Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Come rintracciare un pagamento Postepay

di

Ultimamente ti sei fatto prendere un po’ la mano e, approfittando dei saldi, hai effettuato acquisti a destra e a manca, senza badare troppo delle tue finanze. Dal momento che alcuni conti non ti tornano, però, temi che ci sia qualche problema a livello contabile sulla carta prepagata che hai usato per effettuare i tuoi acquisti, nella fattispecie una Postepay, e vorresti approfondire la cosa andando a controllare lo storico di tutti i movimenti. Tuttavia, non sai bene come procedere.

Se questa è la situazione in cui ti trovi, sappi che hai trovato la soluzione che cerchi. Nelle prossime righe, infatti, avrò modo di spiegarti, in maniera semplice e al tempo stesso dettagliata, come rintracciare un pagamento Postepay. Contrariamente a quanto tu possa pensare, riuscirci non è affatto complicato. E ti dirò di più: non dovrai nemmeno recarti per forza in ufficio postale, perché il saldo dei movimenti della Postepay è consultabile online, tramite il sito di Poste Italiane e l’app Postepay per smartphone, e addirittura telefonicamente.

Allora, si può sapere che ci fai ancora lì impalato? Forza e coraggio: mettiti bello comodo, prenditi tutto il tempo che ti occorre per concentrarti sulla lettura dei prossimi paragrafi e, cosa ancora più importante, cerca di attuare le “dritte” che ti darò. A me non resta altro da fare, se non augurarti buona lettura e farti un grosso in bocca al lupo per tutto!

Indice

Come rintracciare pagamento Postepay

Vediamo, quindi, come rintracciare un pagamento Postepay agendo dal sito Web di Poste Italiane, dall’app ufficiale di Postepay per smartphone e tablet, contattando il customer care telefonicamente o, in alternativa, richiedendo un estratto conto degli ultimi movimenti fatti sulla carta andando fisicamente in ufficio postale.

Nota: tieni conto del fatto che, solitamente, bisogna attendere uno o due giorni per veder comparire un pagamento nella lista degli ultimi movimenti effettuati.

Sito Poste Italiane

Come rintracciare un pagamento Postepay

Se ti interessa procedere dal sito di Poste Italiane, devi collegarti innanzitutto alla sua pagina principale, cliccare sulla voce Area personale situata in alto a destra, inserire le tue credenziali d’accesso nei campi Nome utente e Password e cliccare sul pulsante giallo Accedi.

Non sei ancora registrato al sito di Poste Italiane? Beh, allora rimedia sùbito! Per riuscirci, clicca sul pulsante Registrati situato sulla destra, sotto la voce Non hai un account?, e compila il modulo che compare a schermo fornendo tutte le informazioni che ti vengono richieste. Se dovessi avere problemi nel registrarti sul sito di Poste Italiane, la lettura della guida che ho dedicato all’argomento ti sarà sicuramente d’aiuto.

Dopo aver effettuato l’accesso alla tua area personale, fai clic sulla scheda MyPoste, situata in alto a sinistra (nel caso in cui non fosse già selezionata), scorri la pagina che ti viene mostrata, individua il link box Postepay e clicca sul pulsante giallo Accedi annesso a quest’ultimo. Fatto ciò, individua la Postepay di cui vuoi controllare i movimenti (qualora ne avessi più di una), avendo cura di fare clic sul bottone Accedi relativo al nome della PostePay in questione (es. Postepay Evolution N° **** xxxx).

Fatto ciò, fai clic sulla scheda Movimenti: ti ritroverai al cospetto della pagina che permette di visualizzare lo storico degli ultimi 40 movimenti che sono stati fatti utilizzando la Postepay di tuo interesse. Scorri, quindi, la pagina fino ad arrivare alla data in cui è stato effettuato il pagamento sul quale vuoi “indagare”: in corrispondenza della colonna Descrizione, tra le colonne Data valuta e Importo, dovresti visualizzare delle informazioni utili per capire a favore di chi è stato effettuato il pagamento (es. un negozio online, un negozio fisico nel quale hai pagato con la Postepay, etc.).

Se hai rilevato dei movimenti sospetti e, dunque, temi che la tua carta possa essere stata utilizzata senza permesso, ti consiglio di bloccarla seguendo le indicazioni che ti ho dato nel mio tutorial su come bloccare una Postepay.

App Postepay

Come rintracciare un pagamento Postepay

Preferisci agire da smartphone o tablet? Nessun problema: grazie all’app Postepay, puoi controllare facilmente la lista dei movimenti che sono stati fatti di recente con la tua carta prepagata.

Per procedere, dunque, scarica, installa e avvia l’app Postepay sul tuo dispositivo Android o iOS/iPadOS, compila i campi di testo Nome utente e Password con le tue credenziali d’accesso (sono le medesime che usi sul sito Poste.it) e fai tap sul pulsante giallo Accedi, posto al centro della schermata, per effettuare l’accesso al tuo account.

Nel caso in cui tu non abbia ancora creato un account Poste Italiane, fai tap sul pulsante Registrati, in fondo alla schermata, e segui la procedura guidata che ti viene proposta, in modo da completare la registrazione. Qualora dovessi avere difficoltà a portare a termine la procedura, consulta pure la guida in cui spiego nel dettaglio come registrarsi su Poste Italiane da smartphone e tablet.

Ad accesso eseguito, fai tap sulla carta di tuo interesse e, nella nuova schermata apertasi, potrai vedere la lista degli ultimi movimenti che sono stati fatti mediante essa. Una volta individuato quello di tuo interesse, pigiaci sopra. Nella schermata che si apre, avrai modo di leggere la descrizione completa del movimento in uscita che hai selezionato poc’anzi e vedere se si tratta di un acquisto online, di un prelievo presso un ATM, di un pagamento effettuato tramite POS, e così via.

Se hai rilevato dei movimenti sospetti e temi che la tua carta possa essere stata utilizzata senza permesso, richiedine il blocco.

Assistenza telefonica

Come rintracciare un pagamento Postepay

Un’altra possibilità è quello di ricorrere all’assistenza telefonica. Devi sapere, infatti, che Poste Italiane ha adibito un apposito numero tramite il quale è possibile sapere gli ultimi movimenti relativi alla propria carta. Ti suggerisco di contattarlo direttamente dal cellulare associato alla tua Postepay, così da evitare inutili lungaggini.

Provvedi, dunque, a chiamare il numero 800 003 322 (che è gratuito e attivo dal lunedì al sabato, esclusi i festivi, dalle 08:00 alle 20:00) e ascolta le indicazioni della voce guida. Nel momento in cui scrivo, per conoscere i movimenti della carta, dopo aver avviato la chiamata devi premere il tasto 1, rimanere in attesa, premere di nuovo il tasto 1 e, quindi, rispondere alla domanda che ti viene fatta (la combinazione di tasti potrebbe cambiare, quindi scolta sempre con attenzione le indicazioni della voce guida).

Successivamente, rivolgi all’assistente digitale di Poste Italiane la domanda “Dimmi la lista movimenti Postepay” e, se necessario, rispondi alle richieste che ti farà (es. “Dimmi le ultime 4 cifre della tua Postepay”).

Qualora l’assistente digitale dovesse avere difficoltà a capirti, fatti passare un consulente umano pronunciando la frase “Passami un consulente umano”, avendo cura di seguire le indicazioni che ti vengono date a voce. Non appena avrai modo di parlare con un addetto del Servizio Clienti di Poste Italiane, chiedigli la lista dei movimenti ed eventuali delucidazioni su questi ultimi.

Anche in questo caso, se riscontri movimenti non autorizzati o comunque sospetti, non esitare a bloccare la Postepay.

Ufficio postale

Disattivare Postepay in Ufficio postale

Non sei un tipo molto “tecnologico” e, dunque, preferisci recarti nel menu ufficio postale per vedere la lista degli ultimi movimenti fatti con la tua Postepay? Come preferisci.

Ti ricordo, però, che puoi prenotare il ticket direttamente per accedere senza code all’ufficio postale di tuo interesse direttamente dall’app Ufficio Postale per terminale Android e iOS/iPadOS. Il suo funzionamento è molto semplice: una volta scaricata, scorri le schede che illustrano le caratteristiche dell’applicativo, fai tap sul pulsante Scegli il tuo ufficio postale e concedile tutti i permessi necessari per funzionare correttamente.

Successivamente, seleziona dalla schermata apertasi il tuo ufficio postale preferito, premi sul bottone Inizia, che si trova in basso, e fai tap sul segnaposto giallo con la scritta PT in sovrimpressione, corrispondente all’ufficio postale nel quale intendi recarti.

Dopodiché premi sul pulsante Prenota ticket, fai tap sul bottone Prenota turno, accedi con il tuo account Poste.it del ticket, seleziona la tipologia di biglietto che hai intenzione di prenotare (es. Pagamenti e prelievi) e seleziona la fascia oraria che più ti aggrada, in base a quelle disponibili.

Come rintracciare un pagamento Postepay

Una volta arrivato nell’ufficio postale selezionato, scansiona il QR Code del ticket elettronico che hai prenotato avvicinando il display del tuo device al lettore QR installato sul totem giallo presente all’ingresso (o, nel caso in cui tu non abbia optato per la prenotazione telefonica, seleziona il ticket cartaceo che vuoi ricevere).

Non appena sarà il tuo turno, recati allo sportello e chiedi al consulente che ti assisterà di fornirti la lista dei movimenti presenti sulla tua Postepay. Considera che nel fare ciò potrebbe esserti richiesto di presentare un documento di identità valido.

Lista movimenti cartacea Postepay

Una volta che avrai finalmente ottenuto il documento che comprende la lista degli ultimi movimenti che sono stati fatti sulla tua Postepay, individua nella colonna Data Val. la data corrispondente al movimento in uscita di cui vuoi saperne di più.

In corrispondenza della voce in questione, individua nella colonna Descrizione, situata sulla destra del foglio, la causale del movimento in uscita che è stato effettuato e verifica di cosa si tratta: pagamento online, prelievo su ATM, pagamento su POS esercente e così via.

In caso di movimenti sospetti, chiedi all’addetto maggiori informazioni e, se necessario, fai bloccare la carta.

Salvatore Aranzulla

Autore

Salvatore Aranzulla

Salvatore Aranzulla è il blogger e divulgatore informatico più letto in Italia. Noto per aver scoperto delle vulnerabilità nei siti di Google e Microsoft. Collabora con riviste di informatica e cura la rubrica tecnologica del quotidiano Il Messaggero. È il fondatore di Aranzulla.it, uno dei trenta siti più visitati d'Italia, nel quale risponde con semplicità a migliaia di dubbi di tipo informatico. Ha pubblicato per Mondadori e Mondadori Informatica.