Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Come recuperare foto cancellate dal cellulare

di

Facendo un po’ di pulizia sul tuo smartphone hai cancellato anche delle foto a cui tenevi molto? Non disperare, capita a tutti di sbagliare, e poi non è ancora detta l’ultima parola. Se la porzione di memoria su cui erano ospitate le immagini non è stata ancora soprascritta, cioè non è stata ancora occupata da altri dati, potrai ripristinare le tue foto e ottenerle indietro (almeno in parte). Ti assicuro che non è difficile, basta usare gli strumenti giusti.

Quali sono gli “strumenti giusti” a cui mi riferisco? Per fortuna ce ne sono diversi ai quali ti puoi rivolgere: alcuni funzionano direttamente dallo smartphone, mentre altri richiedono l’utilizzo del PC. Scegli la soluzione più adatta alle tue esigenze e prova a recuperare foto cancellate dal cellulare. Qui sotto trovi le istruzioni di cui hai bisogno.

Le soluzioni che stiamo per passare al setaccio funzionano sia con i terminali Android che con gli iPhone, sono compatibili con tutte le versioni più diffuse dei sistemi operativi di Google e Apple e non richiedono configurazioni complicate per essere utilizzate. Devi solo prenderti qualche minuto di tempo libero e provarle. Incrocio le dita affinché tu riesca a recuperare le foto che avevi cancellato per sbaglio!

Indice

Come recuperare foto cancellate dal cellulare: Android

Possiedi un dispositivo Android e ti piacerebbe capire come recuperare foto cancellate dal cellulare? Allora rivolgiti alle soluzioni utili allo scopo che ho provveduto a segnalarti qui sotto. Sono molto semplici da usare, anche per chi non si reputa propriamente uno “smanettone”.

Google Foto

Google Foto

Se usi Google Foto per visualizzare e gestire le foto sul tuo smartphone Android, anche se può sembrare banale come consiglio, prima di rivolgerti a degli strumenti per il recupero dei dati, apri il Cestino dell’applicazione e controlla che le immagini di tuo interesse non siano lì dentro. Non sai di cosa sto parlando? Allora facciamo un po’ di chiarezza.

Per impostazione predefinita, Google Foto sposta le foto cancellate dalla galleria in una cartella temporanea: una sorta di cestino nel quale le immagini restano per alcuni giorni prima di essere cancellate definitivamente. Per cui, se prima della cancellazione definitiva delle foto, che avviene entro 60 giorni, accedi al Cestino, hai la possibilità di ripristinare le immagini senza ricorrere a software particolari.

Ciò detto, per provare a recuperare le foto cancellate dal cellulare Android come ti ho appena indicato, prendi il tuo dispositivo, sbloccalo (se necessario), accedi alla home screen e/o al drawer e avvia l’app di Google Foto selezionando la relativa icona (quella con la girandola colorata).

Ora che visualizzi la schermata principale dell’applicazione, fai tap sulla voce Raccolta che si trova in basso a destra e su quella Cestino presente nella nuova schermata visualizzata. Se tra gli elementi nel cestino ci sono anche le foto eliminate di tuo interesse, per recuperarle fai tap sulla voce Seleziona che si trova in alto a destra, seleziona i contenuti di tuo interesse, sfiora l’opzione Ripristina posta in basso e conferma le tue intenzioni premendo nuovamente sulla dicitura Ripristina nel menu che compare.

DiskDigger photo recovery

DiskDigger photo recovery

Se guardando nel Cestino di Google Foto, così come ti ho spiegato nel passo precedente, non hai trovato le immagini che intendevi ripristinare, puoi valutare di rivolgerti all’uso di DiskDigger photo recovery. Si tratta, infatti, di un’ottima app per recuperare le foto cancellate in formato JPG e immagini o screenshot in formato PNG. È disponibile anche in una versione a pagamento (che costa 3,37 euro), la quale consente di ripristinare archivi compressi, app e tanti altri tipi di file differenti, ma per ora non dovrebbe interessarti. È in grado di intervenire sia sulla memoria interna dello smartphone che sulle schede SD, ma per dare il meglio di sé necessita del root.

Per scaricare e installare l’app sul tuo dispositivo, visita la relativa sezione del Play Store e premi sul pulsante Installa (se stai usando un device su cui mancano i servizi Google, puoi scaricare l’app da store alternativi). In seguito, avvia l’app selezionando la sua icona che è stata aggiunta alla home screen e/o al drawer.

Ora che visualizzi la schermata principale dell’app, concedi le autorizzazioni richieste, dopodiché rifiuta l’aggiornamento alla versione Pro, scegli l’unità in cui cercare le foto (dovrebbe essere quella selezionata di default), apponi il segno di spunta accanto alla voce JPG e/o alla voce PNG (a seconda se intendi recuperare solo le foto scattate con la fotocamera del telefono o anche gli screenshot e le immagini scaricate da Internet) e premi sul bottone OK.

Attendi quindi che la procedura di scansione venga portata a termine, dopodiché metti il segno di spunta sulle miniature delle immagini da recuperare eventualmente individuate, premi sul pulsante Recover che si trova in basso e seleziona l’icona della nuvola per auto-inviarti le foto via email o se vuoi salvarle su un servizio di cloud storage, quella della cartella se vuoi salvarle sulla memoria del telefono oppure quella della freccia se vuoi trasferirle tramite server FTP.

Undeleter Recover Files & Data

Undeleter Recover Files & Data

Undeleter Recover Files & Data è un’ulteriore applicazione per il recupero di foto, video e varie altre tipologie di file dai terminali Android. È gratuita, ma per salvare i dati eventualmente recuperati bisogna acquistare la versione completa (al prezzo di 3,19 euro). Da notare, poi, che anche in tal caso viene richiesto il root per un corretto funzionamento (senza può solo scansionare la cache delle app).

Per servirti di Undeleter Recover Files & Data, preleva l’app dalla relativa sezione del Play Store (oppure da store alternativi, se stai impiegando un device su cui non ci sono i servizi Google), dopodiché avviala selezionando l’icona aggiunta in home screen e/o nel drawer.

Ora che visualizzi la schermata principale di Undeleter Recover Files & Data, concedile i permessi richiesti, seleziona l’opzione Restore files, specifica la posizione da cui desideri recuperare le foto, indica se effettuare una scansione profonda oppure generica, seleziona i formati di file da ripristinare (es. JPG e/o PNG) che trovi nella sezione Immagini e premi sul pulsante Scansione.

Aspetta che la procedura d’analisi della posizione selezionata venga portata a termine, dopodiché seleziona le immagini di tuo interesse eventualmente rilevate che intendi recuperare e, se decidi di acquistare la versione completa dell’app, premi sulle relative anteprime, fai tap sul pulsante con i tre puntini in verticale in alto a destra, scegli la voce Salva il file dal menu che si apre e indica la posizione di output.

Come recuperare foto cancellare dal cellulare: iPhone

Foto iPhone

Possiedi un iPhone e, dunque, ti piacerebbe capire come recuperare le foto cancellate? Allora, anche in tal caso, ti consiglio di aprire il Cestino dell’app Foto, che è quella predefinita per la gestione delle immagini su iOS e di provare a guardare se tra le immagini eliminate di recete ci sono quelle relativamente alle quali ti interessa andare ad agire.

Per impostazione predefinita, infatti, l’applicazione Foto conserva per 30 giorni foto e video eliminati, spostando i contenuti in una sezione apposita. Durante tale arco di tempo i contenuti di tuo interesse possono essere eventualmente recuperati, mentre una volta superato avviene la cancellazione automatica e definitiva.

Per cui, per provare a recuperare le foto cancellate dal cellulare Apple, provvedi in primo luogo a prendere il tuo dispositivo, a sbloccarlo (se necessario) e ad accedere alla home screen e/o alla Libreria app. In seguito, avvia l’applicazione Foto selezionando la relativa icona (quella con il fiore colorato e lo sfondo bianco).

Ora che visualizzi la schermata principale dell’app, seleziona la voce Album presente in basso, quindi quella Eliminati di recente che trovi nella sezione Altro, dopodiché se tra le immagini eliminate di recente ci sono quelle che vuoi recuperare, fai tap sul pulsante Seleziona in alto a destra, seleziona le foto di tuo interesse, sfiora la dicitura Recupera collocata in fondo, premi sul pulsante Recupera [numero] foto e il gioco è fatto.

Se le foto che stai cercando non sono presenti tra quelle eliminate di recente, mi spiace comunicarti che, a causa delle restrizioni di Apple, non ci sono app apposite per il recupero dei dati fruibili direttamente da iOS, come invece accade su Android. Puoi però provare ad adoperare le soluzioni alternative funzionanti da computer che trovi segnalate nel passo successivo.

Come recuperare foto cancellate dal cellulare tramite PC

Puoi recuperare le foto cancellate dal cellulare anche tramite PC, ricorrendo all’uso di alcuni appositi programmi, disponibili sia per Windows che per macOS. Per usarli, ti basta collegare preventivamente lo smartphone al computer (oppure la scheda di memoria eventualmente usata sul dispositivo, se questa non è impostata come memoria principale) e avviarne la scansione. Per saperne di più, continua a leggere.

PhotoRec (Windows/macOS/Linux)

PhotoRec

Se il tuo smartphone è dotato di memoria espandibile e le immagini che hai cancellato risiedevano su una microSD, puoi ricorrere all’uso di PhotoRec per recuperare le foto cancellate dal cellulare. Si tratta di un programma gratuito e open source, il quale permette di recuperare i file cancellati da schede di memoria, hard disk, chiavette USB e altri dispositivi. È compatibile sia con Windows che con macOS e Linux, ma solo sul sistema operativo di casa Microsoft dispone di interfaccia grafica. Da notare che viene fornito in coppia con TestDisk, un altro software gratuito che permette di riparare i dischi danneggiati e di recuperare le partizioni perdute, ma di questo per ora non ci importa.

Per scaricare PhotoRec sul tuo computer, collegati al suo sito Web e clicca sul collegamento relativo al sistema operativo che stai usando che trovi in corrispondenza della sezione TestDisk & PhotoRec x.x (mese giorno, anno), Data Recovery.

A scaricamento ultimato, se stai usando Windows, estrai l’archivio ZIP ottenuto in una cartella a piacere e avvia il file qphotorec_win.exe presente al suo interno. Nella finestra che ti viene poi mostrata sul desktop, clicca sul pulsante e, una volta visualizzata la schermata principale di PhotoRec, espandi il menu a tendina che si trova in alto, seleziona l’unità in cui risiede la tua microSD, clicca sulla partizione primaria della scheda (quella denominata FAT32, FAT16 o exFAT) e metti il segno di spunta accanto alle voci FAT/NTFS/HFS+/ReiferFS e Free.

A questo punto, clicca sul pulsante Formati dei file e scegli le tipologie di file da recuperare (es. JPG e/o PNG), facendo clic prima sul pulsante Reset, in modo da resettare la selezione predefinita di PhotoRec, mettendo poi il segno di spunta accanto alle voci riferimento e premendo sul pulsante OK per salvare i cambiamenti.

Per concludere, clicca sul pulsante Naviga, seleziona la cartella in cui salvare le foto recuperate da PhotoRec e premi sul pulsante Cerca per avviare il recupero dei dati. Tutte le immagini trovate dal programma verranno salvate automaticamente nella cartella che hai appena selezionato.

Se stai usando PhotoRec su macOS, invece, apri l’archivio tar.bz2 scaricato sul computer, estraine il contenuto in una posizione a piacere e avvia il file photorec presente al suo interno, facendo clic destro sulla sua icona e scegliendo la voce Apri dal menu che compare.

Dopo aver compiuto i passaggi di cui sopra, si aprirà la finestra del Terminale. A questo punto, utilizza la freccia destra della tastiera per selezionare l’opzione Sudo, premi il tasto Invio e immetti la password di amministrazione del Mac.

In seguito, seleziona l’unità relativa alla scheda microSD del tuo cellulare, indica la partizione su cui desideri andare ad agire, seleziona il file system con cui quest’ultima è formattata e scegli se effettuare solo la scansione dello spazio segnato come libero o se controllare in maniera approfondita tutta l’unità.

In conclusione, seleziona la cartella in cui vuoi salvare il contenuto della scheda di memoria a recupero avvenuto, schiaccia il tasto C sulla tastiera per confermare la tua intenzione di avviare l’analisi e il recupero delle foto e attendi che la procedura giunga al termine.

EaseUS MobiSaver (Windows/macOS)

Miglior software recupero dati iOS/iPadOS

Se hai un iPhone e vuoi recuperare le foto cancellate dal cellulare agendo da computer puoi ricorrere all’uso di EaseUS MobiSaver Free, un software per Windows e macOS che permette di ripristinare immagini, messaggi, note e contatti direttamente dalla memoria del telefono o, nel caso specifico dell’iPhone, anche dai backup (sia in locale che su iCloud). Da notare, inoltre, che su Windows per funzionare richiede che sia installato iTunes. È risultato abbastanza efficace nei miei test, però, ti avviso, non è completamente gratuito: la sua versione free non presenta limiti di tempo, ma purtroppo consente di recuperare un solo file oppure cinque contatti alla volta. Per ripristinare più immagini contemporaneamente bisogna per forza acquistare EaseUS MobiSaver Pro, che è a pagamento (costa 59,95$).

Per scaricare EaseUS MobiSaver, collegati al sito Internet del programma e clicca sul pulsante Scarica gratis contrassegnato dal logo del sistema operativo che stai usando.

A download completato, se stai impiegando Windows, apri il file .exe ottenuto, clicca sul pulsante nella finestra che compare sul desktop, scegli l’Italiano dal menu a tendina dedicato alla selezione della lingua e premi il tasto OK. In seguito, fai clic sul pulsante Avanti, seleziona la voce Accetto i termini del contratto di licenza e clicca ancora sul bottone Avanti (per altre due volte). Adesso, rimuovo rimuovi il segno di spunta dalle caselle relative all’installazione di strumenti aggiuntivi e finalizza il setup del programma, cliccando sui pulsanti Avanti, Installa e Fine.

Se, invece, impieghi macOS, apri il pacchetto .dmg ottenuto e trascina l’icona di EaseUS MobiSaver nella cartella Applicazioni del Mac, dopodiché facci clic destro sopra e premi sulla voce Apri per due volte consecutive, in modo da superare le restrizioni applicate da macOS nei confronti degli sviluppatori non certificati (operazione che va effettuata solo al primo avvio).

Dopo aver avviato il programma, connetti l’iPhone avvalendoti del suo cavetto di ricarica e clicca sul pulsante Recupera da iOS dispositivo, in modo da indicare al programma la tua intenzione di analizzare la memoria del telefono alla ricerca di file eliminati. In seguito, seleziona il nome del device dalla schermata successiva e clicca sul pulsante Scansiona per avviare l’analisi della memoria.

A scansione completata, serviti della barra laterale di sinistra per navigare tra i dati recuperati. Ti suggerisco di apporre un segno di spunta sulla casella accanto alla voce Foto e App Foto nel menu Foto/Video, per limitare la visualizzazione dei dati trovati alle sole immagini. Una volta trovate le foto di tuo interesse, selezionale e clicca sul pulsante Recupera, per salvarne una copia nel computer.

Qualora non riuscissi a trovare la foto che t’interessa nella memoria dell’iPhone, torna nella schermata iniziale di EaseUS MobiSaver e prova ad avviare una scansione dei backup di iTunes, scegliendo l’opzione per controllare i backup salvati in locale oppure quella per controllare i backup salvati online.

Salvatore Aranzulla

Autore

Salvatore Aranzulla

Salvatore Aranzulla è il blogger e divulgatore informatico più letto in Italia. Noto per aver scoperto delle vulnerabilità nei siti di Google e Microsoft. Collabora con riviste di informatica e cura la rubrica tecnologica del quotidiano Il Messaggero. È il fondatore di Aranzulla.it, uno dei trenta siti più visitati d'Italia, nel quale risponde con semplicità a migliaia di dubbi di tipo informatico. Ha pubblicato per Mondadori e Mondadori Informatica.