Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Come ricaricare HYPE al tabacchino

di

Navigando su Internet e nei vari social network, oppure chiacchierando al bar con gli amici, hai sentito parlare di HYPE e, incuriosito, ti sei documentato sulle caratteristiche di questo conto smart con annessa carta prepagata e hai deciso di richiederla anche tu.

Hai dunque attivato il conto e ricevuto la carta fisica al tuo indirizzo senza grosse difficoltà. Tuttavia, se stai leggendo questa guida c’è una domanda che ti stai ponendo e alla quale non hai trovato ancora risposta, ovvero come ricaricare HYPE al tabacchino. Ho indovinato? Allora nessun problema: continuando a leggere questo tutorial sarai pienamente consapevole riguardo questo argomento e non avrai più bisogno di chiederti come fare per ricaricare il tuo nuovo conto HYPE.

Innanzitutto ti dico immediatamente che, sì, è possibile ricaricare HYPE al tabacchino. Dopo questa bella notizia, concedimi solo un paio di minuti e ti spiegherò passo passo come fare per sfruttare questa comoda possibilità per “riempire” il tuo conto, in modo tale da poter acquistare su Internet nei tuoi siti preferiti e nei negozi fisici, o perché no, inviare denaro ai tuoi amici o inviare un bonifico. Trovi spiegato tutto qui sotto. Maggiori informazioni su HYPEMaggiori informazioni su HYPE NextMaggiori informazioni su HYPE Premium

Indice

Come ricaricare la carta HYPE al tabacchino

sisalpay

Sei pronto per ricaricare HYPE al tabacchino? Sono già sicuro della risposta, per cui entriamo nel succo di questa guida e iniziamo. Voglio premettere che il tabacchino nel quale ti recherai per effettuare la ricarica dovrà necessariamente essere convenzionato al circuito SisalPay|5.

Non preoccuparti, puoi individuare il tabacchino o bar più vicino convenzionato a questo servizio direttamente sul sito Mooney di SisalPay|5 da qualsiasi device tu voglia: seleziona la voce Punti vendita nel menu in alto e, nella nuova pagina che appare, inserisci il tuo indirizzo nell’apposito campo. Nella voce appena sotto tra i servizi disponibili, seleziona dunque Ricarica carta SisalPay e premi il tasto CERCA. Verranno visualizzati sulla mappa tutti i punti nei quali potrai recarti per effettuare la ricarica.

Ricorda che per portare a termine la ricarica al tabacchino, dovrai avere con te la tua carta HYPE un documento di riconoscimento (patente, carta d’identità cartacea o elettronica, passaporto ecc.) e codice fiscale o tessera sanitaria. L’operatore del punto vendita procederà a effettuare la ricarica che vedrai accreditata sul tuo conto entro 5 minuti dal pagamento. Il pagamento, appunto, può essere effettuato in contanti o con un’altra carta di credito come se fosse un normale pagamento tramite POS.

Ti starai chiedendo se dovrai pagare una commissione di ricarica e se ci sono limiti? La risposta è sì. Questi variano in base al tuo piano HYPE. Il piano HYPE base prevede un costo di ricarica di 2,50€ e un minimo di 20€ per singola ricarica con importo massimo di 250€ per ricarica e 500€ al giorno; i piani HYPE PLUS e HYPE NEXT prevedono un costo di ricarica di 2€ e un minimo di 20€ per singola ricarica con importo massimo di 250€ per ricarica e 500€ al giorno; infine il piano HYPE PREMIUM prevede una costo di ricarica di 1,60€ e un minimo di 20€ per singola ricarica con importo massimo di 500€ per ricarica e 1.000€ al giorno. Maggiori info qui.

HYPE

Un’altra opzione molto semplice che puoi sfruttare la mette a disposizione direttamente HYPE tramite la sua applicazione disponibile per smartphone Android (disponibile anche su AppGallery di HUAWEI) e iOS.

Apri l’app sul tuo smartphone e tocca il pulsante + in alto a destra. Una volta nella schermata Ricariche, tra le soluzioni proposte in basso tocca In contanti, che rientra nella categoria Altre; scegli poi l’opzione In un punto SisalPay e nel campo di testo Importo da ricaricare immetti l’importo desiderato, che sarà l’importo che corrisponderai al tabaccaio con l’aggiunta della commissione, che varia in base al piano HYPE sottoscritto, ma che troverai indicato sotto l’importo scelto.

Hai sicuramente notato, che è presente il tasto Punti vendita abilitati per cercare il tabacchino più vicino al tuo indirizzo convenzionato con SisalPay|5. Toccando il tasto apposito sarai in grado di cercare il punto vendita esattamente nello stesso modo descritto precedentemente, infatti si aprirà proprio il sito ufficiale Mooney.

Prosegui con la richiesta di ricarica facendo tap, appunto, sul tasto Prosegui posizionato nel riquadro azzurro che si accenderà solo dopo aver inserito l’importo. Nella schermata successiva ti troverai davanti a un codice QR che dovrai mostrare direttamente al tabaccaio. Ti consiglio, quindi, di effettuare uno screenshot (come fare uno screenshot su Android, come fare uno screenshot su iPhone) della schermata, in modo tale che puoi recarti al punto vendita già pronto per ricaricare il tuo conto. Ricordati di portare comunque la carta HYPE (non si sa mai), il tuo documento di riconoscimento e il codice fiscale o la tessera sanitaria.

Altri sistemi per ricaricare HYPE

metodi ricarica hype

Se hai scelto di aprire il conto HYPE l’avrai sicuramente fatto anche per la sua versatilità. Ti ho descritto nello specifico come ricaricare HYPE al tabacchino ma i metodi per eseguire una ricarica sono molteplici, tutti di facile utilizzo e di assoluta comodità. Lasciami il piacere di parlartene di seguito.

Per prima cosa apri l’app di HYPE sul tuo smartphone e tocca l’icona del + in alto a destra, nella schermata Ricariche trovi i metodi diretti che puoi utilizzare per ricaricare, vediamoli insieme.

  • Con altra carta: potrai inserire i dati di pagamento di un’altra carta (numero, scadenza e CVV), selezionare l’importo e ricevere in pochi istanti denaro sul conto HYPE. I costi di ricarica con questa modalità sono 0,90€ con piano HYPE, e gratuiti con i piani NEXT e PREMIUM.
  • Con altro conto: riceverai denaro tramite un altro conto corrente, dovrai infatti immettere il codice IBAN del conto dal quale effettuerai la ricarica. Con questa modalità non ci sono costi di ricarica con nessun piano HYPE.
  • Con l’accredito dello stipendio: in questa sezione puoi trovare tutti i dati necessari che dovrai consegnare al tuo datore di lavoro per farti accreditare lo stipendio.
  • In contanti al supermercato: oltre a poter ricaricare HYPE in contanti al tabacchino, puoi farlo anche nei supermercati convenzionati. Il funzionamento è simile a quanto ti ho spiegato in come ricaricare HYPE al tabacchino, così come i costi di ricarica sono gli stessi, ovvero 2,50€, 2,00€ e 1,60€ rispettivamente per i conti HYPE, NEXT e PREMIUM
  • Ricezione di denaro da altro hyper: questo metodo non lo troverai elencato nella sezione Ricariche ma un altro tuo amico o parente con conto HYPE che ti abbia come contatto nella rubrica può inviarti istantaneamente denaro e senza nessun costo in nessun piano.
  • Ricarica mediante IBAN (ricezione bonifico sull’IBAN di HYPE): come sicuramente saprai, il tuo conto HYPE è fornito anche di IBAN; tramite questo puoi inviare o farti inviare un bonifico bancario su HYPE nei tempi previsti dai bonifici SEPA e gratuitamente. Inoltre, potrai ricevere anche un bonifico istantaneo dalle banche che supportano questa possibilità. Il costo per te ricevente è gratuito ma al mittente potrà essere applicata una commissione dalla sua banca.

Per maggiori informazioni sui diversi sistemi di ricarica e trovare dettagli più specifici, ti consiglio di visitare la mia guida su come ricaricare HYPE, dove sono sicuro che troverai tutte le risposte che cerchi relativo a questo argomento. Ti rimando inoltre anche al sito ufficiale HYPE per le varie informazioni generali.

Salvatore Aranzulla

Autore

Salvatore Aranzulla

Salvatore Aranzulla è il blogger e divulgatore informatico più letto in Italia. Noto per aver scoperto delle vulnerabilità nei siti di Google e Microsoft. Collabora con riviste di informatica e cura la rubrica tecnologica del quotidiano Il Messaggero. È il fondatore di Aranzulla.it, uno dei trenta siti più visitati d'Italia, nel quale risponde con semplicità a migliaia di dubbi di tipo informatico. Ha pubblicato per Mondadori e Mondadori Informatica.