Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Come essere fotogenici

di

Fotogenici si nasce, non si diventa“. Hai mai sentito pronunciare questa frase? Sei stato tu stesso a esclamarla? Se hai risposto in modo affermativo, evidentemente non ami essere immortalato nelle foto e non ti consideri molto fotogenico. Eppure basterebbe prestare attenzione ad alcuni dettagli prima di farsi scattare una foto per migliorare la situazione e non nutrire più alcun timore nello stare davanti a un obiettivo. Non mi credi? Allora continua a leggere questo tutorial e vedrai che, al termine della lettura, saprai esattamente come essere fotogenici.

Nei prossimi paragrafi, infatti, ti mostrerò come puoi migliorare notevolmente la tua fotogenia prestando attenzione ad alcuni fattori quali l’illuminazione, la location, la scelta dell’acconciatura, dell’abbigliamento e persino la posizione del capo e del resto del corpo. Per quanto possa sembrarti banale, tutti questi piccoli dettagli fanno la differenza e determinano la creazione di una “buona” o una “cattiva” foto (senza dimenticare le soluzioni di photo editing, che possono tornare sempre utili).

Dunque, sei ancora desideroso di sapere come puoi diventare fotogenico? Perfetto! Mettiti bello comodo, prenditi tutto il tempo che ti serve per concentrarti sulla lettura delle prossime righe e, soprattutto, attua i suggerimenti che ti darò. Buona lettura e buon divertimento!

Indice

Scegliere l’illuminazione e la location giuste

Scegliere l’illuminazione e la location giuste è fondamentale per essere fotogenici. Non è possibile pensare di venire bene in una foto senza prestare attenzione a questi due aspetti.

Nella scelta dell’illuminazione da utilizzare per la tua foto, tieni conto dei seguenti fattori.

  • Scegli un ambiente illuminato al “punto giusto” — se l’ambiente in cui scatti la foto è eccessivamente luminoso, la foto verrà “bruciata”; mentre se l’illuminazione è scarsa, verrà piuttosto “buia”. Pertanto, se ti trovi in un ambiente esterno, cerca di evitare la luce diretta del sole, mentre se ti trovi in un interno, prova a spostarti vicino a una fonte luminosa, come una finestra o una lampada. Se proprio non riesci a illuminare l’ambiente, prova a regolare la sensibilità ISO sulla tua fotocamera o sul tuo smartphone (in quest’ultimo caso puoi fare ciò sia modificando le impostazioni della fotocamera che utilizzando app di terze parti, come Camera FV-5ProCam).
  • Presta attenzione alla direzione dalla quale proviene la luce — di solito è meglio evitare che venga frontalmente per non evidenziare difetti cutanei o lineamenti imperfetti, ma è altrettanto importante che la luce non provenga dallo sfondo per evitare il cosiddetto “effetto-silhouette”.
  • Fatti scattare la foto all’alba o al tramonto — in questi momenti della giornata, infatti, si ha una condizione di luce perfetta.

Per quanto riguarda la scelta della location, invece, ti suggerisco di prestare attenzione ai seguenti aspetti.

  • Evita gli ambienti troppo affollati — bar, ristoranti, piazze, mercati e altri luoghi troppo affollati potrebbero non contribuire alla riuscita di una buona foto per almeno due ragioni: in primis potresti sentirti troppo osservato (anche se magari nessuno ti sta effettivamente “puntando”) e quindi potresti sentirti teso e non a tuo agio, il che si potrebbe ripercuotersi negativamente sulla foto stessa. Oltre a ciò, scattando una foto in luoghi troppo affollati, potresti rischiare di ritrovarti nello sfondo elementi di disturbo che, oltre a rendere “disordinata” la foto stessa, rischierebbero di distogliere l’attenzione dal soggetto in primo piano, ovvero tu!
  • Evita ambienti poco adatti — il bagno di casa e l’interno della propria macchina sono location che, per ovvie ragioni, vanno assolutamente evitate (a meno che non ti trovi nel bagno di un hotel super lussuoso o a bordo di una Ferrari!).

Scegliere l’acconciatura e l’abbigliamento adatti

Scegliere l’acconciatura e l’abbigliamento adatti è molto importante per essere fotogenici. I capelli ben pettinati, la barba ben curata e gli indumenti scelti con cura, possono valorizzare i tuoi lineamenti e aumentare notevolmente la tua fotogenia.

Per quanto riguarda la scelta dell’acconciatura e dell’abbigliamento, cerca di giocare d’anticipo. Se, ad esempio, vai a trovare degli amici, molto probabilmente vorranno scattarsi qualche foto con te per avere un ricordo del weekend passato insieme. Porta quindi con te dei vestiti adatti e, naturalmente, non dimenticarti di passare dal parrucchiere!

Nella scelta dei vestiti, ricordati di evitare abiti troppo larghi: potrebbero farti sembrare grasso. Evita anche vestiti attillati, succinti, trasparenti o provocanti: potrebbero mettere in evidenza alcuni dei tuoi difetti e non denoterebbero buon gusto. Ti sorprenderai di quanto possano migliorare le tue foto semplicemente prestando attenzione al tuo aspetto generale!

Se non ti fidi molto dei tuoi gusti personali in fatto di acconciatura e abbigliamento, perché non chiedi un parere a qualche familiare o a un amico fidato? Magari saprà indicarti dove potresti migliorare (sempre che tu ne abbia effettivamente bisogno!).

Ruotare leggermente il capo e l’intero corpo

Ruotare leggermente il capo e l’intero corpo può renderti più fotogenico. Prova a sfogliare una qualsiasi rivista di moda e noterai che praticamente tutte le modelle utilizzano questo pratico accorgimento per valorizzare i lineamenti del loro viso e del loro intero corpo.

Pertanto, evita di assumere posizioni troppo rigide nel momento in cui ti viene scattata una foto (a mo’ di soldato, per intenderci) e rilassati: in questo modo eviterai posizioni innaturali che rischierebbero di rovinare lo scatto.

Per quanto riguarda il capo, evita di guardare dritto nell’obiettivo: fare ciò potrebbe far sembrare “piatta” la tua faccia dal momento che potrebbero venire a mancare le ombre naturali che conferiscono profondità al tuo viso. Sempre per quanto riguarda la posizione della testa, cerca di inclinarla leggermente verso il basso e di lato, in modo tale da nascondere un po’ le narici: il tuo volto sembrerà più asciutto e aggraziato.

Un altro accorgimento a cui faresti bene prestare attenzione è quello di inclinarti con la testa leggermente in avanti, proprio verso chi ti sta scattando la foto. Fare ciò può creare un’illusione ottica che fa sembrare il resto del tuo corpo più snello (al nostro cervello, infatti, i soggetti in primo piano sembrano essere più grandi rispetto a quelli in secondo piano).

Sorridere nel modo corretto

Desideri essere fotogenico? Allora devi assolutamente sorridere nel modo corretto. Facendo ciò, infatti, rilasserai una buona fetta dei tuoi 36 muscoli facciali, valorizzerai i tuoi lineamenti, lo scatto apparirà molto più naturale e, come se tutto ciò non bastasse, susciterai emozioni positive in coloro che guarderanno la foto. Incredibile: tutto ciò grazie a un sorriso!

Naturalmente, devi sorridere nel modo giusto, per evitare di sembrare “finto”. Sforzati quindi di sorridere mostrando i denti (preferibilmente quelli dell’arcata superiore) e strizzando un po’ gli occhi: in questo modo il sorriso sembrerà più naturale. Ah… quasi dimenticavo! Evita di dire “cheese”: contrariamente a quanto si potrebbe pensare, pronunciare questa parola nel momento dello scatto potrebbe far sembrare il tuo sorriso finto e innaturale.

Migliorare le foto con app o programmi di editing

Pur mettendo in pratica i suggerimenti che ti ho elencato nelle righe precedenti, non sempre i tuoi scatti saranno perfetti. Fortunatamente alcune app e programmi di fotoritocco possono aiutarti a salvare anche le foto più “infelici”!

Nei prossimi paragrafi, infatti, ti elencherò alcune soluzioni che potrebbero tornarti utili nel qual caso tu voglia apportare qualche ritocchino alle foto che ti vengono scattate. Accanto al nome di ciascuna app o di ciascun programma, troverai una breve descrizione che ne illustra le caratteristiche e il link ai vari tutorial in cui puoi trovare spiegazioni dettagliate circa il loro funzionamento (ove disponibile). Fanne buon uso!

  • Snapseed (Android/iOS) — questa famosissima app di editing fotografico è sviluppata da Google e mette a disposizione degli utenti un set ricco di strumenti utili per agire manualmente sui principali parametri delle foto. Come se ciò non bastasse, Snapseed è caratterizzata da un’interfaccia pulita che rende più piacevole utilizzarla ed è gratuita al 100%. Se vuoi avere maggiori info circa il suo utilizzo, leggi il tutorial in cui parlo delle app per ritoccare le foto.
  • Pixlr (Android/iOS) — anche Pixlr è un’app completamente gratuita che permette di agire con una certa facilità sui principali parametri dei propri scatti. Oltre a ciò, Pixlr integra delle feature aggiuntive, come quella che permette di realizzare dei magnifici collage fotografici. Ti ho illustrato nel dettaglio il funzionamento di questo applicativo nel post dedicato alle app per ritoccare le foto.
  • Afterlight (Android/iOS/Windows) — questa app integra molteplici strumenti che permettono di editare i propri scatti e di aggiungervi cornici, forme e quant’altro. Afterlight può essere scaricata gratuitamente su Android e iOS, ma per accedere a tutti gli strumenti che vi sono inclusi bisogna effettuare acquisti in-app a partire da 0,73 euro (Android) e 1,09 euro (iOS). Su Windows 10 Mobile è possibile acquistare Afterlight per 0,99 euro. Se vuoi approfondire il funzionamento di questa app, leggi il tutorial in cui parlo delle app per ritoccare le foto.
  • VSCO (Android/iOS) — se stai cercando un’app che permetta di ritoccare foto in modo facile e veloce, VSCO potrebbe essere la soluzione più adatta a te, visto che consente di ritoccare gli scatti utilizzando dei comodi preset. Ti ho illustrato il funzionamento di VSCO nel tutorial dedicato alle app per ritoccare le foto.
  • Pixelmator (iOS/macOS) — se hai a disposizione un iPhone, un iPad o un Mac, non puoi non prendere in considerazione questa app caratterizzata da un set di strumenti molto “variegato” che consente di agire comodamente sulle foto sia da mobile (su iOS) che da desktop (su macOS). Pixelmator costa 5,49 euro su iOS e 32,99 euro su macOS. Su macOS è possibile acquistare anche Pixelmator Pro (64,99 euro), una sorta di versione “potenziata” di Pixelmator, pensata soprattutto per i fotografi professionisti.
  • Adobe Photoshop Fix (Android/iOS) — questa app, sviluppata da Adobe, è una sorta di “versione tascabile” del famosissimo Photoshop (di cui ti parlerò a breve). Gli strumenti inclusi in Photoshop Fix, la rendono perfetta per ritoccare l’aspetto di un soggetto, modificare tratti specifici del suo volto o altre parti del corpo. Se vuoi avere maggiori dettagli su come utilizzare questa app (oltre che tutte le altre applicazioni per dispositivi mobili sviluppate da Adobe), leggi pure l’articolo dedicato alle app per Photoshop.
  • Adobe Photoshop (Windows/macOS) — sono sicuro che avrai già sentito parlare di questo famosissimo programma di photo editing. Adobe Photoshop, infatti, è apprezzato da professionisti di tutto il mondo a motivo della vastissima gamma di tool che rendono possibile eliminare praticamente qualsiasi difetto sia presente in un’immagine. Trattandosi di un programma pensato per i professionisti, per utilizzarlo è necessario sottoscrivere un abbonamento mensile a partire da 12,19 euro al mese. Nella guida in cui spiego come usare Photoshop, troverai consigli su come utilizzarlo al meglio.
  • GIMP (Windows/macOS/Linux) — questo programma open source e multi-piattaforma viene considerato una delle migliori alternative gratuite a Photoshop. Certo, non offre tutti gli strumenti avanzati inclusi in quest’ultimo, ma può andare più che bene se non si ha la necessità di apportare modifiche importanti ai propri scatti. Nella guida in cui spiego come usare GIMP puoi trovare consigli su come utilizzarlo al meglio.