Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Come convertire M4A in MP3

di

Hai scaricato da Internet alcuni file audio in formato M4A ma provando ad avviarli nell’app o nel lettore musicale che generalmente utilizzi non riesci a riprodurli? Allora perché non cerchi di risolvere il problema convertendoli tutti nel ben già “digeribile” formato MP3? È semplice e veloce e inoltre esistono un mucchio di strumenti adatti allo scopo. Se vuoi, posso spiegarti io quali soluzioni impiegare e soprattutto in che modo servirtene.

Con questo mio articolo di oggi desidero illustrarti, infatti, come convertire M4A in MP3 grazie a specifici software per computer ma, qualora non ti andasse di scaricare nuovi programmi, anche ricorrendo all’uso di appositi servizi Web, funzionanti direttamente dalla finestra del browser e senza dover installare assolutamente nulla sul PC, oltre che mediante delle app ad hoc per smartphone e tablet. Fantastico, non ti pare?

Ah, quasi dimenticavo: per utilizzare questi strumenti non è assolutamente necessario essere dei grandi esperti in fatto di informatica e nuove tecnologie. Innanzitutto perché puoi contare sul mio aiuto e sulle mie spiegazioni e in secondo luogo perché, proprio per loro natura, sono delle soluzioni abbastanza pratiche e fruibili senza difficoltà da qualsiasi tipologia di utente. Allora? Che ne diresti di mettere le chiacchiere da parte e di iniziare a darci da fare? Sì? Molto bene. Ti auguro, come mio solito, una buona lettura.

Indice

Come convertire M4A in MP3 su PC e Mac

Come ti dicevo in apertura, esistono svariate soluzioni per convertire M4A in MP3 su PC e Mac. Se la cosa ti interessa, qui sotto trovi segnalate le migliori soluzioni della categoria disponibili per Windows, macOS e Linux. Mettile subito alla prova e vedrai che non te ne pentirai.

Convertire M4A in MP3 con fre:ac

fre:ac

Il primo programma che voglio invitarti a prendere in considerazione per convertire M4A in MP3 da computer è fre:ac. È gratis, di natura open source e funziona su Windows, macOS e Linux. Permette di convertire tra loro tutti i principali formati di file audio e di estrarre le tracce dai video. È semplicissimo da usare e lavora anche in batch.

Per scaricare fre:ac sul tuo PC, visita il relativo sito Internet e clicca sul collegamento Self extracting installer (64 bit): freac-x.x.xx.exe o su quello Self extracting installer (32 bit): freac-x.x.xx.exe (a seconda della versione di Windows che stai usando) oppure sul link Intel and Apple Silicon Macs, macOS 11.0: freac-x.x.x-macos11.dmg (se stai usando macOS).

A scaricamento completato, se stai impiegando Windows, apri il file .exe ottenuto e, nella finestra che visualizzi sullo schermo, fai clic sul pulsante . In seguito, imposta l’italiano come lingua per l’interfaccia, premi sui pulsanti Avanti, e ancora Avanti (per quattro volte consecutive). Per concludere, fai clic sul bottone Fine. Successivamente, avvia il programma, selezionando il relativo collegamento che è stato aggiunto al menu Start.

Se stai usando macOS, invece, apri il pacchetto .dmg ottenuto e sposta l’icona di fre:ac nella cartella Applicazioni del Mac. In seguito, facci clic destro sopra, seleziona la voce Apri presente nel menu contestuale e clicca sul pulsante Apri comparso sullo schermo, in modo da andare ad aggirare le limitazioni volute da Apple nei confronti delle applicazioni provenienti da sviluppatori non certificati (operazione che va effettuata solo al primo avvio).

Ora che, a prescindere dal sistema operativo impiegato, visualizzi la schermata principale del programma, chiudi la finestra relativa al supporto del progetto, acconsenti alla ricerca degli aggiornamenti automatici all’avvio e chiudi la schermata con i suggerimenti d’uso.

A questo punto, trascina i file i file M4A che è tua intenzione trasformare in MP3 nella finestra del programma. In alternativa, fai clic sul pulsante con il foglio e il simbolo (+) posto in cima e seleziona “manualmente” i brani. In seguito, premi sul bottone Sfoglia situato in basso a destra e indica la posizione di output.

Se vuoi intervenire anche sui parametri di codifica, clicca sul pulsante con la chiave inglese collocato in cima alla schermata, seleziona la voce LAME MP3 Encoder v3.100 dal menu a tendina Codec nella finestra che si apre, premi sul bottone Imposta adiacente e agisci dall’ulteriore finestra visualizzata.

Infine, avvia la procedura di conversione, facendo clic sulla freccia che si trova accanto al pulsante Play sulla barra degli strumenti in alto e selezionando l’opzione LAME MP3 Encoder dal menu che compare.

Convertire M4A in MP3 con MediaHuman Audio Converter

MediaHuman Audio Converter

Un altro programma per convertire M4A in MP3 è MediaHuman Audio Converter. Si tratta di un ottimo convertitore audio disponibile a costo zero e fruibile sia su Windows che su macOS. Consente di convertire tra loro tutti i principali formati di file audio, inclusi quelli oggetto di questa guida, ovviamente. Ha altresì un’interfaccia utente semplice ma al tempo stesso ben curata e molto intuitiva.

Per effettuare il download del software sul tuo computer, collegati al relativo sito Internet e fai clic sul pulsante con il logo del sistema operativo.

A download avvenuto, se stai usando Windows, apri il file .exe ottenuto e, nella finestra che vedi comparire sul desktop, fai clic sul pulsante e seleziona l’opzione Accetto i termini del contratto di licenza. Clicca poi sul bottone Avanti (per quattro volte di seguito) e porta a termine la procedura d’installazione, premendo prima sul pulsante Installa e poi su quello Fine.

Invece, se stai usando macOS, apri il pacchetto .dmg che contiene il software e trascina l’icona di quest’ultimo nella cartella Applicazioni del computer, dopodiché facci clic destro sopra, seleziona la voce Apri dal menu contestuale e premi sul bottone Apri nella finestra che compare sullo schermo, al fine di andare ad aggirare le limitazioni imposte da Apple agli sviluppatori di terze parti (operazione che va effettuata solo al primo avvio).

Una volta visualizzata la finestra di MediaHuman Audio Converter sul desktop, trascinaci sopra i file M4A da convertire. In alternativa, selezionali “manualmente”, facendo preventivamente clic sul bottone (+) che si trova in alto.

In seguito, espandi il menu a tendina Formato situato in alto a destra e seleziona la voce MP3 dal primo menu annesso all’ulteriore finestra che si è aperta. A questo punto, imposta la qualità desiderata per il file di output (es. stereo, 44100Hz, 320kbps) nel secondo menu e premi sul pulsante Chiudi per salvare tutte le impostazioni.

Infine, fai clic sul pulsante con le due frecce collocato in alto a destra e aspetta che la procedura per la conversione dei file venga portata a termine. Per impostazione predefinita, i brani convertiti vengono salvati nella cartella Musica > Convert by MediaHuman del computer, ma volendo puoi impostare una posizione diversa, facendo clic sul pulsante con la chiave inglese e indicando il percorso che preferisci premendo sul bottone Sfoglia in corrispondenza della sezione Cartella di destinazione nell’ulteriore finestra che si apre.

Convertire M4A in MP3 con iTunes

Come convertire M4A in MP3

È possibile effettuare la conversione di un brano in formato M4A in MP3 anche usando iTunes, il famoso software di casa Apple per organizzare e riprodurre la libreria musicale, oltre che per gestire i dispositivi iOS/iPadOS. Forse non tutti lo sanno, ma il programma integra anche delle funzioni apposite per convertire i file che gli vengono dati “in pasto”.

Se stai usando un PC Windows e non ne hai ancora effettuato il download e l’installazione, provvedi preventivamente, attenendoti alle indicazioni che ti ho fornito nella mia guida sull’argomento.

Successivamente, avvia iTunes selezionando il relativo collegamento che trovi nel menu Start e, una volta visualizzata la finestra del programma sullo schermo, seleziona la voce Musica dal menu a tendina in alto a sinistra, clicca sulla scheda Libreria situata in alto e scegli la voce Brani nel menu laterale di sinistra.

Adesso, clicca sul menu Modifica che si trova in cima alla schermata, scegli la voce Preferenze da quest’ultimo e, nell’ulteriore finestra che si apre, seleziona la scheda Generali. Clicca poi sul pulsante Impostazioni importazione, scegli l’opzione codificatore MP3 dal menu a tendina Importa utilizzando, regola la qualità dal menu a tendina Impostazioni e salva le modifiche cliccando sul pulsante OK.

Dopo aver compiuto i passaggi di cui sopra, se il file audio relativamente al quale desideri andare ad agire non è ancora stato importato in iTunes, trascina quest’ultimo nella finestra del programma, poi selezionalo dall’elenco, clicca sul menu File, in alto a sinistra, e scegli la voce Crea versione MP3 da quest’ultimo.

A processo ultimato, troverai la versione convertita del brano nella finestra del programma. Se vuoi, puoi esportarlo in una posizione a piacere, semplicemente trascinandolo e rilasciandolo nella cartella di tuo interesse.

Su macOS, invece, tutto il necessario per gestire musica, iPhone e iPad da computer è già presente sul sistema operativo. In tal caso, però, non c’è più iTunes, che è stato rimosso dai programmi “di serie” dei Mac a partire dalla versione 10.15 del sistema operativo macOS (Catalina), ma è disponibile l’applicazione Musica, che ne ha ereditato le funzionalità relative alla gestione della musica.

Ciò detto, avvia l’applicazione Musica, selezionando la relativa icona (quella con la nota musicale) posta sulla barra Dock. Una volta visualizzata la schermata del programma, seleziona la voce Brani che trovi nella sezione Libreria nel menu laterale di sinistra.

A questo punto, clicca sul menu Musica, in alto a sinistra, scegli la voce Preferenze da quest’ultimo e, nell’ulteriore finestra che si apre, seleziona la scheda File. Provvedi quindi a modificare le impostazioni relative all’importazione e a intervenire sui file audio di tuo interesse, procedendo in maniera analoga a come ti ho spiegato poc’anzi per quel che concerne iTunes.

Altre soluzioni per convertire M4A in MP3

VLC

Nessuna delle soluzioni per convertire M4A in MP3 che ti ho già segnalato ti ha convinto in maniera particolare e vorresti allora che ti suggerissi altre soluzioni? Ti accontento subito, le trovi nell’elenco sottostante!

  • VLC (Windows/macOS/Linux) — famoso player multimediale gratuito, open source e multipiattaforma che consente di riprodurre praticamente qualsiasi formato audio e video, senza dover ricorrere all’uso di codec esterni. Integra anche delle comode funzioni per la conversione dei file, motivo per cui ho scelto di parlartene in questa mia guida. Per convertire M4A in MP3 con VLC, avvia il programma, e clicca sul menu Media > Converti / Salva su Windows oppure su quello File > Converti / Trasmetti su maOS, dopodiché premi sul pulsante per selezionare il file, imposta l’MP3 come profilo di conversione, indica la posizione in cui salvare il brano di output e premi sul bottone per avviare la procedura. Per maggiori dettagli sui passaggi da compiere, fa’ riferimento alla mia guida specifica sull’argomento.
  • Switch Audio File Converter (Windows/macOS) — si tratta di un software gratuito per uso personale, funzionante sia su Windows che su macOS, il quale permette di effettuare operazioni di conversione da e verso tutti i più diffusi formati di file audio. Consente anche di regolare le impostazioni di conversione avanzate, ma in modo semplice e veloce.
  • Windows Media Player (Windows) — è il player multimediale predefinito dei sistemi operativi di casa Microsoft, il quale offre anche delle funzioni apposite per trasformare in MP3 i dischi che gli vengono dati “in pasto”. Per convertire M4A in MP3 con Windows Media Player, dunque, avvia il programma, seleziona l’icona del dischetto dalla barra laterale di sinistra nella finestra che si apre e fai clic sul pulsante Impostazioni copia da CD presente in alto, dopodiché seleziona il formato MP3 e premi sul pulsante Copia da CD. Per approfondimenti, consulta il mio tutorial specifico.

Come convertire M4A in MP3 online

Non vuoi o non puoi scaricare nuovi programmi sul tuo computer e, di conseguenza, ti piacerebbe che ti spiegassi come convertire M4A in MP3 online, quindi tramite dei servizi Web adibiti allo scopo? Allora prosegui pure nella lettura: trovi segnalati proprio qui sotto quelli che, a mio avviso, rappresentano i migliori della categoria.

Convertitore Audio di 123Apps

Convertitore Audio di 123Apps

Per convertire M4A in MP3 online puoi in primo luogo rivolgerti a Convertitore Audio di 123Apps. È un servizio online funzionante su qualsiasi browser e per impiegarlo non bisogna scaricare assolutamente nulla sul computer. È gratis, non richiede la creazione di un account e file M4A e MP3 a parte supporta numerosi altri formati. Tutela inoltre la privacy degli utenti, in quanto i file caricati sui suoi server vengono rimossi in automatico entro poche ore dall’elaborazione.

Per usare il servizio, recati sulla sua pagina principale, premi sul pulsante Apri files e seleziona il brano M4A presente sul tuo computer che intendi convertire. In alternativa, puoi caricare il file da convertire da Google Drive, Dropbox oppure fornendone l’URL, previo clic sui relativi collegamenti.

Attendi, dunque, che l’upload del file venga portato a termine, dopodiché premi sul pulsante mp3 e fai clic sul bottone Converti, in modo da dare il via alla procedura di conversione.

Eventualmente, prima di convertire i tuoi file M4A in MP3 puoi anche intervenire sulla qualità dell’audio, tramite l’apposita barra di regolazione sullo schermo. Di default, la qualità è impostata su Standard. Puoi altresì accedere alle impostazioni avanzate facendo clic sul bottone Impostazioni avanzate e modificare le informazioni relative al file premendo sul pulsante Modica informazioni traccia.

A conversione avvenuta, potrai effettuare il download del file MP3 facendo clic sul bottone Download (il file verrà salvato nella cartella Download, a meno che tu non abbia modificato le impostazioni di default del browser Web) oppure potrai archiviarlo direttamente nel cloud, sul tuo account Google Drive o su quello Dropbox, selezionando i collegamenti appositi.

Altre soluzioni per convertire M4A in MP3 online

CloudConvert

Se cerchi delle alternative per effettuare la conversione dei brani in formato M4A in MP3 online, puoi mettere alla prova le altre soluzioni adatte allo scopo che ho provveduto a segnalarti nell’elenco sottostante.

  • CloudConvert — si tratta di un servizio Web che permette di convertire i file M4A in MP3 e che supporta anche svariati altri formati (oltre 200), sia in input che in output e non solo audio. È gratis e non applica limiti di upload, ma può essere usato per un massimo di 10 minuti al giorno e presenta anche altre restrizioni che possono essere aggirate registrandosi ed eventualmente anche sottoscrivere uno dei piani in abbonamento (con prezzi a partire da 8,54 euro/mese). Inoltre, tutela la privacy degli utenti cancellando i file caricati sui suoi server a poche ore dall’upload.
  • Zamzar — è un altro convertitore fruibile via Web che permette di intervenire su svariate tipologie di file, comprese quelle oggetto di questa guida. È sufficientemente intuitivo e i file caricati vengono rimossi dai server dell’azienda in 24 ore. Di base è gratis, ma sottoscrivendo un piano a pagamento (con costi a partire da 9 dollari/mese) è possibile aumentare lo spazio di storage, rimuovere la pubblicità ecc.
  • Media.io — servizio Web che permette di effettuare operazioni di conversione su tutti i più diffusi formati di file audio, anche, ovviamente, sui file M4A e MP3. Ha una bella interfaccia utente, è completamente gratuito, non richiede registrazioni e tutela la privacy degli utenti cancellando entro 24 ore i file che vengono caricati sui suoi server.

App per convertire M4A in MP3

Non hai il computer a portata di mano e vorresti allora che ti suggerissi qualche app per convertire M4A in MP3 direttamente dal tuo smartphone o tablet? Detto, fatto. Qui sotto, infatti, trovi segnalate quelle che ritengo essere le più affidabili soluzioni di questo tipo per i dispositivi Android e iOS/iPadOS.

Media Converter (Android)

Media Converter

Se possiedi uno smartphone o un tablet Android, l’applicazione alla quale ti suggerisco di rivolgerti per compiere l’operazione oggetto di questo tutorial è Media Converter. È gratis, facilissima da usare e consente di convertire i file audio e quelli video da e verso qualsiasi formato. Inoltre permette di impostarne il bitrate, il campionamento e altri parametri.

Per effettuarne il download e l’installazione sul tuo dispositivo, visita la relativa sezione del Play Store e premi sul bottone Installa. Se stai usando un dispositivo su cui non è disponibile il Play Store, puoi scaricare l’app tramite uno store alternativo. In seguito, avvia l’app, selezionando la relativa icona che è stata aggiunta alla home screen e/o al drawer.

Ora che visualizzi la schermata principale di Media Converter, seleziona tramite il gestore di file integrato il brano in formato M4A che intendi trasformare in MP3, sfiora il pulsante Convert to mp3 e aspetta che la procedura di conversione venga avviata e porta a termine. Per impostazione predefinita, il file di output verrà salvato nella stessa posizione di quello d’origine.

Se poi desideri personalizzare i parametri del file di output, prima di avviare la conversione fai tap sul bottone Expert mode, seleziona la voce mp3 dal menu a tendina Output Profile e intervieni sulle opzioni relative a durata, qualità ecc. mediante le opzioni su schermo, dopodiché sfiora il pulsante Convert.

The Audio Converter (iOS/iPadOS)

The Audio Converter

Se stai usando un iPhone oppure un iPad, per convertire M4A in MP3 da mobile ti consiglio di rivolgerti a The Audio Converter. Si tratta di un’app specifica per iOS/iPadOS che, come facilmente intuibile dal nome stesso, permette di convertire i file audio, supportando tutti i più diffusi formati. È gratuita, ma per agire sui file che pesano più di 5 MB occorre sbloccare la versione Premium tramite acquisti in-app (al costo di 4,49 euro una tantum).

Per scaricare e installare l’app sul tuo dispositivo, visita la relativa sezione su App Store, fai tap sul bottone Ottieni, quindi su quello Installa e autorizza il download mediante Face ID, Touch ID o password dell’ID Apple. Provvedi poi ad avviare l’app, selezionando la relativa icona che è stata aggiunta alla home screen e/o alla Libreria app.

Ora che visualizzi la schermata principale di The Audio Converter, indica da dove prelevare la canzone da convertire mediante le apposite icone e seleziona il file M4A. Nella schermata successiva, imposta l’opzione MP3 Audio (.mp3) dal menu a tendina A e premi sul pulsante Converti situato in basso.

Aspetta poi che il processo di conversione venga completato, dopodiché indica la posizione in cui salvare il file di output facendo tap sul pulsante Apri in oppure premi sul tasto Condividi per condividere l’MP3 ottenuto tramite WhatsApp, Messenger o altre app.

Altre app per convertire M4A in MP3

Audio Converter

Se nessuna delle soluzioni per convertire i brani M4A in MP3 in mobilità che ti ho già segnalato ti ha convinto in modo particolare, puoi valutare di ricorrere all’impiego delle altre app di questo tipo che trovi nell’elenco qui sotto.

  • Audio Converter (Android) — app specifica per Android tramite la quale si possono convertire i file audio da e verso quelli che sono tutti i più diffusi formati, anche i brani M4A in MP3. È totalmente gratis.
  • MP3 Converter — Estrattore Audio (iOS/iPadOS) — applicazione disponibile solo per iPhone e iPad che permette di trasformare tutti i più diffusi formati audio e video in MP3 e che integra anche diverse funzioni per l’editing audio. È gratuita, ma propone acquisti in-app (al costo base di 99 cent./mese) per sbloccare funzioni extra, come la possibilità di apportare un numero illimitato di modifiche alle tracce audio.

Ti faccio notare che su mobile puoi avvalerti anche dei servizi online per effettuare la conversione audio che ti ho segnalato nelle righe precedenti. Per servirtene, non devi far altro che avviare il browser che solitamente usi da smartphone e tablet per navigare in Rete (es. Chrome su Android o Safari su iOS/iPadOS) e seguire le istruzioni che ti ho già fornito.

Salvatore Aranzulla

Autore

Salvatore Aranzulla

Salvatore Aranzulla è il blogger e divulgatore informatico più letto in Italia. Noto per aver scoperto delle vulnerabilità nei siti di Google e Microsoft. Collabora con riviste di informatica e cura la rubrica tecnologica del quotidiano Il Messaggero. È il fondatore di Aranzulla.it, uno dei trenta siti più visitati d'Italia, nel quale risponde con semplicità a migliaia di dubbi di tipo informatico. Ha pubblicato per Mondadori e Mondadori Informatica.