Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero
Salvatore Aranzulla Day
Evento di formazione SEO con Salvatore Aranzulla Scopri il programma

Come ricaricare CoopVoce

di

Nei giorni scorsi hai letto la mia guida passa a CoopVoce ed allettato dalle diverse ed interessanti offerte disponibili hai deciso di cogliere la balla al balzo e di effettuare la portabilità del numero. Al momento puoi dirti più che soddisfatto della scelta fatta ma essendo poco pratico in fatto di telefonia non ti è ancora molto chiaro in che modo procedere per poter effettuare una ricarica. Vista la situazione, sono ben felice di farti sapere che non hai proprio nulla di cui allarmarti: posso aiutarti io. Mi chiedi come? Leggi questa mia guida tutta incentrata su come ricaricare CoopVoce e vedrai che in men che non si dica avrei le idee perfettamente chiare sul da farsi.

Qui sotto trovi infatti un esaustivo elenco di tutte le possibili modalità di ricarica dei numeri CoopVoce. Ce ne sono un po’ per tutte le esigenze: presso i punti vendita Coop, online, tramite Bancomat, in ricevitoria e… non finisce qui! A prescindere dalla modalità scelta, l’operazione non prende costi aggiuntivi. L’unico pagamento preciso è quello pari all’importo della ricarica che, tra le altre cose, viene completata nel giro di pochissimi minuti.

Adesso però basta chiacchiere e passiamo all’azione. Mettiti dunque ben comodo ed inizia a concentrarti sulla lettura di questo tutorial. Vedrai che alla fine potrai dirti ben felice e soddisfatto di quanto appreso e che sarai anche pronto ad affermare che ricaricare CoopVoce era in realtà un vero e proprio gioco da ragazzi. Che ne dici, scommettiamo?

Vai direttamente a ▶︎ Presso i punti vendita | Online | Tramite Bancomat | Sfruttando i sistemi di home banking | Presso le ricevitorie | SOS ricarica

Presso i punti vendita

Come ricaricare CoopVoce

Uno dei modi più semplici per ricaricare CoopVoce consiste nel recarsi presso uno dei tanti punti vendita presenti sul territorio Italiano ed acquistare direttamente in cassa una ricarica. È possibile fare altrettanto anche nei punti attivazione CoopVoce. Nel primo caso, i tagli di ricarica disponibili sono da 5, 10, 20 e 50 euro mentre nel secondo sono disponibili anche quelli da 75, 100, 150 o 250 euro.

Se vuoi trovare il punto vendita Coop o il punto attivazione CoopVoce più vicino alla tua zona, collegati a questa pagina del sito del gruppo, digita il tuo indirizzo nel campo di ricerca che si trova in alto e poi fai clic sul pulsante Cerca. Ti verrà dunque mostrata una mappa con su indicati tutti punti vendita Coop ed i punti attivazione CoopVoce disponibili nella zona di riferimento. Gli stessi punti sono consultabili anche tramite l’elenco che si trova sulla destra. Seleziona quindi il punto che più di interessa e clic su Dettaglio punto vendita per ottenere tutte le informazioni del caso (orari, giorni di apertura e chiusura ecc.)

Una volta effettuato l’acquisto della ricarica, prendi nota del codice PIN apposito segnato sulla scontrino e chiama il numero gratuito 4243688. Segui dunque le istruzioni della voce guida avendo cura di digitare, quando ti viene richiesto, il PIN appunto in precedenza.

In alternativa alla procedura che ti ho appena indicato, puoi ricaricare CoopVoce inviando un SMS gratuito al 4243688 con il testo RIC <PIN DELLA RICARICA> (al posto di PIN DELLA RICARICA dovrai digitare il PIN della ricarica indicato sullo scontrino).

Tieni presente che le ricariche CoopVoce possono essere utilizzate, seguendo la stessa procedura in questione, anche fuori dal territorio nazionale. Ovviamente, in tal caso la ricarica va acquistata in Italia.

Online

Come ricaricare CoopVoce

Puoi ricaricare CoopVoce anche online, accedendo alla tua area personale sul sito Internet del gestore. Più precisamente, devi collegarti a questa pagina Web, fare clic sul bottone Ricarica, effettuare il login alla tua area Web, indicare il taglio di ricarica desiderato, il numero di telefono di riferimento e dare conferma dell’esecuzione dell’operazione.

I tagli di ricarica disponibili sono da 5, 10, 20, 50, 100 e 250 euro. Il servizio è valido anche utilizzando il PIN di una qualsiasi ricarica CoopVoce o di ricarica Premiate e può essere sfruttato anche all’estero.

Tramite bancomat

Come ricaricare CoopVoce

Puoi ricaricare CoopVoce anche tramite gli sportelli bancomat delle banche abilitate (Unicredit Banca, UGF Banca, Gruppo MPS, Cassa Centrale Banca, Banca Toscana e ING Direct) presenti sul territorio italiano. I tagli di ricerca disponibili sono da 5, 10, 20, e 50 euro.

Ricaricare in questo modo è semplicissimo: basta inserire la propria carta bancomat nell’apposita fessura dello sportello, selezionare il servizio di ricarica tra le varie opzioni a schermo, indicare CoopVoce come gestore di riferimento, il taglio della ricarica e dare conferma dell’esecuzione dell’operazione schiacciando l’apposito pulsante.

La cifra selezionata verrà sottratta dal tuo conto e aggiunta immediatamente al tuo credito telefonico e subito dopo la carta bancomat verrà espulsa dallo sportello insieme allo scontrino indicante l’operazione effettuata. Più facile di così?

Sfruttando i sistemi di home banking

Come ricaricare CoopVoce

Se possiedi un conto corrente bancario con accesso ai servizi di home banking, puoi ricaricare CoopVoce anche collegandoti al sito Internet della tua banca e cercare il servizio di ricarica cellulare fra i pagamenti online che si possono effettuare.

Successivamente dovrai indicare il numero di telefono del cellulare da ricaricare (operazione che solitamente è necessaria solo la prima volta) e scegliere il taglio di ricarica che desideri effettuare fra quelli disponibili (generalmente si parte da 15 euro). Anche in tal caso, la cifra selezionata verrà sottratta dal tuo conto e aggiunta immediatamente al tuo credito telefonico.

Presso le ricevitorie

Come ricaricare CoopVoce

Un altro sistema per ricaricare CoopVoce è quello che consiste nel recarsi presso una delle svariate ricevitorie Lottomatica o un dei punti vendita Sisal Pay abilitati e nel comunicare all’addetto il proprio numero di telefono ed il taglio di ricarica desiderato scegliendo tra da 5, 10, 20 o 50 euro.

Successivamente conferma i dati riportati sullo scontrino e in pochi minuti il tuo cellulare sarà ricaricato. A conferma del buon esito dell’operazione, riceverai un SMS di conferma dell’avvenuta ricarica.

Ti suggerisco di conservare lo scontrino che ti è stato consegnato sino alla ricezione dell’SMS indicante il fatto che la ricarica è stata realmente eseguita. Infatti, nel malaugurato caso in cui qualcosa andasse storto o comunque ci fossero problemi nella ricezione della ricarica nell’arco della successive 24 ore, potrai rivolgerti al servizio assistenza clienti CoopVoce componendo sul tastierino numerico del tuo cellulare il numero 188, avviando una chiamata e seguendo le istruzioni della voce guida per parlare con un operatore al quale, appunto, potrai far presente la cosa e che ti aiuterà a risolvere la questione.

SOS ricarica

Come ricaricare CoopVoce

Ti trovi in una situazione d’emergenza in cui il tuo credito è praticamente pari a zero e non hai modo di effettuare una ricarica mettendo in pratica una delle procedure di cui sopra? Allora faresti bene a prendere in considerazione SOS ricarica offerto da CoopVoce. Si tratta infatti di un servizio che permette di richiedere subito 2 euro di traffico bonus da consumare tramite la propria SIM nel modo in cui lo si ritiene più opportuno. Il traffico anticipato da CoopVoce e il costo del servizio pari a 0,50 euro saranno scalati dal traffico disponibile del cliente alla prima ricarica utile.

Per utilizzare il servizio è sufficiente afferrare il cellulare, accedere al dialer (la schermata per la composizione dei numeri di telefono), digitare 4243688, schiacciare il tasto per avviare una telefonata (solitamente è quello raffigurante una cornetta di colore verde) e seguire le istruzioni della voce guida.

Il servizio in questione può essere sfruttato da tutti i clienti CoopVoce senza distinzione alcuna fatta eccezione per coloro che non hanno mai ricaricato la propria SIM, quelli che hanno già usufruito del servizio senza poi ricaricare ed i clienti che hanno più di 1 euro di traffico telefonico sulla SIM.