Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Programmi per dual monitor

di

Possiedi una postazione dual monitor e sei alla ricerca di qualche software che ti consenta di gestire al meglio l’uso delle tue applicazioni e la visualizzazione dei contenuti di tuo interesse tra uno schermo e l’altro? Beh, per tua fortuna sei capitato sulla guida giusta, al momento giusto. Se mi dedichi qualche minuto del tuo prezioso tempo, infatti, posso suggerirti quelli che, a mio modesto avviso, rappresentano i migliori programmi per dual monitor presenti su piazza.

Nelle righe successive, andrò dunque a indicarti le più interessanti soluzioni della categoria, sia per Windows che per macOS, sia gratis che a pagamento. Prima che tu possa pensare a chissà cosa, ci tengo a farti presente che si tratta di risorse piuttosto semplici da impiegare, anche da parte di chi non si reputa propriamente un grande esperto in fatto di informatica e nuove tecnologie.

Allora? Posso sapere che cosa ci fai ancora lì impalato? Posizionati bello comodo e comincia subito a concentrarti sulla lettura di quanto riportato qui di seguito. Sono sicuro che, alla fine, potrai ritenerti ben contento e soddisfatto e che, addirittura, in caso di necessità, sarai pronto a fornire utili dritte al riguardo a tutti i tuoi amici interessati al medesimo argomento. Che ne dici, scommettiamo?

Indice

Informazioni preliminari

Postazione dual monitor

Prima di entrare nel vivo del tutorial e, quindi, andare a scoprire quali sono i programmi per dual monitor più interessanti e utili, è doveroso, da parte mia, fare alcune precisazioni riguardo la possibilità di utilizzare due schermi sul medesimo computer.

Partiamo da un punto fermo: l’operazione in questione può essere compiuta sia su Windows che su macOS e, per riuscirci, occorre stabilire un collegamento al monitor secondario tramite cavo. Le prese per collegare gli schermi al PC e i relativi cavi da utilizzare possono essere di tipi differenti (es. VGA, HDMI ecc.).

In realtà sarebbe possibile usare anche tecnologie wireless, come quelle offerte da Chromecast, Apple TV e dalla tecnologia Miracast, ma ti sconsiglio vivamente l’uso di sistemi dual screen basati su tecnologie senza fili, a causa dei possibili lag che ci possono essere.

Ciò detto, una volta collegati i due monitor al computer, per la loro gestione ci si può affidare tranquillamente alle opzioni incluse "di serie" del sistema operativo in uso: su Windows, ad esempio basta fare clic destro in un punto senza icone del desktop, selezionare la voce Risoluzione dello schermo oppure quella Impostazioni schermo dal menu che compare e intervenire sulle voci annesse alla finestra visualizzata.

Su macOS, invece, bisogna cliccare sull’icona di Preferenze di Sistema (quella con il simbolo dell’ingranaggio) collocata sulla barra Dock, selezionare la voce Monitor dalla finestra che si apre e intervenire sulle voci annesse alle schede Monitor, Disposizione e Colore, a seconda delle regolazioni da apportare.

Se non disponi ancora dell’attrezzatura necessaria per compiere l’operazione in questione o, comunque, se desideri approfondire il discorso dual monitor, puoi fare riferimento alle mie guide su come collegare due monitor al PC e come sdoppiare lo schermo.

Programmi per dual monitor

Fatte le dovute precisazioni di cui sopra, veniamo al nocciolo vero e proprio del discorso e andiamo a scoprire, dunque, quali sono i più interessanti programmi per dual monitor per computer Windows e macOS: li trovi indicati qui di seguito. Buon download!

DisplayFusion (Windows)

DisplayFusion

DisplayFusion è uno dei migliori programmi per dual monitor per Windows, attraverso il quale è possibile gestire e "vivere" in maniera ottimale il proprio sistema a due schermi.

Tra le sue funzioni principali, ci sono l’estensione della barra delle applicazioni su entrambi i desktop, la gestione avanzata dei wallpaper, l’impostazione di risoluzione, profondità dei colori e refresh rate per ogni schermo, la gestione avanzata delle finestre per entrambi i desktop, l’organizzazione intelligente delle icone e l’impostazione di uno screensaver diverso per ogni display. Il software è a pagamento (con prezzi a partire da 29 dollari), ma è disponibile in una versione di prova gratuita che permette di testarne tutte le funzioni per un periodo di 30 giorni.

Per scaricare il programma sul tuo computer, recati sul suo sito Internet, scorri la pagina visualizzata verso il basso e fai clic prima sul pulsante Scarica ora e poi su quello con su scritto Scarica Installer Now.

A download ultimato, apri il file .exe ottenuto e clicca sul pulsante nella finestra che vedi comparire sul desktop. Premi poi sul bottone OK, seleziona la voce Accetto i termini del contratto di licenza, clicca sul pulsante Avanti per quattro volte consecutive, seleziona l’opzione relativa all’uso della versione di prova del programma e premi ancora sul bottone Avanti per due volte di seguito. Infine, clicca sui pulsanti Installa e Fine.

Ora che visualizzi la finestra del programma sullo schermo, segui il breve tutorial introduttivo relativo all’uso di DisplayFusion che ti viene proposto, facendo sempre clic sul pulsante Avanti e, per concludere, clicca sul pulsante Configura che trovi in basso a sinistra.

Tramite l’ulteriore finestra che si apre, regola tutte le impostazioni di tuo interesse, selezionando le opzioni e i comandi disponibili nella barra laterale sulla sinistra (Taskbar, Dissolvenza Monitor ecc.) e servendoti poi dei menu, dei pulsanti e delle voci che trovi a destra. Per applicare le modifiche apportate, fai clic sul bottone Applica situato in basso a destra e su quello OK.

Se vuoi gestire rapidamente le impostazioni relative allo sfondo, invece, fai doppio clic sull’icona del programma aggiunta all’area di sistema di Windows, spunta la casella Permetti a DisplayFusion di gestire lo sfondo del desktop che si trova in cima alla finestra che si apre e scegli se usare uno sfondo diverso per ogni monitor, se estenderlo, quali colori usare, gli aggiustamenti da apportare ecc.

Actual Multiple Monitors (Windows)

Actual Multiple Monitors

Actual Multiple Monitors è un altro tra i programmi per dual monitor che ti invito a considerare. Consente, infatti, di rendere più comodo il lavoro sui sistemi con più schermi attraverso una serie di strumenti molto utili.

Fra questi, ci sono la taskbar estesa su entrambi i desktop, il task switcher su due schermi, la gestione avanzata dei wallpaper per ciascun display, la possibilità di impostare screensaver multi-monitor e di gestire le icone di tutti i desktop, le funzioni per il mouse ottimizzate sui sistemi dual screen e il mirroring di un desktop sull’altro. È a pagamento (costa 24,95 dollari), ma è disponibile in versione trial funzionante per 30 giorni.

Per effettuarne il download del programma sul tuo PC, visita il suo sito Internet e clicca sul bottone Download Now.

A scaricamento ultimato, apri il file .exe ottenuto e fai clic sul pulsante nella finestra che vedi comparire sullo schermo. In seguito, clicca sul bottone OK, seleziona la voce Accetto i termini del contratto di licenza e premi sul pulsante Avanti per cinque volte consecutive, poi su quello Installa e, per concludere, su Fine.

Nella finestra che si apre, fai clic sul pulsante per avviare la prova di 30 giorni del programma. Dopodiché imposta i parametri relativi all’uso del programma selezionando le opzioni che preferisci tramite la finestra su schermo e facendo sempre clic sul bottone Avanti. A seconda di quelle che sono le tue preferenze ed esigenze, puoi regolare le impostazioni relative allo sfondo, alla barra delle applicazioni, allo screensaver ecc. Per applicare le modifiche, clicca, di volta in volta, sul pulsante Applica e, infine, sul bottone Fatto.

Qualora avessi bisogno di apportare cambiamenti alla configurazione impostata, potrai riuscirci rapidamente facendo clic destro sull’icona del programma aggiunta all’area di sistema di Windows e selezionando la voce Configura dal menu che compare.

MultiWall (Windows)

MultiWall

MultiWall è una pratica applicazione gratuita per Windows che permette di gestire e applicare wallpaper su sistemi dual screen. Utilizzandola, è possibile impostare uno sfondo diverso su ciascun monitor del computer oppure impiegare una singola immagine come wallpaper di entrambi i desktop.

Consente inoltre di cambiare colore degli sfondi, ruotare le immagini, capovolgerle o ritagliarle prima di applicarle sui desktop. Attraverso MultiWall, è altresì possibile impostare sfondi a rotazione, sia attingendo le immagini da una cartella del PC che selezionando una fonte online da cui scaricare i wallpaper.

Per servirtene, visita il sito Internet del programma e clicca sul collegamento 64 bit oppure su quello 32bit che trovi in alto, a seconda della versione di Windows che stai utilizzando.

A scaricamento ultimato, apri il file .exe ottenuto e clicca sul pulsante nella finestra che compare sul desktop. Seleziona poi la voce I accept the agreement, clicca sul bottone Next per quattro volte consecutive, quindi sul pulsante Install e, infine, su Finish.

Ora che visualizzi la finestra principale del programma sul desktop, scegli se estendere lo sfondo a entrambi gli schermi o se applicarlo solo a un monitor oppure all’altro tramite il menu a tendina apposito che si trova al centro, sulla destra. Successivamente, seleziona l’immagine che preferisci da quelle nell’elenco in basso oppure usa degli sfondi personalizzati indicando la cartella di tuo interesse previo clic sul bottone Browse posto al centro.

Regola altresì le impostazioni relative al colore di sfondo, alla rotazione dell’immagine e alle dimensioni servendoti dei menu a tendina che trovi sotto l’anteprima (nella parte in alto della schermata) e, per concludere, applica i cambiamenti, facendo clic sui pulsanti Apply e OK che si trovano in basso.

Recandoti nella scheda Crawler del programma, invece, puoi scegliere se abilitare l’uso degli sfondi a rotazione, da quali fonti online o da quale cartella presente sul PC prelevarli.

SwitchResX (macOS)

SwitchResX

Per il versante macOS, purtroppo, non ci sono molti programmi per dual monitor. Tra i pochi disponibili, ti consiglio di provare SwitchResX: un’applicazione a pagamento (costa 14 euro), fruibile però in una versione di prova gratuita funzionante per 10 giorni, grazie alla quale è possibile gestire in maniera avanzata la risoluzione dei monitor collegati al Mac, oltre che delle singole applicazioni aperte.

Consente altresì di abilitare risoluzioni "ufficialmente" non previste da macOS (entro i limiti dell’hardware in uso), di effettuare il video-mirroring, di cambiare la profondità colore e molto altro ancora.

Per effettuarne il download sul tuo computer, visita il sito Internet del programma e clicca sulla voce Here you can download the latest version (x.x.x) of SwitchResX che trovi sotto la dicitura Try It Out.

A scaricamento ultimato, estrai l’archivio ZIP ottenuto in una posizione a piacere e trascina l’icona del programma contenuta al suo interno nella cartella Applicazioni del Mac. In seguito, fai clic destro su di essa e seleziona la voce Apri dal menu che compare, in modo tale da avviare SwitchResX andando però ad aggirare le limitazioni imposte da Apple verso le applicazioni provenienti da sviluppatori non certificati (operazione che va effettuata solo al primo avvio).

Nella finestra di Preferenze di Sistema che ora vedi comparire sul desktop, fai clic sul bottone Installa, per installare il pannello relativo al programma. Tramite la finestra di SwitchResX che in seguito ti sarà mostrata sulla scrivania, potrai poi gestire le impostazioni generali relative al funzionamento del programma, alle risoluzioni da usare sui monitor collegati al Mac e per le singole applicazioni ecc., facendo clic sulla voce di tuo interesse nella barra laterale di sinistra (General Settings, Display Set ecc.) e servendoti dei pulsanti e dei menu a destra.

Se vuoi, puoi impostare delle risoluzioni differenti per desktop e applicazioni agendo anche direttamente dal menu di stato del Mac, facendo clic sull’icona del programma e scegliendo l’opzione che preferisci dal menu che si apre.

Altri programmi

iMac

I programmi che ti ho già suggerito di impiegare non ti hanno convinto in maniera particolare e cerchi delle valide alternative a questi ultimi? Allora prova subito quelli che trovi qui di seguito: spero possano tornarti utili.

  • MultiMon Taskbar (Windows) – come intuibile abbastanza facilmente dal suo nome, si tratta di un’applicazione che permette di avere la barra delle applicazioni di Windows su entrambi i desktop nei sistemi dual screen. È disponibile in due versioni differenti: una gratuita, che fornisce una taskbar basilare, e una a pagamento (35 dollari), che integra numerose funzioni avanzate, come l’adattamento della barra delle applicazioni aggiuntiva allo stile grafico di quella primaria e la possibilità di passare velocemente le finestre da uno schermo all’altro. Occupa pochissima RAM e non mette sotto sforzo la CPU.
  • Dual Monitor Tools (Windows) – si tratta di una raccolta gratuita di programmi per dual monitor che permette di gestire i sistemi con schermi multipli a 360 gradi. Grazie a questa serie di strumenti, è possibile spostare velocemente le finestre da uno schermo all’altro, impostare l’esecuzione di programmi su determinati display, gestire gli sfondi su entrambi i desktop, spegnere un solo monitor lasciando l’altro acceso e catturare il desktop di un display per visualizzarlo sull’altro.
  • Displays (macOS) – applicazione a pagamento (costa 5,49 euro) che semplifica la gestione di più schermi su macOS. Consente di impostare facilmente la risoluzione di monitor primario e secondario, attivando anche impostazioni normalmente nascoste dal sistema operativo. Sì possono personalizzare le risoluzioni con etichette, sono supportate le scorciatoie di tastiera, le notifiche, la rotazione dello schermo e la visualizzazione di dettagli sul monitor.
  • MenuEverywhere (macOS) – software commerciale (costa 14,95 dollari), fruibile però in versione di prova gratuita funzionante per 30 giorni. Come lascia intendere il nome stesso, consente di visualizzare e usare la barra dei menu del Mac su tutti i monitor collegati al computer. Da notare che non risulta funzionante con macOS Mojave (almeno al momento in cui sto scrivendo questo tutorial).
  • Duet Display (macOS) – applicazione che permette di trasformare lo schermo dell’iPad in un secondo monitor per il Mac, previo collegamento tramite il relativo cavo Lightning/USB. Per usarla, occorre installare anche l’app companion sul tablet. Costa 16,99 euro.