Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Come aprire un file RAR online

di

Hai bisogno di aprire un file RAR sul computer della scuola o dell’ufficio, ma le restrizioni imposte dall’amministratore di sistema non ti consentono di installare un’applicazione adatta allo scopo? Nessun problema, basta avviare il browser Web e usare un servizio online. Ebbene sì. Se hai una buona connessione Internet o comunque se gli archivi che devi estrarre non sono oltremodo “pesanti”, puoi bypassare l’utilizzo di programmi per la gestione degli stessi e scoprire come aprire un file RAR online. Una gran bella comodità!

Per riuscirci, puoi impiegare qualunque navigatore e qualsiasi sistema operativo. Non sono richieste competenze tecniche particolari in fatto di informatica e nuove tecnologie e non ci vuole neppure troppo tempo. Insomma, meglio di così non si può. Se la cosa ti interessa, prosegui dunque nella lettura di questo mio tutorial dedicato all’argomento, insieme, posso assicurartelo, ne vedremmo delle belle.

Ah, quasi dimenticavo, per completezza d’informazione, a fine guida ho provveduto comunque a inserire un passo dedicato a quelli che sono i “classici” programmi per computer da utilizzare per l’apertura degli archivi compressi. In questo modo, restrizioni escluse e qualora nonostante l’uso degli strumenti online di cui sto per parlarti preferissi comunque ricorrere a delle soluzioni più “tradizionali”, saprai già a quale software rivolgerti, sia su Windows che su macOS. Ora però basta chiacchierare e passiamo all’azione. Ti auguro, come mio solito, buon lettura e ti faccio un grande in bocca al lupo per tutto.

Indice

B1 Online Archiver

Come aprire un file RAR online

Il primo servizio che ti consiglio di provare per aprire un file RAR online è B1 Online Archiver. Permette di estrarre i file contenuti non solo negli archivi RAR, ma anche in quelli ZIP, 7Z e vari altri formati, tutto in maniera totalmente gratuita e, ovviamente, senza installare alcun programma sul PC. Funziona con tutti i principali browser Web e tutti i sistemi operativi e la dimensione massima supportata per ciascun file è pari a 300 MB.

Per decomprimere un file RAR utilizzandolo, collegati alla sua pagina principale, clicca sul pulsante Click here che sta al centro e seleziona l’archivio da estrarre. Attendi quindi che il file venga elaborato (la durata della procedura dipende dalle dimensioni dell’archivio RAR selezionato) dopodiché si aprirà una pagina con l’elenco di tutti gli elementi estratti da quest’ultimo.

Per scaricare sul tuo PC i file estratti da B1 Online Archiver, non devi far altro che cliccare sull’icona con la freccia blu collocata accanto al loro nome. Se non hai apportato modifiche alle impostazioni di default del browser, i file contenuti nell’archivio compresso saranno salvati automaticamente nella cartella Download del computer.

I documenti verranno poi cancellati automaticamente dai server del servizio entro pochi giorni. Se lo preferisci, puoi comunque eliminarli al momento facendo clic sul link click here che si trova in basso a destra.

Unzip-online.com

Come aprire un file RAR online

Un altro buon servizio a cui puoi affidarti per aprire un file RAR online è Unzip-online.com. È gratis e supporta sia gli archivi RAR che gli archivi ZIP di dimensioni pari o inferiori ai 200 MB. Come B1 Online Archiver, funziona con tutti i principali browser Web e tutti i sistemi operativi, senza richiedere l’installazione di software sul computer. Inoltre, i documenti caricati sul servizio vengono cancellati in maniera automatica nel giro di 24 ore. Mettilo subito alla prova e vedrai che non te ne pentirai.

Per utilizzare Unzip-online.com, collegati alla pagina principale del servizio e clicca sul pulsante Uncompress files, poi su quello Apri file/Scegli file per selezionare l’archivio RAR da estrarre e in seguito pigia nuovamente su uncompress files per dare il via alla procedura vera e propria.

Attendi quindi che il file venga elaborato (la durata della cosa dipenderà dal peso dell’archivio selezionato) e clicca sui nomi degli elementi estratti per scaricarli sul tuo PC. Anche in tal caso, se non hai apportato modifiche alle impostazioni prevenite del browser Web che stai utilizzando, i file scaricati saranno salvati nella cartella Download del tuo computer.

ezyZip

ezyZip

Le soluzioni di cui sopra non ti hanno convinto in maniera particolare e stai cercando un’alternativa? Allora prova ezyZIP. Si tratta di un altro servizio online adibito allo scopo, gratuito, molto pratico e anche parecchio efficiente. Supporta non soltanto i file RAR, ma anche vari altri formati di archivi compressi come ZIP, 7Z, TAR ecc. È gratis e non applica restrizioni riguardo le dimensioni massime dei file che si possono caricare.

Mi chiedi come utilizzarlo? È facilissimo, te lo indico subito. Innanzitutto, collegati alla home page del servizio e premi sul pulsante Seleziona file rar da aprire per selezionare l’archivio compresso salvato sul tuo computer che desideri decomprimere. Se l’archivio si trova su Dropbox, puoi prelevarlo direttamente da lì facendo clic sul relativo pulsante.

Dopo aver compiuto i passaggi di cui sopra, verrà avviata la procedura di decompressione e potrai poi scaricare singolarmente e localmente i file all’interno dell’archivio facendo clic sul tasto Salvare che trovi in corrispondenza dei loro nomi, mentre per scaricare i file tutti insieme devi premere sul tasto Salva tutto situato in alto. I file di output saranno salvati sulla cartella Download del computer (sempre se non hai apportato modifiche alle impostazioni predefinite del browser.

Puoi altresì decidere di salvare i file presenti nell’archivio compresso su Dropbox, cliccando sul pulsante con la freccia adiacente (per scaricarli singolarmente) oppure in alto (per scaricarli tutti) e scegliendo il nome del servizio dal menu proposto. Se poi prima di procedere con il download vuoi visualizzare un’anteprima dei file, clicca sul tasto Anteprima e il gioco è fatto.

Archive Extractor

Come aprire un file RAR online

Anche Archive Extractor è un servizio che merita considerazione per quel che concerne la possibilità aprire i file in formato RAR direttamente dalla finestra delle browser. Si tratta infatti di una soluzione Web che permette di estrarre i file in formato RAR, ZIP, 7Z, ZIPX, RAR, TAR, EXE, DMG, ISO, MSI, NRG, GZ, CAB, BZ2, WIM, ACE e altri 54 tipi di archivi senza richiedere registrazioni. Supporta anche gli archivi protetti da password e quelli multi-volume (vale a dire quelli suddivisi in più parti). L’upload può essere eseguito sia dal computer che da Web o, ancora, tramite i servizi di cloud storage supportati.

Per usarlo, collegati alla sua pagina iniziale, clicca sul bottone Scegli file dal computer e seleziona l’archivio in formato RAR salvato sul tuo PC che desideri decomprimere. In alternativa, puoi trascinarlo direttamente nella finestra del browser, in corrispondenza della voce o trascina il file selezionato qui….

Se invece l’archivio compresso che intendi decomprimere si trova online oppure risulta archiviato su Google Drive oppure su Dropbox, puoi effettuarne il caricamento drittamente da li selezionando il collegamento corrispondente. Nel caso dell’URL dovrai fornire il relativo link, mentre per quel che concerne i servizi di cloud storage dovrai prima effettuare l’accesso con i tuoi dati e poi dovrai selezionare il file.

Ad operazione completata (la durata della procedura dipende dalle dimensioni dell’archivio RAR selezionato), se hai selezionato un file protetto da password, digitane la chiave di sblocco nel riquadro che si apre e clicca sul pulsante OK.

Attendi, dunque, che ti venga mostrata la lista con tutti i file contenuti nell’archivio e clicca sul nome di ciascuno di essi per provvedere al loro download del computer. Se non hai apportato modifiche alle impostazioni del browser, i file saranno salvati nella cartella Download del PC. Ti segnalo che è disponibile anche un pulsante per scaricare tutti i file contemporaneamente, ma solo sotto forma di archivio ZIP, il che credo però vada a vanificare la sua utilità (almeno tenendo conto delle tue attuali esigenze).

Funzip

Come aprire un file RAR online

Nessuno dei servizi per aprire un file RAR online di cui ti ho già parlato ti ha convinto e stai cercando qualche altro strumento al quale potenti rivolgere? Allora fa’ così: prova subito Funzip. Si tratta di un applicativo online che permette di estrarre archivi RAR e ZIP in maniera semplice, veloce e sicura. Diversamente dalle soluzioni di cui ti ho già parlato, supporta file aventi una dimensione massima pari a 400 MB e inoltre tutti gli elementi scaricati vengono rimossi dai server dell’azienda nel giro di breve tempo, in automatico.

Per usarlo, collegati alla pagina principale del servizio e clicca sul riquadro che sta al centro per selezionare e caricare il file RAR da decomprimere. In alternativa, trascina il tuo archivio compresso direttamente al centro della pagina, sulla scritta Drop files here or click to upload.

Una volta fatto ciò, il tuo archivio compresso verrà estratto (la durata della procedura dipende dalle dimensioni dell’archivio RAR selezionato) e tutti i file che lo compongono ti saranno mostrarti in corrispondenza della scheda Results annessa sempre alla pagina del servizio. Per scaricarli singolarmente sul tuo computer, clicca sui loro nomi. Se non hai apportato modifiche alle impostazioni di default del browser il salvataggio verrà effettuato nella cartella Download di Windows o macOS.

soluzioni per aprire un file RAR offline

Programmi per aprire file ZIP

Come anticipato in apertura, oltre che illustrarti quali sono gli strumenti che hai dalla tua per aprire un file RAR online voglio indicarti alcuni tra i migliori programmi adibiti allo scopo che puoi usare per estrarre “offline” i tuoi archivi compressi.

Trovi riportate quelle che a parer mio rappresento alcune tra le migliori soluzioni della categoria proprio qui di seguito. Scegli il programma che preferisci e scaricalo subito sul tuo computer.

  • WinRAR (Windows/macOS/Linux) — si tratta di uno tra i software per la gestione degli archivi compressi, in particolare quelli in formato RAR, più famosi e apprezzati al mondo. Permette di aprirli, ma anche di crearne di nuovi ed è facilissimo da usare. È a pagamento, ma è disponibile in una versione di prova gratuita che dopo 45 giorni non permette più di usare le funzioni più avanzate e mostra un messaggi di avviso a ogni avvio.
  • WinZip (Windows/macOS) — a discapito di quanto possa lasciare intendere il suo nome, questo programma permette di aprire e creare file RAR (unitamente ad altri formati di archivi compressi) consentendo di fruire anche di svariate altre features avanzate. È a pagamento, ma è disponibile in una versione di prova gratuita grazie alla quale si possono testarne tutte le funzioni per un periodo di 30 giorni.
  • 7-Zip (Windows) — si tratta di un famosissimo e apprezzatissimo software, considerato dai più come una delle migliori alternative gratuite al summenzionato WinRAR. È dotato di un’interfaccia utente molto minimale, ma è in grado di assolvere egregiamente alla sua funzione di compressione e decompressione degli archivi compressi, RAR inclusi.
  • Keka (macOS) — applicazione gratuita e open source (ne è disponibile una versione a pagamento su Mac App Store per supportarne lo sviluppo, ma le funzioni offerte sono sempre le stesse) per Mac che permette di estrarre qualsiasi file dagli archivi compressi in formato RAR (e non solo) semplicemente facendoci doppio clic sopra. Da notare che supporta anche gli archivi protetti da password e quelli suddivisi in più parti.

Per ulteriori dettagli riguardo i programmi di cui sopra e per fare la conoscenza di altre soluzioni utili allo scopo, ti suggerisco di leggere il mio tutorial su come aprire file RAR e il mio post sui programmi per aprire file RAR. Se poi possiedi un Mac, puoi dare un’occhiata anche alla mia guida specifica su come estrarre file RAR Mac tramite cui ho provveduto a indicarti delle applicazioni riservate al mondo Apple.

Salvatore Aranzulla

Autore

Salvatore Aranzulla

Salvatore Aranzulla è il blogger e divulgatore informatico più letto in Italia. Noto per aver scoperto delle vulnerabilità nei siti di Google e Microsoft. Collabora con riviste di informatica e cura la rubrica tecnologica del quotidiano Il Messaggero. È il fondatore di Aranzulla.it, uno dei trenta siti più visitati d'Italia, nel quale risponde con semplicità a migliaia di dubbi di tipo informatico. Ha pubblicato per Mondadori e Mondadori Informatica.