Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Come ricaricare telefono

di

Quando si tratta di saper utilizzare le tecnologie moderne sei un po’ confuso; sei una persona un po’ tradizionale e non ami molto seguire le mode e le tendenze. Sei inoltre consapevole che il mondo tecnologico si evolve rapidamente attorno a te e proprio per questo motivo hai ancora delle difficoltà nel capire come ricaricare il telefono. Si tratta di un’operazione a cui finora hanno sempre provveduto altri per te e ora che hai la necessità di eseguirla da solo hai delle difficoltà.

Come dici? Questa mia premessa rispecchia davvero molto quelli che sono i tuoi attuali dubbi e le tue perplessità? Vorresti sapere se sono in grado di spiegarti come ricaricare il telefono? Certamente, non c’è nessun problema, posso spiegartelo ad occhi chiusi.

Tutto quello di cui hai bisogno è qualche minuto di tempo libero; mettiti seduto comodo e prenditi del tempo per leggere attentamente ciò che ti spiegherò in questo mio tutorial. Vedrai, alla fine della lettura sono sicuro che ti si aprirà un mondo e che sarai assolutamente in grado di eseguire le operazioni di ricarica in autonomia. Scommettiamo? Ti auguro una buona lettura e un buon “lavoro”.

Indice

Come ricaricare telefono WINDTRE

Se è da poco tempo che possiedi una SIM WINDTRE (o una vecchia SIM Wind/Tre quando erano ancora due operatori differenti) immagino che vorresti saperne di più sulle modalità di ricarica in modo tale da avere del credito sul tuo numero per chiamare e inviare SMS. Devi infatti sapere che, come per molti altri gestori di telefonia mobile, effettuare una ricarica è un’operazione molto semplice e può essere effettuata in diversi modi.

I dispositivi mobili dotati di una SIM Wind possono infatti essere ricaricati tramite Internet oppure in maniera offline.

Nel caso in cui tu voglia effettuare una ricarica tramite Internet puoi procedere con diverse soluzioni: puoi avvalerti del sito Internet ufficiale o dell’applicazione WINDTRE per Android e iOS.

Un altro metodo utilizzato per ricaricare il telefono Wind è relativo all’utilizzo del proprio servizio di home banking, nel caso in cui questo supporti la ricarica per i numeri di telefonia mobile.

Puoi anche scegliere di utilizzare il servizio Easy Ricarica il quale ti permette di ricaricare il tuo telefono Wind con addebito sul conto corrente bancario. Questo servizio è gratuito ma è attivabile soltanto in alcuni sportelli bancomat abilitati.

Sempre restando in ambito bancario puoi effettuare una ricarica con Bancomat o Postamat attraverso l’utilizzo degli sportelli Bancomat e Postamat per quanto riguarda le banche abilitate. Ovviamente ricordati sempre che puoi anche effettuare una ricarica direttamente tramite un negozio WINDTRE o acquistando una scheda prepagata in bar, edicole o tabaccherie autorizzate (chiamando poi il 4242).

Se vuoi saperne di più sulle modalità di ricarica Wind leggi il mio articolo in cui ti spiego passo dopo passo come ricaricare il tuo numero Wind.

Come ricaricare telefono TIM

Come la maggior parte dei gestori di telefonia mobile, anche Tim offre diverse modalità ai suoi clienti per quanto riguarda la possibilità di effettuare una ricarica sulla loro SIM, spaziando tra modalità online e modalità offline.

Nel primo caso viene proposto l’utilizzo del sito Internet Tim.it attraverso la modalità con autenticazione e quella senza autenticazione. Nel primo caso dovrai effettuare il login con i tuoi dati dell’account TIM e poi potrai scegliere l’importo da ricaricare e verificare che il numero di telefono associato al tuo account TIM sia corretto.

Dopodiché dovrai inserire i dati della tua carta di credito ed effettuare l’operazione di ricarica. Tra i circuiti di pagamento abilitati vi sono i più comuni Visa e MasterCard ed è anche possibile pagare tramite PayPal.

La stessa identica operazione di ricarica può essere effettuata da sito Internet Tim.it senza dover effettuare obbligatoriamente la registrazione di un account: in questo caso basterà collegarsi al sito Internet dedicato alla funzionalità di ricarica online di TIM, scegliere l’importo della ricarica, indicare e confermare il proprio numero di telefono e poi digitare i dati di pagamento premendo poi sul pulsante Conferma acquisto per confermare la volontà di effettuare la ricarica al numero di telefono TIM indicato.

Sempre restando nell’ambito delle modalità online di ricarica è facilmente possibile effettuare una ricarica al proprio numero di telefono tramite l’applicazione myTIMmobile scaricabile gratuitamente dal Play Store di Android o dall’App Store di iOS.

Se invece non desideri effettuare una ricarica tramite Internet puoi aggiungere del credito sul tuo numero di telefono TIM utilizzando i servizi di ricarica offerti da ricevitorie e lottomatiche oppure anche dai negozi TIM.

Puoi anche ricaricare allo sportello ATM con il tuo Bancomat, allo sportello ATM con la tua carta Postepay o Postamat e ovviamente anche attraverso il servizio di Home Banking.

Nel caso in cui tu disponga di una SIM TIM puoi approfondire le procedure di ricarica leggendo la mia guida dedicata all’argomento nella quale ti spiego nel dettaglio come ricaricare un numero TIM.

Come ricaricare telefono Vodafone

Hai acquistato di recente una SIM Vodafone ma ora sei un po’ nel panico perché non sai come ricaricare il tuo telefono? Non preoccuparti ci sono qui io e posso aiutarti in un batter d’occhio. Le modalità di ricarica di una SIM Vodafone sono alla portata di tutti in quanto vi sono diverse possibilità pensate per venire incontro a diverse esigenze.

Se hai la possibilità di accedere ad Internet puoi ricaricare il tuo numero di cellulare Vodafone dal sito Internet www.vodafone.it senza dover obbligatoriamente effettuare la registrazione.

In alternativa puoi accedere alla sezione Fai Da Te in modo tale da tenere in memoria il tuo numero di cellulare ed effettuare ricariche più veloci per le prossime volte.

Il gestore di telefonia mobile Vodafone mette anche a disposizione un modulo per la ricarica del proprio numero di telefono attraverso l’utilizzo della sua pagina Facebook.

Per eseguire questa particolare operazione dovrai possedere un account Facebook in modo tale da poter visualizzare la pagina Facebook di Vodafone e premere sulla scheda Ricarica online situata a sinistra. Una volta eseguita quest’operazione ti basterà soltanto compilare gli appositi campi di testo dedicati alla procedura di ricarica e dovrai poi premere sul pulsante Conferma.

Sempre parlando delle possibilità di ricarica tramite Internet puoi anche scaricare l’applicazione MyVodafone dal Play Store di Android o dall’App Store di iOS oppure puoi anche effettuare una ricarica accedendo al servizio di home banking della tua banca.

Sei fuori casa e hai bisogno urgentemente di ricaricare il tuo numero di telefono Vodafone ma non puoi accedere ad Internet? Non preoccuparti, puoi anche recarti presso uno sportello Bancomat o Postamat abilitato ed effettuare una ricarica utilizzando lo sportello ATM.

In alternativa puoi anche recarti in un negozio Vodafone oppure anche in un rivenditore autorizzato. Non dimenticare infine la possibilità di ricaricare alla cassa acquistando la carta di ricarica in alcuni supermercati e negozi di elettronica oppure anche tramite tabaccai, edicole ricevitorie o bar abilitati.

Se vuoi saperne di più su come usufruire delle modalità di ricarica allora ti consiglio di leggere il mio articolo di approfondimento nel quale ti spiego come ricaricare un numero Vodafone.

Come ricaricare telefono Tre

Le modalità di ricarica disponibili per chi è in possesso di uno smartphone con SIM Tre sono altrettanto variegate in quanto sono disponibili diversi canale di ricarica in maniera simile a quanto spiegato finora per gli altri operatori di telefonia mobile.

Tra le opzioni di ricarica offerti dal gestore di telefonia mobile Tre vi è il servizio di ricarica online attraverso l’area clienti Tre la quale è disponibile anche senza la registrazione obbligatoria.

Per utilizzare questo servizio basterà recarsi sul suo sito Internet ufficiale e utilizzare il modulo presente a schermo per la compilazione dei dati dedicati alla ricarica i quali richiederanno anche di selezionare il metodo di pagamento. In particolar modo, è possibile effettuare una ricarica di una SIM Tre anche pagando tramite PayPal e PostePay.

Per quanto riguarda invece le modalità di ricarica più tradizionali vi è la possibilità di acquistare una carta Ricarica 3 che può essere utilizzata per ricaricare il cellulare. Queste carte di ricarica sono acquistabili presso i negozi Tre e possono essere anche utilizzate per effettuare una ricarica online oppure tramite numero di telefono dedicato alle operazioni di ricarica.

Le altre modalità di ricarica prevedono la possibilità di ricaricare il proprio numero attraverso il servizio di ricarica telematica disponibile presso alcune tabaccherie, bar, ricevitorie e cartolerie selezionate. In quest’ultimo caso per ricaricare il tuo numero di telefono sarà sufficiente comunicare al personale addetto il proprio numero di telefono e il taglio di ricarica pagando tramite le modalità offerte da ciascuna struttura.

Il servizio di ricarica telematica è anche disponibile presso alcuni punti vendita affiliati del servizio Lottomatica e nelle ricevitorie SISAL.

Infine, per ricaricare un numero Tre è anche possibile effettuare una ricarica con Bancomat negli sportelli ATM che sono stati abilitati per questo servizio. Per chi è in possesso di una carta Postamat è anche possibile ricaricare attraverso gli sportelli Postamat.

Come ricaricare telefono con Satispay

Satispay è un’applicazione gratuita per dispositivi Android e iOS (iPhone, iPad e Apple Watch) che dispone di numerose funzionalità, compresa la possibilità di effettuare ricariche telefoniche senza applicare alcuna commissione. Per effettuare una ricarica con Satispay, scarica l’app in questione dallo store del tuo dispositivo e avviala facendo tap sulla sua icona, dopodiché premi sul pulsante Inizia ora e inserisci il tuo numero di telefono e il tuo indirizzo email, per avviare la procedura di registrazione al servizio.

Nella schermata Conferma il tuo numero di telefono, verifica la tua identità inserendo il codice di verifica di 6 cifre che ti è stato inviato tramite SMS e, nei campi Scegli il tuo PIN e Conferma il tuo PIN, inserisci un codice di 5 cifre (che poi dovrai digitare ogni volta che vorrai accedere all’app di Satispay).

Adesso, fai tap sulla voce Apri email, individua l’email inviata da Satispay, copia il codice di verifica contenuto al suo interno, apri nuovamente l’app del servizio e inseriscilo nel campo apposito. Nella schermata Codice promo, se sei in possesso di un codice promozionale, inseriscilo nel campo Inserisci il codice promo, altrimenti premi sul pulsante Avanti e prosegui con la registrazione.

Digita, quindi, il codice IBAN del tuo conto corrente nel campo apposito (o fai tap sull’icona della macchina fotografica per inserirlo inquadrandolo con la fotocamera del tuo dispositivo) e premi sul pulsante Avanti per due volte consecutive. Inserisci, poi, i tuoi dati personali e i dati relativi alla tua residenza nella sezione Informazioni personali e fai tap sul pulsante Avanti.

Per completare la registrazione, è necessario indicare un proprio documento d’identità. Scegli, quindi, una delle opzioni disponibili tra Carta d’identità italiana, Patente di guida italiana e Passaporto, premi sull’opzione Scatta la foto e segui le indicazioni mostrate a schermo per fotografare la parte frontale e il retro del documento. Pigia, quindi, sul pulsante Entra per completare la registrazione. Quando i tuoi dati saranno verificati, riceverai una notifica.

Infine, per poter effettuare una ricarica telefonica con Satispay, è necessario impostare il budget settimanale. Per farlo, fai tap sulla voce Profilo, scegli l’opzione Imposta il budget, seleziona la voce Modifica, indica l’importo di cui vuoi disporre settimanalmente sul tuo account scegliendo uno dei tagli disponibili (25, 50, 75, 100, 125, 150, 175, 200, 250 e 300 euro) e fai tap sui pulsanti Prosegui e Conferma.

Per la prima ricarica del budget settimanale devi attendere almeno due giorni lavorativi affinché sia accreditata sul tuo account. Per le ricariche successive, devi sapere che ogni domenica sera viene effettuato un controllo della tua disponibilità: se il budget disponibile è inferiore al budget impostato di almeno di 5 euro, automaticamente viene effettuata una nuova ricarica affinché l’importo disponibile sia pari al budget impostato.

Adesso sei pronto per effettuare una ricarica telefonica con Satispay. Premi, quindi, sulla voce Servizi presente nel menu in basso, seleziona l’opzione Ricarica e, nella nuova schermata visualizzata, scegli l’operatore telefonico di tuo interesse tra Vodafone, TIM, Wind, Tre, ho.mobile, CoopVoce, Fastweb, Tiscali, Poste Mobile, Digi Mobil, Lycamobile e 1Mobile.

Fatta la tua scelta, scegli l’opzione Al mio numero o seleziona il contatto al quale intendi inviare la ricarica. In alternativa, fai tap sul pulsante +, inserisci il numero di telefono da ricaricare nel campo apposito e premi sulla voce Avanti.

Infine, scegli uno dei tagli di ricarica disponibili (variano a seconda dell’operatore scelto in precedenza), pigia sul pulsante Invia e il gioco è fatto.

Come ricaricare telefono con HYPE

HYPE

Se stai cercando un conto con carta tramite il quale ricaricare con facilità il tuo credito telefonico, ti consiglio di dare un’occhiata ad HYPE. Qualora non ne avessi mai sentito parlare, HYPE è un conto di moneta elettronica a cui è associata una carta Mastercard, sia fisica che virtuale. Il conto HYPE si può aprire e gestire direttamente da smartphone, grazie alla sua app per Android (anche smartphone Huawei con AppGallery) e iPhone, o anche da Web e dà accesso a tantissime possibilità.

Oltre a consentire la ricarica del credito telefonico con tutti gli operatori più importanti (in modo istantaneo e senza commissioni), consente di effettuare acquisti online e nei negozi fisici (con la possibilità di ottenere dei cashback sugli acquisti effettuati in oltre 500 negozi online selezionati), inviare e ricevere denaro, inviare e ricevere bonifici, pagare bollettini/bollette, effettuare prelievi da ATM, comprare e vendere Bitcoin e molto altro ancora.

Il piano base di HYPE, HYPE Start, è completamente gratuito; in alternativa è possibile attivare il piano HYPE Plus (1 euro/mese con 15 euro di bonus alla prima ricarica usando il codice PLUS15 in fase di registrazione) che abbatte i limiti di prelievo, ricarica e spesa previsti dal piano gratuito e permette la domiciliazione delle utenze e l’accredito dello stipendio, oppure il piano HYPE Premium (9,90 euro/mese con 25 euro di bonus alla prima ricarica usando il codice PREMIUM25 in fase di registrazione) che include anche un’assicurazione completa per i viaggi, pagamenti e prelievi gratis in tutto il mondo, la carta di credito World Elite Mastercard e assistenza prioritaria (anche via WhatsApp).

La ricarica del credito telefonico con HYPE è estremamente semplice: dopo aver installato l’app di HYPE sul tuo smartphone, accedi al tuo conto usando le relative credenziali o il sistema di sblocco biometrico supportato dal tuo device. Se invece non hai ancora un conto HYPE, collegati al sito ufficiale e completa la procedura guidata per scegliere il tipo di conto più adatto a te e aprirlo: il tutto ti richiederà non più di qualche minuto, ti basterà avere a portata di mano un documento di riconoscimento valido.

Ad accesso effettuato, per ricaricare il telefono con HYPE, seleziona la scheda Menu dell’app, premi sul pulsante Ricarica telefonica e compila il modulo che ti viene proposto con operatore telefonico, numero di telefono e importo da ricaricare (es. da 10 a 150 euro). Infine, premi su Conferma per due volte consecutive e il gioco è fatto. La ricarica avverrà in modo pressoché istantaneo. Per approfondimenti, leggi la mia guida su come funziona HYPE.

Maggiori informazioni su HYPEMaggiori informazioni su HYPE PlusMaggiori informazioni su HYPE Premium

Articolo realizzato in collaborazione con Satispay e HYPE.

Salvatore Aranzulla

Autore

Salvatore Aranzulla

Salvatore Aranzulla è il blogger e divulgatore informatico più letto in Italia. Noto per aver scoperto delle vulnerabilità nei siti di Google e Microsoft. Collabora con riviste di informatica e cura la rubrica tecnologica del quotidiano Il Messaggero. È il fondatore di Aranzulla.it, uno dei trenta siti più visitati d'Italia, nel quale risponde con semplicità a migliaia di dubbi di tipo informatico. Ha pubblicato per Mondadori e Mondadori Informatica.