Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Come capire se la batteria dell’iPhone è da cambiare

di

Possiedi un iPhone già da alcuni anni e non hai assolutamente intenzione di liberartene nel breve termine. Ciò nonostante, ti sei reso conto che, col passar del tempo, la durata della batteria del tuo “melafonino”, a cui sei tanto affezionato, inizia a diminuire, pertanto stai seriamente pensando a recarti al più vicino centro Apple per effettuarne la sostituzione. Prima di compiere quest’operazione e sborsare qualche soldo, però, vorresti capire se la batteria dell’iPhone è da cambiare o se, invece, l’autonomia è invece diminuita per colpa di qualche app che consuma troppa energia.

Come dici? Ho proprio indovinato? Perfetto, allora questa è la guida giusta da cui partire: di seguito, infatti, intendo spiegarti per filo e per segno come fare a capire se la batteria del tuo iPhone è in procinto di abbandonarti o se, invece, la scarsa autonomia del device è dovuta a problematiche di natura software. Ti indicherò come procedere sia “studiando” i comportamenti del telefono, sia consultando una serie di programmi specifici per lo scopo.

Non preoccuparti, non hai bisogno di essere un massimo esperto di tecnologia per portare a termine quest’operazione: le procedure che mi accingo a illustrarti sono estremamente semplici e non richiedono l’utilizzo di strumenti complicati o di rischiose procedure di sblocco. Dunque, non ti resta altro da fare che ritagliarti qualche minuto di tempo per te, metterti bello comodo e leggere attentamente tutto quanto ho da spiegarti sull’argomento: sono sicuro che, al termine di questa lettura, sarai perfettamente in grado di comprendere se sia effettivamente necessario effettuare o meno la sostituzione della batteria dell’iPhone. Buon lavoro e buona fortuna per le tue “indagini”!

Indice

Sintomi che la batteria dell’iPhone è da cambiare

Come capire se la batteria dell'iPhone è da cambiare

Prima ancora di rivolgerti ad app o programmi per visualizzare lo stato della batteria del tuo iPhone, ti consiglio di dare un’occhiata al comportamento dello stesso, per capire se sia effettivamente il caso di allarmarsi o meno.

Solitamente, il primo sentore di una batteria usurata (e dunque da sostituire) è da ricondursi a una lenta ma inesorabile diminuzione dell’autonomia del dispositivo: ciò significa, in pratica, che l’iPhone dovrebbe scaricarsi più rapidamente, nonostante le modalità e le tempistiche di utilizzo siano rimaste invariate rispetto a quelle applicate quando lo smartphone era ancora nuovo.

Come tentativo di riportare la situazione alla normalità, potresti provare a ricalibrare la batteria dell’iPhone: questa operazione, di fatto, serve a ripristinare il corretto comportamento dell’indicatore della carica del sistema operativo, escludendo dunque la possibilità che la durata minore della batteria possa essere riconducibile a un “errore di comunicazione” tra quest’ultima e iOS. Ti ho spiegato nel dettaglio come effettuare quest’operazione nel mio tutorial dedicato.

Inoltre, per precisa volontà di Apple, gli iPhone (dal 6 al 7 Plus) dotati di una batteria non più al massimo della sua forma, dopo il primo spegnimento improvviso dovuto alla mancanza di alimentazione, applicano una politica di gestione delle prestazioni: tale politica mette in essere degli accorgimenti per diminuire alcune prestazioni del sistema operativo, in nome di una maggiore autonomia e stabilità. Di seguito ti elenco i “sintomi” più comuni di questo comportamento.

  • Le app si avviano più lentamente.
  • Durante lo scorrimento delle pagine, le immagini potrebbero essere caricate “a scatti”.
  • La luminosità viene automaticamente indebolita (ma ciò può essere modificato dal Centro di controllo).
  • Il volume degli altoparlanti potrebbe risultare più basso (fino a -3 dB).
  • In alcune app, la frequenza d’immagine potrebbe essere ridotta gradualmente.
  • Il flash della fotocamera potrebbe essere disabilitato (ciò viene comunque segnalato all’interno dell’app Fotocamera).
  • Potrebbe rivelarsi necessario ricaricare le app in background dopo averle aggiornate.

Qualora il tuo iPhone dovesse rientrare in uno di questi scenari, ti consiglio di analizzare la sua batteria sfruttando uno dei metodi che mi appresto a elencarti di seguito.

Come capire se la batteria dell’iPhone è da cambiare tramite iOS

Il modo più semplice per capire se la batteria dell’iPhone è da cambiare o meno è sfruttare la funzionalità Stato della batteria, disponibile a partire da iOS 11.3 su tutti i modelli di iPhone, a partire dal 6 (e iPhone SE): tale funzione serve a visualizzare lo “stato di salute” della batteria installata nello smartphone e ad avvisare l’utente con un messaggio qualora questa stesse iniziando a usurarsi (costringendo dunque iOS ad applicare le modifiche “restrittive” di cui sopra).

Per servirtene, pigia sul pulsante Impostazioni di iOS, tocca le voci Batteria e Stato batteria, quindi dai un’occhiata alle informazioni presenti nella schermata successiva: la sezione Capacità massima identifica, in percentuale, la quantità di energia che la batteria è in grado di immagazzinare. Una batteria nuova può immagazzinare il 100% dell’energia che riceve, e tale indicatore tende a diminuire man mano che la batteria va a deteriorarsi.

Una capacità massima di gran lunga inferiore al 100% indica una batteria non più in forma e che dovrebbe essere cambiata: qualora quest’indicatore dovesse scendere al di sotto dell’80%, iPhone mostrerà un messaggio che ti inviterà alla sua sostituzione.

Nota: la comparsa dell’avviso relativo alla diminuzione significativa delle prestazioni della batteria non implica l’obbligo cambiarla: ciò significa che potrai comunque continuare a utilizzare l’iPhone come sempre, tuttavia la batteria tenderà a scaricarsi più rapidamente per via della sua scarsa efficienza.

La voce Capacità massima prestazioni, invece, permette di capire se la batteria è ancora in grado di offrire prestazioni ottimali. Inoltre, in  questa sezione, viene notificata l’eventuale attivazione delle politiche di gestione delle prestazioni di Apple, delle quali ti ho parlato nelle sezioni precedenti.

Come capire se la batteria dell’iPhone è da cambiare tramite macOS

Se non sei riuscito a ottenere il risultato sperato utilizzando le soluzioni suggerite nelle righe precedenti, puoi visualizzare dei report più dettagliati sullo stato della batteria dell’iPhone servendoti del tuo Mac: di seguito, infatti, ti spiegherò come fare a capire se la batteria dell’iPhone è da cambiare tramite macOS. Prima di procedere, ricorda di collegare l’iPhone al Mac tramite l’apposito cavo Lightning in dotazione.

Console (BatteryHealth)

Il sistema più semplice per reperire informazioni sulla batteria dell’iPhone, tramite il Mac, è sfruttare la Console di macOS, lo strumento che permette di mostrare in tempo reale i messaggi di stato del sistema operativo. Leggendo alcuni di essi, potrai infatti risalire a informazioni utili sullo stato di salute della fonte di alimentazione principale dell’iPhone. Tieni ben presente che questa procedura è applicabile su iPhone 6 e successivi con sistema operativo aggiornato almeno a iOS 11.3.

Per servirtene, accedi a Spotlight cliccando sull’icona a forma di lente d’ingrandimento collocata nell’angolo in alto a destra dello schermo del Mac, digita la parola console nel campo di ricerca e clicca sul primo risultato ottenuto (quello contrassegnato come Risultato migliore).

Giunto alla schermata di Console, digita la parola batteryhealth nell’area di ricerca residente in alto a destra, pigia sul pulsante Invio e, nel riquadro inferiore della finestra del programma, identifica il termine BatteryHealth: in sua corrispondenza, puoi trovare una parola che denota stato della batteria dell’iPhone collegato al Mac (ad es. la parola Good identifica una batteria in buono stato, mentre la parola Bad identifica una batteria da sostituire). Il parametro Max Capacity, invece, indica la percentuale di energia massima che la batteria è ancora in grado di accumulare (più questa è alta, meno la batteria è deteriorata).

Coconut Battery

Se la Console di macOS non è stata in grado di soddisfare le tue aspettative, puoi avvalerti di un’applicazione come Coconut Battery: questo programma, progettato principalmente per analizzare lo stato della batteria dei MacBook, permette di ottenere informazioni relative alla batteria dell’iPhone collegato al computer.

Per servirtene, collegati al suo sito ufficiale e clicca sul link Download vX.Y per avviare immediatamente il download dell’applicazione (ad es. coconutBattery-3.7). Completata quest’operazione, lancia il file appena scaricato e pigia successivamente sul pulsante Apri per avviarlo. Giunto alla schermata principale di Coconut Battery, clicca sul pulsante iOS Device: questa sezione, oltre alle informazioni sui cicli di carica e scarica della batteria, mostra anche informazioni sulla sua “salute”.

In particolare, l’indicatore collocato sotto la dicitura Full charge capacity mostra la quantità di energia al momento immagazzinata (in percentuale), mentre la barra corrispondente alla voce Design capacity mostra la percentuale di energia che la batteria è ancora in grado di accumulare. Tale indicatore, per una batteria nuova, è pari al 100% e va a diminuire man mano che le celle della batteria stessa vanno a deteriorarsi, trattenendo dunque meno energia del dovuto. In genere, una batteria da sostituire ha un indicatore di capacità massima inferiore al 70%.

Se sei arrivato fin qui, vuol dire che hai compreso alla perfezione l’utilizzo degli strumenti che ti ho presentato nel corso di questa guida e che sei stato in grado di applicarli brillantemente. Come dici? Purtroppo la batteria è da sostituire, ma proprio non sai come fare? Allora ti consiglio di dare un’occhiata alla guida su come cambiare batteria iPhone, in cui ho raccolto per te tutte le informazioni necessarie relative alla sostituzione della batteria del “melafonino”.