Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

VLC Media Player – Download

di

VLC Media Player — detto anche, molto più semplicemente, VLC — è un media player a dir poco eccezionale. Consente di riprodurre tutti i principali formati di file multimediali, sia video che audio, senza il benché minimo problema e non richiede l’installazione di codec esterni. Inoltre, è estremamente facile da utilizzare e funziona sui principali sistemi operativi del mondo desktop: Windows, macOS, Linux. Ne è disponibile perfino una versione mobile, che è compatibile con Android e iOS/iPadOS.

Quello che più di ogni altra cosa mi preme sottolineare è che con VLC si può fare praticamente di tutto: si possono riprodurre sia file in locale sia contenuti in streaming, si possono vedere i DVD, si possono registrare i flussi video in fase di riproduzione e molto altro ancora. Nessun problema, poi, per quanto riguarda playlist, filmati con audio multi-traccia e contenuti in risoluzione HD, Full HD e UltraHD/4K (a patto che il computer abbia un hardware adeguato): VLC è in grado di gestire il tutto in maniera impeccabile. È possibile addirittura applicare degli effetti in tempo reale ai video che si stanno guardando. Ogni impostazione può altresì essere personalizzata fin nei minimi dettagli, in modo da accontentare anche gli utenti più esigenti.

Insomma, tutto quello che si potrebbe volere da un player video VLC ce l’ha e lo offre in maniera totalmente gratuita. Il software, poi, è open source e può contare su una vasta base di utenza che permette di risolvere facilmente eventuali dubbi legati alle sue funzioni. Per cui, se non l’hai fatto ancora, prenditi cinque minuti di tempo libero e scopri, grazie alle indicazioni che sto per darti, come effettuare il download del programma e come usare VLC. Non so davvero cos’altro tu stia aspettando! Sarà facilissimo, vedrai.

Indice

Come scaricare VLC su PC

Tanto per cominciare, andiamo a scoprire come scaricare VLC su PC. Qui di seguito, dunque, trovi spiegato come effettuare il download di questo apprezzatissimo media player su Windows, macOS e Linux e come potertene servire. Come anticipato in apertura, è tutto molto semplice!

VLC Media Player download: Windows 10

Installazione VLC su Windows 10

Se stai usando Windows 10 e desideri effettuare il download di VLC Media Player, non devi far altro che visitare la relativa sezione del Microsoft Store e premere sul pulsante Ottieni. Attendi, dunque, che la procedura per scaricare e installare l’applicazione venga portata a termine, dopodiché apri VLC selezionando il pulsante Avvia comparso sullo schermo.

In alternativa a come ti ho appena spiegato oppure se stai usando una versione meno aggiornata di Windows, puoi scaricare la variante del programma compatibile con tutte le edizioni del sistema operativo a partire da Windows XP SP3, visitando il relativo sito Internet e facendo clic sul pulsante Scarica VLC. Se il download non parte in automatico, fai clic sul collegamento If not, click here per avviarlo “manualmente”.

Completata la procedura di download, avvia il file .exe ottenuto e, nella finestra che compare sul desktop, fai clic sui bottoni e OK. In seguito, clicca sul bottone Avanti per tre volte consecutive e concludi il setup premendo prima sul pulsante Installa e poi su quello Fine. Attendi quindi l’apertura del programma oppure avvialo tu, selezionando il collegamento apposito che è stato aggiunto al menu Start.

VLC Media Player download: Mac

Installazione VLC su Mac

VLC è disponibile anche per macOS: è compatibile con macOS 10.7.5 e versioni successive e funziona su qualsiasi Mac con processore Intel a 64-bit e Apple Silicon (in versione nativa). Per effettuarne il download, tutto quello che devi fare è recarti sul sito Internet del programma e fare clic sul pulsante Scarica VLC. Se il download non viene avviato in automatico, clicca sul collegamento If not, click here per procedere “manualmente”.

A scaricamento avvenuto, apri il pacchetto .dmg ottenuto e trascina l’icona di VLC contenuta al suo interno nella cartella Applicazioni di macOS. Successivamente, fai clic destro sull’icona del programma, seleziona la voce Apri dal menu contestuale e premi sul bottone Apri in risposta alla finestra che compare, in modo da avviare il programma andando però ad aggirare le limitazioni applicate da Apple verso gli sviluppatori non certificati (operazione che va effettuata solo al primo avvio).

VLC Media Player download: Ubuntu

Installazione VLC su Ubuntu

Adesso, vediamo come effettuare il download di VLC su Ubuntu. In tal caso, per installare il media player apri l’Ubuntu Software, facendo clic sulla relativa icona (quella con il sacchetto della spesa) che trovi nella barra laterale di sinistra, dopodiché clicca sul pulsante con la lente d’ingrandimento posto in alto, digita vlc nel campo di ricerca che compare, seleziona il primo risultato nell’elenco proposto e premi sul pulsante Installa. Infine, autorizza il download digitando la password del tuo account a premendo sul bottone Autentica.

Una volta completata la procedura di download e installazione del programma, fai clic sul pulsante Avvia comparso nella schermata dell’Ubuntu Software per avviare il programma.

In alternativa a come ti ho appena indicato, puoi installare VLC su Ubuntu agendo da riga di comando, avviando il Terminale, selezionando la relativa icona (quella con la finestra nera e la riga di codice) che trovi nel launcher, impartendo il comando sudo snap install vlc, immettendo la password del tuo account e premendo poi il tasto Invio sulla tastiera del computer.

Oltre che con Ubuntu, ti segnalo che VLC è compatibile anche con altre distribuzioni Linux, ovvero: Debian GNU/Linux, Mint, openSUSE, Gentoo Linux, Fedora, Arch Linux, Slackware Linux e Red Hat Enterprise Linux. Alcune di esse includono VLC fra i programmi installati “di serie” nel sistema, per cui non è necessario procedere con il download. Qualora dovesse però essere necessario scaricare VLC, basta visitare il sito Internet del programma.

Come usare VLC

VLC Windows

Una volta scaricato, installato e avviato VLC, direi che sei pronto per cominciare a usare il programma. Al primo avvio, VLC Media Player ti chiederà l’autorizzazione per scaricare informazioni sui file multimediali e gli aggiornamenti da Internet: acconsenti tranquillamente a entrambe le operazioni facendo clic sul pulsante Prosegui.

A questo punto, puoi cominciare a usare VLC per riprodurre i tuoi video preferiti. Recati quindi nel menu Media > Apri file (su Windows) oppure in quello File > Apri file (su macOS) collocato in alto a sinistra e scegli il video da guardare. Sono supportati file AVI, MP4, MKV, MPG, WMV e molte altre tipologie di file video.

Se non vuoi riprodurre un singolo filmato ma una playlist di video in sequenza, seleziona la voce Apri file multipli (su Windows) oppure quella Opzioni d’apertura avanzate (su macOS) e seleziona i file da visualizzare nella finestra che si apre, mentre per riprodurre i DVD fai riferimento all’opzione Apri disco.

Per riprodurre video in streaming direttamente da Internet, recati nel menu Media > Apri flusso di rete (su Windows) oppure in quello File > Apri rete (su macOS), incolla l’indirizzo del contenuto da visualizzare nella finestra che si apre e clicca sul pulsante per avviare la riproduzione che si trova in basso.

Grazie alla sua interfaccia utente semplice e intuitiva, VLC Media Player è molto semplice da impiegare anche per chi non è un esperto in campo informatico. Ad esempio, per comandare la riproduzione multimediale basta usare i pulsanti Play/Pausa, Stop, Avanti e Indietro che si trovano in basso a sinistra, per saltare da un punto del video all’altro è sufficiente impiegare la timeline situata in basso al centro, mentre per regolare il volume basta usare l’apposita barra di regolazione collocata in basso a destra.

Per gestire le tracce audio e quelle dei sottotitoli, occorre andare nei menu Audio > Traccia audio e Sottotitoli > Traccia dei sottotitoli oppure, per caricare un file di sottotitoli esterno, Aggiungi file dei sottotitoli. Per regolare l’aspetto dei sottotitoli, vai invece nel menu Preferenze di VLC e seleziona la scheda Sottotitoli/OSD dalla finestra che si apre.

Forse non tutti lo sanno, ma VLC include anche una serie di filtri audio e video che permettono di personalizzare i contenuti multimediali mentre questi vengono riprodotti sul computer. Per sfruttarli, basta andare nel menu Strumenti > Effetti e filtri (su Windows) oppure in quello Finestra > Effetti video o Effetti audio (su macOS) e si ha immediatamente accesso a strumenti come l’equalizzatore audio, che permette di regolare minuziosamente i parametri dell’audio (bisogna attivarlo mettendo il segno di spunta accanto alla voce Abilita), e gli effetti video che invece consentono di personalizzare le proprietà dell’immagine, ritagliare i video e aggiungere scritte o loghi in sovrimpressione.

Tramite la scheda Sincronizzazione è poi possibile regolare i tempi di sincronizzazione fra audio e video anticipando o posticipando l’audio di un filmato, e i tempi di visualizzazione dei sottotitoli. In questo modo, si possono correggere facilmente eventuali problemi di sincronizzazione fra video e audio o i tempi sbagliati dei sottotitoli. Per maggiori informazioni sul funzionamento dei filtri in tempo reale di VLC, da’ un’occhiata al mio tutorial su come ruotare un video con VLC.

Come accennato in precedenza, VLC Media Player permette anche di registrare i filmati in fase di riproduzione salvandoli in locale sul PC. Per eseguire una nuova registrazione, avvia la riproduzione del flusso video di tuo interesse, dopodiché recati nel menu Riproduzione > Registra per far partire la registrazione e interrompila, al momento opportuno, facendo clic sul pulsante Stop che si trova sul player. Per impostazione predefinita, il filmato di output verrà salvato nella cartella Video del computer.

Un’altra funzione molto utile di VLC è quella che consente di catturare degli screenshot dei video in riproduzione, cioè di realizzare delle istantanee dei video salvandone i fotogrammi sul PC. Per sfruttarla, non devi far altro che recarti nel menu Video e selezionare la voce Cattura schermata (su Windows) oppure quella Schermata (su macOS) da quest’ultimo. L’immagine catturata da VLC, per impostazione predefinita, è in formato PNG e viene salvata nella cartella Immagini del computer.

Ti segnalo inoltre che se lo desideri puoi rendere VLC il player predefinito per i tuoi video, cioè il programma che viene lanciato automaticamente quando fai doppio clic su questi ultimi. Se non sai come riuscirci, ti basta seguire le indicazioni che trovi nel mio tutorial su come impostare VLC come predefinito.

Come scaricare VLC su smartphone e tablet

Passiamo ora al versante mobile e andiamo a scoprire come scaricare VLC su smartphone e tablet. Come ti avevo anticipato, il media player è disponibile sia per Android che per iOS/iPadOS.

VLC Media Player download: Android

Installazione VLC Android

Se hai uno smartphone o un tablet Android e desideri effettuare il download di VLC Media Player, tutto quello che devi fare è accedere alla relativa sezione del Play Store e premere sul pulsante Installa. Successivamente, avvia il programma, sfiorando il pulsante Apri comparso sullo schermo.

Se stai usando un dispositivo senza i servizi di Google, puoi fare il download dell’APK di VLC Media Player. Per cui, provvedi in primo luogo abilitare la possibilità di installare app provenienti da origini sconosciute sul dispositivo agendo dalle impostazioni di Android. È facilissimo.

  • Se possiedi un dispositivo con Android 8.0 o superiori, recati in Impostazioni > App e notifiche, fai tap sulla voce relativa al browser da cui intendi scaricare il pacchetto APK, premi sulla dicitura Installa app sconosciute e porta su ON la levetta corrispondente alla voce Consenti da questa fonte.
  • Se possiedi un dispositivo con una versione meno recente di Android, recati in Impostazioni > Sicurezza o Scherm. Blocco e sicurezza e porta su ON l’interruttore che trovi in corrispondenza della voce Origini sconosciute o Sorgenti sconosciute. Se necessario, conferma l’effettuazione dell’operazione premendo sulla voce OK in risposta all’avviso che vedi comparire sul display.

A questo punto, visita il sito Internet da cui desideri prelevare il pacchetto APK di VLC e scaricalo sul tuo smartphone o tablet. Tra i vari portali utili allo scopo, ti consiglio APK Mirror. Per cui, visita la sezione del sito dedicata a VLC, individua la versione più recente dell’app e fai tap sull’icona della freccia verso il basso.

In seguito, seleziona la versione dell’app che vuoi scaricare dalla sezione Download che puoi trovare scorrendo la pagina, premi sul bottone Download APK e aspetta che il download del file venga avviato. Se necessario, conferma l’operazione premendo sulla voce OK in risposta all’avviso che ti viene mostrato su schermo. Se ti viene chiesto anche quale applicazione intendi usare per scaricare il file in questione, seleziona quella relativa al browser che stai utilizzando.

A download concluso, avvia il file ottenuto usando l’app Download di Android o un qualsiasi altro file manager installato sul tuo device (es. Files di Google), dopodiché fai tap sul nome del file scaricato e installalo premendo sui bottoni Installa e Fine. A processo ultimato, potrai avviare VLC selezionando la relativa icona che è stata aggiunta alla home screen e/o al drawer.

VLC Media Player download: iPhone e iPad

Installazione VLC iOS

Se possiedi un iPhone oppure un iPad, per eseguire il download di VLC Media Player tutto quello che devi fare è visitare la relativa sezione dell’App Store, premere sul bottone Ottieni, quindi su quello Installa e autorizzare lo scaricamento e l’installazione dell’applicazione tramite Face ID, Touch ID o password dell’ID Apple. Successivamente, avvia l’app, facendo tap sul pulsante Apri comparso sul display.

Come usare VLC

VLC Android

Dopo aver scaricato, installato e avviato VLC sul tuo dispositivo mobile, puoi finalmente cominciare a usare l’app. Se stai impiegando un terminale Android, autorizza dunque l’app ad accedere ai file presenti sul dispositivo e dovrebbe comparirti automaticamente la lista dei video presenti sulla memoria dello smartphone o del tablet (o sulla microSD inserita in esso). Se hai necessità di trasferire i video sulla memoria del tuo smartphone o tablet e non sai come riuscirci, puoi seguire le indicazioni che ti ho fornito nella mia guida su come trasferire file su Android.

Puoi prelevare i file dal computer anche usando la condivisone sulla rete locale, senza connettere fisicamente lo smartphone o il tablet a quest’ultimo. Per riuscirci, fai tap sulla voce Sfoglia che trovi nella parte in basso della schermata dell’app, seleziona la cartella relativa al tuo PC e intervieni da lì. Se non trovi la cartella, seleziona prima la voce Altro nella parte in basso della schermata di VLC, poi il pulsante Impostazioni, sfiora la dicitura Trasmissione e spunta l’opzione Trasmissione wireless. Ovviamente, affinché tutto funzioni correttamente, il computer deve essere configurato in modo da condividere file e cartelle all’interno della rete locale, come ti ho spiegato nel mio tutorial su come condividere una cartella in rete. La funzione di condivisione tramite rete locale funziona anche con i file ospitati da NAS, hard disk di rete e altri dispositivi pensati per la condivisione dei file all’intero della rete locale.

Se utilizzi un iPhone o un iPad, invece, potrai accedere solo ai video che copierai direttamente nell’app o che richiamerai da fonti esterne, come ad esempio NAS e hard disk di rete. Per copiare un file in VLC per iPhone o iPad, puoi collegare il dispositivo al computer e usare la funzione di condivisione del Finder (su macOS 10.15 Catalina o una versione successiva) o di iTunes (su Windows e su macOS 10.14 Mojave o versioni precedenti), come ti ho spiegato nella mia guida su come trasferire file da PC a iPhone, valida anche per iPad.

In alternativa, puoi usare la funzione di condivisione file tramite Wi-Fi, facendo tap sulla voce Rete che si trova in basso e portando su ON l’interruttore accanto alla voce Condivisione tramite WiFi. Successivamente, apri il browser sul tuo computer, collegati all’indirizzo indicato da VLC (es http://iPhone-di-nome.local) e utilizza il pannello Web che ti viene proposto per trasferire dei video direttamente nell’applicazione.

Dopo aver trovato i video di tuo interesse, fai tap sul loro titolo e potrai avviarne immediatamente la riproduzione. Per il resto non credo ci sia bisogno di troppe spiegazioni: puoi usare i comandi di VLC per mettere in pausa o riprendere la riproduzione, la timeline per spostarti da un punto all’altro del video e i tasti del tuo device per modificare il volume.

Per scegliere tracce audio e i sottotitoli, invece, devi pigiare sull’icona del fumetto. L’icona (…), infine, permette di accedere a funzioni quali il blocco della rotazione dello schermo e altro ancora. Se vuoi, puoi anche aumentare o diminuire la luminosità del display effettuando uno swipe verso l’alto o verso il basso e andare avanti e indietro nel video effettuando uno swipe verso destra o verso sinistra.

Salvatore Aranzulla

Autore

Salvatore Aranzulla

Salvatore Aranzulla è il blogger e divulgatore informatico più letto in Italia. Noto per aver scoperto delle vulnerabilità nei siti di Google e Microsoft. Collabora con riviste di informatica e cura la rubrica tecnologica del quotidiano Il Messaggero. È il fondatore di Aranzulla.it, uno dei trenta siti più visitati d'Italia, nel quale risponde con semplicità a migliaia di dubbi di tipo informatico. Ha pubblicato per Mondadori e Mondadori Informatica.