Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

QR code: come funziona

di

Stavi tranquillamente navigando su Internet quando ti sei imbattuto in un QR code: un’immagine, apparentemente senza senso, composta da quadrati neri e spazi bianchi, che si dovrebbe inquadrare con la fotocamera dello smartphone. Mi sembra evidente che tu non sappia di cosa si tratta e ora vorresti qualche informazione in più al riguardo. Ho indovinato? Perfetto, allora sappi che sei capitato nel posto giusto al momento giusto!

Nelle righe che seguono, infatti, ti spiegherò tutto ciò che devi sapere sul misterioso QR code e ti spiegherò come sfruttare al meglio questo strumento. Tanto per cominciare, ti spiegherò cosa è un QR code e il motivo per cui è stato creato, dopodiché passerò al clou di questa guida e ti mostrerò nel dettaglio come funziona, come crearne uno e come sfruttarlo per le tue necessità. Anche se ora ti sembra inutile, seguendo le mie spiegazioni e i miei consigli ti renderai conto di quanto questa piccola immagine possa rendere semplici cose altrimenti lunghe, e farti risparmiare davvero molto tempo.

Ho acceso la tua curiosità e ora più che mai vuoi assolutamente entrare nel mondo dei QR code? Perfetto, allora non ti resta altro da fare che metterti comodo, prenderti un po’ di tempo e continuare a leggere la mia guida su come funziona un QR code. Non aver paura, non ci sarà bisogno di conoscenze informatiche avanzate per sfruttare questo strumento: abbi solo un pizzico di pazienza e tutto ti sembrerà improvvisamente più chiaro.

Indice

Cos’è un QR code

Chiariamoci subito. Prima di poter usare correttamente un QR code, devi comprendere fino in fondo che cosa è e il motivo per cui è stato creato. Non preoccuparti, sono qui proprio per questo! Tanto per cominciare, il QR code (che puoi trovare anche nella forma italiana codice QR) è uno speciale codice che contiene del testo. Nella pratica, è un quadrato composto da quadratini bianchi e neri disposti in modo differente, a seconda delle informazioni che contiene.

Il suo nome, che come avrai capito deriva dalla lingua inglese, è la contrazione della frase Quick Response Code, che si può tradurre in italiano come “Codice a risposta veloce”. Ti sembra strano? Non lo è affatto! Il QR code è stato pensato per essere velocemente letto ed interpretato tramite la fotocamera di un telefono cellulare (prima), di uno smartphone o di un tablet (poi), e di contenere al suo interno più informazioni di un codice a barre. Questo perché, come ti spiegherò nei paragrafi successivi, il QR code non si limita a contenere una sequenza di numeri e lettere continui (come invece succede con il codice a barre), ma delle vere e proprie sequenze di informazioni a volte anche complesse.

Giusto per darti qualche data, il primo QR code risale al 1994 ed è stato usato per identificare i pezzi delle automobili provenienti da un noto produttore giapponese. Successivamente, a partire dagli anni 2000, in questo piccolo “quadrato fatto di quadratini” sono state memorizzate informazioni sempre più complesse.

A cosa serve un QR code

QR code: a cosa serve

Se hai letto attentamente quanto ho scritto sopra, avrai già capito lo scopo per cui sono stati creati i QR code. No? Poco male, ci penso io a spiegartelo. Esattamente come i comuni codici a barre, i QR code contengono delle informazioni di testo che possono essere “decifrate” inquadrando il codice con la fotocamera di uno smartphone, di un tablet, o di un PC, o ancora caricando l’immagine su un sito Web realizzato in maniera apposita.

In questo modo, per avere o salvare le informazioni disponibili, ti basta scaricare una specifica app o consultare un particolare sito (te ne parlerò nel dettaglio più avanti in questa guida), puntare la fotocamera verso il QR code e attendere qualche secondo. L’immagine sarà decifrata e il testo contenuto al suo interno comparirà sul tuo dispositivo.

So che ti stai chiedendo a cosa possa servirti tutto questo e voglio farti un esempio che possa chiarirti le idee. Immagina di avere un bigliettino da visita con il nome, il cognome, il numero telefonico, il sito Web e altre informazioni su chi te lo ha dato. Se volessi salvare tutto sul tuo cellulare, quanto impiegheresti a copiarlo? Sicuramente molto! Se su quel bigliettino c’è un QR code, invece, puoi semplicemente inquadrarlo con la fotocamera e potrai salvare nel tuo smartphone tutte le informazioni del contatto, in pochi secondi e con un solo tap. Proprio per questo motivo, tanti programmi e siti per creare biglietti da visita ti permettono di aggiungere un QR code alle tue informazioni.

Come funziona un QR code

Ora che ti è chiaro cosa è e a cosa serve un QR code, è giunto il momento di spiegarti nel dettaglio come funziona. Non preoccuparti, non è affatto difficile. Se sei arrivato fin qui, hai tutte le informazioni necessarie per capire quanto leggerai da questo momento. Come ti ho spiegato poco fa, un QR code memorizza delle informazioni di testo che possono essere interpretate in modo diverso, a seconda del formato che è stato specificato in fase di creazione.

Ti faccio un esempio per farti comprendere ancora meglio: puntando la tua fotocamera su un QR code che contiene l’indirizzo di un sito Web, avrai modo di visitarlo facendo tap su “Apri nel browser” o voci molto simili. Ancora, se punti la fotocamera su un QR code che contiene una vCard (cioè un contatto della rubrica), potrai salvare quel contatto semplicemente sfiorando la voce “Salva“. In tal modo, con un solo gesto avrai memorizzato tutte le informazioni del contatto senza doverle scrivere a mano.

Quelle di cui ti ho parlato sono le situazioni in cui i QR code vengono usati più spesso, ma puoi trovarli anche in tanti altri contesti. Ad esempio, per usare WhatsApp Web dovrai puntare la fotocamera del tuo smartphone o tablet sul QR code visualizzato sul sito. Ancora, su alcuni smartphone puoi condividere la password del Wi-Fi con i tuoi amici semplicemente facendo loro inquadrare il QR code generato. Ma la ciliegina sulla torta è la loro presenza sulle schermate blu di Windows 10: sai che, se inquadri un QR code di un BSOD di Windows 10, potrai visitare la pagina sull’errore verificato direttamente dal browser del tuo dispositivo? A questo punto sono certo che avrai capito quanto i QR code possono essere utili e veloci da usare.

Usare un QR code

Finalmente hai capito come funziona un QR code. Scommetto che a questo punto ti starai chiedendo come usarlo per memorizzare i dati nel tuo dispositivo. Niente di più semplice! Come ti ho spiegato all’inizio di questa guida, i QR code sono stati inventati per essere letti e decifrati dalle fotocamere di telefoni cellulari, smartphone e tablet. Quindi tutto ciò che dovrai fare sarà inquadrare il QR code con la tua fotocamera usando l’app giusta (o la funzione di default inclusa nell’app Fotocamera del tuo smartphone)!

Alcune app per smartphone e tablet, se necessario, hanno una sezione dedicata alla lettura dei QR code per sfruttare alcune funzioni. Ad esempio, per associare WhatsApp del tuo smartphone al tuo PC c’è bisogno di leggere un QR code direttamente dall’app. Te l’ho spiegato in dettaglio nel mio tutorial su come usare WhatsApp su PC.

Come dici? Vuoi imparare a usare i QR code anche per memorizzare i dati che trovi sui biglietti da visita, sui prodotti, nei siti web e in tanti altri posti? Non preoccuparti, avrai bisogno soltanto di una fotocamera, di un’app o di un sito web. Ti insegnerò a usare i codici QR sia tramite smartphone e tablet che tramite un PC con fotocamera o un’immagine. Segui attentamente i miei consigli e vedrai che usare un QR code ti verrà quasi naturale!

Da smartphone e tablet

Se vuoi usare il tuo smartphone o il tuo tablet, la prima cosa da fare è scaricare un’app che possa leggere i dati nascosti nel QR code. Mi permetto di consigliarti QR Reader di Tapmedia, che è disponibile sia per Android che per iPhone e iPad. Se utilizzi un dispositivo Apple equipaggiato con iOS 11 o successivi, però, ti suggerisco di usare l’app Fotocamera predefinita del sistema, che è in grado di leggere perfettamente i QR code. Non ci credi? Allora apri la Fotocamera del tuo iPhone o del tuo iPad e inquadra un QR code: entro pochi secondi, vedrai comparire una notifica, nella parte alta dello schermo, con il contenuto del codice.

Come funziona QR code

Se hai un terminale Android o desideri funzioni più avanzate rispetto a quelle offerte dalla app Fotocamera di iOS (ad esempio la cronologia dei codici scansionati), rivolgiti all’applicazione che ti ho consigliato prima. Apri quindi lo store del tuo dispositivo, cerca QR Reader di Tapmedia all’interno di quest’ultimo e avviane il download pigiando sui pulsanti Ottieni/InstallaInstalla/Accetto.

Una volta completata l’installazione di QR Reader, apri l’applicazione sfiorando la sua icona e, se necessario, pigia sul pulsante Consenti per approvare l’accesso alla fotocamera. L’app ti mostrerà i contorni di un quadrato con una barra rossa che va su e giù. Questo significa che è pronta per la scansione. Ciò che ora devi fare è inquadrare il QR code che ti interessa, avendo cura di farlo combaciare con l’interno del quadrato presente sullo schermo.

QR code come si usa

Quando la lettura viene completata, l’app emette un bip e mostra l’anteprima del risultato. Ciò che devi fare è sfiorare questa anteprima per visualizzare le opzioni disponibili. Se per esempio hai letto un QR code contenente l’indirizzo di un sito, potrai visitarlo. Se invece hai letto un codice contenete un contatto, l’app tic mostrerà le opzioni per salvarlo nella tua rubrica. Ciascun risultato viene salvato in una specie di cronologia, alla quale puoi accedere ogni volta che vuoi sfiorando il pulsante Menu.

Per eliminare un risultato, premi per qualche secondo su di esso e poi seleziona la voce Delete. Per condividerlo ti basta semplicemente fare tap sul tasto con le due frecce che trovi in alto a destra.

Da PC

Hai un PC con una webcam oppure devi leggere un QR code presente su un’immagine scaricata? Perfetto, ho la soluzione che fa per te. Il consiglio che posso darti è quello di usare il sito Web QR. Collegati alla sua pagina princilae e, se necessario, pigia sul pulsante Consenti per consentire al sito di usare la webcam.

Se devi leggere un QR code che hai ad esempio su un foglio, devi semplicemente avvicinare il foglio alla webcam in modo da inquadrarlo correttamente. Attendi qualche secondo per la lettura dei dati, che puoi trovare nella casella in basso.

Devi leggere un QR code contenuto in un’immagine salvata sul tuo PC? Non c’è problema. Sempre dal sito Web QR, clicca sull’icona a forma di macchina fotografica che trovi a destra. Clicca poi sul pulsante  Scegli File e seleziona l’immagine su cui è salvata l’immagine con il QR code. Subito dopo vedrai comparire, sempre nella casella in basso, i dati memorizzati.

Creare un QR code

Ora che hai tutte le informazioni necessarie su questi codici multiuso, è arrivato il momento di mettere le mani sul PC – o impugnare il tuo dispositivo – per capire come creare un QR code. Il modo più pratico e completo, a mio modesto parere, è quello di usare il computer e il sito Unitag QR code Generator. Ma non preoccuparti: se non ne hai voglia o preferisci usare il tuo smartphone o tablet, ti parlerò anche di alcune app che ti permettono di creare codici in pochissimo tempo. Sono sicuro che, seguendo i miei consigli, imparerai a creare un QR code in men che non si dica.

Da PC

Come ti spiegavo poco fa, Unitag QR code Generator è un sito Web che ti permette di generare tantissimi tipi di codice QR. Anche se è in inglese, è molto semplice da usare e ha un’interfaccia molto intuitiva, che non avrai problemi a comprendere anche se te ne intendi poco di computer. La prima cosa che devi fare è collegarti alla pagina principale del sito e usare i pulsanti che trovi in essa.

Grazie ai pulsanti collocati nella casella QR code Type, è possibile decidere il tipo di informazioni da memorizzare nel codice generato. Per esempio, per creare un QR code che contiene un sito Web, devi cliccare sulla scheda Web & Social Networks e inserire nell’apposita casella l’indirizzo del sito. Ancora, per creare un biglietto da visita devi pigiare sulla scheda Other Types e poi sul pulsante Business Card. Immetti quindi le informazioni richieste nelle caselline che compaiono sullo schermo e il gioco è fatto. Usando tutti gli altri pulsanti disponibili, puoi creare diversi tipi di QR code: testo semplice (Text), numero di telefono (Phone), indirizzo di posta (Send an Email), contatto SMS (Send an SMS), posizione su mappa (Geolocation), calcolo numerico (Calculator) e infine password del Wi-Fi (Wireless Network).

Sotto il quadrato Customisation, invece, sono presenti delle opzioni per personalizzare il QR code. Tieni presente che un QR code troppo personalizzato può non essere letto bene da tutte le fotocamere. In ogni caso, la scelta di farlo o meno resta a te e ti spiego comunque come procedere. Clicca sul link Templates per usare uno dei modelli predefiniti e scegli quello che preferisci. Puoi personalizzare ancora di più il tuo codice QR pigiando sulle voci Colors (per i colori), Look (per l’aspetto), Logo (per il piccolo logo da inserire in mezzo), Eyes (per la forma dei quadrati) e infine Options, per accedere ad alcune opzioni aggiuntive.

Man mano che personalizzerai il tuo QR code, ne vedrai un’anteprima in alto: quando sarai soddisfatto del lavoro ottenuto, clicca sul pulsante Download the QR code per scaricare l’immagine sul tuo computer, smartphone o tablet e usarla dove lo ritieni più opportuno.

Come dici? Questo sito non ti soddisfa appieno e vorresti qualcosa di più semplice o più immediato? Non preoccuparti: puoi usare siti come uQR.me, Visualseed o QR Stuff, di cui ti ho parlato dettagliatamente nel mio tutorial su come generare un QR code.

Da smartphone e tablet

Davvero non vuoi usare il computer ma il tuo smartphone o tablet per creare un codice QR? Poco male, anche in questo caso ho la soluzione che fa per te. Mi permetto di suggerirti l’app QR Reader, che è disponibile sia per Android che per iPhone/iPad ed è estremamente intuitiva. Come lascia intuire abbastanza facilmente il suo nome, è stata realizzata principalmente per leggere i QR code, ma permette anche di crearli.

Dopo aver scaricato QR Reader sul tuo device, avvia quindi la app, salta la sua presentazione iniziale e pigia sul pulsante Menu che si trova in alto a destra (su iOS è una freccia che va verso il basso). Seleziona quindi la scheda Creator (su iOS è l’icona con i tre quadratini che si trova in basso a destra) e pigia sul pulsante + per avviare la creazione di un nuovo codice QR.

Come funziona QR code

Nella schermata che si apre, scegli la tipologia di QR code da creare: Website per l’indirizzo di un sito, Phone number per un numero di telefono, Contact per un contatto e così via, compila il modulo che ti viene proposto con tutte le informazioni che devono essere contenute nel QR e pigia sul pulsante Create per ottenere il tuo codice da condividere con amici, colleghi e clienti.

Hai visto? Usare e creare un QR code non è poi così difficile. Di certo non c’è bisogno di essere un genio informatico per riuscirci! Bastano soltanto un po’ di pazienza e i consigli giusti per riuscire a sfruttare come si deve questa piccola immagine a quadratini.

Ora che ti ho insegnato come funziona, come si legge e come si creano i QR code, hai tutte le conoscenze necessarie per aggiungerli alla lista degli strumenti che puoi sfruttare tutti i giorni. Lascia che ti dia qualche consiglio utile: come già detto puoi usare un QR code per i tuoi biglietti da visita, per scambiare indirizzi di siti tra il tuo computer e il tuo smartphone, per passare velocemente un contatto a un tuo amico, per condividere la password del Wi-Fi con i tuoi amici e per fare molto altro ancora: usa la fantasia e, se ne hai bisogno, torna a trovarmi su questo tutorial ogni volta che vuoi.