Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Come recuperare video cancellati Android

di

Vorresti recuperare dei video che hai cancellato per sbaglio dal tuo smartphone Android ma non sai come riuscirci? Se vuoi posso darti una mano, però, ti avviso, le probabilità che tu riesca nell'operazione sono alquanto limitate. I video, devi sapere, sono molto più inclini a corrompersi rispetto alle foto o altri tipi di file e, quindi, anche riuscendoli a recuperare spesso risultano illeggibili o parzialmente danneggiati.

Fatta questa doverosa premessa, guai ad arrendersi prima ancora di cominciare! Se la porzione di memoria su cui erano ospitati i video non è stata ancora occupata da altri dati, potresti riuscire a recuperare gran parte dei tuoi video senza rivolgiti ad aziende specializzate o ad esperti del settore. Coraggio, non perdere altro tempo! Prenditi cinque minuti di tempo libero e scopri come recuperare video cancellati Android grazie alle applicazioni che sto per consigliarti.

Le applicazioni sono tutte molto semplici da usare. Alcune funzionano direttamente sullo smartphone o sul tablet da cui si vogliono recuperare i video, altre invece vanno eseguite da PC. Quelle che funzionando dal computer sono adatte soprattutto ai dispositivi dotati di memoria espandibile, quindi a quei casi in cui i video da recuperare sono ospitati su una scheda SD e non direttamente sulla memoria di uno smartphone o di un tablet. Per saperne di più, continua a leggere. Incrocio le dita per te affinché vada tutto per il verso giusto!

Operazioni preliminari

Come recuperare video cancellati Android

Lo so che può sembrare banale come consiglio, ma prima di vedere come recuperare video cancellati Android con delle applicazioni ad hoc, prova ad aprire la galleria del tuo smartphone (o del tuo tablet) e controlla che i filmati di tuo interesse non si trovino nel cestino.

Quando si cancella delle foto o dei video su Android, infatti, questi vengono trasferiti in una cartella temporanea (denominata per l'appunto Cestino) dove vengono mantenuti per 60 giorni prima di essere eliminati definitivamente. Accedendo al cestino prima che scada questo lasso di tempo, si è in grado di visualizzare tutte le foto e i video cancellati e di recuperarli con un semplice "tap".

Per accedere al cestino del tuo device, apri la app Foto di Google, pigia sull’icona ad hamburger collocata in alto a sinistra e seleziona la voce Cestino dalla barra che compare di lato. Se i video che intendi recuperare sono ancora disponibili, selezionali tenendo il dito premuto sulle loro miniature e pigia sulla freccia che compare in alto a destra per recuperarli.

DiskDigger Pro (Android)

Come recuperare video cancellati Android

DiskDigger Pro è una delle migliori applicazioni per il recupero dei file cancellati su Android, o almeno è quella che nei miei test mi è sembrata offrire il miglior compromesso tra efficacia e facilità di utilizzo. Purtroppo non è gratuita (costa 3,37 euro) e funziona solo se si effettua il root su Android, ma va detto che la maggior parte delle app per il recupero dei dati è così.

Per metterla subito alla prova, acquistala dal Google Play Store, avviala e concedile i permessi di root pigiando sul pulsante Concedi che compare al centro dello schermo. Dopodiché attendi che DiskDigger Pro esamini la memoria del tuo smartphone (o del tuo tablet), seleziona l’unità dalla quale recuperare i video cancellati (es. /data se si tratta della memoria interna del dispositivo), metti il segno di spunta accanto alla voce MP4 e pigia sul pulsante OK per avviare la ricerca dei file da recuperare.

Al termine della scansione (l'operazione potrebbe durare diversi minuti), metti il segno di spunta accanto alle miniature dei video che intendi recuperare, pigia sul pulsante Recover collocato in alto a destra e scegli se salvare i filmati in una cartella del telefono (facendo "tap" sull’icona della cartella nel riquadro che si apre) o se salvarli online tramite un'applicazione di cloud storage (selezionando l'icona della nuvola).

Come ampiamente sottolineato all'inizio di questo tutorial, ci sono alte probabilità che i video recuperati dal tuo smartphone/tablet siano parzialmente danneggiati. Se su Android non riesci a riprodurli, prova a trasferirli sul computer e a darli "in pasto" a software come VLC, che spesso sono in grado di riprodurre anche i filmati parzialmente danneggiati.

Undeleter (Android)

Come recuperare video cancellati Android

Qualora DiskDigger non fosse riuscito a soddisfare le tue aspettative (o ti sembrasse troppo costoso), prendi in considerazione Undeleter, un'altra app per recuperare video cancellati Android che consente di ripristinare foto, video e altri tipi di file in maniera abbastanza facile e veloce. Si può scaricare gratis dal Google Play Store ma per sbloccare il salvataggio dei file recuperati bisogna acquistare la sua versione completa (che costa 2,75 euro). Necessita del root per funzionare.

Per testare le capacità di Undeleter sul tuo smartphone/tablet, scarica l'applicazione, avviala e concedile i permessi root pigiando sul pulsante Concedi che compare al centro dello schermo. Successivamente, seleziona l'opzione Restore files dalla schermata che si apre, scegli l'unità da scansionare (lo storage interno del dispositivo o la scheda SD) e scegli di avviare una Scansione profonda.

Seleziona quindi le tipologie di file da recuperare (nel tuo caso MP4 e se vuoi anche AVI e MKV), pigia sul pulsante Scansione e attendi pazientemente che la app svolga il suo lavoro. Quando compaiono i video di tuo interesse (sperando che compaiano davvero!), pigia sulla loro miniatura per visualizzarne un'anteprima in tempo reale e pigia sull'icona del floppy disk (in alto a destra) per salvarli sulla memoria dello smartphone o su un servizio di cloud storage a scelta fra Dropbox e Google Drive. Per completare il salvataggio dovrai sbloccare la versione completa dell'applicazione a pagamento.

PhotoRec (Windows/Mac/Linux)

Come recuperare video cancellati Android

Se il tuo smartphone o il tuo tablet è dotato di memoria espandibile, e quindi i video da recuperare si trovano su una scheda SD, puoi inserire quest'ultima nel computer e tentare di ripristinare i file cancellati con PhotoRec.

PhotoRec è un’applicazione gratuita e open source che permette di recuperare i dati cancellati da una vasta gamma di dispositivi e unità. È molto efficace ed è compatibile con tutti i principali sistemi operativi per PC, ma io oggi mi occuperò in maniera specifica della sua versione Windows che dispone di un'interfaccia grafica molto facile da usare.

Per scaricare PhotoRec, collegati al suo sito Internet ufficiale e clicca sulla voce Windows. Il software viene fornito in coppia con TestDisk, un programma che permette di ripristinare le partizioni perdute e di rendere nuovamente avviabili i dischi danneggiati, ma questo a noi non interessa, per il momento abbiamo bisogno solo di PhotoRec.

Al termine del download, apri quindi l’archivio zip che hai appena scaricato sul PC, estraine il contenuto in una cartella qualsiasi e avvia il file qphotorec_win.exe. Nella finestra che si apre, espandi il menu a tendina che si trova in alto, seleziona l’unità in cui risiede la tua microSD e clicca sulla partizione primaria della scheda (dovrebbe essere quella denominata FAT32, FAT16 o exFAT).

Successivamente, metti il segno di spunta accanto alle voci FAT/NTFS/HFS+/ReiferFS e Free, fai click sul pulsante Browse e scegli la cartella in cui salvare i video che PhotoRec recupererà dalla tua SD. Superato anche questo passaggio, clicca sul pulsante File formats e scegli le tipologie di file da recuperare.

Pigia dunque sul pulsante Reset per azzerare la selezione delle tipologie di file predefinite e metti il segno di spunta solo accanto alla voce mov (mov/mp4/3gp/3g2/jp2). Per finire, clicca sui pulsanti OKSearch e attendi che il programma svolga il suo lavoro. Al termine della procedura troverai i video recuperati da PhotoRec nella cartella che hai scelto in precedenza.

Nota: gli utenti più esperti possono utilizzare PhotoRec per recuperare foto e video anche dagli smartphone privi di memoria espandibile. Basta creare un’immagine della memoria interna del dispositivo, convertirla in formato VHD e processarla in PhotoRec. Per maggiori informazioni a riguardo è disponibile un esaustivo tutorial in lingua inglese sul sito XDA.