Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Come qualificarsi al FUT Champions FIFA

di

Le competizioni ti sono sempre piaciute, così come il calcio. D’altronde, non sei mai riuscito a trovare in altri sport l’adrenalina e il divertimento che ti infonde un’azione offensiva della tua squadra del cuore. In questo contesto, non puoi fare a meno di dedicare parte del tuo tempo libero alla trasposizione videoludica di tutto ciò.

Hai deciso dunque di scendere in campo con Electronic Arts. Tuttavia, un dubbio è sorto nella tua mente: come qualificarsi al FUT Champions di FIFA? Questo è il dilemma. Non preoccuparti: comprendo il motivo per cui potresti non aver ben compreso come funziona la competizione, soprattutto se hai un po’ di anni sulle spalle e non sei abituato a giocare FIFA in questo modo.

Sei arrivato nel posto giusto: di seguito puoi infatti trovare tutte le indicazioni del caso relative a FUT Champions. Ti posso assicurare che il post non richiede troppo tempo per essere portato a termine e che una volta che l’avrai terminato avrai fugato un po’ tutti i dubbi legati alla competizione. Non mi resta che augurarti buona lettura e buon divertimento!

Indice

Informazioni preliminari

FUT Champions Logo

A breve risolverò il tuo dilemma relativo a come qualificarsi al FUT Champions di FIFA, ma prima lasciami fornirti qualche dritta in generale in merito all’argomento.

Ebbene, è giusto partire dalla FUT Champions Cup. Quest’ultima è un torneo legato al mondo degli eSport, ergo degli sport digitali, che generalmente prevede un finale in cui vengono radunati fisicamente in un’arena, ad esempio la Gfinity Arena di Londra, tutti i principali giocatori professionisti di FIFA. Sì, questi ultimi vengono trattati come star, c’è grande interesse attorno alla competizione e non mancano chiaramente ingenti premi in denaro, elargiti a coloro che si piazzano ai primi posti.

Insomma, si tratta di qualcosa di molto più serio delle comuni partite online a cui è generalmente abituato chi ha un po’ di anni sulle spalle: qui si compete veramente, tanto che nel mondo degli eSport, per quel che concerne i giocatori più forti, spesso c’è di mezzo una preparazione per certi versi assimilabile a quella di comuni atleti del mondo calcistico. In parole povere, può diventare anche un lavoro.

Cosa voglio dire con tutto ciò? Che non si tratta di qualcosa di semplice, anzi: diventare una star globale del mondo eSport è un percorso assolutamente in salita, considerata anche l’ampia competizione. In parole povere, se pensi di riuscire a raggiungere il top in men che non si dica e senza allenamento, sei completamente fuori strada. La preparazione che i player professionisti devono affrontare nel quotidiano, infatti, è molto impegnativa e richiede tanta abilità e dedizione.

FUT Champions Cup e il mondo eSport in generale sono una “cosa seria” e lo hanno capito anche le grandi società calcistiche nostrane. Basti vedere i team eSport delle squadre di Serie A e di altre importanti leghe calcistiche mondiali. Insomma, capisci bene che là fuori è pieno di persone sognanti che vorrebbero partecipare a un torneo ufficiale come la FUT Champions Cup e si chiedono com’è possibile arrivare a competere in quest’ultima.

FUT Champions Cup

La risposta è una: farsi notare prima nei tornei digitali FUT Champions (diversi dalla succitata FUT Champions Cup, che si svolge fisicamente), a cui si può partecipare anche standosene comodamente a casa. In parole povere, bisogna vincere più partite possibili in un determinato arco di tempo, facendosi eventualmente notare per poi potenzialmente essere inseriti nel “circuito” degli eventi fisici come la FUT Champions Cup (nulla è dovuto in ogni caso, quindi ovviamente dovrai sempre essere tu a informarti meglio in merito).

Chiaramente tutto si basa sulle tue abilità da giocatore, cosa su cui purtroppo non posso fare molto (se non fornirti qualche consiglio generale, che trovi nel mio tutorial su come migliorare su FIFA), ma in questa sede mi soffermerò su come funziona il sistema di qualificazione relativo al torneo digitale FUT Champions, così che tu sia a conoscenza di come hanno mosso i primi passi alcuni dei più grandi giocatori professionisti in ambito eSport.

In ogni caso, prima di fornirti tutte le indicazioni del caso, ci tengo a precisare che la serie di videogiochi FIFA è in continua evoluzione e dunque i metodi legati alla qualificazione potrebbero variare da un momento all’altro, a discrezione di Electronic Arts.

Come qualificarsi al FUT Champions

Adesso che hai un po’ di “infarinatura” relativamente all’argomento, grazie a quanto indicato nel capitolo preliminare, direi che è giunta l’ora di procedere all’azione. Dunque, come qualificarsi al FUT Champions su FIFA 22? Te lo spiego subito: in questa sede effettuerò chiaramente un esempio pratico relativo a questo capitolo della serie, utile per farti comprendere come funziona generalmente il tutto, ma ovviamente ogni capitolo del videogioco calcistico di Electronic Arts può fare storia a sé e presentare delle differenze. Chiaro? Bene, allora iniziamo.

Come qualificarsi ai playoff

Playoff FUT Champions

Lasciami indovinare: hai una console, un abbonamento per giocare online, sai già giocare discretamente e sei un appassionato di FIFA, ma non hai semplicemente ben capito da dove partire per il torneo FUT Champions. Se le cose stanno così, devi sapere che tutto inizia dalla qualificazione ai playoff.

Infatti, questi ultimi rappresentano la prima fase del torneo, ma prima è necessario dimostrare di essere abbastanza in gamba per accedere allo stesso FUT Champions. In parole povere, non possono semplicemente partecipare tutti a quest’ultimo: prima bisogna dimostrare il proprio valore in un contesto più “tranquillo” (si fa per dire).

Mi riferisco alla modalità Division Rivals, ergo a una competizione stagionale online. Generalmente una stagione Division Rivals dura 6 mesi ed è questo il tempo utile per provare a vincere le partite. A tal proposito, questa modalità è suddivisa in Divisioni: in base a quella in cui ti trovi, otterrai i cosiddetti Punti Qualificazione Champions (PQC). Come avrai probabilmente già intuito, sono proprio questi ultimi a consentirti di accedere ai playoff, che di solito si giocano durante il weekend (chi ha detto Weekend League?).

Come funzionano le partite Division Rivals FIFA

Una volta raggiunto il giusto numero di PQC per accedere alla competizione FUT Champions attualmente in corso (ad esempio, 2.000 PQC, ogni vittoria di una partita di solito garantisce almeno 25 punti), la qualificazione ai playoff sarà automatica: ti ritroverai, senza nemmeno dover fare richiesta, a partecipare alla prima fase del torneo digitale.

A questo punto, sai cosa fare: darti da fare il più possibile con le partite della Division Rivals, raggiungendo il numero di Punti Qualificazione Champions richiesti. Probabilmente ora ti starai chiedendo come tenere traccia dei tuoi progressi. Ebbene, generalmente basta accedere alla sezione del gioco relativa a FUT (FIFA Ultimate Team), spostarsi nell’area dedicata a FUT Champions e dare un’occhiata a tutte le informazioni di cui hai bisogno.

Come qualificarsi alle finali

Finali FUT Champions

Su FIFA 22, il torneo digitale FUT Champions si suddivide in due fasi: i già citati playoff e le finali. Ti spiego all’istante come si può solitamente accedere a queste ultime.

Se sei già riuscito ad accedere ai playoff, ovvero alla prima fase del torneo, avrai sicuramente notato che ti viene richiesto di giocare un certo numero di partite. Come puoi ben immaginare, ora devi dimostrare il tuo valore in questo contesto, affrontando altri giocatori che come te sono riusciti a spiccare nelle partite Division Rivals (ergo, la sfida si fa sempre più dura).

Se riuscirai nel tuo intento, solitamente vincendo almeno 5 delle 9 partite previste (per intenderci meglio, generalmente potresti dover accumulare 24 punti: ogni partita vinta solitamente equivale a 4 punti e ogni sconfitta che garantisce invece 1 punto), al termine dei playoff otterrai un gettone per la qualificazione alle finali. Solo un consiglio: non commettere l’errore di terminare tu manualmente la competizione, se non hai intenzione di ripartire da zero e non hai effettuato i giusti calcoli.

In ogni caso, in seguito non ti resterà che controllare per bene il calendario delle finali disponibili (non ci sono sempre, ma in genere si svolgono nel weekend) e scegliere quando utilizzare il gettone ottenuto per partecipare a questa fase della competizione. Solitamente il gettone può essere utilizzato quando meglio credi, anche nella Stagione successiva. Tuttavia, una volta usato non potrai più tornare indietro: parteciperai alle prossime finali di FUT Champions disponibili. Insomma, pensaci bene e punta a iniziare sfida quando ti senti realmente pronto e in forma: le finali sono chiaramente le fasi più avanzate del torneo, in cui affronterai i giocatori più forti.

Cosa si vince eventualmente? Dipende dal torneo attualmente attivo, ma sicuramente all’interno del gioco troverai tutti i dettagli del caso. Per il resto, magari sarà il tuo punto di partenza per farti notare da qualcuno ed entrare direttamente nel mondo eSport, partecipando più avanti anche a qualche torneo fisico ufficiale.

FUT Champions partita FIFA

Le variabili in gioco sono molte e ci tengo a ribadire ancora una volta che in questa sede ho effettuato semplicemente un “riassunto” in merito a come funzionano generalmente le qualificazioni al torneo FUT Champions, nonché alle possibilità offerte dal mondo eSport. Dovrai poi ovviamente essere tu a informarti come si deve sui singoli tornei e sulle eventuali variazioni messe in campo da Electronic Arts.

Per il resto, ti rimando alle FAQ ufficiali di FIFA 22 per maggiori informazioni. Inoltre, potrebbe interessarti dare un’occhiata alla pagina del mio sito dedicata a FIFA, in cui sono presenti molti altri tutorial legati alla serie videoludica di Electronic Arts. Non mi resta dunque che farti un grosso in bocca al lupo per il torneo FUT Champions e per l’eventuale carriera videoludica: chissà, magari un giorno competerai con qualche importante giocatore professionista oppure lo diventerai tu stesso!

Salvatore Aranzulla

Autore

Salvatore Aranzulla

Salvatore Aranzulla è il blogger e divulgatore informatico più letto in Italia. Noto per aver scoperto delle vulnerabilità nei siti di Google e Microsoft. Collabora con riviste di informatica e cura la rubrica tecnologica del quotidiano Il Messaggero. È il fondatore di Aranzulla.it, uno dei trenta siti più visitati d'Italia, nel quale risponde con semplicità a migliaia di dubbi di tipo informatico. Ha pubblicato per Mondadori e Mondadori Informatica.