Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Come non farsi chiamare dai call center

di

A casa, in ufficio, perfino sul cellulare: ovunque tu sia vieni subissato dalle telefonate dei call center che cercano di venderti ogni tipo di prodotto o servizio. Davvero una bella seccatura, vero? E allora perché non corri ai ripari e cerchi un modo per evitare di essere disturbato? Come dici? Non sai proprio come riuscirci? E allora permettimi di spiegarti come non farsi chiamare dai call center adoperando varie soluzioni utili a questo scopo.

Se vuoi bloccare le chiamate pubblicitarie sul cellulare, puoi ricorrere ad alcune funzioni di sistema e/o installare delle applicazioni che riconoscono e in alcuni casi respingono le comunicazioni provenienti da call center, operatori di telemarketing, truffatori e altri “seccatori noti” (che cioè sono stati inclusi in delle liste pubbliche di disturbatori).

Inoltre, puoi usare il Registro Pubblico delle Opposizioni, un servizio che permette ai cittadini di auto-escludersi dalle liste utilizzate dagli operatori di telemarketing per le loro comunicazioni. È molto facile da utilizzare, anche se purtroppo ha un grosso limite: non può impedire le chiamate da parte dei call center quando si è dato espresso consenso alla ricezione di comunicazioni promozionali (cosa che accade spesso quando ci si iscrive a un sito Internet, si partecipa un concorso online o ci si abbona a servizi di vario genere). Inoltre, sappi che non funziona per il blocco delle chiamate provenienti da call center esteri, visto che questi non sono tenuti a osservare le normative italiane. Ciò detto, procediamo!

Indice

Come non farsi chiamare dai call center sul cellulare

Se vuoi sapere come non farsi chiamare dai call center sul cellulare, permettimi di illustrarti alcune funzioni di sistema e app utili allo scopo.

Funzioni di sistema

Come bloccare chiamate call center cellulare

Se non vuoi installare delle app di terze parti per evitare le chiamate dei call center, potresti prendere in considerazione l'idea di avvalerti delle funzioni di sistema che, in qualche modo, potrebbero tornare utili per lo scopo in oggetto.

  • Su Android — se sul tuo smartphone è presente l'app Telefono di Google, sappi che puoi evitare le chiamate spam dei call center (e non solo), andando a pigiare sul simbolo dei tre puntini verticali (in alto a destra della sua schermata principale), facendo poi tap sulle voci Impostazioni > ID chiamante e spam e spostando su ON l'interruttore relativo al filtro antispam per le chiamate. Maggiori info qui.
  • Su iPhone — recati nell'app Impostazioni, pigia sulle voci Telefono > Silenzia numeri sconosciuti di iOS e sposta su ON la levetta relativo all'interruttore che vedi a schermo, così da andare a bloccare le chiamate provenienti da call center e, più in generale, da numeri non salvati in rubrica. Maggiori info qui.

Should I Answer (Android/iOS)

SHould I Answer 2020

Ci sono anche alcune app che ti consiglio di provare, se vuoi evitare le chiamate dei call center sul cellulare, come Should I Answer. Si tratta di un'applicazione gratuita che permette di bloccare le chiamate provenienti da call center, operatori di telemarketing, truffatori e altri “seccatori”, in base a una lista che viene aggiornata continuamente grazie ai contributi volontari degli utenti (la lista in questione è la medesima usata dal servizio Chi sta chiamando? e, a differenza di altre app simili, non prevede l'aggiunta obbligatoria del proprio numero).

Should I Answer è disponibile per Android (compresi store alternativi) e iOS. Tuttavia, ci tengo a precisare che la versione per iOS non include gratuitamente la funzione di aggiornamento del database e visualizzazione dell'ID del chiamante, che in questo caso richiede la sottoscrizione dell'abbonamento da 1,99 euro/mese con primo mese di prova gratis.

Dopo aver installato e avviato Should I Answer sul tuo device, concedile i permessi che le servono per funzionare correttamente e, se usi la versione per Android, fai tap sul bottone Protezione attiva, così da bloccare direttamente le chiamate spam: tieni conto che, se decidi di attivare tale impostazione, dovrai consentire a Should I Answer di essere usata come app “Telefono”. Altrimenti, premi sul bottone Protezione passiva, in modo tale da visualizzare gli avvisi contro lo spam. In base alla scelta appena effettuata, seleziona la tipologia di avvisi da vedere oppure concedi all'app l'accesso alle informazioni sulle chiamate ricevute.

Se usi la versione per iOS di Should I Answer, invece, recati in Impostazioni > Telefono > Blocco chiamate e identificazione e sposta su ON l'interruttore posto in corrispondenza della dicitura ShouldIAnswer. In questo modo, a prescindere dalla versione dell'app utilizzata, Should I Answer inizierà a intercettare le telefonate, rivelandoti l'identità di chi ti chiama (a patto che il numero del chiamante figuri nella banca dati su cui si basa l'app).

Should I Answer offre anche la possibilità di attivare il blocco delle chiamate. Per avvalertene su Android, fai tap sul pulsante (≡), pigia sulle voci Impostazioni > Blocco e sposta su ON gli interruttori che si trovano in corrispondenza dei numeri da bloccare preventivamente (es. segnalato da te come spam, numero straniero, etc.).

Se usi la versione per iOS dell'app, invece, fai tap sul simbolo dell'ingranaggio, che si trova in alto a destra, sposta su ON l'interruttore collocato accanto alla dicitura Block negative calls e il gioco è fatto.

Come non farsi chiamare dai call center con il Registro Pubblico delle Opposizioni

RPO

Per non farsi chiamare dai call center sul fisso, come ti dicevo nell'introduzione dell'articolo, la cosa migliore che puoi fare è rivolgerti al Registro Pubblico delle Opposizioni, un servizio gratuito patrocinato dal Ministero dello Sviluppo Economico, che permette di rendere pubblica la propria volontà di non essere contattati a scopi promozionali dai call center. Dopo esserti iscritto ad esso, a meno che tu non abbia dato esplicitamente il consenso a ricevere telefonate pubblicitarie in qualche contratto di abbonamento a TV, servizi Web, etc., gli operatori di telemarketing non potranno più chiamarti (eccezione fatta per quelli che agiscono dall'estero, che non sono obbligati ovviamente a rispettare le normative italiane).

Il servizio vale per tutti i numeri, fissi e mobili, i cui proprietari decidono di farne richiesta tramite le seguenti modalità.

  • Online — visita il sito dell'RPO, scegli se entrare senza autenticazione oppure se registrarti con lo SPID e compila il modulo proposto, avendo cura di fornire dati di contatto, numeri da registrare, etc. Dopodiché segui le indicazioni che ti vengono date a schermo per convalidare i numeri che hai indicato e, quindi, registrarli sul servizio.
  • Telefono — telefona all'800 957 766 da rete fissa oppure al numero 06 42986411 da rete mobile e segui le istruzioni della voce guida per registrare il numero tramite il quale hai avviato la telefonata (al momento della stesura di questo articolo bisogna premere il tasto 1, ma tu segui comunque le indicazioni vocali, non si sa mai).
  • Email — scarica da questa pagina il modulo per ISCRIZIONE cittadino via email (si trova nella sezione Iscrizione tramite Email, visibile scorrendo la pagina che ti ho linkato) e, dopo averlo compilato come si deve, invialo tramite posta elettronica all'indirizzo iscrizione@registrodelleopposizioni.it.

La tua richiesta di inserimento nel Registro Pubblico delle Opposizioni sarà accettata entro 15 giorni circa Ti ricordo che il servizio permette di registrare fino a un massimo di 5 numeri.

Se dopo esserti iscritto al Registro Pubblico delle Opposizioni continui a ricevere chiamate da parte di aziende alle quali non hai dato il consenso per ricevere comunicazioni promozionali, scarica questo modulo, compilalo e spediscilo al Garante per la protezione dei dati personali usando una delle modalità elencate nell'intestazione del documento stesso.

Per maggiori informazioni sul funzionamento del Registro Pubblico delle Opposizioni, consulta la guida che ho dedicato all'argomento: lì trovi una spiegazione ancora più approfondita su come avvalertene.

Salvatore Aranzulla

Autore

Salvatore Aranzulla

Salvatore Aranzulla è il blogger e divulgatore informatico più letto in Italia. Noto per aver scoperto delle vulnerabilità nei siti di Google e Microsoft. Collabora con riviste di informatica e cura la rubrica tecnologica del quotidiano Il Messaggero. È il fondatore di Aranzulla.it, uno dei trenta siti più visitati d'Italia, nel quale risponde con semplicità a migliaia di dubbi di tipo informatico. Ha pubblicato per Mondadori e Mondadori Informatica.