Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Come bloccare Postepay

di

Non trovi più la tua fidata Postepay e non hai la più pallida idea di come sia successo. In ogni caso caso, ormai il danno è fatto: adesso, tutto ciò che interessa è sapere come bloccare la tua carta per evitare di incorrere in spiacevoli inconvenienti. Mi spiace per la situazione in cui ti trovi, ma mantieni la calma: se vuoi, posso spiegarti come procedere in casi come questi (in cui è molto importante agire in maniera tempestiva).

Dopo aver scoperto come bloccare Postepay grazie alle indicazioni che sto per darti, non avrai più nulla di cui preoccuparti circa un suo possibile utilizzo non autorizzato: a prescindere dal fatto che la tua carta sia stata smarrita o che te l’abbiano sottratta indebitamente, dopo aver applicato il blocco, il tuo denaro e i tuoi dati saranno al riparo da eventuali malintenzionati.

Ti ricordo inoltre che bloccare la Postepay è un’operazione fondamentale che ti servirà anche per ottenere una carta sostitutiva. Detto ciò, fai un respiro profondo e dedicati con attenzione alla lettura di questa guida, in modo tale da riuscire a bloccare la carta in maniera pratica e veloce. Buona lettura e, soprattutto, buona fortuna per tutto!

Indice

Come bloccare Postepay

Per bloccare Postepay Evolution o Standard puoi seguire tre modalità. Per agire tempestivamente e procedere con velocità per la denuncia di furto o smarrimento, puoi rivolgerti al Contact Center telefonicamente; se non hai una particolare urgenza, puoi inviare una richiesta di blocco via e-mail tramite il sito di Poste Italiane, oppure se la tua volontà è applicare solo un blocco temporaneo alla carta (che in questo caso non devi aver smarrito, ma devi voler semplicemente sospendere per un lasso di tempo determinato) tramite l’app Postepay per smartphone.

Non perdiamo dunque altro tempo prezioso: nei prossimi paragrafi troverai tutte le informazioni necessarie per procedere secondo la modalità più consona alle tue esigenze.

Come bloccare Postepay telefonicamente

Postepay

Il primo metodo, nonché il più immediato e tempestivo, consiste nell’effettuare una telefonata al Contact Center di Poste Italiane. Come indicato sul sito ufficiale all’apposita pagina di FAQ su conti e carte, in caso di furto o smarrimento dovrai contattare il numero verde gratuito per comunicare l’accaduto.

Prendi quindi il tuo smartphone o alza la cornetta del tuo telefono fisso, digita sul tastierino il numero 800.00.33.22 (o +39.02.82.44.33.33 se stai chiamando dall’estero) e avvia la telefonata. Questo numero è attivo 24 ore su 24, quindi non temere: a prescindere dall’orario durante il quale verrà effettuata la chiamata, ti sarà sempre e comunque possibile bloccare la Postepay.

Una volta avviata la telefonata, segui le indicazioni che ti vengono fornite per parlare con l’operatore del Contact Center di Poste Italiane che, una volta illustrata la situazione, provvederà a effettuare le procedure per il blocco. Se la tua carta è stata attivata prima del 2 maggio 2018, ti sarà necessario anche comunicare il codice di blocco della tua carta, che ti è stato fornito in seguito all’attivazione.

Come bloccare Postepay online

Come bloccare Postepay online

In alternativa, se non vi è urgenza di ottenere una risposta immediata, è possibile anche inviare una comunicazione online al servizio clienti Postepay, utilizzando l’apposito modulo di contatto disponibile sul sito ufficiale.

Per iniziare, accedi alla pagina seguendo il link che ti ho appena fornito e compila gli appositi campi nella prima sezione con i tuoi dati anagrafici. Dopodiché, procedi con la sezione successiva, selezionando un’oggetto dal menu a tendina ad esso relativo e poi indica nel campo La tua richiesta che desideri bloccare la tua carta Postepay, a causa di un furto o di uno smarrimento.

Superato questo passaggio, scegli la modalità con cui preferisci essere contattato e apponi premendo il segno di spunta accanto alle voci Tramite e-mail e Tramite cellulare, per poi indicare l’indirizzo o il numero di telefono nei campi che compaiono. Acconsenti all’informativa sull’uso dei dati personali cliccando sulla voce Presto il consenso, digita il codice di sicurezza visualizzato nell’immagine nel relativo campo d’inserimento e, infine, clicca sul pulsante Prosegui.

Controlla dunque che tutti i dati siano esatti e inoltra definitivamente la tua richiesta premendo sul pulsante Invia e sarai ricontattato al più presto da Poste Italiane.

Come bloccare Postepay da app

Come bloccare Postepay da app

Se utilizzi frequentemente l’app Postepay per gestire la carta che ora è stata smarrita o rubata, puoi facilmente bloccare Postepay per acquisti online, pagamenti e prelievi tramite la stessa: tuttavia, si tratta solamente di un blocco temporaneo e, al fine della denuncia e della sostituzione della Postepay, è comunque necessario contattare Poste Italiane secondo le indicazioni che ti ho fornito nel capitolo precedente e provvedere al blocco definitivo.

La sospensione è immediata e potrai riattivare la carta in qualsiasi momento; tuttavia, non si tratterà di una soluzione definitiva.

Se desideri comunque procedere con il blocco temporaneo, avvia innanzitutto l’app Postepay facendo tap sulla sua icona nella schermata Home o nel drawer. Se non l’hai ancora installata, puoi farlo tramite Play Store di Android oppure l’App Store di iOS visitando i link che ti ho appena fornito e poi premendo sul pulsante Installa/Ottieni. Su iOS/iPadOS, potresti dover confermare la tua identità con Face ID, Touch ID, o inserendo le tue credenziali del tuo ID Apple. Per ulteriori indicazioni, consulta pure questa mia guida che ho dedicato all’argomento.

Fatto ciò, puoi procedere a effettuare l’accesso: se hai già configurato il tuo account e la tua Postepay sull’app, tutto ciò che dovrai fare sarà premere sul pulsante Accedi e poi digitare il tuo codice PosteID. Se invece è la prima volta che la utilizzi, puoi seguire le indicazioni che ho fornito nella mia guida su come accedere all’app Postepay.

Sulla schermata principale dell’app visualizzerai la Postepay di cui sei titolare: fai tap sull’immagine della carta e poi sulla voce Impostazioni carta in basso a sinistra della stessa. Scorri dunque la nuova schermata fino a individuare la voce Blocco temporaneo e premi sulla levetta ad essa corrispondente per spostarla da OFF a ON.

Dopodiché, dovrai confermare il blocco: fai tap sul pulsante Blocca carta, digita il codice PosteID come richiesto e premi infine sul tasto Conferma.

Pagamenti, acquisti online e prelievi saranno così bloccati, finché non deciderai di riattivare la tua Postepay seguendo la stessa procedura: tuttavia, ti ricordo che se la carta è stata smarrita o rubata, è comunque necessario rivolgersi al Contact Center per il blocco definitivo e segnalare l’accaduto alle autorità competenti.

Controllare i movimenti della carta Postepay

Postepay

Una volta bloccata la carta, ciò che ti consiglio di fare è di provvedere a verificare che con la tua carta Postepay non siano stati effettuati movimenti diversi da quelli da te autorizzati.

Per fare ciò ti basta accedere all’area di gestione online della Postepay e controllare la sezione relativa ai movimenti eseguiti sulla carta. Per accedere all’area di gestione online della Postepay, visita questa pagina del sito di Poste Italiane ed effettua l’accesso premendo sulla voce Area Personale collocata in alto.

Effettua dunque l’accesso secondo una delle due modalità proposte. Puoi scegliere se compila i campi visualizzati a sinistra immettendo il nome utente e la password con cui sei registrato sul sito di Poste Italiane, per poi fare clic sul pulsante Accedi; in alternativa, puoi accedere scansionando il codice QR con l’app Postepay o l’app Bancoposta.

Per procedere in questo senso, avvia una delle due app sul tuo smartphone facendo tap sulla sua icona nella schermata Home o nel drawer e premi sul pulsante Inquadra codice QR. Avvicina dunque lo smartphone al codice e inquadralo con la fotocamera del dispositivo, avendo cura di metterlo chiaramente a fuoco: appena rilevato, l’app lo leggerà automaticamente.

Ora, premi sul pulsante Autorizza che compare nell’app, digita il codice PosteID e il gioco è fatto. Per saperne di più, ti consiglio di leggere anche la guida che ho dedicato proprio a come inquadrare QR code PosteID.

Una volta effettuato l’accesso alla tua area personale sul sito di Poste Italiane procedi consultando la sezione relativa a Postepay, facendo clic sulla voce Accedi in corrispondenza della voce Postepay.

A questo punto ti troverai nella sezione chiamata Home Postepay e potrai procedere per visitare la sezione dedicata ai movimenti effettuati tramite la carta in questione. Fai clic sul pulsante Accedi situato in sua corrispondenza del numero di carta, scorri poco più giù per visualizzare la sezione Ultimi movimenti e clicca sulla voce Mostra tutti.

Controlla quindi il tuo saldo e la lista dei movimenti che vedrai a schermo. Nel caso in cui venissero riportate transazioni da te non autorizzate ti sarà chiaro il motivo per cui non trovi più la tua carta Postepay: hai subito un furto. In questo caso, non preoccuparti, puoi ancora rimediare. Non perdere altro tempo, scorri in fondo alla lista dei movimenti fino a individuare la voce Scarica elenco su file e poi premi sulla una delle voci tra PDF o su EXCEL, presenti nel menu a tendina.

Successivamente, pigia sul pulsante Scarica elenco così da ottenere sùbito un file in formato PDF o un file Excel da poter stampare e consegnare alle autorità competenti, potendo così effettuare in maniera corretta la denuncia di smarrimento della carta o del furto.

Effettuare la denuncia di smarrimento o furto

Effettuare la denuncia di smarrimento o furto

Una volta che avrai stampato la lista dei movimenti della tua carta Postepay, dovrai recarti presso la sede della Polizia di Stato o dei Carabinieri più vicina alla tua zona, in modo tale da poter denunciare alle autorità competenti lo smarrimento o il furto.

Se vuoi, puoi collegarti all’apposita pagina Web del Commissariato di Polizia che consente di individuare l’ufficio della Polizia da te più facilmente raggiungibile; oppure, puoi cliccare collegarti alla pagina ufficiale che consente di individuare la caserma dei Carabinieri da te più facilmente raggiungibile.

Una volta che ti sarai recato presso la sede da te scelta, dovrai seguire le indicazioni che ti verranno fornite dalle autorità competenti per procedere con la denuncia. Si tratterà di compilare un apposito modulo e di richiedere fotocopia dello stesso: dovrai infatti consegnarlo a Poste Italiane, in modo tale da avere un maggior grado di protezione e di tutela. Ricordati che sulla denuncia dovrà esserci indicato sia il numero della tua carta Postepay rubata, sia il codice di blocco, se la carta è stata attivata prima del 2 maggio 2018.

Inoltre, nel caso in cui, tramite la lista movimenti della tua carta Postepay, dovessi verificare delle attività da te non riconosciute, comunicalo immediatamente all’autorità competente dei Carabinieri o della Polizia. Attraverso una procedura che ti verrà indicata, potrai infatti ottenere il rimborso di eventuali somme sottratte dalla carta Postepay smarrita o rubata.

Dopo averlo comunicato all’ufficiale, dovrai infatti sporgere denuncia di queste attività illecite e poi, una volta compilato e ottenuto il modulo di denuncia, dovrai recarti presso lo sportello di un ufficio postale. Una volta che avrai spiegato l’accaduto all’addetto della Posta, dovrai compilare il modulo per il disconoscimento delle operazioni.

In seguito alla corretta compilazione di tale modulo, Poste Italiane effettuerà un’indagine e in caso di esito positivo, procederà con l’erogazione delle somme indebitamente sottratte dalla carta Postepay. Grazie a questa procedura ti sarà così possibile recuperare i soldi della tua carta Postepay rubata.

In alternativa, puoi presentare denuncia tramite il servizio Denuncia vi@ Web dei Carabinieri e della Polizia di Stato, seguendo i link che ti ho appena fornito.

Una volta aperta la pagina Web, fai clic sul menu a tendina Evento e poi sulla voce Furto o Smarrimento; successivamente, passa a indicare l’Oggetto (in questo caso, Documento o Altro) secondo la stessa modalità e clicca sulla voce Inizia denuncia per procedere con la compilazione del modulo con i tuoi dati anagrafici.

Completato questo passaggio, riceverai un’e-mail con un codice di attivazione della denuncia, da riportare presso la sede più vicina a te entro due giorni.

Trovare Ufficio Poste Italiane

Anche nel caso in cui tu abbia soltanto provveduto alla denuncia dello smarrimento della tua carta ricaricabile presso le autorità competenti, dovrai confermare la richiesta di blocco della Postepay all’ufficio postale. Per farlo, dovrai recarti personalmente posso l’ufficio postale più vicino alla tua abitazione.

Se non sai come individuare la sede più vicina a te, clicca qui per collegarti all’apposito servizio di Poste Italiane per la ricerca degli uffici postali: digita il tuo indirizzo nel campo di testo e poi pigia sul pulsante Cerca (il simbolo della lente di ingrandimento) per visualizzare l’elenco degli uffici postali nella tua zona.

Per confermare la richiesta di blocco della tua PostePay, inoltre, tieni presente che dovrai comunicare all’addetto dell’ufficio postale il codice di blocco (se necessario) e la fotocopia del modulo della denuncia per furto o smarrimento della tua carta. Unitamente alla documentazione in oggetto, dovrai fornire anche i dati riportati su un tuo documento di identità (carta di identità o patente di guida).

A questo punto l’addetto dell’ufficio postale provvederà a emettere una nuova Postepay a tuo nome che andrà a sostituire quella ormai bloccata.

Nel caso in cui ti stia interrogando riguardo le sorti del saldo della tua precedente Postepay voglio subito tranquillizzarti, dicendoti che, qualora fosse disponibile del denaro sulla precedente carta, questo ti verrà riaccreditato sulla nuova Postepay. La procedura di riaccredito del denaro sulla nuova Postepay avverrà direttamente in tempo reale, dovrai attendere soltanto qualche istante necessario per caricare le operazioni al terminale.

Salvatore Aranzulla

Autore

Salvatore Aranzulla

Salvatore Aranzulla è il blogger e divulgatore informatico più letto in Italia. Noto per aver scoperto delle vulnerabilità nei siti di Google e Microsoft. Collabora con riviste di informatica e cura la rubrica tecnologica del quotidiano Il Messaggero. È il fondatore di Aranzulla.it, uno dei trenta siti più visitati d'Italia, nel quale risponde con semplicità a migliaia di dubbi di tipo informatico. Ha pubblicato per Mondadori e Mondadori Informatica.