Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Migliori giochi PS Now

di

Hai sentito dire che PlayStation Now, il servizio in abbonamento di Sony legato al gioco in streaming, ha subito dei cambiamenti importanti. Più precisamente, sei venuto a conoscenza del fatto che ora la possibilità di giocare in streaming nel cloud è inclusa nel piano PlayStation Plus Premium, ovvero nella versione più costosa di quel tipo di abbonamento. Non hai però ben capito, in questo contesto, quali sono i titoli di cui è possibile usufruire in questo modo. Le cose stanno così, dico bene? Allora sono lieto di annunciarti che sei arrivato proprio nel posto giusto al momento giusto!

Nel tutorial di oggi, infatti, ti spiegherò nel dettaglio quali sono i migliori giochi su PS Now (o meglio, quali sono quelli disponibili dopo l'integrazione in PS Plus Premium). Nel caso te lo stessi chiedendo, ti fornirò anche un'esaustiva descrizione di ciascuno di essi e tutte le informazioni del caso in merito a quali titoli si possono scaricare, in modo che tu possa divertirti il più possibile. Non mancherò, poi, di analizzare nel dettaglio i costi e i requisiti minimi richiesti per poter usufruire correttamente dello streaming nel cloud di Sony.

Coraggio: perché sei ancora lì fermo immobile davanti allo schermo? Vuoi scoprire quali sono le migliori produzioni disponibili in questa tipologia di sottoscrizione? Direi proprio di sì, visto che stai leggendo con interesse questo post. Forza allora, devi solamente prenderti qualche minuto di tempo libero, metterti bello comodo e seguire quanto indicato di seguito. Insomma, nulla di difficile. Detto questo, a me non resta altro da fare, se non augurarti buona lettura e buon divertimento!

Indice

Informazioni preliminari

PS Now PlayStation Plus Premium

Prima di spiegarti nel dettaglio quali sono quelli che ritengo essere i migliori giochi su PS Now (o meglio, i migliori titoli che si possono giocare in cloud tramite quello che ora si chiama PlayStation Plus Premium), ritengo possa interessarti saperne di più in merito a questo servizio.

Ebbene, nella sua concezione originale, PlayStation Now era un servizio, accessibile da PlayStation 4 e PC, che sfruttava lo streaming per permettere ai giocatori di usufruire dei vari titoli presenti nel suo catalogo. Il funzionamento era il seguente: il gioco non veniva fatto girare sulla PlayStation 4 o sul PC, bensì eseguito su server remoti di Sony, che trasmettevano poi il flusso video al terminale dell'utente.

Questo ha permesso ai giocatori di “far girare” titoli particolarmente esosi di risorse anche su dispositivi datati. Il catalogo di giochi disponibili è sempre stato piuttosto vario e ha compreso sin da subito titoli per PlayStation 2, PlayStation 3 e, ovviamente, PlayStation 4. Quasi inutile dire che il requisito principale per un servizio di questo tipo è una buona connessione a Internet, visto che altrimenti può verificarsi input lag (tempo che passa da quanto il giocatore preme un pulsante a quando quell'azione avviene sullo schermo) e/o artefatti visivi.

Per PlayStation Now è sempre stata richiesta una connessione a 5 Mbps o superiore, anche se è sempre ovviamente stata consigliata una linea piuttosto prestante per poter usufruire al meglio del servizio. Inoltre, è sempre stato richiesto di disporre di un controller a scelta tra il DualShock ufficiale di Sony e quelli di terze parti con Xinput. Insomma, la questione è chiara: per giocare in streaming nel cloud bisogna avere una connessione a Internet prestante, un account PlayStation Network e un controller.

Piani PlayStation Plus 2022 Premium Extra Essential

Perché faccio riferimento al passato quando tratto PlayStation Now? Semplice: questo tipo di abbonamento non esiste più. Infatti, come già accennato in precedenza e come indicato sul portale ufficiale di PlayStation, da giugno 2022 la funzionalità di streaming nel cloud è integrata nella sottoscrizione PlayStation Plus Premium, proposta al prezzo di 16,99 euro al mese, 49,99 euro ogni 3 mesi o 119,99 euro all'anno. Coloro che avevano un abbonamento PS Now attivo al momento del lancio del rinnovato PS Plus a giugno 2022 sono passati a PS Plus Premium.

Quale tipologia di connessione a Internet viene richiesta ora per usufruire dello streaming in cloud tramite PlayStation Plus Premium? Ci vogliono almeno 5Mbps, ma per la risoluzione 1080p servono almeno 15Mbps. Il funzionamento è in ogni caso essenzialmente quello di sempre, solo che ora tutto è integrato in PS Plus. Potrebbe dunque interessarti approfondire le mie guide su come funziona PlayStation Now e come disdire PlayStation Now per maggiori informazioni. Inoltre, se non sai come gestire i metodi di pagamento, potrebbe esserti utile anche il mio tutorial su come pagare su PlayStation Store. Per il resto, se sei interessato alle novità arrivate a giugno 2022, potrebbe farti piacere approfondire il mio tutorial su come attivare il PlayStation Plus.

In ogni caso, in questa sede risulta interessante approfondire il rinnovato catalogo di titoli giocabili in cloud. Infatti, l'integrazione di PlayStation Now in PlayStation Plus Premium (che, tra l'altro, permette ancora una volta di giocare sia da console PlayStation, PS4 o PS5 che sia, che da PC: potresti voler consultare le linee guida ufficiali di Sony per PC e il tutorial introduttivo di PlayStation per maggiori dettagli).

Migliori giochi su PS Now (PlayStation Plus Premium)

Il catalogo in cloud di PlayStation Plus Premium (abbonamento in cui è stato integrato PS Now) è piuttosto ampio e in continuo aggiornamento, quindi stilare una lista dei titoli migliori è un po' complesso. Tuttavia, di seguito trovi i giochi che ritengo più validi e che sono disponibili nel momento in cui scrivo queste righe.

Nota: le produzioni di cui è possibile usufruire in streaming sono legate a un'ampia selezione dal Catalogo dei classici, nonché a molti titoli PS4 legati al Catalogo giochi. Puoi sfogliare i cataloghi mediante il portale ufficiale di PlayStation Plus.

Bloodborne

Bloodborne PlayStation Now

Vincitore del premio come miglior gioco PlayStation ai Golden Joystick Awards del 2015, Bloodborne è sicuramente uno dei titoli che ha convinto di più gli appassionati del genere soulslike (prima ancora di Elden Ring). Si fa infatti riferimento a un'esclusiva PS4 legata, perlomeno spiritualmente, alla nota serie Dark Souls. Motivo dell'apprezzamento degli utenti è anche legato al fatto che quest'esclusiva è di fatto arrivata su PC tramite cloud (inizialmente mediante PS Now, poi tramite PlayStation Plus Premium).

Bloodborne, sviluppato da From Software, è un titolo che riprende le meccaniche di base delle precedenti opere della software house nipponica, come l'alta difficoltà e la struttura del proseguimento dell'avventura (tra zone “esplorabili” e boss), ma introduce una caratteristica piuttosto importante: le armi da fuoco.

Queste ultime danno vita a molte possibilità in più in termini di gameplay e possono essere inoltre combinate con l'utilizzo delle classiche armi melee a cui From Software ha abituato gli utenti. Secondo molti, Bloodborne è una delle migliori esclusive di sempre per PlayStation 4, grazie alle sue atmosfere cupe e all'elevato senso di soddisfazione che si prova quando si riesce a sconfiggere un nemico particolarmente possente.

Molto apprezzata la componente online, che permette di evocare altri giocatori per farsi aiutare contro i nemici più ostici oppure di sfidarli in PvP tramite le invasioni, in pieno stile Souls. La trama va invece sempre ricercata attraverso gli oggetti e gli elementi che compongono la lore, la “storia nascosta” del mondo di gioco. Tieni bene a mente che la versione di Bloodborne presente su PlayStation Plus Premium non comprende il DLC The Old Hunters, che va acquistato a parte su PlayStation e su PC non è invece purtroppo disponibile. In ogni caso, Bloodborne è un titolo interessante anche senza la sua espansione e sicuramente può essere un valido gioco da provare in cloud.

God of War

God of War PlayStation Now

Vincitore del premio GOTY (Game of The Year, cioè gioco dell'anno) ai The Game Awards del 2018, l'ottavo capitolo della serie di Sony, chiamato semplicemente God of War, è un'esclusiva per PlayStation 4 sviluppata da Santa Monica Studio. Anche in questo caso, il titolo è arrivato su PC prima grazie a PlayStation Now e poi tramite PS Plus Premium: un motivo in più per cui i giocatori hanno apprezzato questa scelta di Sony.

In un'operazione di reboot, ovvero di “ritorno alle origini della saga”, il titolo mette nei panni di Kratos, Dio della Guerra, che con il giovane Atreus sta cercando di onorare il desiderio di sua moglie Faye, che in punto di morte ha espresso la volontà che le sue ceneri siano sparse sulla montagna più alta dei Nove Regni. C'è però qualcosa di strano al di fuori del luogo in cui Kratos e Atreus vivono la loro quotidianità: sta a te imbarcarti in quest'avventura e scoprirne tutti i segreti.

God of War è apprezzato particolarmente dai giocatori soprattutto grazie alla sua “ricostruzione” della mitologia norrena, all'intensità del racconto del rapporto tra Kratos e il piccolo Atreus, al divertente gameplay e all'ottimo comparto tecnico. La critica di settore lo ha a più riprese descritto come “l'inizio di un nuovo corso per la serie”.

The Last of Us Remastered

The Last of Us PlayStation Now

Lanciato nel 2013, The Last of Us è uno dei giochi che più ha segnato il genere action-adventure nel corso del decennio 2010-2019. Stiamo parlando di un'esclusiva per PS4/PS3, quindi gli utenti PC hanno gradito particolarmente la possibilità di giocare questo titolo sui loro terminali.

Nella trama del gioco, l'utente prenderà parte a un'avventura che coinvolge due personaggi principali: Joel e l'adolescente Ellie. In uno scenario postapocalittico, dove la maggior parte della popolazione mondiale è stata uccisa dall'infezione causata da un fungo parassita che trasforma le persone in creature mostruose, i due dovranno riuscire a salvarsi mentre il mondo collassa sotto le conseguenze mortali dell'epidemia.

The Last of Us è stato accolto piuttosto positivamente sin da subito da critica e pubblico, che hanno elogiato il titolo soprattutto per via dell'importanza data dal gioco alla libertà decisionale, all'ottimo gameplay e alla trama diretta e spietata, in grado di rimanere impressa nella mente. Non a caso, il titolo sviluppato da Naughty Dog ha vinto il premio come miglior gioco per PlayStation 3 ai VGX del 2013 (evento che ha fatto da “precursore” ai The Game Awards di Geoff Keighley).

The Last of Us è disponibile su PlayStation Plus nella sua Remastered, che include anche il DLC Left Behind. Si tratta dell'edizione uscita nel 2014 per PlayStation 4.

Altri giochi da provare su PlayStation Plus Premium

Migliori giochi cloud PlayStation Plus Premium

Ovviamente, il catalogo di PlayStation Now include anche molti altri titoli validi. Di seguito trovi quelli che ritengo più interessanti.

  • Marvel's Spider Man Miles Morales: titolo del 2018 sviluppato da Insomniac Games. È uscito su PS4 e PS5: se sei un amante dell'universo di Spider Man, dovresti provarlo.
  • Days Gone: un action adventure di Bend Studio del 2019. Tra motociclette, pandemia e mondo post-apocalittico, il divertimento è assicurato.
  • Ghost of Tsushima Director's Cut: altro noto titolo PlayStation. Questa volta Sucker Punch Productions esplora il mondo dei samurai.
  • Assassin's Creed Valhalla: la serie Assassin's Creed non ha di certo bisogno di presentazioni. Valhalla è uno dei titoli più ambiziosi.
  • Horizon Zero Dawn Complete Edition: un action adventure open world ambientato in un mondo postapocalittico dominato da robot ostili.

Ti ricordo che le informazioni che ho inserito in questa guida sono soggette a variazioni, visto che Sony potrebbe decidere di rimuovere o aggiungere giochi a PlayStation Plus Premium da un momento all'altro. In ogni caso, puoi consultare tu stesso il catalogo e vedere quali titoli fanno per te.

Salvatore Aranzulla

Autore

Salvatore Aranzulla

Salvatore Aranzulla è il blogger e divulgatore informatico più letto in Italia. Noto per aver scoperto delle vulnerabilità nei siti di Google e Microsoft. Collabora con riviste di informatica e cura la rubrica tecnologica del quotidiano Il Messaggero. È il fondatore di Aranzulla.it, uno dei trenta siti più visitati d'Italia, nel quale risponde con semplicità a migliaia di dubbi di tipo informatico. Ha pubblicato per Mondadori e Mondadori Informatica.