Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero
Salvatore Aranzulla Day
Evento di formazione SEO con Salvatore Aranzulla. Scopri il programma

Come ricaricare PosteMobile

di

Dopo aver letto il mio articolo su come passare a PosteMobile ci hai riflettuto su per bene ed hai poi deciso di dare il via alla procedura per la portabilità del numero verso l’operatore di Poste Italiane. Al momento puoi dirti ben felice e soddisfatto della scelta fatta ma essendo poco pratico in fatto di telefonia c’è una cosa che, sebbene elementare, non ti è ancora molto chiara: come ricaricare PosteMobile. Beh, se la situazione è questa perché non ti prendi cinque minuti di tempo libero e ti concentri sulla lettura di questa mia guida tutta dedicata all’argomento?

Qui di seguito trovi infatti spiegato, per filo e per segno, tutto ciò che bisogna fare per riuscire a ricaricare PosteMobile. Di soluzioni per effettuare la ricarica ce ne sono molteplici: presso l’ufficio postale più vicino alla tua zona, al Bancomat o via Postamat, in tabaccheria, online e… non finisce qui! Scegliere quale soluzione adottare spetta ovviamente solo e soltanto a te, in base a quelle che sono le tue preferenze. In tutti i casi l’unica cosa che dovrai pagare sarà il solo costo della ricarica, sta’ tranquillo!

Ora però basta chiacchiere e passiamo all’azione. Mettiti dunque ben comodo ed inizia immediatamente a concentrarti sul da farsi. Vedrai, alla fine potrai dirti ben felice e soddisfatto di quanto appreso ed inoltre sono certo che qualora necessario sarai anche pronto a fornire tutte le spiegazioni del caso ai tuoi amici bisognosi di ricevere dritte analoghe. Che ne dici, scommettiamo?

Indice

Presso l’ufficio postale

Come ricaricare PosteMobile

Il primo sistema che ti suggerisco di sfruttare per ricaricare PosteMobile è quello che consiste nel recarsi presso l’ufficio postale della tua zona e nel chiedere ad un addetto allo sportello di effettuare la ricarica della SIM. Quando richiesto, provvedi inoltre a comunicare il tuo numero di cellulare e scegli un taglio di ricarica tra 5, 10, 15, 20, 50, 80, 100 e 150 euro. Puoi pagare con carta Postamat, carta Postepay, carta Enti Previdenziali o in contanti.

A procedura completata ti verrà rilasciato lo scontrino e riceverai un SMS sul cellulare indicante il fatto che la procedura mediante cui ricaricare PosteMobile è effettivamente andata a buon fine.

Se non sai dove si trova l’ufficio postale più vicino, puoi individuarlo collegandoti a quest’apposita pagina Web annessa al sito Internet ufficiale di Poste Italiane. Se ti appare un avviso indicante il fatto che il browser desidera rilevare la tua posizione, acconsenti così da potere visualizzare subito tutti gli uffici postali più vicini alla tua zona su mappa. Se non visualizzi alcun avviso di rilevamento della posizione, cerca manualmente l’indirizzo di rifermento tramite l’apposito campo che risulta collocato in alto.

Se vuoi, puoi affinare la ricerca servendoti dei menu collocati sulla sinistra (Giorni e orari, Distanza e Servizi). Invece, per ottenere maggiori info riguardo un dato ufficio postale, clicca sul relativo segnaposto. Si aprirà dunque una nuova finestra con all’interno indicato l’indirizzo esatto dello stesso, i recapiti telefonici, gli orari di apertura e chiusura e l’affluenza media.

Tramite Bancomat e Postamat

Puoi ricaricare PosteMobile anche tramite lo sportello Bancomat delle banche abilitate (Intesta Sanpaolo, Monte dei Maschi di Siena, Cassa Centrale Banca, Casse Raiffeisen, Istituto Centrale delle Banche Popolari Italiane) o mediante sportello Postamat. In tutti i casi, i tagli di ricarica disponibili sono 5, 10, 15, 20, 50, 80, 100 e 150 euro.

Ricaricare in questo modo è davvero facile: basta inserire la propria carta Bancomat o Postamat nell’apposita fessura dello sportello, selezionare il servizio di ricarica tra le varie opzioni a schermo, indicare PosteMobile come gestore di riferimento, scegliere il taglio della ricarica e dare conferma dell’esecuzione dell’operazione pigiando l’apposito pulsante.

La cifra selezionata verrà sottratta dal tuo conto e aggiunta immediatamente al tuo credito telefonico e subito dopo la carta Bancomat o Postamat verrà espulsa dallo sportello insieme allo scontrino indicante l’operazione effettuata. Riceverai inoltre un SMS sul tuo numero di cellulare che ti informerà dell’avvenuta ricarica.

Presso ricevitorie e rivenditori

Come ricaricare PosteMobile

Un altro sistema per ricaricare PosteMobile è quello che consiste nel recarsi presso una delle svariate ricevitorie Lottomatica presenti sul territorio o presso le tabaccherie ed i punti vendita autorizzati (SisalPay, PayMat, Kipoint, Esselguna ed epay) e nel comunicare all’addetto il proprio numero di telefono oltre che il taglio di ricarica desiderato scegliendo tra da 5, 10, 20 o 50 euro.

Successivamente prendi visione dei dati riportati sullo scontrino e nel giro di pochi minuti la tua SIM PosteMobile verrà ricaricata. A conferma del buon esito dell’operazione, riceverai un SMS di conferma dell’avvenuta ricarica.

Ti suggerisco di conservare lo scontrino che ti è stato consegnato sino alla ricezione dell’SMS indicante il fatto che la ricarica è stata realmente eseguita. Infatti, nel malaugurato caso in cui qualcosa andasse storto o comunque ci fossero problemi nella ricezione della ricarica nell’arco della successive 24 ore, potrai rivolgerti al servizio assistenza clienti PosteMobile componendo sul tastierino numerico del tuo cellulare il numero 160, avviando una chiamata e seguendo le istruzioni della voce guida per parlare con un operatore al quale, appunto, potrai far presente la cosa e che ti aiuterà a risolvere la questione.

Online

Come ricaricare PosteMobile

Se lo preferisci, puoi ricaricare PosteMobile anche direttamente e comodamente online. Per riuscirci, non devi far altro che collegarti all’apposita sezione del sito Internet di PosteMobile facendo clic sulla voce Ricarica Online collocata in alto a destra, effettuando il login alla tura area personale, indicando il taglio di ricarica desiderato tra 5, 10, 15, 20, 50, 80, 100 e 150 euro e scegliendo se pagare con carta di credito Visa o MasterCard, carta Postepay, carta Pensione, Carta Ricarica PosteMobile o Conto BancoPosta.

In seguito, dai conferma dell’esecuzione dell’operazione ed attendi qualche istante affinché ti appaia un avviso a schermo indicante il fatto che la procedura per ricaricare PosteMobile è effettivamente andata a buon fine. Anche in al caso, riceverai un SMS sul cellulare che ti segnalerà il buon esito della procedura.

Ti segnalo poi che oltre che tramite il sito Internet di PosteMobile puoi ricaricare online anche dal sito Web di Poste Italiane e da quello di BancoPoste Click.

Da app o da SIM

Foto che mostra una ragazza che usa il cellulare

Se hai associato la tua SIM PosteMobile allo strumento di pagamento BancoPosta di cui sei titolare, puoi ricaricare PosteMobile anche agendo direttamente dal tuo cellulare, tramite app PosteMobile (disponibile per Android, per iOS e per Windows Phone) oppure mediante il menu della SIM inserita nel tuo cellulare.

Nel primo caso, non devi far altro che avviare PosteMobile pigiando sulla sua icona presente nella schermata del tuo smartphone in cui risultano raggruppate tutte le varie applicazioni installate, accedere al menu dell’app, individuare la voce Ricarica SIM ed effettuare i seguenti passaggi.

  1. Seleziona Tua SIM o Altra SIM;
  2. Digita l’importo della ricarica;
  3. Seleziona lo strumento di pagamento che desideri utilizzare;
  4. Conferma la richiesta digitando il codice APP PIN di 5 cifre.

Se invece preferisci ricaricare PosteMobile agendo dal menu della SIM provvedi innanzitutto ad effettuare l’accesso a quest’ultimo. Se non sai come si fa, su Android devi accedere alla schermata in cui risultano raggruppate tutte le app installate, cercare SIM PosteMobile e pigiare sulla relativa icona. Su iPhone ti basta invece pigiare su Impostazioni > Telefono > Applicazioni SIM. In seguito, effettua questi passaggi.

  1. Seleziona la voce Ricarica;
  2. Scegli Tua SIM  o Altra SIM;
  3. Seleziona l’importo della ricarica;
  4. Scegli lo strumento di pagamento che vuoi utilizzare;
  5. Conferma l’importo della ricarica e digita il codice PMPIN (PosteMobile PIN) di 5 cifre.

A prescindere dal sistema scelto, a procedura completata riceverai un SMS di notifica dell’avvenuta ricarica.

Tieni solo presente che nel caso in cui tu abbia scelto di ricaricare PosteMobile con addebito sulla carta Postepay, il servizio è sempre disponibile tranne dalle 2:00 alle 4:00 nella notte tra lunedì e martedì e dalle 2:00 alle 2:10 per tutti gli altri giorni. Se invece hai scelto di ricaricare con addebito su Conto BancoPosta, il servizio è disponibile tutti i giorni dalle ore 06:00 alle 23:00.

Altre soluzioni

Come ricaricare PosteMobile

Oltre alle soluzioni che ti ho già indicato, ci sono anche altri sistemi per ricaricare PosteMobile e che possono rivelarsi più o meno “comodi” a seconda delle diverse circostanze. Li trovi indicati qui di seguito.

  • Tramite home banking – Se possiedi un conto corrente bancario con accesso ai servizi di home banking, puoi ricaricare PosteMobile anche collegandoti al sito Internet della tua banca e cercando il servizio di ricarica telefonica fra i pagamenti online che si possono effettuare. Per maggiori info clicca qui.
  • Mediante portalettere – Puoi ricaricare PostMobile direttamente a domicilio con il portalettere dotato di palmare e POS, utilizzando le carte Postamat, Postepay e le carte di debito aderenti al circuito Maestro. Puoi richiedere il servizio gratuitamente al portalettere oppure prenotare un appuntamento chiamando il numero gratuito 803 160. Per maggiori info clicca qui.
  • Ricarica ricorrente – Si tratta di un servizio che consente di scegliere una soglia minima raggiunta la quale la SIM verrà ricarica in maniera automatica previa selezione di un dato importo (minimo 10 euro, massimo 250 euro). In alternativa, è possibile fare in modo che la ricarica venga effettuata in maniera automatica dopo uno specifico arco di tempo. In tutti i casi, per poter abilitare il servizio è necessario disporre di un conto corrente BancoPosta, di una carta ricaricabile Postepay oppure una carta di credito CastaSi. Per maggiori info clicca qui e qui.