Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Come registrare audio Mac

di

Vorresti registrare le trasmissioni di una radio online sul tuo Mac ma non sai come fare? Stai cercando un’applicazione per il tuo computer a marchio Apple in grado di realizzare registrazioni audio di alta qualità, meglio ancora se a costo zero? Vorresti creare dei memo vocali con macOS, simili a quelli che è possibile ottenere sull’iPhone, ma non sai a quale app rivolgerti? Non ti preoccupare, credo proprio di poterti essere d’aiuto. Mi chiedi come? Semplice: con questa mia guida su come registrare audio Mac.

Qui sotto trovi infatti una lista di applicazioni — molte delle quali già preinstallate su macOS — grazie alle quali è possibile registrare l’audio del Mac attingendo da qualsiasi tipo di fonte. Questo sta a significare che potrai registrare l’audio dal microfono del computer, da dispositivi di input esterni (microfoni, webcam, etc.) e che potrai anche “catturare” il suono riprodotto da qualsiasi software in esecuzione su macOS. Fantastico, vero?

La procedura da seguire è in ogni caso alla portata di tutti. Non devi far altro che prenderti qualche minuto di tempo libero, scegliere l’applicazione che ritieni possa fare maggiormente al caso tuo e utilizzarla seguendo le indicazioni che trovi proprio qui di seguito. Quanto alla qualità dei file ottenuti, beh, quella sarai tu a deciderla in base al tipo di software che utilizzerai e ai parametri di output che deciderai di impiegare per le tue registrazioni. Buona lettura e buon divertimento!

Indice

Come registrare audio Mac dal microfono

Vuoi effettuare delle registrazioni audio semplici utilizzando il microfono integrato o collegato al tuo Mac? Allora perché non ti rivolgi a una delle due risorse che trovi indicate qui sotto? Sono molto semplici da utilizzare e capaci di garantire risultati di buon livello. Provare per credere!

Memo Vocali

Memo vocali macOS

La prima soluzione che ti consiglio di provare per registrare l’audio del Mac dal microfono è Memo vocali, l’applicazione presente “di serie” su macOS (da macOS Mojave in su), grazie alla quale è possibile realizzare registrazioni vocali in modo molto semplice, sincronizzandole con iCloud, così da averle disponibili anche sugli altri device Apple.

Per avvalertene, apri l’applicazione dal Launchpad, dalla barra Dock, dalla cartella Applicazioni oppure cercala tramite Spotlight. Una volta avviata, scegli se attivare o meno l’uso della posizione e la sincronizzazione dei tuoi memo vocali su iCloud e avvia la registrazione dell’audio cliccando sul pallino rosso posto in basso a sinistra.

Se necessario, stoppa la registrazione facendo clic sul bottone raffigurante le due barrette rosse e, quando vuoi farla partire nuovamente, clicca sul pulsante Riprendi; per interromperla in modo definitivo, invece, clicca sul bottone Fine e il gioco è fatto: la registrazione verrà salvata nel formato M4A e sarà visibile nella barra laterale posta a sinistra della finestra di Memo Vocali.

Per riascoltare una registrazione, fai clic su di essa, premi sul bottone Play posto in basso a destra e, nel caso tu voglia editarla, clicca sulla dicitura Modifica (in alto a destra) e serviti delle funzioni disponibili per tagliarla, migliorarla, etc. Per condividerla con altri utenti, invece, premi sull’icona del quadrato con la freccia rivolta verso l’alto (in alto a destra) e seleziona la modalità di condivisione preferita; per eliminarla, invece, clicca sull’icona della pattumiera e poi sul pulsante OK presente nel riquadro comparso a schermo.

QuickTime Player

Mac

Se vuoi effettuare delle registrazioni audio semplici, senza effetti speciali, filtri e quant’altro, puoi utilizzare anche QuickTime Player che è in grado di catturare l’audio dal microfono del Mac e, più in generale, da qualsiasi dispositivo di input audio collegato al computer.

Per avviare una registrazione audio con QuickTime Player, lancia l’applicazione facendo clic sulla sua icona annessa alla cartella Applicazioni oppure selezionandola dal Launchpad, da Spotlight o richiamandola mediante Siri, fai clic destro sulla sua icona nella barra Dock e seleziona la voce Nuova registrazione audio dal menu che si apre.

A questo punto, fai clic sulla freccia bianca collocata accanto al pulsante di registrazione, seleziona il dispositivo dal quale registrare l’audio (es. Microfono interno) e pigia su REC per far partire la registrazione audio.

A operazione completata, clicca sul pulsante Stop, recati nel menu File annesso nella parte in alto a sinistra della barra dei menu, clicca su Esporta e poi seleziona l’opzione Solo audio. Indica quindi la cartella in cui salvare la tua registrazione (in formato M4A).

Audacity

Mac

Se hai bisogno di un maggior controllo sulla qualità delle registrazioni, puoi rivolgerti ad Audacity, un eccellente editor audio gratuito e open source, che include una vasta gamma di controlli, filtri ed effetti speciali. Permette, tra le altre cose, di effettuare registrazioni audio, manipolarle in un secondo tempo, editare file audio già esistenti agendo sulla qualità dell’audio, la sua velocità e il suo volume, permette di creare mix tra due o più brani, realizzare podcast, applicare effetti di equalizzazione e distorsione e tanto altro ancora.

Non essendo preinstallato (a differenza delle applicazioni citate nei capitoli precedenti, Audacity va scaricato dalla sua pagina di download e installato. Dopo averlo avviato, seleziona la fonte audio da usare per la registrazione dal menu a tendina collocato accanto all’icona del microfono e pigia sul pulsante REC per avviare la registrazione. A operazione completata, recati nel menu File, clicca su Esporta audio, scegli il formato di file in cui esportare la registrazione (dal menu a tendina Format) e il gioco è fatto.

Ci sarebbe veramente tanto da dire circa l’uso di Audacity ed è per questo che ti incoraggio vivamente a dare un’occhiata alla mia guida sull’argomento: sono certo che ti sarà di aiuto.

Come registrare audio schermo Mac

Mac

Ti interessa capire che cosa fare per poter registrare l’audio riprodotto dal tuo Mac? Se la risposta è affermativa allora puoi appellarti a uno degli strumenti ad hoc che trovi indicati nelle righe successive. Anche in tal caso, si tratta di soluzioni abbastanza semplici da utilizzare anche per chi non si reputa esattamente un grande esperto in fatto di informatica e nuove tecnologie.

Prima di procedere, però, devo mostrarti come compiere un’operazione preliminare, che consiste nell’attivare un driver audio virtuale che farà in modo che i suoni interni del Mac vengano tramutati in una periferica di ingresso, da combinare poi con l’altoparlante interno, così che il programma di registrazione possa acquisirli.

Per riuscire a effettuare questa operazione bisogna avvalersi di alcuni software di terze parti, visto che macOS non permette di fare ciò nativamente. Uno dei migliori è BlackHole, che è gratuito, open source e relativamente semplice da usare. Al momento in cui scrivo, la sua compatibilità con macOS 12 Monterey non sembra essere perfetta, ma gli sviluppatori stanno lavorando al problema.

Ciò detto, per ottenere questo programma, avvia il Terminale di macOS (poi farlo cercandolo tramite Spotlight o recandoti nella cartella Altro del Launchpad), scrivi il comando /usr/bin/ruby -e "$(curl -fsSL https://raw.githubusercontent.com/Homebrew/install/master/install)" e dai Invio sulla tastiera. Quando ti viene chiesto di farlo, poi, immetti la password del Mac e premi nuovamente il tasto Invio.

Dopodiché scrivi nel Terminale il comando brew install --cask blackhole-16ch, premi il tasto Invio; scrivi la password del Mac e premi ancora una volta il “solito” tasto Invio.

Ora, richiama l’applicazione Configurazione Midi Audio, richiamandola dal Launchpad o tramite Spotlight, clicca sul pulsante (+) posto in basso a sinistra, seleziona la voce Crea dispositivo con uscite multiple dal menu apertosi e deseleziona tutte le caselle presenti nella nuova schermata apertasi. Spunta, poi, la casella situata in corrispondenza della voce Altoparlanti Mac (o, comunque, lo speaker in uso), ripeti poi la medesima operazione con la casella situata accanto alla dicitura BlackHole 16ch e, per concludere, spunta la casella Correzione drift, in corrispondenza della voce BlackHole 16ch.

In conclusione, fai clic destro sulla voce relativa al Dispositivo con uscite multiple che hai appena creato, seleziona la voce Utilizza questo dispositivo per l’uscita audio dal menu apertosi e ripeti l’operazione anche con la dicitura Riproduci avvisi ed effetti sonori tramite questo dispositivo. Infine, fai clic destro sulla dicitura relativa a BlackHole e poi sull’opzione Utilizza questo dispositivo per l’ingresso audio nel menu apertosi.

Come registrare lo schermo del Mac con audio interno

Se tutto è andato per il verso giusto, quando usi il tuo software di registrazione, potrai registrare l’audio interno del Mac selezionando il dispositivo BlackHole (16 ch) come sorgente audio in entrata.

Se vuoi ulteriori delucidazioni in merito all’operazione appena descritta o cerchi delle alternative a BlackHole, ti rimando alla mia guida su come registrare lo schermo del Mac con audio interno.

Istantanea schermo

Come registrare lo schermo del Mac con audio interno

Se hai un Mac equipaggiato con macOS 10.14 Mojave o una versione successiva, puoi avvalerti di Istantanea Schermo, un’applicazione di Apple che permette non solo di fare catture dello schermo, ma anche registrazione video dello stesso.

Per richiamare Istantanea Schermo, premi contemporaneamente i tasti cmd+shift+5 della tastiera e, per acquisire l’intero schermo, clicca sull’icona del rettangolo con il pallino; per acquisire solo una porzione di schermo, invece, fai clic sull’icona del rettangolo tratteggiato con il cerchio.

Successivamente, apri il menu Opzioni di Istantanea Schermo, seleziona la sorgente d’ingresso che hai precedentemente creato (es. BlackHole 16 ch) e poi clicca sul pulsante Registra, per avviare la registrazione, e poi sul pulsante Stop, per fermarla. Semplice, vero?

OBS

Come registrare lo schermo del Mac con audio interno

Un altro ottimo programma dedicato all’acquisizione dello schermo è OBS, altresì noto come Open Broadcaster Software: è un’applicazione estremamente versatile e piena di feature interessanti, utili per chi ha la necessità di utilizzare strumenti più avanzati rispetto a quelli presenti sull’utility Istantanea Schermo (come la possibilità di aggiungere il video proveniente dalla webcam).

Il programma va scaricato dal suo sito Internet e poi copiato nella cartella Applicazioni e avviato sul Mac. Dopodiché bisogna configurarlo per l’acquisizione audio proveniente dal Mac, andando nelle impostazioni audio e impostando l’audio del microfono ausiliario con la sorgente audio che si intende utilizzare (nel caso del nostro esempio BlackHole 16 ch).

Una volta che hai tutto pronto, clicca sul pulsante (+) nel riquadro Fonti, in basso, e seleziona la voce Cattura lo schermo per acquisire l’intero desktop oppure quella Cattura la finestra per catturare soltanto il flusso video di una data finestra. Successivamente, ripeti l’operazione selezionando la voce Cattura l’audio in ingresso, spunta la casella Aggiungine una esistente, clicca sulla voce Microfono/disp. ausiliario, fai clic sul pulsante OK e, non appena sei pronto per farlo, avvia la registrazione.

Per approfondimenti riguardanti il funzionamento generale di OBS e la registrazione audio dello schermo Mac con OBS, ti rimando agli approfondimenti che ti ho linkato: so già che ti saranno utili.

Salvatore Aranzulla

Autore

Salvatore Aranzulla

Salvatore Aranzulla è il blogger e divulgatore informatico più letto in Italia. Noto per aver scoperto delle vulnerabilità nei siti di Google e Microsoft. Collabora con riviste di informatica e cura la rubrica tecnologica del quotidiano Il Messaggero. È il fondatore di Aranzulla.it, uno dei trenta siti più visitati d'Italia, nel quale risponde con semplicità a migliaia di dubbi di tipo informatico. Ha pubblicato per Mondadori e Mondadori Informatica.