Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Come fare la pozione di forza su Minecraft

di

Giocando a Minecraft in modalità sopravvivenza ti trovi spesso invischiato in pericolosi scontri con mob dall’aspetto poco raccomandabile, dai quali fai fatica a uscire indenne. Ultimamente, però, hai appreso dai tuoi amici che è possibile incrementare la propria forza tramite un’apposita pozione: hai subito realizzato che potrebbe esserti davvero di grande supporto per proseguire con successo le tue audaci avventure e, dunque, sei fortemente motivato a scoprire tutti i segreti della sua preparazione.

Senza pensarci due volte ti sei messo immediatamente su Internet alla ricerca delle istruzioni per capire come fare la pozione di forza su Minecraft: non essendo particolarmente esperto per quanto riguarda il funzionamento delle pratiche alchemiche in questo celebre videogioco, però, vorresti poter fare riferimento a una guida integrale e ricca di informazioni, che ti spieghi per bene tutti i passaggi necessari alla sua fabbricazione.

Ebbene, oggi è proprio il tuo giorno fortunato: ho preparato questo tutorial, infatti, appositamente per darti modo di scoprire tutto quello che riguarda questo misterioso e indispensabile distillato, che nasconde alcuni ingredienti non esattamente facilissimi da reperire. Insomma, c’è un pò di lavoro da fare per ottenere questa pozione, ma non temere: dopo la lettura dei prossimi paragrafi starai certamente molti più passi avanti rispetto a ora e avrai ben chiaro il da farsi. Allora, sei pronto? Perfetto, in tal caso non mi rimane che augurarti buone lettura e buon divertimento!

Indice

Informazioni preliminari

bere pozione di forza

Per cominciare ti illustrerò quali sono le prerogative della pozione di forza e, in particolare, gli effetti che quest’ultima produce sul tuo avatar cubico. Innanzitutto, devi sapere che si tratta di una pozione normale, la quale, dunque, va bevuta nel momento in cui occorre incrementare la propria energia, il che verosimilmente avviene soprattutto quando ci si trova a dover affrontare dei mob ostili.

La sua versione base permette, infatti, di aumentare di 3 unità il danno in mischia: in sostanza, la forza raggiunge il 130% della capacità, il tutto per un tempo limite di 3 minuti. Se, però, ciò non dovesse risultare sufficiente rispetto alle tue necessità, puoi sempre considerare la possibilità di generare la pozione di forza II, che incrementa il valore portandolo al 160%, ma solo per un minuto e mezzo.

Infine, un’altra utile opzione a cui è possibile ricorrere quando si ha il presentimento di dover affrontare una sfida di maggiore durata, è quella di migliorare ulteriormente il preparato alchemico producendo la cosiddetta pozione di forza aumentata (o lunga), che porta a 8 minuti la persistenza nel tempo dell’effetto base. Interessante, non trovi?

Come fare la pozione di forza su Minecraft

alambicco minecraft

È venuto il momento di passare ai fatti: il pericolo è sempre dietro l’angolo nella modalità sopravvivenza nel celebre videogioco di Mojang e il calare della notte non aiuta di certo a stare tranquilli. Vediamo, dunque, cosa occorre fare per reperire tutto l’essenziale necessario alla produzione di questo utilissimo elisir, dopodiché ti mostrerò per filo e per segno come fare la pozione di forza su Minecraft. Le procedure illustrate valgono per tutte le edizioni di Minecraft e tutte le piattaforme di gioco.

Occorrente

fabbricazione alambicco Minecraft

Se ti stai chiedendo quale sia l’occorrente per ottenere la pozione di forza su Minecraft, potrai trovare la risposta che cerchi nei prossimi paragrafi: qui, infatti, ti spiegherò in maniera esauriente quali sono i vari elementi necessari alla produzione di una pozione base (o pozione strana) dalla quale, successivamente, è possibile ottenere quella di forza e le sue varianti.

Per non dare adito a dubbi di nessun genere, darò per assodato che finora non hai mai realizzato nessuna pozione e che ti trovi in modalità sopravvivenza (considera, comunque, che puoi pur sempre passare temporaneamente a quella creativa se hai una certa impellenza, accedendo così a un inventario illimitato): ti fornirò, pertanto, una descrizione completa di tutta l’attrezzatura e dei materiali, ma anche di come reperirli e assemblarli.

Per cominciare, è essenziale avere a disposizione un alambicco: per fabbricarlo apri l’interfaccia di un banco da lavoro (se hai dubbi in merito, in questa guida ti mostro come realizzarlo), quindi posiziona nella griglia tre unità di pietrisco, presente in grandi quantità sotto il terreno di qualsiasi bioma. Oltre a questo, unisci anche una verga di blaze: purtroppo non c’è altro modo di ottenere questo particolare elemento se non uccidendo il mob in questione, considerando allo stesso tempo una probabilità di circa il 50% di riuscire nell’intento al primo colpo.

La verga di blaze, è bene dirlo, ti sarà utile anche per produrre la polvere di blaze (ti basterà collocare la verga nel riquadro centrale della griglia nel banco da lavoro per ottenerne due unità), essenziale per procedere successivamente alla distillazione. Dunque, dovrai darti da fare con i blaze se desideri diventare un esperto alchimista!

fabbricazione ampolla di vetro

A seguire, costruisci anche l’ampolla di vetro: l’elemento base di cui è composta, il vetro, si ottiene semplicemente inserendo un blocco di sabbia in una fornace. Per la precisione, ti servirà un quantitativo pari a tre blocchi di vetro, i quali vanno disposti su un tavolo da lavoro come mostrato nell’immagine, per produrre tre ampolle. In alternativa, puoi anche provare a commerciare con i villager, per ottenerla in maniera meno “faticosa”.

A questo punto, recati davanti allo specchio d’acqua più vicino e interagisci con quest’ultimo tenendo l’ampolla in mano per riempirla, in modo da ottenere un’ampolla d’acqua. L’ultimo ingrediente chiave per la realizzazione di una pozione di base (più nota come pozione strana) è la verruca del Nether: se non ne hai mai sentito parlare, si tratta di una pianta presente unicamente nell’oscura dimensione del Nether, indicativamente nei pressi delle varie fortezze o delle scalinate disseminate al suo interno.

Per accedervi dovrai necessariamente attraversare il celebre e inquietante portale del Nether: se non hai la più pallida idea di cosa fare, in questa guida ti mostro per bene come costruirlo. Avrai certamente intuito che si tratta di un’avventura adatta solo ai più volenterosi e, soprattutto, ai più intrepidi.

Creazione della pozione

pozione strana alambicco

Ora hai tutto l’occorrente per preparare la pozione strana, che rappresenta la base di partenza per l’ottenimento della pozione di forza. Come forse già saprai, questo primo prodotto alchemico da solo non è in grado di produrre alcun effetto, ma, come ti mostrerò a breve, seguendo la corretta procedura e integrandolo con i giusti ingredienti è possibile trasformarlo in qualcosa di ben più utile e efficace.

Per iniziare, poggia l’alambicco nel terreno, quindi interagisci con lo strumento in questione per accedere alla relativa interfaccia. Colloca, quindi, la polvere di blaze nel riquadro in alto a sinistra, dopodiché esegui la medesima operazione con l’ampolla d’acqua, posizionandola stavolta nello scomparto centrale e, per finire, aggiungi anche la verruca del Nether nel blocco superiore centrale.

La distillazione partirà automaticamente e nell’arco di pochi istanti (verifica l’indicatore di avanzamento contraddistinto dal simbolo una freccia sulla destra) potrai procedere a prelevarla e a spostarla nell’inventario.

pozione di forza alambicco

A questo punto, per realizzare la pozione di forza normale non devi far altro che ripetere la medesima operazione esposta in precedenza, inserendo nell’interfaccia dell’alambicco, questa volta, la polvere strana appena ottenuta nel riquadro in basso e la polvere di blaze nel blocco superiore dedicato agli ingredienti secondari, esattamente come mostrato nell’immagine sopra: per fartela breve, la polvere in questione avrà la duplice funzione di carburante (ne hai già posizionata una parte nel riquadro in alto a sinistra che ti basterà per portare a termine più distillazioni) che di componente aggiuntivo.

Se vuoi amplificare il suo effetto, come ti ho spiegato nel capitolo preliminare di questa guida, puoi ricorre alla pozione di forza II, che si ottiene distillando nell’alambicco, in questo caso, la polvere di luminite insieme alla pozione di forza. La luminite è un particolare blocco che, come per la verruca del Nether, è reperibile solamente nella suddetta dimensione oscura e la cui distruzione dà luogo a una quantità variabile fra le due e le quattro unità della relativa polvere di cui ti ho accennato poc’anzi. Considera, però, che potresti riuscire a ottenerla anche mediante commercio.

Se, invece, vuoi allungare la durata dell’effetto portandola a 8 minuti, utilizza la polvere di redstone: si tratta di un minerale caratterizzato dalla capacità di generare una consistente energia. Può essere recuperata durante un’avventurosa escursione nelle dimore delle foreste o delle giungle, per commercio, o ancora per fabbricazione, inserendo un blocco di redstone al centro della griglia nel banco da lavoro.

Spero di averti fornito tutte le indicazioni di cui necessitavi e di aver dissipato tutti i tuoi dubbi sulla realizzazione di questa preziosa ed essenziale pozione. Se hai trovato questo argomento particolarmente utile e vuoi mettere alla prova le tue abilità alchemiche con altre tipologie di filtri magici, ti consiglio vivamente di leggere i miei tutorial dedicati, ad esempio, a come fare la pozione di invisibilità, quella di velocità (molto utile per darsela a gambe nelle situazioni di pericolo), o quella di debolezza.

Salvatore Aranzulla

Autore

Salvatore Aranzulla

Salvatore Aranzulla è il blogger e divulgatore informatico più letto in Italia. Noto per aver scoperto delle vulnerabilità nei siti di Google e Microsoft. Collabora con riviste di informatica e cura la rubrica tecnologica del quotidiano Il Messaggero. È il fondatore di Aranzulla.it, uno dei trenta siti più visitati d'Italia, nel quale risponde con semplicità a migliaia di dubbi di tipo informatico. Ha pubblicato per Mondadori e Mondadori Informatica.