Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Migliori controller PS4: guida all’acquisto

di

Sei un felice possessore di PlayStation 4 e ti stai divertendo particolarmente a giocare i tuoi titoli preferiti su questa console. Tuttavia, stai iniziando ad avere alcuni problemi con il controller. Avresti dunque intenzione di acquistarne uno nuovo e vorresti qualche consiglio in merito. Le cose stanno così, dico bene? Allora direi che sei arrivato nel posto giusto!

Nella guida di oggi, infatti, ti spiegherò nel dettaglio quali sono i migliori controller per PS4 fornendoti tutte le indicazioni del caso in merito a quali sono gli aspetti principali da tenere in considerazione quando si vuole acquistare un buon pad. Ci sarà inoltre modo di parlare di una miriade di modelli disponibili all’acquisto, andando ad analizzarne i punti di forza e gli eventuali limiti.

Insomma, al termine dei tutorial conoscerai molti prodotti e potrai effettuare la tua scelta in modo più consapevole. Che ne dici? Sei pronto a procedere? Direi proprio di sì, visto che sei arrivato fin qui e mi sembri particolarmente motivato nel voler continuare. Forza allora, tutto quello che devi fare è metterti bello comodo e analizzare i prodotti che trovi elencati di seguito. Ti posso assicurare che, alla fine, troverai il controller più adatto a te. Buona lettura e buon divertimento!

Indice

Informazioni preliminari

Controller PS4

Prima di illustrarti quelli che, a mio modesto avviso, sono i migliori controller per PS4, ritengo possa interessarti saperne di più in merito a questo variegato mercato.

Esistono infatti parecchie tipologie di pad per PlayStation 4. In linea generale, la caratteristica più importante per comprendere la qualità di questi modelli è la presenza della licenza Sony: acquistare un controller “approvato” dall’azienda nipponica significa, infatti, essere sicuri che esso funzioni correttamente in qualsiasi contesto.

Solitamente, capire se un controller possiede la licenza o meno è molto semplice: basta guardare se è presente il logo ufficiale di PlayStation in qualche parte del pad (spesso si trova sul pulsante Home). In alcuni casi però non è così e, quindi, per fugare ogni dubbio in merito, ti consiglio magari di effettuare qualche ricerca online sul modello coinvolto. In ogni caso, in questa guida andrò a trattare solamente controller con licenza Sony.

Un altro aspetto da non sottovalutare è il metodo con cui il controller si collega alla PlayStation 4. Esistono infatti sia pad wireless che funzionanti solamente via cavo. Un controller senza fili permette una maggiore comodità, ma alcuni giocatori professionisti preferiscono utilizzare dei pad con cavo, per ridurre il più possibile i tempi di risposta. Prendi quindi la tua decisione anche in base a che tipo di giocatore sei.

Ti sconsiglio, infine, di dare retta a chi vende controller modificati, spesso indicati con i termini chipped o modded. In parole povere, questi ultimi vengono utilizzati per “barare” e possono tranquillamente comportare il ban dai giochi online. Insomma, non ha proprio senso precludersi da soli il divertimento provando a vincere in modi non concessi dagli sviluppatori.

Migliori controller PS4

Fatte le dovute precisazioni di cui sopra, passiamo al sodo e scopriamo quali sono i controller per PlayStation 4 con licenza Sony più interessanti del momento: sono sicuro che non faticherai a trovarne anche uno adatto a te.

DualShock 4 V2

DualShock 4 V2

DualShock 4 V2, ovvero la seconda incarnazione del controller PS4 ufficiale, quello che viene inserito nella confezione di vendita della console, è il pad più diffuso e affidabile presente in commercio.

Stiamo infatti parlando di un controller in grado di funzionare sia wireless che attraverso il cavo presente in confezione, attraverso il quale avviene anche la ricarica. Il posizionamento dei pulsanti e l’ergonomia sono stati studiati nei minimi dettagli da Sony e, infatti, il DualShock 4 V2 è apprezzato da moltissimi utenti PlayStation 4.

Nella parte centrale sono presenti un pulsante touchpad, comodo per effettuare alcune operazioni, come quelle di scrittura, gli altoparlanti, che garantiscono una maggiore immersione in alcuni giochi, e il tasto Home, che consente di tornare alla schermata principale della PlayStation 4 in un battibaleno. Ottima anche la presenza del pulsante Share, che si trova in alto a sinistra e consente di acquisire istantaneamente filmati o screenshot. Non manca anche il jack audio per le cuffie, presente nella parte inferiore del controller.

La principale differenza tra la prima versione del DualShock 4 e quella di cui stiamo parlando è legata al sistema di illuminazione avanzato della zona che si trova nella parte superiore del controller (barra luminosa del touchpad compresa). Infatti, quest’area è in grado di cambiare colore a seconda di quanto avviene all’interno di alcuni giochi, segnalando all’utente, ad esempio, una situazione in cui il suo personaggio ha poca vita.

Le altre importanti novità rispetto al precedessore sono la maggior resistenza e la presenza della connessione dati USB, che permette di giocare con tempi di risposta ridotti all’osso semplicemente collegando il controller via cavo alla PlayStation 4. Sicuramente il DualShock 4 V2 dispone di un ottimo rapporto qualità/prezzo ed è anche uno dei pad più completi disponibili in commercio.


Razer Raiju Tournament Edition

Razer Raiju Tournament Edition

Se vuoi puntare ad alti livelli e miri al competitivo, una delle migliori scelte presenti sul mercato è Razer Raiju Tournament Edition. Dotato di licenza Sony, è considerato da molti come il miglior controller PS4 per FPS, anche se chiaramente può essere utilizzato anche per altri generi.

Una delle caratteristiche peculiari del pad è la presenza di 4 pulsanti multifunzione ri-assegnabili, che sono anche removibili e possono essere utilizzati per eseguire più rapidamente le azioni all’interno dei giochi: un aspetto di fondamentale importanza in giochi frenetici come gli sparatutto.

Da sottolineare anche l’interessante Hair Trigger Mode che, essenzialmente, va a “bloccare” i grilletti per consentire al giocatore di poter sparare e mirare più velocemente. Questo può consentire un ottimo vantaggio competitivo e non è quindi un caso che il controller venga utilizzato anche da molti professionisti.

Il Razer Raiju Tournament Edition si collega alla PlayStation 4 sia via Bluetooth che in modalità cablata e può essere regolato in termini di vibrazione, sensibilità e tasti direttamente tramite l’applicazione gratuita Razer Raiju for PS4, disponibile sia per Android che per iOS.

Parlando del design, la forma è a metà tra quella del controller Xbox e quella del pad PS4, quindi a livello estetico Razer Raiju Tournament Edition potrebbe piacere un po’ a chiunque. La solidità costruttiva è ottima (forse l’unica pecca è il peso che ne deriva, ma in realtà questo non è un grosso problema per molti utenti).


Nacon Revolution Pro 2

Nacon

Se stai cercando un pad con licenza Sony dal design moderno e sei un sostenitore del posizionamento asimmetrico degli analogici, il Nacon Revolution Pro 2 potrebbe fare al caso tuo.

Si tratta di un controller pensato per i giocatori professionisti che prediligono una disposizione dei pulsanti più vicina a quella del pad Xbox che a quella del DualShock 4. Nacon Revolution Pro 2 si collega alla PlayStation 4 solamente tramite USB e dispone di alcune funzionalità avanzate pensate per i pro player, dalla possibilità di regolare la sensibilità degli stick analogici alla scelta di utilizzare la croce direzionale a 4 o 8 direzioni.

La solidità costruttiva è ottima e in linea generale il controller fornisce una sensazione “premium” in tal senso. Non mancano il jack audio per le cuffie, la piccola barra luminosa, il touchpad, il pulsante Share e il tasto Home. Molto interessante l’utilizzo della porta USB Type-C, che consente di prevenire maggiormente un possibile scollegamento accidentale del controller.

Qualche utente ha storto il naso di fronte alla scelta di Nacon di non permettere di utilizzare le macro, ovvero delle sequenze di tasti registrate che vengono poi riprodotte in automatico presenti nella prima versione di questo controller, ma d’altronde queste ultime solitamente non si possono utilizzare durante le competizioni ufficiali e sembra quindi una scelta sensata.


Hori Fighting Commander

Hori Fighting Commander

Se sei un appassionato di picchiaduro e stai cercando un controller economico diverso da quelli che si trovano solitamente in commercio, ti consiglio di dare uno sguardo a Hori Fighting Commander, un altro pad dotato di licenza Sony.

Pensato soprattutto per chi non vuole passare agli Stick Arcade e preferisce un design più simile a quello standard, Hori Fighting Commander è un controller che si collega unicamente tramite cavo USB alla PlayStation 4. Questo consente di avere tempi di risposta ridotti, di fondamentale importanza per i picchiaduro.

La solidità costruttiva è nella norma e l’ergonomia è buona: una volta imparato a padroneggiare il pad, molti appassionati di picchiaduro non riescono più a tornare indietro. Chiaramente non stiamo parlando di un controller adatto agli altri generi di videogiochi, visto che vengono a mancare gli stick analogici. Un pad pensato per affiancare a quello standard, piuttosto che per sostituirlo.

Sulla destra sono presenti 2 pulsanti programmabili, che possono essere utilizzati per rendere più veloci le proprie azioni in-game e generare combo devastanti. Non mancano uno slider per gestire la croce direzionale, uno per cambiare l’assegnazione dei tasti dorsali, il pulsante per la modalità Turbo, il pulsante Share e l’immancabile tasto Home. Vengono invece a mancare vibrazione e jack per le cuffie.

Insomma, Hori Fighting Commander è un controller economico progettato esclusivamente per i giochi picchiaduro e quindi può interessare a quella nicchia di pubblico.


Razer Raiju Ultimate

Razer Raiju Ultimate

Se il Razer Raiju Tournament Edition di cui ti ho parlato in precedenza non ti basta e vuoi puntare a un controller PS4 con licenza Sony che sia veramente al top, dovresti dare una chance a Razer Raiju Ultimate.

Si tratta di un controller che dispone di tutte le ottime specifiche del modello “base” e aggiunge diverse possibilità di personalizzazione in più. Infatti, la caratteristica peculiare di Razer Raiju Ultimate è la possibilità di cambiare le levette e di sceglierle in base alla loro forma e altezza. Oltre a questo, è possibile montare un D-Pad inclinabile o individuale. In parole povere, è possibile personalizzare fisicamente il layout del pad in base alle proprie esigenze.

La solidità costruttiva è ottima e la connessione avviene sia tramite Bluetooth che via cavo. Non manca la possibilità di regolare pulsanti, sensibilità degli analogici e intensità della vibrazione mediante la classica applicazione per dispositivi mobili e in questo caso c’è anche un’interessante striscia LED RGB che circonda il touchpad.

In definitiva, Razer Raiju Ultimate è uno dei controller per PS4 più personalizzabili disponibili sul mercato e, per questo motivo, risulta particolarmente adatto ai pro player. Secondo molti, questo pad può garantire grandi vantaggi competitivi in giochi come i Battle Royale. È quindi considerato dalla community come il miglior controller PS4 per Fortnite.


Nacon Compact

Nacon Compact

Se stai cercando un prodotto che non costi troppo e che disponga al contempo della licenza ufficiale Sony, potresti dare un’occhiata al controller Nacon Compact.

Infatti, si tratta di un modello entry-level funzionante solamente via cavo USB (la lunghezza di quest’ultimo è pari a 3 metri circa). Questo significa che il pad non dispone di tutte le funzionalità offerte dal classico DualShock 4, ma si limita a garantire quel che serve all’utente medio, mantenendo il prezzo il più basso possibile.

La solidità costruttiva è buona e le dimensioni sono compatte, aspetto che viene apprezzato particolarmente da chi ritiene che molti controller per PlayStation 4 siano scomodi da utilizzare. Il posizionamento dei tasti è essenzialmente quello classico a cui i giocatori della console di Sony sono abituati, ma chiaramente le dimensioni compatte comportano il fatto che i tasti siano più vicini tra di loro.

Il touchpad, anche se in dimensioni contenute, è comunque presente e anche i pulsanti Share e Home sono al loro posto. C’è anche una piccola barra luminosa, che si trova appena sopra all’ingresso del jack audio per le cuffie. Un buon pad per chi non vuole spendere troppo, anche se la mancanza del Bluetooth e le dimensioni contenute sono da tenere in considerazione.


Hori Mini Wired

Hori Mini Wired

I bambini più piccoli fanno possono avere qualche problema ad utilizzare il controller PS4, viste le dimensioni di quest’ultimo. Per questo motivo, è stato creato Hori Mini Wired: un pad dotato di licenza Sony pensato tenendo bene a mente le esigenze dei giovani giocatori.

In parole povere, si tratta di un pad economico dalle dimensioni particolarmente contenute (ridotte del 40% rispetto a quelle del controller standard). Hori Mini Wired si collega esclusivamente tramite cavo USB (lunghezza pari a circa 3 metri) e dispone persino di un piccolo touchpad che simula quello presente sul DualShock 4.

Per il resto, sono chiaramente state rimossi tutte le funzionalità superflue, ma il tasto Home, il pulsante Share, il D-Pad e gli analogici sono comunque al loro posto. Le colorazioni disponibili sono Nero, Blu e Rosso, quindi i pargoli possono anche scegliere il modello che ritengono più bello da vedere.

Un prodotto da tenere in considerazione per i tuoi figli, pensato per introdurre i più piccoli al mondo della PlayStation 4.


Nacon Asymmetric Wireless

Nacon Asymmetric Controller

Una delle maggiori critiche rivolte al controller PlayStation 4 da chi è solito utilizzare il pad Xbox è quella relativa al design simmetrico degli analogici scelto da Sony, che secondo alcuni appassionati sarebbe bello da vedere ma non risulterebbe comodo quanto la soluzione di Microsoft.

Per questo motivo, Nacon ha immesso sul mercato un controller asimmetrico per PlayStation 4 dotato di licenza Sony che riprende per certi versi il design del pad Xbox. Nacon Asymmetric Wireless si collega alla console esclusivamente tramite un trasmettitore USB. Non sono inoltre presenti speaker e sensori di movimento, ma d’altronde stiamo parlando di un pad economico.

Troviamo invece una barra luminosa posta tra l’ingresso del jack audio per le cuffie e il pulsante Home. Non manca nemmeno il tasto Share e la solidità costruttiva è buona. Nessun problema per quanto riguarda la copertura tramite wireless e la durata della batteria: siamo su livelli simili a quelli del DualShock 4.

In definitiva, Nacon Asymmetric Wireless è un ottimo controller economico pensato per chi si è ormai abituato alla disposizione degli analogici del pad Xbox.


Hori Onyx Wireless

Hori Onyx Wireless

Come dici? Sei alla ricerca di un controller economico con design asimmetrico in grado di offrire anche una forma vicina a quella del pad Xbox? Beh, allora il controller con licenza Sony Hori Onyx Wireless potrebbe fare al caso tuo.

Si tratta di un prodotto che ha delle caratteristiche molto simili a quelle offerte dal Nacon Asymmetric Wireless di cui ti ho parlato in precedenza, visto che anche in questo caso la connessione avviene solamente tramite trasmettitore USB e i pulsanti disponibili sono sempre quelli classici.

Hory Onix Wireless è un controller adatto principalmente a chi vuole avvicinarsi il più possibile all’esperienza garantita dal pad Xbox senza dover spendere troppo.


ASTRO Gaming C40 TR

Astro Gaming Astro C40

Dotato di licenza Sony, ASTRO Gaming C40 TR è un controller dal design particolarmente atipico rispetto a quello classico utilizzato dalla maggior parte dei pad per console ed è anche per questo che alcuni giocatori lo utilizzano: per distinguersi dagli altri.

Stiamo parlando di un pad pensato per competere nei tornei e troviamo quindi dei pulsanti programmabili e di moduli rimovibili e intercambiabili, dagli analogici al tastierino direzionale. Questo significa che è possibile sia utilizzare il pad con gli analogici posti in modo simmetrico che asimmetrico. In parole povere, il giocatore decide quale configurazione si adatta di più alle sue esigenze.

ASTRO Gaming C40 TR si collega alla PlayStation 4 sia in modo cablato che wireless. Non manca, inoltre, una funzionalità che consente di “bloccare” i trigger per consentire ai giocatori di mirare e sparare in modo più veloce. Questo può garantire un buon vantaggio competitivo soprattutto nei giochi sparatutto, in cui la velocità d’azione è piuttosto importante.

Tuttavia, come avrai già intuito, l’ampia personalizzazione garantita da questo controller lo rende in realtà adatto a praticamente qualsiasi genere di gioco.

Astro C40 TR Controller Wireless Professionale, Compatibile con Playst...
Vedi offerta su Amazon

Per finire, visto che sei interessato ai controller per PlayStation 4, mi sento di consigliarti alcuni tutorial che potrebbero risultarti utili. In particolare, ti consiglio di dare un’occhiata alle mie guide su come resettare il controller PS4, come caricare il controller PS4 e come giocare in due su PS4.

Salvatore Aranzulla

Autore

Salvatore Aranzulla

Salvatore Aranzulla è il blogger e divulgatore informatico più letto in Italia. Noto per aver scoperto delle vulnerabilità nei siti di Google e Microsoft. Collabora con riviste di informatica e cura la rubrica tecnologica del quotidiano Il Messaggero. È il fondatore di Aranzulla.it, uno dei trenta siti più visitati d'Italia, nel quale risponde con semplicità a migliaia di dubbi di tipo informatico. Ha pubblicato per Mondadori e Mondadori Informatica.