Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Programmi per fare mappe concettuali

di

Organizzare bene le idee è fondamentale per portare a termine un lavoro in maniera efficiente. Qui entrano in gioco i programmi per fare mappe concettuali e mappe mentali, i quali permettono di generare facilmente dei grafici da consultare, modificare e trasferire istantaneamente su vari dispositivi.

La scelta in questo campo è davvero ampia: ci sono soluzioni professionali per chi è abituato a usare le mappe concettuali quotidianamente per fini lavorativi, applicazioni gratuite super-intuitive per gli utenti meno esperti e delle soluzioni online per fare tutto direttamente dal browser, senza scaricare programmi sul PC. Da non sottovalutare il fattore mobile: ormai sono sempre di più i software per le mappe concettuali che consentono di visualizzare e modificare i propri documenti anche da smartphone e tablet tramite apposite app.

Curioso di saperne di più? Vediamo, allora, quali sono i programmi per fare mappe concettuali che a mio modesto avviso rappresentano quelli più interessanti per tutte le tipologie d’utenza. Leggi con attenzione le righe successive, sono certo che in men che non si dica riuscirai a trovare la soluzione che meglio si addice alle tue esigenze.

Indice

Programmi per fare mappe concettuali gratis

Iniziamo questa disamina partendo da alcuni programmi per fare mappe concettuali gratis compatibili con Windows, macOS e Linux. Sono sicuro che, tra di essi, troverai anche qualche soluzione che fa al caso tuo.

Xmind (Windows/macOS/Linux)

XMind

Il primo programma per fare mappe concettuali che ti suggerisco di prendere in considerazione è Xmind. Si tratta di un software gratuito, utilizzabile su Windows, macOS e Linux che include tutte le funzioni che si aspetterebbero da un software del genere, compresa la possibilità di creare un account gratuito online e condividere le proprie mappe concettuali con gli altri incorporandole in blog e siti Internet.

Ti segnalo, comunque, che la versione gratuita non include alcune funzioni avanzate, come l’aggiunta delle note audio, la personalizzazione dei temi e l’esportazione delle mappe in alcuni formati, che sono invece disponibili nella versione a pagamento del programma (129 euro una tantum oppure 59,99 euro/anno).

Per scaricare la versione free di XMind, recati dunque sulla sua pagina di download e fai clic sul bottone Download For Windows oppure sul bottone Download on the Mac App Store (a seconda del sistema operativo in uso sul tuo computer).

A download completato, se usi Windows, apri il file .exe appena ottenuto e concludi il setup cliccando prima sul pulsante e poi su Continua, Acconsento e Salta (per saltare la creazione di un account Xmind; che potrai comunque creare in seguito, per condividere mappe mentali con altre persone).

Se utilizzi un Mac, invece, clicca sul pulsante Ottieni/Installa presente nella finestra del Mac App Store apertasi e conferma l’installazione dell’applicazione tramite la password dell’ID Apple o il Touch ID . Dopodiché clicca sul pulsante Apri per aprire XMind sul Mac e clicca sui bottoni Continua, Acconsento e Salta (per saltare la creazione dell’account; come ti dicevo, potrai registrarti con la tua email anche in un secondo momento).

Dopo aver installato e avviato XMind, seleziona uno dei temi disponibili (es. Classico, Colorato, etc.) e fai clic sul pulsante Crea. Dopodiché fai clic sul pulsante Continua e segui il tutorial che compare a schermo per vedere le principali funzioni del programma.

Arrivato a questo punto, fai doppio clic sulla voce Argomento centrale situata nel nodo principale della mappa e personalizzane il testo. Per personalizzare il nodo centrale, fai clic su di esso, in modo da selezionarlo; dopodiché clicca sul bottone Inserisci posto in alto e aggiungi etichette, immagini, allegati e quant’altro alla mappa concettuale.

Per inserire un nuovo nodo nella mappa, seleziona il nodo al quale desideri collegarlo e clicca sui pulsanti Argomento o Sottoargomento (in alto). A lavoro ultimato, puoi salvare la tua mappa concettuale cliccando sulla voce Esporta… presente nel menu File (in alto a sinistra) e selezionando uno dei formati disponibili per l’esportazione, tenendo conto che alcuni di essi sono disponibili solo nella versione a pagamento del software.

MindNode (macOS)

MindNode

In ambiente Mac, MindNode è una delle applicazioni più usate in assoluto per la creazione di mappe concettuali e mentali. Dispone di un’interfaccia utente molto intuitiva e tra le sue caratteristiche più interessanti prevede anche la possibilità di sincronizzare le mappe con iPhone e iPad (dove possono essere sia visualizzate che modificate).

Ti segnalo che è possibile usufruire delle funzioni più avanzate gratis per 14 giorni: per continuare a utilizzarle dopo tale periodo, è richiesto l’acquisto della versione a pagamento del programma, che costa 2,99 euro/mese e permette anche di sincronizzare i propri lavori sui dispositivi associati allo stesso ID Apple (l’applicazione, infatti, è disponibile anche per iOS/iPadOS).

Per scaricare MindNode, collegati a questa pagina del Mac App Store, fai clic sul pulsante Visualizza nel Mac App Store (se il MAS non si apre in automatico) e premi sul pulsante Ottieni/Installa, confermando poi l’operazione con il Touch ID o la password dell’ID Apple (se necessario). A download ultimato, fai quindi clic sul pulsante Apri.

A programma avviato, per iniziare a realizzare una mappa concettuale con MindNode, apri il menu File (in alto a sinistra) e seleziona la voce Nuovo da quest’ultimo. Utilizza, dunque, il pulsante + per aggiungere nuovi nodi alla mappa e avvaliti dei pulsanti posti nella parte superiore della finestra per inserire elementi aggiuntivi.

Per personalizzare l’aspetto della mappa, modificare il tema, etc. devi invece avvalerti dei menu e dei pulsanti situati sulla barra laterale posta sulla destra. Tieni conto che queste funzioni sono disponibili solo a pagamento (volendo puoi avvalerti della trial di 14 giorni per provarle e valutare, in seguito, la sottoscrizione di un abbonamento alla versione Pro).

Per salvare una mappa concettuale, clicca sulla voce File posta nella barra dei menu, in alto, fai clic sulla dicitura Esporta come e seleziona l’opzione di esportazione che più preferisci tra quelle disponibili.

Altri programmi per fare mappe concettuali

Creare mappa concettuale con Mac

Ci sono altri programmi per fare mappe concettuali che meritano di essere presi in considerazione: li trovi elencati qui sotto.

  • Cmap Tools (Windows/macOS/Linux) — è un programma per la realizzazione di mappe concettuali che è gratuito e semplice da utilizzare, grazie alla sua interfaccia utente decisamente user friendly. Te lo consiglio. È disponibile anche come app per iPadOS.
  • Word (Windows/macOS) — il celebre software di videoscrittura di casa Microsoft (disponibile anche come app per Android e iOS/iPadOS), può essere utilizzato anche per realizzare delle semplici mappe concettuali. Maggiori info qui.
  • Pages (macOS) — la nota applicazione di videoscrittura inclusa “di serie” su macOS (disponibile anche come app per iOS/iPadOS), può essere usata all’occorrenza anche per la creazione di mappe concettuali. Maggiori info qui.

Programmi per fare mappe concettuali online

Se i programmi per fare mappe concettuali che ti ho già segnalato non hanno saputo soddisfare le tue esigenze, perché sei alla ricerca di una soluzione ancora più “easy” e alla portata di tutti, ti invito a provare alcuni servizi online adatti allo scopo, come quelli che trovi elencati di seguito.

MindMeister (Online)

MindMeister

Uno dei migliori servizi Web per la realizzazione di mappe concettuali è MindMeister. Si tratta di una Web application che permette di creare e gestire facilmente mappe concettuali usando molte comode scorciatoie da tastiera e/o dei menu estremamente semplici. La sua versione gratuita è limitata ala realizzazione di 3 progetti: è possibile oltrepassare questo limite abbonandosi alla versione a pagamento, a partire da 4,99 euro/mese.

Per avvalerti di MindMeister, recati dunque sulla sua pagina principale e fai clic sul pulsante Iscriviti con Google oppure sul bottone Iscriviti con Facebook, per eseguire l’accesso con uno dei tuoi account online. Dopodiché segui le indicazioni che compaiono a schermo per completare la registrazione ed eseguire il primo accesso all’account.

A registrazione effettuata, clicca sulla voce Rimani Basic (sotto il box Gratuito), per continuare ad avvalerti della versione free del servizio, e inizia pure a creare la tua mappa concettuale avvalendoti dell’editor del servizio. Clicca, dunque, sul modello da cui partire (es. Allineato, Organigramma, etc.) e, una volta aperto, modificalo.

Clicca, quindi, sul nodo principale posto al centro e personalizza il testo contenuto al suo interno. Per apportare modifiche al testo oppure all’aspetto del nodo, avvaliti del menu posto in alto a destra, il quale permette di cambiare il colore del testo, aggiungere emoticon, personalizzare lo stile dei caratteri, etc.

Per inserire nuovi nodi, seleziona invece quello da usare come punto di partenza e clicca sul pulsante (+) posizionato in alto a destra; per aggiungere un rapporto tra le idee, fai clic sull’icona dei due fumetti con la freccia. Per cambiare il template della mappa, infine, fai clic sulla (i) posta in alto a sinistra e scegli il tema che più ti aggrada.

A lavoro ultimato, fai clic sull’icona della nuvola con la freccia rivolta verso il basso posta nell’angolo in basso a destra e seleziona una delle opzioni di salvataggio o condivisione tra quelle disponibili, per scaricare o condividere la tua mappa.

Altri servizi online per fare mappe concettuali

Mindomo

Ci sono tantissimi altri servizi online per fare mappe concettuali che meritano di essere presi in considerazione. Vedi se tra quelli elencati qui sotto ne trovi qualcuno adatto alle tue esigenze.

  • Mindomo — è una delle applicazioni Web più famose e utilizzate per creare mappe concettuali (e non solo). Può essere utilizzata gratis, ma solo per i primi tre progetti: per rimuovere questo limite e sbloccare tutte le sue funzioni avanzate bisogna sottoscrivere un abbonamento da 5,50 euro/mese.
  • Creately — è un servizio dedicato alla realizzazione di mappe concettuali, diagrammi di flusso e molto altro, utilizzabile gratuitamente fino a un massimo di tre progetti: l’accesso alla sua versione illimitata richiede un abbonamento a partire da 4,95 dollari/mese.
  • Goconqr — altro servizio Web utile allo scopo, mediante il quale è possibile realizzare mappe concettuali online in modo estremamente semplice, veloce e gratuito. Funziona previa registrazione.

Per maggiori informazioni circa l’uso di questi e altri siti per fare mappe concettuali, consulta pure la guida che ho dedicato all’argomento.

App per fare mappe concettuali

App per mappe concettuali

Concludo questo tutorial elencandoti qualche app per fare mappe mentali (oltre a quelle che ti ho segnalato nei capitoli precedenti, in relazione alle versioni mobili dei programmi menzionati).

  • miMind (Android) — app per dispositivi Android dedicata alla creazione di schermi e mappe concettuali di vario tipo. Ha un’interfaccia molto semplice da usare e dall’aspetto gradevole. Di base è gratis, ma l’accesso a tutte le sue funzioni richiede acquisti in-app a partire da 2,19 euro ciascuno.
  • Mindly (Android/iOS/iPadOS) — questa app è stata ideata per facilitare la creazione di mappe concettuali di impatto. Per gestire e realizzare un numero illimitato di mappe, bisogna acquistare la versione a pagamento, che costa 7,99 euro.
  • Mental (iPadOS) — è un’app dalla grafica essenziale che permette di creare mappe concettuali e mappe mentali con estrema facilità. È gratuita al 100%.

Se vuoi ulteriori informazioni sull’uso di queste e altre app per fare mappe concettuali, ti rimando alla lettura dell’articolo che ho dedicato all’argomento.

Salvatore Aranzulla

Autore

Salvatore Aranzulla

Salvatore Aranzulla è il blogger e divulgatore informatico più letto in Italia. Noto per aver scoperto delle vulnerabilità nei siti di Google e Microsoft. Collabora con riviste di informatica e cura la rubrica tecnologica del quotidiano Il Messaggero. È il fondatore di Aranzulla.it, uno dei trenta siti più visitati d'Italia, nel quale risponde con semplicità a migliaia di dubbi di tipo informatico. Ha pubblicato per Mondadori e Mondadori Informatica.