Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero
eBay Black Week
Migliaia di prodotti in promozione su eBay. Scopri le offerte migliori

Come registrare lo schermo del Mac con audio interno

di

Un caro amico ti ha chiesto di spiegargli come usare un programma per Mac e, per rendere le cose ancora più semplici, hai deciso di realizzare una video-guida da recapitargli quanto prima. Il problema, però, è che hai bisogno di registrare anche i suoni riprodotti dal software in questione, cosa apparentemente impossibile su macOS: dopo aver “smanettato” un po’ senza risultati apprezzabili, hai dunque pensato di cercare informazioni su Internet e sei capitato qui, sul mio sito Web.

Come dici? È esattamente la situazione in cui ti trovi? Allora sono lieto di comunicarti che ti trovi nel posto giusto, al momento giusto! Nel corso di questa guida, infatti, avrò cura di spiegarti come registrare lo schermo del Mac con audio interno mediante alcuni “trucchetti” che possono essere messi in pratica, anche a costo zero.

Dunque, senza attendere oltre, mettiti bello comodo e leggi con attenzione tutto quanto ho da spiegarti sull’argomento: sono sicuro che, al termine della lettura di questa guida, sarai perfettamente in grado di raggiungere l’obiettivo che ti eri prefissato. Detto ciò, non mi resta altro da fare, se non augurarti buona lettura e… buona registrazione!

Indice

Informazioni preliminari

Come registrare lo schermo del Mac con audio interno

Prima di andare avanti ed entrare nel vivo di questa guida su come registrare lo schermo del Mac con audio interno, lascia che ti spieghi le modalità con cui il tutto può avvenire. In genere, i programmi adibiti alla registrazione dello schermo permettono di acquisire l’audio in ingresso del computer, come quello proveniente dal microfono.

Su Mac, però, non è possibile, almeno non in maniera nativa, includere nella registrazione i suoni riprodotti dal computer (audio di sistema, suoni riprodotti dai programmi in esecuzione e così via): a differenza di Windows, infatti, il sistema operativo di casa Apple non implementa un metodo semplice per raggiungere tale risultato.

Ciò, tuttavia, non significa che la cosa non sia fattibile: esistono infatti dei software in grado di trasformare i suoni in uscita in suoni in ingresso, facendo credere al sistema operativo di registrare dal microfono o, in generale, da un dispositivo di input. Tema di questa guida sarà, per l’appunto, illustrarti il funzionamento dei migliori software di questo tipo, spiegandoti poi come integrare il tutto nei programmi dedicati alla registrazione dello schermo.

Abilitare l’acquisizione dell’audio

Il primo passaggio da compiere per poter registrare lo schermo del Mac con audio interno consiste nel creare un driver audio virtuale, il quale provvederà a “trasformare” i suoni interni del Mac in una periferica di ingresso, da combinare poi con l’altoparlante interno e dare “in pasto” al programma di registrazione. Esistono diversi programmi per poter riuscire in questa impresa: di seguito te ne elenco alcuni tra i migliori.

BlackHole

Come registrare lo schermo del Mac con audio interno

La prima soluzione di cui voglio parlarti è BlackHole: si tratta di un software gratuito e open source che, nel giro di un paio di clic, consente di creare un driver audio virtuale tramite il quale abilitare la registrazione dei suoni di sistema tramite altri programmi.

Per ottenerlo, avvia innanzitutto il Terminale di macOS, richiamandolo dal menu Vai > Utility, impartisci il comando /usr/bin/ruby -e "$(curl -fsSL https://raw.githubusercontent.com/Homebrew/install/master/install)" e premi il tasto Invio della tastiera, in modo da avviare l’installazione del gestore pacchetti Homebrew. Quando richiesto, immetti la password del Mac e premi nuovamente il tasto Invio.

A setup concluso, provvedi a installare il software BlackHole, impartendo, sempre nel Terminale, il comando brew cask install blackhole, seguito dalla pressione del tasto Invio; anche questa volta, se richiesto, immetti la password del Mac e premi nuovamente il tasto Invio, per ultimare l’installazione del programma.

Ci siamo quasi: l’ultimo step consiste nel far sì che l’audio del Mac venga riprodotto sia attraverso gli altoparlanti, sia tramite l’ingresso virtuale di BlackHole. Per riuscirci, apri l’utility Configurazione Midi Audio, richiamandola dal Launchpad oppure dal menu Vai > Utility del Finder (in alto).

Come registrare lo schermo del Mac con audio interno

Ora, clicca sul pulsante [+] collocato in basso a sinistra, seleziona la voce Crea dispositivo con uscite multiple dal menu che ti viene proposto e deseleziona tutte le caselle collocate nella schermata successiva: effettua questa operazione affinché i dispositivi vengano aggiunti nell’ordine esatto, onde evitare problemi.

Fatto ciò, apponi il segno di spunta accanto alla voce Altoparlanti Mac (o qualsiasi altro speaker tu stia usando), in corrispondenza della colonna Usa; ripeti poi la medesima operazione con la casella situata accanto alla voce BlackHole 16ch e, per finire, apponi il segno di spunta all’interno della casella Correzione drift, corrispondente a BlackHole 16ch.

Per finire, fai clic destro sulla voce relativa al Dispositivo con uscite multiple appena creato (si trova nella barra laterale di sinistra), seleziona la voce Utilizza questo dispositivo per l’uscita audio dal menu visualizzato, quindi ripeti la medesima operazione selezionando, questa volta, l’opzioni Riproduci avvisi ed effetti sonori tramite questo dispositivo. Per finire, fai clic destro sulla voce relativa a BlackHole e poi sull’opzione Utilizza questo dispositivo per l’ingresso audio residente nel menu che compare.

Il nuovo driver audio è pronto: per registrare l’audio interno del Mac, non ti resta che selezionare il dispositivo BlackHole (16 ch) come sorgente audio in entrata all’interno del software di registrazione schermo che preferisci. Ne riparleremo tra non molto.

AudioHijack + Loopback

Come registrare lo schermo del Mac con audio interno

Altra valida opzione per riuscire a registrare l’audio interno del Mac prevede l’impiego dei software Loopback e AudioHijack: il primo, in particolare, consente di creare un nuovo driver audio; il secondo, invece, serve a usare l’audio di sistema come sorgente di input (consentendone, di fatto, la registrazione).

Loopback e AudioHijack sono due programmi a pagamento, ma possono essere utilizzati gratuitamente con alcune limitazioni: le versioni free prevedono infatti la sovrapposizione di un rumore trascorsi i primi 10 minuti di registrazione. Tutto chiaro? OK, procediamo.

Per iniziare, collegati al sito Web di Loopback, clicca sul pulsante Free download e attendi che l’archivio contente il programma venga scaricato sul computer. A download ultimato, apri il pacchetto scaricato, per estrarne il contenuto, e trascina il file del programma dalla cartella Download alla cartella Applicazioni del Mac. Fatto ciò, avvia l’eseguibile di Loopback e clicca sul pulsante Next per cinque volte consecutive, in modo da creare il driver audio.

Ora, apri l’utility Configurazione Midi Audio, richiamandola dal menu Vai > Utility di macOS, e provvedi a creare un dispositivo con uscite multiple come ti ho mostrato nella sezione precedente di questa guida, utilizzando però il driver Loopback.

Come registrare lo schermo del Mac con audio interno

Superato questo step, collegati al sito Web di Audio Hijack, clicca sul pulsante Free Download, estrai il file eseguibile dal pacchetto .zip ottenuto e copialo nella cartella Applicazioni del Mac. Avvia dunque il programma appena copiato, clicca sul pulsante Install, immetti la password del Mac nell’apposito campo e concludi il setup cliccando sui pulsanti Installa, Next e Close Tour.

Se tutto è andato per il verso giusto, dovrebbe aprirsi la schermata iniziale di Audio Hijack: clicca dunque sul pulsante Create New Session e poi su Blank Session, così da poter definire i parametri di acquisizione. Giunto nella nuova schermata, individua il pulsante System Audio dalla scheda Sources (sulla destra) e trascinala nel grosso riquadro sinistro del programma; ripeti poi l’operazione con la voce Output Devices, trascinandola a destra del pulsante aggiunto poc’anzi. Se tutto è andato per il verso giusto, le due caselle dovrebbero essere ora connesse tramite una linea.

A questo punto, sei pronto per acquisire l’audio interno del Mac: lascia aperte le finestre di Loopback e Audio Hijack e ricorda, in fase di configurazione del programma, di selezionare il driver Loopback come sorgente d’ingresso. Ci ritorneremo tra non molto.

Programmi per registrare lo schermo del Mac con audio interno

Dopo aver predisposto il computer per l’acquisizione dell’audio di sistema, è arrivato il momento di spiegarti come registrare lo schermo del Mac con l’audio interno avvalendoti di alcuni programmi progettati per lo scopo.

Istantanea Schermo

Come registrare lo schermo del Mac con audio interno

Il primo software che ti consiglio di provare è Istantanea Schermo, presente “di serie” su tutti i Mac dotati di macOS 10.14 Mojave e successivi; pertanto, se stai cercando di capire come registrare lo schermo del Mac con audio interno Catalina o qualsiasi edizioni successiva del sistema operativo Apple, direi che ti trovi proprio nel posto giusto.

Prima di procedere, se hai scelto di utilizzare Loopback e AudioHijack per l’acquisizione dell’audio, richiama la finestra di quest’ultimo e clicca sul pulsante raffigurante un cerchio, in modo da avviare la sessione. Ti ricordo che, se stai usando la versione gratuita del software, trascorsi 10 minuti dall’avvio, ai suoni registrati sarà sovrapposto un rumore di “disturbo”.

Ad ogni modo, per avviare Istantanea Schermo, premi la combinazione di tasti cmd+shift+5 sulla tastiera, oppure utilizza il menu Vai > Utility del Finder, per accedere alla sua icona. A seguito di questa operazione, nella parte inferiore dello schermo, dovrebbe aprirsi la barra degli strumenti del programma: per acquisire l’intero desktop, clicca sul pulsante Registra l’intero schermo (il rettangolo con il cerchio); per acquisirne soltanto una porzione, clicca sul pulsante Registra la selezione (il rettangolo tratteggiato con il cerchio).

A questo punto, fai clic sul menu Opzioni del programma, individua la sezione Microfono e seleziona la sorgente d’ingresso che fa al tuo caso (BlackHole 16 ch oppure Loopback, in base al sistema di acquisizione audio che hai scelto di usare). Per avviare la registrazione dello schermo, clicca sul pulsante Registra; per interromperla, premi il pulsante Stop (quello a forma di quadrato) che compare nella barra dei menu del Mac, nei pressi dell’orologio. Il file verrà automaticamente salvato sulla Scrivania.

OBS

Come registrare lo schermo del Mac con audio interno

Altro ottimo programma dedicato all’acquisizione dello schermo è OBS, altresì noto come Open Broadcaster Software: si tratta di un software versatile e ricco di funzionalità, adatto a chi cerca strumenti più avanzati rispetto a quelli disponibili su Istantanea Schermo (ad es. la possibilità di aggiungere il video proveniente dalla webcam).

Per scaricare OBS su Mac, collegati al sito Internet del software, clicca sul pulsante macOS [xx.yy] presente sotto la dicitura OBS Studio e attendi che il file d’installazione del programma venga scaricato sul computer.

A download ultimato, lancia il file ottenuto e, mediante la finestra visualizzata sullo schermo, trascina l’icona del programma nella cartella Applicazioni del Mac. Per avviare il software, fai doppio clic sulla sua icona e premi il pulsante Apri.

Se tutto è andato per il verso giusto, l’applicazione dovrebbe avviarsi automaticamente: clicca dunque sui pulsanti OK e e porta a termine la procedura di configurazione guidata, avendo cura di selezionare l’opzione Ottimizza solo per le registrazioni, non faccio dirette.

Come registrare lo schermo del Mac con audio interno

A questo punto, devi configurare il programma per l’acquisizione dell’audio proveniente dal computer: per riuscirci, clicca sul pulsante Impostazioni residente in basso a destra, seleziona la voce Audio (si trova nella barra laterale di sinistra) e imposta il menu a tendina Audio mic/ausiliario sulla sorgente audio che hai scelto di usare (BlackHole 16 ch oppure Loopback). Conferma le modifiche cliccando sul pulsante OK per due volte consecutive.

Finalmente sei pronto per registrare lo schermo! Fai clic sul pulsante [+] collocato in fondo al riquadro Fonti e seleziona la voce Cattura lo schermo, per acquisire l’intera Scrivania, oppure Cattura la finestra, per catturare soltanto il video di una data finestra. In seguito, ripeti nuovamente l’operazione selezionando, questa volta, la voce Cattura l’audio in ingresso: apponi il segno di spunta accanto alla voce Aggiungine una esistente, clicca sulla voce Microfono/disp. ausiliario e premi il pulsante OK per applicare le modifiche.

Quando sei pronto, clicca sul pulsante Avvia la registrazione per iniziare ad acquisire lo schermo; per interrompere le riprese, clicca sul pulsante Interrompi la registrazione. Ricorda che, se hai scelto di usare Audio Hijack come sistema di acquisizione, devi avviare la sessione creata cliccando sul pulsante a forma di cerchio, situato in basso.

Per approfondimenti riguardo Open Broadcaster Software, ti rimando alla lettura del tutorial d’approfondimento che ho dedicato al tema, nel quale troverai tante informazioni utili!

Altre soluzioni per registrare lo schermo del Mac con audio interno

Come registrare lo schermo del Mac con audio interno

Se i programmi di cui ti ho parlato finora non sono riusciti a soddisfare le tue esigenze, ti farà piacere sapere che, in Rete, esistono numerose altre soluzioni in grado di registrare lo schermo del Mac. Di seguito te ne elenco alcuni.

  • QuickTime Player – è lo storico player multimediale incluso in macOS. Include anche una funzione di registrazione dello schermo, di cui ti ho parlato approfonditamente qui.
  • ScreenFlow – si tratta di un programma interamente dedicato agli screencast, il quale consente, tra le altre cose, di modificare e montare le registrazioni in modo semplice. Il software costa 129$, ma è disponibile anche in versione di prova gratuita, che non prevede limiti d’uso ma appone un watermark alle registrazioni effettuate.
  • Camtasia Studio – è uno dei migliori programmi dedicati all’acquisizione dello schermo del computer. Include un editor video che consente di modificare, migliorare e montare le registrazioni realizzate. Il programma è a pagamento, costa 269,05€, ma può essere provato gratuitamente per un periodo pari a 30 giorni. Maggiori info qui.

Per maggiori informazioni in merito ai programmi utili per registrare lo schermo su Mac, ti rimando alla lettura del tutorial specifico che ho dedicato all’argomento.

Salvatore Aranzulla

Autore

Salvatore Aranzulla

Salvatore Aranzulla è il blogger e divulgatore informatico più letto in Italia. Noto per aver scoperto delle vulnerabilità nei siti di Google e Microsoft. Collabora con riviste di informatica e cura la rubrica tecnologica del quotidiano Il Messaggero. È il fondatore di Aranzulla.it, uno dei trenta siti più visitati d'Italia, nel quale risponde con semplicità a migliaia di dubbi di tipo informatico. Ha pubblicato per Mondadori e Mondadori Informatica.