Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Come filmare lo schermo Mac

di

Così come gli articoli scritti sui blog sono un ottimo modo per imparare argomenti nuovi e risolvere ogni dubbio di tipo informatico, altrettanto efficaci sono i video tutorial, ossia delle vere e proprie guide filmate che illustrano come utilizzare un software o un'applicazione. Per realizzare un video tutorial, uno degli strumenti principali è quello di avere un programma che ti permetta lo screencast, ossia la possibilità di registrare lo schermo del computer.

I software di registrazione dello schermo, infatti, filmano tutto cioè che avviene sul monitor, incluso il movimento del puntatore del mouse, in modo da poter descrivere il problema e poter fornire istruzioni e procedure passo-passo. Ma oltre alla realizzazione di un video tutorial, ci sono diversi altri motivi per cui potresti aver bisogno di effettuare uno screencast, ad esempio registrare lezioni scolastiche in video, un videogame da condividere in streaming o magari una videochiamata.

Nel caso tu possegga un Mac e hai l'esigenza di registrare lo schermo del tuo computer, sei nel posto giusto. Nei prossimi paragrafi ti spiegherò come filmare lo schermo Mac tramite alcuni programmi dettagliatamente illustrati. Al termine della lettura sarai in grado di scegliere la soluzione più adatta alle tue necessità. Buona lettura e buon divertimento!

Indice

Come registrare lo schermo Mac

Esistono davvero tanti programmi idonei allo screencast, sia che tu voglia imparare come registrare lo schermo Mac per intero, sia che tu voglia acquisire solo una porzione specifica della scrivania. Nelle sezioni successive ti illustrerò il funzionamento di quelli che, a mio avviso, sono i migliori della categoria.

Screenshot

Come filmare lo schermo Mac

Prima di installare e provare software di terze parti, credo ti farà piacere sapere che a partire da macOS 10.14 Mojave esiste la possibilità di registrare gratuitamente lo schermo tramite l'utility Screenshot integrata.

Tramite Screenshot, infatti, potrai non solo acquisire l'immagine ma anche la registrazione video di tutto ciò che avviene sul desktop. Per avviare Screenshot, premi la combinazione di tasti cmd+shift+5 sulla tastiera del computer (o cerca l'applicazione nel Launchpad o in Spotlight).

Nella parte inferiore della finestra apparsa, vedrai due opzioni: Registra l'intero schermo e Registra la selezione. Selezionando Registra l'intero schermo verrà visualizzata l'icona di una fotocamera. Utilizzando, ad esempio, due monitor potrai spostare l'icona sullo schermo che desideri registrare e fare clic per iniziare la registrazione.

Nel caso, invece, volessi registrare solo una porzione di schermo, trascina gli angoli per regolare la dimensione della selezione. Potrai anche spostare la selezione in un'area diversa dello schermo. Dopodiché premi il bottone Registra per iniziare l'acquisizione.

Facendo clic su Opzioni, invece, potrai selezionare una serie di configurazioni per la registrazione, come la destinazione del salvataggio del filmato, la fonte audio (se il microfono interno nel caso stessi usando un MacBook o quello di un'eventuale webcam, microfono o scheda audio collegata) e infine il Timer autoscatto per eseguire il conto alla rovescia prima di iniziare a registrare.

Una volta completata la registrazione dello schermo, per terminare e salvare il filmato, clicca sull'icona Stop nella barra dei menu in alto a destra. Il video verrà salvato automaticamente nella cartella predefinita in cui vengono salvati gli screenshot (generalmente il desktop).

Cliccando sulla miniatura che ti apparirà in basso a sinistra subito dopo aver terminato l'acquisizione del video, potrai tagliare il filmato ottenuto “al volo” usando gli indicatori gialli nella timeline. Se invece non sei contento del risultato, potrai eliminare il filmato cliccando direttamente sull'icona del cestino, in alto.

Un'altra possibilità per interrompere la registrazione, è premere la combinazione di tasti cmd+control+esc oppure premere cmd+shift+5 per far riapparire la barra di Screenshot e clicca il tasto Stop Interrompi registrazione dello schermo.

QuickTime Player

Quicktime Player

Esiste un'altra utility di sistema che puoi usare per registrare lo schermo del tuo Mac: QuickTime Player, lo storico player multimediale integrato in macOS.

Per filmare lo schermo del Mac utilizzando QuickTime Player, avvia l'applicazione tramite l'icona presente nel Launchpad (oppure cercala con Spotlight) e seleziona la voce di menu File > Nuova registrazione schermo in alto a sinistra.

Ti apparirà la stessa finestra in sovrimpressione come l'utility Screenshot, con la quale decidere se registrare l'intero schermo o solo una selezione. Una volta che avrai configurato il tutto, clicca sul pulsante Registra. Per terminare la registrazione fai clic sull'icona Stop nella barra dei menu di macOS in alto.

Il filmato ottenuto si aprirà immediatamente e tramite i comandi Ritaglia e Ruota nel menu Modifica in alto potrai modificarlo come riterrai più opportuno. Cliccando invece su Dividi clip potrai separare il video nel punto corrente e quindi creare due o più clip separati o cancellare le porzioni di video separate.

Una volta terminato, se contento del risultato, puoi salvare il video cliccando sulle voci di menu File > Salva oppure premendo la combinazione di tasti cmd+s sulla tastiera del computer e scegliendo la posizione desiderata.

Eventualmente puoi anche esportare il filmato nella risoluzione per te ottimale: per fare ciò, clicca sul menu File > Esporta (in alto a sinistra) e scegli il formato di output tra quelli disponibili: 4K, 1080p, 720p e 480p.

OBS Studio

OBS

Nel caso i software integrati in macOS non dovessero soddisfarti, esiste una soluzione altrettanto valida, gratuita e open source, adatta allo scopo. Parlo di OBS Studio, grazie al quale potrai effettuare le registrazioni del tuo schermo in maniera molto rapida e intuitiva, catturare molteplici fonti video e audio esterne e trasmettere in live su piattaforme come Twitch e YouTube.

Dopo aver scaricato e installato OBS Studio sul tuo Mac (se non sai come fare, ti rimando alla lettura del mio tutorial su come scaricare OBS), avvia il programma, tramite l'icona presente nel Launchpad.

La prima cosa che puoi notare nella finestra principale di OBS Studio, in basso a sinistra, sono le sezioni Scena e Fonti. Una volta selezionata la Scena, indica la sorgente video cliccando sul pulsante + nella finestra Fonti e scegli Cattura Schermo macOS, per aggiungere la scrivania del Mac alle fonti video da catturare. Clicca poi su OK per confermare.

Nella successiva schermata potrai scegliere il metodo di cattura, indicando se acquisire tutto lo schermo oppure se catturare un'applicazione in esecuzione in quel momento, quale schermo (nel caso fossero disponibili più monitor) e se visualizzare o meno il puntatore del mouse. Terminata la configurazione, clicca sul pulsante OK. Tramite gli indicatori rossi compariranno nella schermata principale di OBS potrai selezionare anche solo una porzione del desktop.

A questo punto, nel menu Controlli (in basso a sinistra) clicca su Impostazioni per modificare il percorso di registrazione. Vai dunque su Uscita e poi su Sfoglia per selezionare la cartella in cui salvare il filmato; puoi anche scegliere il formato video. Premi infine su OK per salvare tutto.

Nella sezione Mixer audio, invece, puoi selezionare il volume del microfono ed eventualmente applicare dei filtri audio. Inoltre, puoi creare anche un'ulteriore Scena facendo clic sul pulsante + nel riquadro Scene, in modo da poter passare da una scena all'altra stesso durante la registrazione, applicando anche un'eventuale dissolvenza video.

Nel caso volessi aggiungere una ripresa video della tua webcam, rimanendo sempre con la stessa Scena selezionata, clicca di nuovo sul pulsante + in Fonti e seleziona Dispositivo di cattura video.

Premi dunque su OK e in Dispositivo seleziona il nome della tua webcam, dando poi conferma. Nella schermata principale di OBS Studio visualizzerai sia lo schermo del computer sia il riquadro con la webcam. Selezionando l'anteprima della cam, tramite gli indicatori rossi, potrai ridurre o aumentare le dimensioni del riquadro oppure e trascinarlo con il mouse in un altro punto dello schermo.

Una volta che avrai concluso tutte le configurazioni, clicca sul pulsante Avvia la registrazione nella finestra Controlli collocata in basso a destra. Per terminare la registrazione, invece, clicca sul pulsante Termina la registrazione. Il file sarà disponibile nella cartella che avrai selezionato come output.

Nel caso avessi bisogno di ulteriori informazioni su come funziona OBS, consulta la guida che ho dedicato in maniera specifica al programma.

Come registrare lo schermo del Mac con audio interno

Come hai potuto notare, tutte le soluzioni offerte finora, ti permettono di registrare esclusivamente l'audio dal microfono interno del Mac o eventualmente da una fonte esterna come una scheda audio. Questo accade perché macOS, a differenza di Windows, non consente la registrazione dell'audio di sistema, se non previa installazione di appositi driver.

Non ti preoccupare, però, in quanto esistono delle applicazioni che includono dei driver da installare in pochi clic e dunque consentono di registrare lo schermo del Mac con audio interno: ecco qualche esempio.

Cleanshot X

CleanShot

Cleanshot X è uno dei migliori programmi in commercio per la realizzazione di screenshot e screencast. Tra le funzioni più importanti c'è proprio quella di poter registrare lo schermo del Mac acquisendo anche l'audio interno, previa installazione di appositi driver.

L'applicazione è a pagamento (ha costi a partire da 29 dollari una tantum), ma può essere scaricata “gratuitamente” abbonandosi a Setapp, un servizio in abbonamento che permette di accedere a tantissime applicazioni a pagamento per macOS in cambio di un piccolo canone mensile/annuale (con un piccolo sovrapprezzo include anche app per iOS/iPadOS). I primi 14 giorni sono gratis senza obbligo di rinnovo. Per maggiori informazioni, da' pure uno sguardo alla mia guida su come funziona Setapp.

Ciò detto, registrare lo schermo con audio interno con CleanShot X è semplicissimo: clicca sull'icona del programma nella barra dei menu (in alto a destra) e seleziona Record Screen dal menu che si apre. Scegli poi con il cursore del mouse la parte dello schermo da registrare e, tramite la toolbar che compare sullo schermo, scegli la fonte audio da usare tra microfono e audio del computer (l'icona del Finder). In quest'ultimo caso ti verrà chiesto di installare i driver necessari alla registrazione dell'audio interno: accetta, digita la password del Mac e il gioco è fatto.

Cliccando sull'icona a forma di telecamera puoi aggiungere anche la ripresa della tua webcam alla registrazione. Infine, premi dunque su Record Video e inizierai a registrare il video e l'audio del tuo schermo. Tramite la finestra in sovrimpressione in basso potrai decidere se fermare la registrazione, metterla in pausa oppure eliminarla.

Una volta terminata la registrazione, potrai tagliare il clip, modificare la qualità video, la dimensione oltre che eliminare l'audio o modificare il volume. Infine clicca su Trim & Convert per salvare il video. In basso a sinistra ti apparirà l'anteprima del video che potrai decidere di trascinare sul desktop o qualsiasi altra cartella.

Altre soluzioni per registrare lo schermo del Mac con audio

Screenflow

Nessuno dei programmi che ti ho indicato nelle righe precedenti ti ha convinto in maniera particolare e magari vorresti delle altre soluzioni per registrare lo schermo del Mac con audio? Qui sotto, allora, troverai un elenco di ulteriori software che puoi valutare di impiegare per filmare lo schermo.

  • ScreenFlow — può combinare, insieme alla registrazione del monitor, anche la tua webcam nonché un dispositivo iOS connesso contemporaneamente. Inoltre, puoi acquisire l'audio anche da più applicazioni, oltre al microfono. Ottima la gestione delle didascalie e sottotitoli in sovrimpressione. ScreenFlow ha un costo di 129 dollari, ma è disponibile anche in versione di prova gratuita, che non prevede limiti d'uso ma appone un watermark alle registrazioni effettuate.
  • Camtasia Studio — è uno dei software per registrare lo schermo più longevi della sua categoria. Nato nel 2002, Camtasia offre non solo la possibilità di acquisire il video e l'audio sia dal microfono che dal computer, ma è anche un potente editor video oltre ad avere alla possibilità di utilizzare una libreria di musica royalty-free. Ottima, inoltre, la sezione tutorial per aiutarti a realizzare fin da subito degli screencast professionali. Il software costa 349,85 euro, ma può essere provato gratuitamente per un periodo pari a 30 giorni. Maggiori info qui.

Al netto delle soluzioni menzionate poc'anzi, ti segnalo che installando dei driver appositi per la cattura dell'audio, puoi creare screencast comprensivi dell'audio di sistema anche con i programmi citati nella prima parte del tutorial. Trovi spiegato tutto in dettaglio nel mio tutorial su come registrare lo schermo del Mac con audio interno.

Salvatore Aranzulla

Autore

Salvatore Aranzulla

Salvatore Aranzulla è il blogger e divulgatore informatico più letto in Italia. Noto per aver scoperto delle vulnerabilità nei siti di Google e Microsoft. Collabora con riviste di informatica e cura la rubrica tecnologica del quotidiano Il Messaggero. È il fondatore di Aranzulla.it, uno dei trenta siti più visitati d'Italia, nel quale risponde con semplicità a migliaia di dubbi di tipo informatico. Ha pubblicato per Mondadori e Mondadori Informatica.