modalità Trascrivi, la quale consente di dettare parole e frasi nella propria lingua e vederle trascritte in un’altra.

Oltre che vocalmente, il traduttore di Google può ovviamente essere usato anche in maniera “classica”, digitando con la tastiera i testi da tradurre o, ancora, sfruttando la scrittura a mano. Solo su smartphone e tablet, poi, le traduzioni possono altresì essere effettuate inquadrando testi con la fotocamera del dispositivo o caricando foto esistenti dal rullino. Soltanto da computer, invece, viene offerta la possibilità di selezionare documenti di testo in vari formati e di ricevere la relativa traduzione.

Per quanto riguarda le lingue supportate, attualmente Google Traduttore è in grado di tradurre parole e frasi da e per oltre 100 idiomi differenti: trovi l’elenco completo qui, con le relative funzionalità supportate per ciascuna lingua.

Come usare Google Traduttore vocale da smartphone e tablet

Google Traduttore iOS

Vuoi scoprire come usare Google Traduttore vocale sul tuo smartphone o tablet? Ti spiego subito in che modo riuscirci. Per farlo, devi scaricare innanzitutto l’app ufficiale sul tuo dispositivo.

Se stai usando Android, visita quindi la relativa sezione del Play Store e premi sul pulsane Installa. Se stai usando iOS/iPadOS, invece, accedi alla relativa sezione dell’App Store, premi sul pulsante Ottieni, quindi su quello Installa e autorizza il download mediante Face ID, Touch ID o password dell’ID Apple. Successivamente, avvia l’app, premendo sul pulsante Apri comparso sul display o selezionando la relativa icona che è stata aggiunta in home screen o nel drawer.

Ora che visualizzi la schermata principale di Google Traduttore, per sfruttare il sistema di dettatura vocale, definisci la lingua d’origine tramite il menu apposito, in alto a sinistra (puoi anche abilitare il riconoscimento automatico dell’idioma), dopodiché scegli la lingua di destinazione mediante il menu collocato in alto a destra.

Dopo aver compiuto i passaggi di cui sopra, attiva la funzione Voce, facendo tap sulla relativa icona (quella con il microfono) che trovi nel box bianco per l’immissione del testo presente in cima, consenti all’app di accedere al microfono (se necessario), pronuncia la parola o le frasi che vuoi tradurre e, per interrompere la dettatura, fai tap sul pulsante rosso con il microfono che si trova in basso.

Successivamente, vedrai comparire la parola o la frase che hai dettato nel box bianco dedicato all’immissione del testo e la relativa traduzione nel riquadro in blu presente poco più in basso. Eventuali traduzioni alternative risulteranno invece visibili nella sezione Traduzioni alternative collocata più giù.

Se vuoi, puoi anche ascoltare la traduzione ottenuta, facendo tap sul simbolo dell’altoparlante annesso al box, oppure puoi cercare il testo su Google, condividerlo in altre app, visualizzarlo a tutto schermo e copiarlo negli appunti, semplicemente sfiorando le icone apposite poste in basso a destra.

Ti informo, inoltre, che nella parte in basso della schermata dell’app trovi la cronologia di tutte le traduzioni effettuate, che puoi eventualmente decidere di salvare tra i preferiti, premendo sulla relativa icona con la stella.

Se, invece, vuoi sfruttare il sistema di traduzione delle conversazioni, fai tap sulla voce Conversazione che trovi nella schermata principale di Google Traduttore (nella parte in basso del box adibito all’inserimento del testo), dopodiché seleziona le lingue parlate da te e il tuo interlocutore, agendo sui menu a tendina che si trovano in basso.

A questo punto, tocca il microfono che trovi in corrispondenza della tua lingua nel menu a tendina a fondo schermata e comincia pure a parlare. Fatto ciò, vedrai comparire il testo da te pronunciato nel box in alto, mentre in quello in basso comparirà la relativa traduzione e potrai anche ascoltarne la pronuncia. Eventualmente, è possibile replicare l’ascolto della traduzione premendo sull’icona con l’altoparlante posta in sua corrispondenza.

In seguito, porgi lo smartphone o il tablet al tuo interlocutore, premi sull’icona del microfono presente in corrispondenza dell’altro menu a tendina della lingua, fa’ parlare l’altra persona e aspetta che compaia il testo di quanto detto nel box in alto e la relativa traduzione in quello in basso. Anche in tal caso, verrà riprodotta vocalmente la relativa traduzione e potrai eventualmente ripetere l’ascolto premendo sull’icona dell’altoparlante adiacente.

Se lo preferisci, puoi altresì decidere di abilitare l’ascolto in simultanea di entrambe le lingue, semplicemente facendo clic sul pulsante con il microfono che trovi sotto la voce Entrambe a fondo schermata.

Solo su Android, puoi usufruire anche della funzione di trascrizione, facendo tap sull’icona Trascrivi, presente nella schermata principale di Google Traduttore. Successivamente, inizia a parlare e vedrai comparire sullo schermo la relativa traduzione.

Se lo ritieni necessario, puoi regolare le impostazioni relative alla trascrizione, facendo tap sull’icona a forma di ruota d’ingranaggio che si trova in basso a sinistra e intervenendo tramite il menu che compare. Da quest’ultimo, puoi modificare le dimensioni del font, puoi impostare un tema differente e puoi scegliere di visualizzare il testo originale.

Come usare Google Traduttore vocale da computer

Google Traduttore Web

Ti stai chiedendo come usare Google Traduttore vocale da computer? Ti illustro immediatamente in che modo occorre procedere, è un vero e proprio gioco da ragazzi. Tanto per cominciare, apri un browser dotato del supporto al microfono (es. Chrome) e recati sulla home page del servizio.

A questo punto, seleziona la lingua d’origine tramite il menu a tendina a sinistra (oppure abilita il rilevamento automatico, scegliendo l’opzione Rileva lingua) e quella di destinazione tramite il menu a tendina a destra, dopodiché serviti pure della funzione per la dettatura vocale.

Per riuscirci, premi sull’icona del microfono che trovi nel box a sinistra e comincia pure a pronunciare parole e frasi che vuoi tradurre. Se nel fare ciò compare un avviso tramite cui ti viene chiesto di consentire a Google Traduttore di utilizzare il microfono del computer, acconsenti pure alla cosa.

Quando finisci di parlare, premi nuovamente sull’icona del microfono e nel box di destra ti verrà mostrata la traduzione. Se vuoi, puoi anche ascoltarne la pronuncia, facendo clic sull’icona dell’altoparlante che trovi in sua corrispondenza. Eventuali traduzioni alternative, invece, compariranno in un ulteriore riquadro in basso.

Se lo desideri, puoi copiare la traduzione nella clipboard oppure condividerla, facendo clic sulle icone apposite che trovi sempre nel riquadro di cui sopra. Per salvare la traduzione tra i preferiti, invece, clicca sull’icona a forma di stella adiacente.

Qualora la cosa dovesse interessarti, ti comunico che puoi accedere anche alla cronologia delle traduzioni effettuate, semplicemente facendo clic sul pulsante Cronologia che trovi nella parte in basso della schermata.

Salvatore Aranzulla

Autore

Salvatore Aranzulla

Salvatore Aranzulla è il blogger e divulgatore informatico più letto in Italia. Noto per aver scoperto delle vulnerabilità nei siti di Google e Microsoft. Collabora con riviste di informatica e cura la rubrica tecnologica del quotidiano Il Messaggero. È il fondatore di Aranzulla.it, uno dei trenta siti più visitati d'Italia, nel quale risponde con semplicità a migliaia di dubbi di tipo informatico. Ha pubblicato per Mondadori e Mondadori Informatica.