Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Quale tablet comprare a 150 euro

di

Hai finalmente deciso di acquistare il tuo primo tablet ma il tuo budget ti costringe a fare delle scelte mirate: puoi spendere al massimo 150 euro e così stai cercando un dispositivo che in quella fascia di prezzo riesca a offrire un’esperienza utente di buon livello. Se vuoi posso darti una mano io. In che modo? Semplice, segnalandoti alcuni device economici che potrebbero fare al caso tuo.

Nella fascia di mercato di tuo interesse ci sono tablet di varie “taglie” che possono essere destinati agli utilizzi più diversi, compresi dispositivi 2-in-1 che, grazie ad apposite cover con tastiera, possono essere usati come dei veri e propri notebook. Se vuoi scoprire qual è quello più adatto a te, focalizza l’attenzione sulle tue necessità relative al lavoro, lo studio e lo svago (insomma alle cose che intendi fare con il tablet!) e individua il dispositivo che riesce a soddisfarle meglio al prezzo più conveniente: è più facile di quello che immagini.

La scelta di sicuro non manca e, a parte qualche ovvia rinuncia che bisogna fare in termini di qualità costruttiva o performance rispetto ai tablet top di gamma, ti assicuro che ci si può portare a casa dei device veramente validi. Detto questo, non perdere altro tempo, analizza con attenzione le caratteristiche dei dispositivi elencati di seguito e scoprire quale tablet comprare a 150 euro.

Indice

Come scegliere un tablet da 150 euro

Quale tablet comprare a 150 euro

Anche se hanno tutti, più o meno, lo stesso prezzo, i tablet che si possono acquistare per 150 euro non sono tutti uguali: si distinguono per dimensioni, risoluzione dello schermo, dotazione hardware, sistema operativo e per tante altre caratteristiche che dovresti imparare a valutare con attenzione. Proviamo a scoprirle tutte in dettaglio.

Display

Il display è la parte più importante di un tablet, quella che ci permette di interagire con il dispositivo e di fruire dei nostri contenuti preferiti, pertanto va valutata con estrema attenzione tenendo conto di numerose variabili.

  • Dimensioni – la caratteristica più semplice da valutare è la grandezza dello schermo. Da questa dipendono il peso e la maneggevolezza del tablet, quindi riveste una grossa importanza. In linea di massima ti posso dire che i tablet da 7” e 8” sono estremamente comodi da portare in giro, consentono una fruizione agevole dei contenuti Web ma risultano un po’ limitanti per quanto concerne la riproduzione di contenuti multimediali e il lavoro (es. la stesura di documenti di testo). I tablet da 10” sono, probabilmente, la soluzione più equilibrata in quanto abbinano una portabilità simile a quella dei modelli da 8” a uno schermo che permette di fruire al meglio di contenuti multimediali e di lavorare in maniera agevole. I tablet da oltre 10” (es. quelli da 12”) rinunciano invece a gran parte della loro portabilità in favore di uno schermo che permette di lavorare e di divertirsi senza alcun compromesso, come accade sui notebook (d’altronde sono spesso muniti di base con tastiera e si possono utilizzare anche in modalità notebook).
  • Risoluzione – la grandezza dello schermo non determina il grado di nitidezza dei contenuti visualizzati su quest’ultimo. La nitidezza dei contenuti visualizzati sullo schermo di un tablet varia in base alla risoluzione. La risoluzione è un valore che si misura in pixel e, di conseguenza, più pixel ci sono sullo schermo (quindi da più punti è composta l’immagine visualizzata su quest’ultimo) e più nitide risultano le scritte le immagini riprodotte su quest’ultimo. Le risoluzioni più diffuse sono le seguenti.
    • HD: 1280 x 720 pixel o 1280 x 800 pixel.
    • Full HD: 1920 x 1080 pixel o 1920 x 1200 pixel.
    • QHD: 2560 x 1440 pixel o 2560 x 1600 pixel (anche se sui tablet da 150 euro è difficile trovare una risoluzione tanto elevata).
  • Densità – la densità di pixel è un altro parametro che permette di capire il livello di nitidezza dei contenuti riprodotti sullo schermo di un tablet. Si misura in ppi (pixel per pollice) e, per l’appunto, indica il numero di pixel che vengono riprodotti su ogni pollice dello schermo. Più è alto e più i contenuti visualizzati sul tablet risultano nitidi.
  • Tipo di pannello – lo schermo di un tablet si può basare su diverse tecnologie. Quella più diffusa nell’ambito dei dispositivi low-cost è quella LCD IPS che assicura una riproduzione dei colori molto fedele, una buona visibilità sotto la luce diretta del sole e un buon angolo di visione (anche se poi caratteristiche del genere vanno valutate singolarmente pannello per pannello). In alternativa c’è la tecnologia AMOLED/Super AMOLED che per il momento viene usata solo su dispositivi di fascia medio-alta e che, non necessitando di retroilluminazione, permette di avere neri profondissimi (in quanto i pixel neri sono effettivamente spenti), un ottimo rapporto di contrasto e dei consumi energetici ridotti. In cambio, però, di una visibilità meno alta sotto la luce del sole e di una riproduzione meno fedele dei colori (che risultano generalmente saturi sui pannelli AMOLED).

Processore, RAM e memoria interna

Altri componenti che rivestono un ruolo fondamentale nel funzionamento di un tablet sono il processore, la RAM e la memoria interna. Adesso ti spiego velocemente di cosa si occupano e come valutarne le potenzialità.

  • Processore – è un po’ come il cervello del tablet, è quello che si occupa di effettuare tutti i calcoli necessari allo svolgimento di tutte le operazioni quotidiane sul dispositivo. Può essere composto da una o più unità di calcolo, dette core, le quali si suddividono i compiti da svolgere, e la sua potenza si misura in GHz.
  • RAM – è la memoria in cui vengono ospitati momentaneamente tutti i dati delle applicazioni in uso. Maggiore è il suo quantitativo e più il tablet riesce a gestire brillantemente il multi-tasking evitando blocchi, freeze o refresh indesiderati durante il passaggio da un’app all’altra. Personalmente ti consiglio di prendere in considerazione solo i tablet con 2GB di RAM o più (a meno che tu non abbia esigenze di risparmio estremo, in quel caso puoi prendere anche device con 1 o 1.5GB di RAM, sapendo però che non avranno prestazioni particolarmente brillanti).
  • Memoria interna (storage) – si tratta della memoria in cui vengono archiviati in maniera permanente i dati, le app e il sistema operativo del tablet. Può essere fissa oppure espandibile tramite schede di memoria esterne di tipo microSD. Nel caso dei tablet con memoria fissa, fai molta attenzione al valore dichiarato dal produttore (es. 16 o 32 GB di storage), in quanto non corrisponde mai alla reale quantità di spazio disponibile sulla memoria del tablet. Al valore dichiarato devi sottrarre sempre qualche GB, cioè lo spazio che occupano il sistema operativo del tablet e tutte le app predefinite che sono state installate sul device.

Quale tablet comprare a 150 euro

Supporto 3G/4G e funzione telefonica

Se hai bisogno di una connessione Internet attiva costantemente sul tuo tablet e non vuoi (o non puoi) sfruttare la funzione di tethering dal tuo smartphone, puoi acquistare un modello dotato di supporto alle reti 3G/4G. Sappi però che i tablet dotati del supporto alle reti 3G/4G (quindi alla rete mobile dei telefonini) sono più costosi di quelli solo Wi-Fi.

Altra cosa importante da sottolineare è che il supporto alla SIM non rende automaticamente il tablet compatibile con la funzione di chiamata. Se cerchi un tablet che sia in grado di sfruttare la rete voce dei cellulari per effettuare delle telefonate, devi cercarne uno che sia dotato di questa specifica funzione.

Rimanendo in ambito di connettività wireless, ti consiglio di verificare anche la compatibilità con le reti Wi-Fi dual-band (quindi con le reti a 5GHz) e con la tecnologia Bluetooth che permette di collegare al tablet accessori quali cuffie, mouse, tastiere ecc. senza fili.

Batteria

L’autonomia di un tablet è data dalla potenza della batteria inclusa in esso, la quale si misura in milliampere/ora (mAh), e da variabili come il grado di ottimizzazione del sistema operativo e l’efficienza energetica del processore.

Il mio consiglio, se vuoi scoprire qual è la reale autonomia di un tablet, è quello di non “accontentarti” dei valori dichiarati dal produttore ma di leggere molte recensioni indipendenti e di consultare i commenti degli utenti che hanno già acquistato il dispositivo: solo in questo modo potrai scoprire l’autonomia di un tablet nel “mondo reale”, cioè nell’utilizzo d tutti i giorni, senza esagerazioni dettate dal marketing.

Porte

I tablet si distinguono anche per la loro dotazione di porte. Al netto dello slot per l’espansione della memoria (per le schede microSD) e dello slot per la SIM (nel caso in cui sia presente il supporto per le reti 3G/4G), possono essere presenti delle porte USB per il collegamento di chiavette, hard disk, tastiere e mouse e delle porte HDMI per il collegamento del tablet a monitor e TV esterni.

È bene precisare che le porte USB e le porte HDMI possono avere formati diversi. Per quanto riguarda le porte USB, ci sono quelle denominate Full Size che sono di forma e dimensioni standard (sono quelle che troviamo da anni su dispositivo di ogni tipo); quelle microUSB che necessitano di un connettore più piccolo e quelle USB Type-C che si distinguono da quelle standard (tecnicamente dette USB Type-A) per le dimensioni del connettore, che è più piccolo e sottile, e per il fatto che quest’ultimo può essere inserito nella porta in entrambi i versi. Indipendentemente dal loro formato, le porte USB possono essere basate su varie generazioni della tecnologia USB e, pertanto, possono supportare diverse velocità massime per il trasferimento dei dati. Gli standard più diffusi attualmente sono i seguenti: USB 2.0 (60 MB/sec), USB 3.0 (detto anche USB 3.1 Gen 1, 625 MB/sec) e USB 3.1 Gen 2 (1250 MB/sec).

Le porte HDMI, così come le USB, possono essere in formato Full Size (come quelle che si trovano su tutti i televisori) oppure in formato microHDMI che richiede un connettore più piccolo o appositi adattatori per la trasformazione in HDMI Full Size.

Quale tablet comprare a 150 euro

Sistema operativo

I sistemi operativi che si possono trovare sui tablet da 150 euro sono due: Android e Windows 10. iOS va escluso in quanto di iPad in questa fascia di prezzo non se ne trovano (a meno di non prendere in esame vecchi modelli di seconda o terza mano, che personalmente ti sconsiglio).

Android può contare su una vastissima gamma di app, su un’ampia possibilità di personalizzazione e su una maggiore ottimizzazione per l’input tramite touch-screen. Windows 10 è il sistema operativo che siamo abituati a usare anche su PC, quindi ha dalla sua un parco di applicazioni praticamente sterminato e un maggior numero di software professionali. Tuttavia può risultare meno ottimizzato per l’uso tramite touch-screen (almeno in determinate circostanze o con alcune app che non sono ancora ben studiate in tal senso).

Il mio personale consiglio è di puntare su Android se non hai grosse esigenze di tipo professionale, quindi se intendi usare il tablet principalmente per fruire di contenuti e non per crearne. Se invece tieni molto alla produttività, scegli Windows che è sicuramente un passo avanti sotto questo punto di vista.

Esistono anche tablet dual-boot che ospitano sia Android che Windows e permettono di scegliere di volta in volta quale sistema operativo avviare: potresti prenderli in considerazione se non sai ancora verso quale sistema operativo orientarti.

Supporto a tastiera e penna

Come accennato in precedenza, molti tablet vengono forniti con delle cover o con delle basi con tastiera che consentono di usarli a mo’ di notebook. Vengono definiti 2-in-1 e sono molto pratici quando si tratta di utilizzare applicazioni destinate alla produttività, come ad esempio la suite Microsoft Office. I tablet che non vengono forniti con tablet o cover con tastiera possono essere comunque collegati a tastiere Bluetooth esterne in modo da agevolare la produttività anche mentre si è in viaggio (o comunque fuori casa).

Altro accessorio che può essere molto utile ai fini della produttività è la penna, che però è assai rara da trovare su device da 150 euro. O meglio, si possono acquistare delle penne passive che permettono di applicare evidenziazioni e compiere altre operazioni che non richiedono grande precisione, ma le penne attive che si trovano su tablet di fascia alta come i Surface di Microsoft o gli iPad Pro di Apple sono tutt’altra cosa!

Altre caratteristiche

Altre caratteristiche che ti consiglio di prendere in considerazione prima di acquistare il tuo prossimo tablet sono le seguenti: la presenza o meno di un sensore d’impronte (per sbloccare il device usando il dito), la verifica del sistema audio (che può essere mono o stereo e formato da uno o più speaker, dove a un maggior numero di speaker equivale una maggiore qualità e un volume più alto del suono) e le prestazioni delle fotocamere, che su tablet di fascia economica non possono far miracoli ma che possono essere di discreta qualità. Per scoprire le reali potenzialità delle fotocamere, fai una ricerca su Google e cerca degli esempi di foto e video realizzati con il tablet di tuo interesse.

Infine, un accenno relativo alla garanzia: alcuni dei tablet che ti segnalerò di seguito sono disponibili solo tramite importazione diretta dalla Cina. Se acquisti da siti che importano direttamente dalla Cina (es. Gearbest), assicurati circa i termini della garanzia con la quale viene fornito il tablet e, cosa altrettanto importante, informati circa le modalità di spedizione da selezionare per evitare i dazi doganali (di solito è “Italy Express”).

Miglior tablet da comprare a 150 euro

A questo punto direi che ci siamo. Dovresti essere ormai in grado di giudicare le caratteristiche di un tablet. Direi quindi di mettere da parte le chiacchiere e scoprire quale tablet comprare a 150 euro

Amazon Fire HD 8”

Quale tablet comprare a 150 euro

Amazon ha deciso di "azzannare" il mercato dei tablet entry-level con un piccolo device venduto a prezzo stracciato. Mi riferisco al Fire HD da 8″ che come facilmente intuibile non è un fulmine di guerra, ma ha tutto ciò che serve per navigare online, guardare film, leggere libri e accedere ai servizi di Amazon. Ha uno schermo IPS da 1280 × 800 pixel, una CPU Quad-core da 1.3 GHz, 1.5GB di RAM, una memoria interna da 16 o 32 GB che si può espandere fino a 256GB con le microSD e una batteria che assicura fino a 12 ore di autonomia. Misura 214 x 128 x 9,7 mm per 369 grammi di peso ed è animato da Fire OS, una versione personalizzata di Android priva del Play Store (che comunque viene compensato dallo store di Amazon e si può installare abbastanza facilmente seguendo uno dei tanti tutorial disponibili online). Ha anche una coppia di fotocamere da 2MP e 0.3MP, supporta le reti Wi-Fi dual band, mentre è sprovvisto di supporto per le reti 3G/4G. Viene commercializzato in due versioni: una più economica che contempla la visualizzazione di messaggi pubblicitari nella schermata iniziale (poco invasivi a dire il vero) e una più costosa senza banner pubblicitari.

Nuovo Tablet Fire HD 8, schermo HD da 8" HD, 32 GB, (Nero) - con offer...
Amazon.it: 129,99 €Vedi offerta su Amazon

Teclast X80 Pro 8

Quale tablet comprare a 150 euro

Un altro tablet da 8” che offre un ottimo rapporto qualità-prezzo è il Teclast X80 Pro 8 che offre un sistema dual-boot composto da Android 5.1 e Windows 10. Questo significa che è possibile eseguire entrambi i sistemi operativi scegliendo di volta in volta quale avviare. È equipaggiato con un display IPS Full HD (da 1920 x 1200 pixel), un processore Intel Atom X5-Z8300 da 1.44 GHz, 2GB di RAM e 32GB di memoria interna espandibile con le microSD. Dispone inoltre di una coppia di fotocamere da 2MP, di una batteria da 3.800 mAh che assicura una discreta autonomia e di una porta microHDMI per il collegamento a TV e monitor esterni. Le sue misure sono pari a 208.6 x 122.4 x 8.9 mm per 328 grammi di peso. Non supporta le reti 3G/4G.

Asus ZenPad C 7.0

Quale tablet comprare a 150 euro

Adesso parliamo di Asus ZenPad C 7.0, un tablet ideale per chi ha bisogno di un terminale compatto, bello a vedersi e dotato di connettività 3G. Supporta perfino la funzione di chiamata e l'utilizzo di due SIM in contemporanea! La sua scheda tecnica comprende uno schermo da 7″ con 1024 × 600 pixel di risoluzione, un processore Intel Atom x3-C3230 Quad-core a 64-bit da 900MHz, 1GB di RAM, 16GB di memoria interna espandibili con le microSD e una coppia di fotocamere da 2 e 0.3 Megapixel. Misura 189 x 108 x 8.4 mm per 270 grammi di peso ed è alimentato d una batteria da 3.450 mAh. Il sistema operativo con cui viene fornito è Android 5.0 Lollipop personalizzato con la ZenUI di Asus. Nel complesso si tratta di un buon terminale, chiaramente non è velocissimo ma è molto leggero e la combinazione 3G+chiamata lo rende quasi un best-buy in questa fascia di prezzo.

Asus ZenPad C 7.0 Z170CG-1B030A Tablet con Funzione Telefono, Processo...
Amazon.it: 136,89 €Vedi offerta su Amazon

Onda V10

Quale tablet comprare a 150 euro

Un altro produttore cinese che merita attenzione è Onda, che con i suoi tablet riesce ad offrire delle soluzioni molto interessanti a prezzi più che accessibili. Tra i suoi prodotti più interessanti c’è l’Onda V10, un device da 10.1” dotato di supporto 4G e Wi-Fi dual-band animato da Android 7.0. È equipaggiato con un display IPS da 1920 x 1200 pixel, un processore MediaTek MTK6753 Octa-core da 1.3GHz, 2GB di RAM e 32GB di memoria interna espandibile fino a 128GB con le microSD. Dispone inoltre di una coppia di fotocamere da 5 e 2 Megapixel e di una batteria da 6.000 mAh dalla buona autonomia. Ha una porta microUSB ma non presenta uscite HDMI. Le sue misure sono pari a 24.00 x 19.00 x 0.83 cm per 490 grammi di peso.

Samsung Galaxy Tab E

Quale tablet comprare a 150 euro

Nel vastissimo catalogo dei tablet Samsung c'è anche spazio per i terminali da meno di 150 euro. Uno dei più interessanti disponibili in questo momento, anche se non più recentissimo, è il Samsung Galaxy Tab E che ha uno schermo da 9,6″ con 800 × 1280 pixel di risoluzione, un processore Quad-Core da 1.3 GHz, 1.5GB di RAM e 8GB di memoria interna espandibili fino a 128GB con le microSD. Misura 241.9 x 149.5 x 8.5 mm per 490 grammi di peso, ha una batteria da 5.000 mAh e una coppia di fotocamere da 5MP e 2MP. Sistema operativo: Android 5.1.1. Il modello più economico che si può acquistare a meno di 150 euro supporta solo la connessione Wi-Fi, per chi può spingersi un po' più in là con il prezzo ne è disponibile anche una variante con supporto 3G. Si tratta sicuramente di uno dei tablet più affidabili in questa fascia di prezzo, ovviamente non è esente da pecche (es. la qualità delle foto) ma è da tenere altamente in considerazione.

Acer Iconia Talk S A1-734-K55J

Quale tablet comprare a 150 euro

Se hai bisogno di un tablet compatto, maneggevole e dotato di supporto sia alla rete 4G/LTE che alla funzione telefonica, prendi in seria considerazione l’Acer Iconia Talk S A1-734-K55J. Si tratta di un tablet da 7” equipaggiato con un display IPS da 1280 x 720 pixel, un processore MediaTek MT8735 Quad-core da 1.3GHz, 2GB di RAM e 16GB di memoria interna espandibile tramite microSD. La batteria è da 3.400 mAh, mentre il comparto fotografico è composto da una coppia di fotocamere da 13 e 2 Megapixel. Misura 191.7 x 101 x 9.4 mm per 260 grammi di peso ed è animato da Android 6.0.

Acer Iconia Talk S A1-734-K55J Tablet PC, Processore MTK MT8735, RAM D...
Amazon.it: 169,00 € 157,33 €Vedi offerta su Amazon

Lenovo P8

Quale tablet comprare a 150 euro

Anche Lenovo ha un catalogo di tablet abbastanza vasto. Fra i device che il produttore cinese commercializza intorno ai 150 euro ti segnalo il Lenovo P8: si tratta di un tablet da 8” equipaggiato con un display IPS Full HD, un processore Qualcomm Snapdragon 625 Octa-core da 2.0GHz, 3GB di RAM, una memoria interna da 16GB (espandibile fino a 64GB con le microSD) e una batteria da 4.250 mAh dalla buona autonomia. È inoltre dotato di una coppia di fotocamere da 8 e 5 Megapixel, supporta le reti Wi-Fi dual-band ed è animato dal sistema operativo Android 6.0. Le sue misure sono pari a 20.80 x 12.30 x 0.88 cm per 326 grammi di peso.

Chuwi Hi10 Plus

Quale tablet comprare a 150 euro

Chuwi è un marchio cinese che sta acquisendo sempre più popolarità nell'ambito dei tablet low-cost. Uno dei suoi prodotti più interessanti è il Chuwi Hi10 Plus, un 2-in-1 da 10“ equipaggiato con Windows 10 e Android 5.1 in dual-boot e una cover con tastiera integrata. Monta un processore Intel Atom x5-Z8350 Quad-Core da 1.44GHz basato su architettura Cherry Trail, un display da 1920 x 1280 pixel, una RAM di ben 4GB, una memoria interna da 64GB (espandibile fino a 128GB con microSD) e una batteria da 8.400 mAh. Include una porta micro-HDMI per il collegamento a monitor esterni e televisori, una porta USB Type-C e una doppia fotocamera da 2MP. Misura 27.64 x 18.48 x 0.85 cm per 686 grammi di peso. Sugli store cinesi si può acquistare per meno di 160 euro.

10.8", CHUWI Hi10 PLUS, Tablet PC, HD 1920 * 1280, Win10 + Android5.1,...
Amazon.it: 179,99 €Vedi offerta su Amazon

Chuwi Hi10 Pro

Quale tablet comprare a 150 euro

Se vuoi spendere qualche soldo in meno e non hai bisogno della cover magnetica con tastiera, puoi optare per il Chuwi Hi10 Pro che mantiene tutte le caratteristiche di Hi10 Plus eccetto, per l’appunto, la presenza della cover con tastiera. Sugli store cinesi costa meno di 150 euro.

10.1"IPS Chuwi HI10 Pro 3G Tablet PC 1920x1200 Windows 10 + Android5.1...
Amazon.it: 179,99 €Vedi offerta su Amazon

Teclast Tbook 10 S

Quale tablet comprare a 150 euro

Il Teclast Tbook 10 S rappresenta una valida alternativa ai tablet di casa Chuwi. Si tratta di un 2-in-1 equipaggiato con Windows 10 e Android 5.1 (in dual-boot) dotato di una discreta scheda tecnica. Monta un display IPS da 10.1” con risoluzione Full HD, un processore Intel X5-Z8350 Quad-core da 1.44GHz basato su architettura Cherry Trail, 4GB di RAM, 64GB di memoria interna espandibile fino a 128GB con le microSD e una batteria da 5.800 mAh. Dispone inoltre di una coppia di fotocamere da 2MP, una porta microUSB, una porta miniHDMI e una porta magnetica per la base con tastiera (che va acquistata separatamente). Le misure del device sono pari a 24.65 x 16.59 x 0.80 cm per 574 grammi di peso.

Jumper EZpad 6

Quale tablet comprare a 150 euro

Jumper EZpad 6 è un altro tablet cinese capace di offrire un ottimo rapporto tra qualità e prezzo. Per meno di 150 euro propone, infatti, un ampio display da 11.6” con risoluzione Full HD, un processore Intel Cherry Trail Z8350 Quad-core da 1.44GHz, 4GB di RAM, 64GB di storage con possibilità di espansione fino a 128GB tramite microSD e una batteria da 7.000 mAh. Misura 29 x 18 x 1 cm, pesa 700 grammi, è animato dal sistema operativo Windows 10 e dispone anche di una doppia fotocamera da 2MP. La sua dotazione di porte comprende 1 uscita microHDMI e 1 porta microUSB. Si può associare anche a una base con tastiera, da acquistare separatamente.

Lenovo TAB 2 (A10-70L)

Quale tablet comprare a 150 euro

Hai bisogno di un tablet con lo schermo ampio e il supporto alle reti 4G/LTE? In questo caso prendi in considerazione il Lenovo TAB 2 A10-70L, che monta un display da 10.1” con 1200 x 1920 pixel di risoluzione, ha una CPU Qualcomm Snapdragon MSM 8909 Quad-core da 1.3GHz, 2GB di RAM e 16GB di storage interno (espandibile tramite microSD). La batteria è da 7.000 mAh e assicura fino a 10 ore di autonomia, le fotocamere sono da 5 e 2 Megapixel. Lato software, è animato dal sistema operativo Android 5.1 Lollipop.

Lenovo TAB2 A10-30 Tablet con Display da 10.1-Inch HD IPS Multi-touch,...
Amazon.it: 167,68 €Vedi offerta su Amazon

ASUS ZenPad 10 (Z300M)

Quale tablet comprare a 150 euro

L’ASUS ZenPad 10 (Z300M) rientra in quel novero di tablet che, sebbene non più recentissimi, meritano considerazione nella fascia di prezzo dei 150 euro. Ha dalla sua un display IPS da 10,1” con 1280 × 800 pixel di risoluzione, un processore CPU Mediatek MTK8163 Quad-core da 1.3GHz, 2GB di RAM, 16GB di memoria interna espandibile tramite microSD e una batteria da 4680 mAh. Dispone inoltre di una coppia di fotocamere da 5 e 2 Megapixel, del sistema Audio DTS-HD Premium con tecnologia SonicMaster e del sistema operativo Android 6.0 Lollipop aggiornabile ad Android 7.0. Misura 251,6 x 172 x 7,9 mm e pesa 490 grammi.

Asus Z300M-6A061A ZenPad Tablet, Schermo da 10" HD, Processore Quad Co...
Amazon.it: 204,57 €Vedi offerta su Amazon

Huawei Mediapad T3 da 10”

Quale tablet comprare a 150 euro

Se vuoi affidarti a marchi più affermati rispetto a Chuwi o Onda e il tuo budget è superiore ai 150 euro, puoi prendere in considerazione anche dispositivi come il MediaPad T3 di Huawei da 10”. Si tratta di un tablet equipaggiato con uno schermo IPS da 9.6″ avente 800 x 1280 pixel di risoluzione. Sotto la scocca, che è completamente in metallo, custodisce un processore Qualcomm Snapdragon 425 MSM8917 Quad-core da 1.4GHz e una combinazione di RAM e storage di 2/16 GB o 3/32 GB. Supporta le reti Wi-Fi dual-band e ha una batteria da 4.800 mAh che assicura un’ottima autonomia. Il suo comparto fotografico è affidato a una coppia di fotocamere da 5MP e 2MP. Le misure del device sono di 229.8 x 159.8 x 8 mm per 480 grammi di peso, mentre il sistema operativo che si trova preinstallato è Android 7.0. È disponibile anche un modello con supporto 4G/LTE, ovviamente più costoso.

Huawei Mediapad T3 Tablet WiFi, Display da 10", CPU MSM8917, Quad-Core...
Amazon.it: 199,90 € 160,00 €Vedi offerta su Amazon

Altri tablet

Se nessuno dei tablet elencati qui sopra è riuscito a soddisfare appieno le tue aspettative, mi spiace, ma probabilmente dovrai mettere mano al portafogli e acquistare un dispositivo più costoso di quel che avevi preventivato (quindi con un prezzo superiore ai 150 euro). Se vuoi un consiglio, leggi la mia guida all’acquisto dedicata ai tablet: lì troverai sicuramente alcuni modelli di tuo interesse.