Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Come fare screenshot Mac

di

Dopo aver passato anni a utilizzare Windows, hai deciso di acquistare il tuo primo Mac e, dunque, di muovere i tuoi primi passi nel mondo dei computer realizzati dal colosso di Cupertino. Nonostante i tuoi timori iniziali, hai già preso confidenza con il sistema operativo di Apple e utilizzato alcune funzioni basilari con successo. Purtroppo, però, non hai avuto la stessa fortuna quando hai tentato di fare uno screenshot dello schermo del tuo computer.

Le cose stanno così, dico bene? Allora lascia che sia io a darti una mano e spiegarti come fare screenshot Mac. Se mi dedichi pochi minuti del tuo tempo libero, posso infatti mostrarti la procedura dettagliata per “catturare” l’intero schermo del Mac, singole finestre o specifiche porzioni da selezionare manualmente, sia tramite le scorciatoie da tastiera di macOS che usando un’apposita applicazione installata “di serie” su tutti i computer con la “mela morsicata”.

Se è proprio quello che volevi sapere, non dilunghiamoci oltre ed entriamo nel vivo di questo tutorial. Mettiti comodo, prenditi tutto il tempo che ritieni opportuno e dedicati alla lettura dei prossimi paragrafi. Seguendo attentamente le indicazioni che sto per darti e provando a metterle in pratica, ti assicuro che creare un’instantanea dello schermo del tuo Mac sarà davvero un gioco da ragazzi. Buona lettura e, soprattutto, buona lavoro!

Indice

Come fare screenshot Mac con tastiera

Screen Mac

Per fare screenshot Mac è sufficiente utilizzare le scorciatoie da tastiera di macOS, le quali permettono di “catturare” l’intero schermo, singole porzioni di esso e anche specifiche finestre.

Per “fotografare” l’intero schermo del tuo Mac, premi la combinazione di tasti cmd+shift+3 e, in modo del tutto automatico, verrà scattato uno screenshot che sarà salvato sotto forma di immagine sulla Scrivania del tuo Mac.

Se, invece, vuoi fare lo screenshot di una singola porzione dello schermo, premi la combinazione di tasti cmd+shift+4 e, tramite il mirino comparso a schermo, seleziona l’area di tuo interesse tenendo premuto il tasto sinistro del mouse.

Come dici? Vuoi fare lo screen di una singola finestra? In tal caso, utilizza la combinazione di tasti cmd+shift+4, premi la barra spaziatrice, seleziona con il cursore (che nel frattempo dovrebbe aver assunto la forma di una fotocamera) la finestra di tuo interesse e cliccaci sopra. Lo screenshot avrà un effetto ombra che puoi disattivare dando i seguenti comandi nel Terminale di macOS: defaults write com.apple.screencapture disable-shadow -bool true e killall SystemUIServer (per riattivare l’ombreggiatura ti basterà dare gli stessi comandi, cambiando true in false nel primo).

A prescindere dalla tipologia di screenshot effettuato, vedrai comparire una sua miniatura nell’angolo in basso a destra dello schermo: se vuoi apportare modifiche allo screenshot, fai clic sulla miniatura in questione e utilizza gli strumenti di editing (Forme, Testo, Disegna, Ritaglia, Stile forma, Ruota a sinistra ecc.) collocati nel menu relativo alla finestra apertasi.

Inoltre, premendo sull’icona della freccia dentro un quadrato e selezionando una delle opzioni disponibili (Mail, Messaggi, Promemoria, Note ecc.) puoi rapidamente inviare lo screen tramite email o SMS o utilizzarlo con altre applicazioni presenti sul tuo Mac.

Screen Mac

Ti sarà utile sapere che tutti gli screenshot, compresi quelli modificati, vengono salvati sotto forma di immagine PNG sulla Scrivania del tuo Mac. Se desideri modificare il formato di salvataggio, puoi aprire l’app Terminale (la trovi nella cartella Altro del Launchpad) e usare il comando defaults write com.apple.screencapture type jpg, dove al posto di jpg puoi inserire il formato di file grafico che preferisci. Affinché le modifiche siano effettive, prima di chiudere il Terminale, inserisci anche il comando killall SystemUIServer.

Infine, ti segnalo che puoi creare un’istantanea dello schermo anche senza che questa venga salvata automaticamente sulla Scrivania del Mac. Per esempio, se hai l’esigenza di fare uno screen e utilizzarlo in un programma per grafica, in un documento di testo o in un qualsiasi altro file, puoi “fotografare” lo schermo o parte di esso, tenere in “memoria” lo screenshot e usarlo direttamente nel file di tuo interesse.

Per farlo, usa la combinazione di tasti ctrl+cmd+shift+3, per “catturare” l’intero schermo del Mac, o ctrl+cmd+shift+4, per fare lo screen di una porzione di schermo o di una singola finestra, e poi apri l’applicazione o il file nel quale intendi usare lo screenshot in questione. Premi, quindi, i tasti cmd+v (o fai clic destro con il mouse e seleziona l’opzione Incolla dal menu apertosi) per incollare lo screenshot nell’applicazione o nel documento di destinazione.

Come fare screenshot Mac senza tastiera

Screen Mac

Se ti stai domandando se è possibile fare screenshot Mac senza tastiera, sarai contento di sapere che la risposta è affermativa. Infatti, puoi utilizzare l’app Screenshot (nota anche come Istantanea schermo) di macOS che permette di creare un’instantanea dello schermo utilizzando direttamente il mouse.

Se ritieni questa la migliore soluzione per “catturare” lo schermo del tuo computer, apri il Launchpad cliccando sulla relativa icona (quella con i quadrati colorati) posta sulla barra Dock, accedi alla cartella Altro e avvia l’app Screenshot cliccando sulla sua icona (quella della macchina fotografica). In alternativa, puoi aprire l’app in questione anche utilizzando la combinazione di tasti cmd+alt+5.

Adesso, per “fotografare” l’intero schermo del Mac, seleziona l’opzione Acquisisci l’intero schermo e premi sulla voce Acquisisci (o fai clic con il tasto sinistro del mouse in un punto qualsiasi dello schermo). Scegliendo, invece, l’opzione Acquisisci finestra selezionata e cliccando sulla finestra di tuo interesse puoi fare lo screen di una specifica finestra, mentre tramite l’opzione Acquisisci selezione, selezionando l’area di tuo interesse e premendo poi sul pulsante Acquisisci, puoi fare lo screenshot di una porzione di schermo.

Anche in questo caso, tutte le istantanee create verrano automaticamente salvate sulla Scrivania del Mac. Tuttavia, tramite l’app Screenshot, puoi anche scegliere manualmente la cartella in cui salvare gli screenshot o l’applicazione con i quali aprire lo screen sùbito dopo la cattura. Per farlo, premi sulla voce Opzioni e seleziona una delle opzioni disponibili (Scrivania, Documenti, Anteprima, Appunti, Messaggi, Mail e Altra posizione) dal menu apertosi.

Inoltre, selezionando la voce Opzioni, puoi regolare anche altre proprietà avanzate della cattura schermo, come l’inclusione del puntatore del mouse negli screenshot, l’impostazione di un timer per ritardare la cattura dello schermo e la comparsa delle miniature fluttuanti dopo la cattura degli screenshot che, così come ti ho indicato nelle righe per fare screenshot Mac con tastiera, cliccandoci sopra permettono di aprire rapidamente l’editor tramite il quale modificare o condividere gli screen.

Infine, come ti ho già anticipato in precedenza, tramite l’app Screenshot puoi anche registrare lo schermo del tuo Mac selezionando l’opzione che preferisci tra Registra l’intero schermo, per registrare l’intero schermo del computer, e Registra la selezione, per registrare una porzione di esso da selezionare manualmente. Per saperne di più, ti lascio alla mia guida su come registrare schermo Mac.

Altre soluzioni per fare screenshot schermo Mac

Shottr

Se oltre alle soluzioni che ti ho indicato nelle righe precedenti di questa guida vorresti conoscere altre applicazioni per fare screen, sarai contento di sapere che esistono diversi programmi per catturare lo schermo o porzioni di esso che puoi prendere in considerazione. Ecco, dunque, altre soluzioni per fare screenshot schermo Mac che potrebbero fare al caso tuo.

  • CleanShot X: oltre a fare screenshot e registrare lo schermo del Mac, questa applicazione include sia un editor avanzato che permette di modificare gli screen che alcune funzionalità aggiuntive, come la possibilità di impostare un timer per effettuare screenshot automatici e “catturare” intere pagine Web mediante scrolling. Costa 8$/mese o 29$ una tantum senza prova gratuita, ma è incluso anche in Setapp, un servizio in abbonamento (con 7 giorni di prova gratuita) che permette di usare oltre 200 applicazioni per macOS (e iOS/iPadOS, con un piccolo sovrapprezzo) che normalmente sarebbero a pagamento pagando un’unica sottoscrizione mensile o annuale. Per saperne di più, puoi dare un’occhiata alla mia guida su come funziona Setapp.
  • Shottr: è un’applicazione gratuita che permette di fare screen dell’intero schermo del Mac, di singole porzioni o di specifiche finestre, con anche la possibilità di apportare modifiche tramite un editor avanzato. Inoltre, consente di “catturare” intere pagine Web o intere chat mediante scrolling.
  • Monosnap: questa applicazione gratuita consente di fare screenshot del Mac, sia dell’intero schermo che di singole porzioni di esso o di specifiche finestre. Creando il proprio account, offre uno spazio d’archiviazione di 2 GB sul quale archiviare i proprio screen online. È disponibile anche una versione in abbonamento con le medesime funzionalità ma che offre uno spazio d’archiviazione di 10 GB e la possibilità di collegare altri servizi di archiviazione (es. Google Drive, Dropbox ecc.).
  • ShrinkTheWeb: è la soluzione ideale per chi ha l’esigenza di catturare intere pagine Web senza necessariamente installare alcun software sul proprio Mac. Questo servizio online, infatti, permette di salvare una pagina Web come immagine semplicemente specificando l’URL della pagina da “catturare”. È disponibile sia in una versione gratuita che in abbonamento (a partire da 4,95$/mese) con funzionalità aggiuntive.
Salvatore Aranzulla

Autore

Salvatore Aranzulla

Salvatore Aranzulla è il blogger e divulgatore informatico più letto in Italia. Noto per aver scoperto delle vulnerabilità nei siti di Google e Microsoft. Collabora con riviste di informatica e cura la rubrica tecnologica del quotidiano Il Messaggero. È il fondatore di Aranzulla.it, uno dei trenta siti più visitati d'Italia, nel quale risponde con semplicità a migliaia di dubbi di tipo informatico. Ha pubblicato per Mondadori e Mondadori Informatica.