Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero
Amazon Black Friday 2017
Scopri le migliori offerte della settimana dell'Amazon Black Friday 2017. Vedi le offerte Amazon

Disdetta Enel Energia

di

Dopo averci pensato su per un bel po’ di tempo, alla fine hai preso la tua decisione: vuoi fare la disdetta Enel Energia. Qualunque siano i motivi che ti abbiano spinto a prendere questa scelta, ora è giunto il momento di avviare la procedura di disdetta vera e propria ma… non sai come “muoverti”, ho indovinato? Beh, in tal caso ho una buona notizia da darti: l’articolo che stai leggendo in questo momento contiene tutte le informazioni che ti servono, ma proprio tutte, per portare a buon fine la procedura di disdetta del contratto che hai sottoscritto con Enel Energia!

Le “strade” che puoi percorrere per chiudere il tuo rapporto con questo fornitore di luce e gas sono diverse: puoi recarti in una filiale Enel Energia, inviare una raccomandata o un fax, effettuare una telefonata, rivolgerti al servizio clienti online di Enel Energia o, semplicemente, passare a un altro fornitore. C’è poi l’opzione relativa al ripensamento entro 14 giorni, che permette di effettuare la disdetta tramite raccomandata, email o fax senza spendere nemmeno un centesimo.

Che ne dici? Sei ancora interessato a scoprire come portare avanti la disdetta del contratto che hai sottoscritto con Enel Energia? In tal caso, direi di mettere da parte le chiacchiere e addentrarci subito nel vivo di questo post. Sono certo che dopo aver letto questo articolo non avrai alcun dubbio su cosa fare per “tagliare i ponti”, come si suol dire, con Enel Energia. Buona lettura e buona… disdetta!

Indice

Ripensamento entro i primi 14 giorni dall’attivazione

Se hai sottoscritto il tuo contratto Enel Energia lontano dai locali commerciali dell’azienda — online o per telefono — puoi avvalerti del diritto di ripensamento entro 14 giorni, grazie al quale puoi annullare il contratto a costo zero, a patto che non siano trascorsi più di 14 giorni dalla sua stipula.

Per far valere il diritto di ripensamento, devi collegarti al sito ufficiale di Enel Energia, scaricare il modulo per l’esercizio del diritto di ripensamento e compilarlo accuratamente in ogni sua parte. Per scaricare il modulo, clicca sul riquadro Fornitura elettrica che trovi sul sito di Enel Energia oppure sul riquadro Fornitura gas (a seconda del servizio che intendi disdire) e seleziona la voce Modulo ripensamento dal menu che compare.

Successivamente, scarica il modulo sul tuo computer (cliccando sull’icona del floppy disk o sulla freccia che trovi in alto a destra), aprilo con un qualsiasi software per la lettura dei file PDF e stampalo assicurandoti che la percentuale di zoom sia impostata sul 100% (altrimenti potresti “troncare” alcune parti del documento). A stampa ultimata, compila il modulo in ogni sua parte e spediscilo tramite raccomandata A/R al seguente indirizzo.

Enel Energia S.p.A. Casella postale 8080 – 85100 Potenza.

In alternativa, puoi anche inoltrare il modulo via fax al numero 800 046 311, oppure via email inviando un messaggio di posta elettronica ad allegati.enelenergia@enel.com. Sta a te scegliere la soluzione che ti sembra più comoda per le tue esigenze.

Disdetta Enel Energia dopo 14 giorni dalla stipula del contratto

Disdetta Enel Energia

Se non sei nelle condizioni di avvalerti del diritto di ripensamento perché sono trascorsi più di 14 giorni dalla stipula del contratto (o semplicemente perché lo hai sottoscritto all’interno dei locali commerciali di Enel Energia), puoi comunque fare disdetta del tuo contratto luce/gas recandoti presso uno sportello fisico, inviando un fax, una raccomandata A/R o servendoti del servizio clienti Enel fruibile telefonicamente e online.

Per quanto concerne i costi da sostenere – si legge nelle condizioni generali di fornitura di Enel Energia -, “il cliente può recedere per cambio fornitore, anche solo per una delle forniture, in qualunque momento e senza oneri, inviandone comunicazione al Fornitore (anche tramite il nuovo fornitore) entro tre mesi decorrenti dal primo giorno del primo mese successivo a quello di ricevimento della relativa comunicazione. Nel caso in cui il Cliente è titolare anche di un solo sito connesso in media tensione o in alta tensione, il termine di preavviso per il recesso è di 12 mesi a partire dal primo giorno del primo mese successivo a quello di ricevimento della relativa comunicazione, salvo diverso accordo previsto“. In caso di mancato rispetto di tali tempistiche, possono essere addebitate delle penali.

  • 50 euro + 5 euro per ogni kW di potenza disponibile per le forniture di energia elettrica con potenza disponibile inferiore od uguale a 17 kW (luce).
  • 100 euro + 10 euro per ogni kW di potenza disponibile per le forniture di energia elettrica con potenza disponibile superiore a 17 kW (luce).
  • 100 euro + 0,21 euro per Smc di consumo per il consumo medio mensile stimato in base agli ultimi 12 mesi di consumo (gas).

Ricapitolando, basta rispettare i tempi di preavviso per la comunicazione di recesso del contratto per non andare incontro a penali. Inoltre, come già accennato, è possibile affidare tutta la pratica al nuovo fornitore di luce e gas e lasciare che la parte burocratica sia sbrigata da quest’ultimo. Adesso però mettiamo da parte i preamboli e vediamo come effettuare la disdetta di Enel Energia oltre i 14 giorni.

Sportelli fisici

Uno dei modi più semplici per fare la disdetta Enel Energia è recarsi di persona presso uno dei tanti sportelli fisici o “punti Enel” presenti in tutta Italia e presentare lì la propria richiesta di recesso.

Se non hai idea di dove sia ubicato il punto Enel più vicino alla tua zona, visita il sito ufficiale di Enel Energia, digita il nome della tua città o il tuo CAP nel campo Indica indirizzo, città o CAP e fai clic sull’icona della lente di ingrandimento. A questo punto dovresti visualizzare, nel menu di sinistra, gli sportelli fisici più vicini a te: clicca quindi sul bottone Informazioni relativo al punto Enel più vicino a te e scopri quali sono i suoi giorni/orari di apertura, i suoi recapiti e le indicazioni stradali per raggiungerlo.

Ora non devi fare altro che recarti presso il punto Enel che hai appena individuato e portare con te un tuo documento di identità valido (il documento deve coincidere con l’identità dell’intestatario della fornitura), il tuo codice fiscale (anch’esso deve coincidere con quello dell’intestatario della fornitura) e l’ultima bolletta in tuo possesso con il relativo codice PDR o POD. Ti consiglio, inoltre, di annotare e portare con te i dati inerenti l’ultima lettura del contatore, così da non avere problemi per quanto riguarda il calcolo del conguaglio.

Fax o raccomandata A/R

Se sei oberato dai tuoi impegni personali e/o lavorativi e, per tale ragione, non hai voglia di recarti fisicamente presso uno dei punti Enel presenti in zona, potresti optare per l’invio della richiesta di disdetta Enel Energia tramite fax o attraverso l’invio di una raccomandata A/R. Se decidi di optare per una di queste soluzioni devi, innanzitutto, preparare un documento in cui indicare a Enel Energia la volontà di disdire il contratto e in cui dovrai inserire i seguenti dati e allegati: nome e cognome dell’intestatario della fornitura, data corrente, numero del contratto, data in cui è stato stipulato e fotocopia dei documenti di identità dell’intestatario.

Dopo aver scritto il documento in questione e dopo esserti accertato di aver inserito tutti i dati necessari per procedere con la disdetta, firmalo e invialo a mezzo fax al numero 800 046 311. Se, invece, desideri inviarlo tramite raccomandata A/R, spediscilo al seguente indirizzo.

Enel Energia S.p.A. Casella postale 8080 – 85100 Potenza.

Servizio clienti telefonico o online

Un altro modo per fare la disdetta Enel Energia è quello di contattare il servizio clienti telefonicamente oppure online tramite il sito ufficiale di Enel.

Per fare la disdetta telefonicamente, componi il numero verde 800 900 860 dal tuo smartphone o dal telefono fisso. La chiamata è gratuita ed è possibile contattare il servizio dal lunedì alla domenica (escluse le festività nazionali) dalle 7:00 alle 22:00.

Prima di chiamare al numero verde, però, tieni a portata di mano il documento di identità e il codice fiscale appartenenti all’intestatario della fornitura, nonché l’ultima bolletta in tuo possesso munita di codice POD o PDR. Annotati anche i dati riguardanti l’ultima lettura del contatore (questo dato servirà per il conguaglio) e il recapito telefonico, visto che l’operatore Enel che ti assisterà potrebbe richiedertelo per un successivo contatto.

Per fare la disdetta tramite il servizio clienti online, collegati al sito ufficiale di Enel Energia, clicca sulla voce Accedi/Registrati e, nel riquadro che compare a schermo, inserisci le tue credenziali d’accesso negli appositi campi facendo un ultimo clic sul bottone Accedi. Se non sei ancora registrato al servizio, effettua la registrazione cliccando sulla voce Registrati ora e, nella scheda che si apre, clicca sul bottone Privato (se sei un utente privato) o su Impresa (se sei un’impresa) e compila il modulo che visualizzi a schermo inserendo tutte le informazioni richieste. Ad accesso effettuato, invia la tua richiesta di disdetta accedendo all’area I Tuoi Contratti.

Passare a un altro fornitore di luce e gas

Vuoi fare la disdetta Enel Energia perché hai intenzione di passare a un altro fornitore di luce e gas che opera nel mercato libero? In tal caso puoi evitare di seguire le procedure sopraccitate e passare a un altro fornitore in modo ancora più semplice e veloce.

Per scegliere l’offerta più adatta a te, ti consiglio vivamente di usare il sito SOS Tariffe, grazie al quale è possibile confrontare le migliori offerte e tariffe disponibili in questo momento e scegliere quella che è più adatta alle proprie esigenze. Il servizio include un comparatore di offerte sia per l’energia elettrica che per il gas. Dopo aver individuato la tariffa che fa al caso tuo, contatta telefonicamente il nuovo fornitore di luce e gas con cui vorresti stipulare il contratto oppure recati presso un suo punto vendita (se è presente nella tua zona).

Dopodiché, fornisci tutti i dati che ti vengono richiesti per la stipula del contratto (nome, cognome, data di nascita, codice fiscale, etc.) e leggi attentamente la documentazione che ti viene fornita compilandola accuratamente in ogni sua parte. A questo punto, tu non dovrai fare più nulla, in quanto sarà il nuovo fornitore a contattare Enel Energia comunicandogli (con un preavviso di 30 giorni) l’avvenuto cambio di fornitura da parte tua. Niente di più semplice!