Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Programmi per architetti

di

Stai per iniziare degli studi in architettura, vorresti iniziare a prendere dimestichezza con alcuni programmi per architetti da usare sul tuo computer ma non sai a quali di questi software rivolgerti? Se hai risposto in modo affermativo, sappi che ti trovi proprio nel posto giusto al momento giusto!

Nei prossimi paragrafi di questo tutorial, infatti, avrò modo di parlarti di alcuni software pensati proprio per chi è appassionato di architettura e, più nello specifico, per chi esercita la professione di architetto o, come nel tuo caso, per chi sta per intraprendere questo percorso. Non mi limiterò semplicemente a elencarti quelle che sono le migliori soluzioni disponibili, ma ti illustrerò anche il loro funzionamento generale.

Se sei pronto per iniziare, mettiti bello comodo, prenditi tutto il tempo di cui necessiti per concentrarti sulla lettura dei prossimi paragrafi e, cosa ancora più importante, cerca di adoperare i programmi elencati di seguito seguendo le mie indicazioni. Se lo farai, non avrai il benché minimo problema nell’utilizzarli. Ti auguro buona lettura e ti faccio un grosso in bocca al lupo per tutto!

Indice

Programmi per architetti gratis

Entriamo subito nel vivo della guida analizzando alcuni programmi per architetti gratis. Le soluzioni di cui sto per parlarti sono tutte gratuite nelle loro versioni base, ma mentre alcune sono free al 100%, altre consentono l’accesso a funzioni extra solo a pagamento.

SweetHome 3D (Windows/macOS/Online)

SweetHome 3D

Il primo programma di cui voglio parlarti è Sweet Home 3D. Si tratta di una soluzione che consente di realizzare progetti 2D e 3D in modo piuttosto semplice e intuitivo, grazie alla sua interfaccia user friendly. È disponibile al download gratuito su Windows, macOS e Linux (ma ti segnalo che per quanto riguarda macOS, volendo, è possibile acquistare l’applicazione dal Mac App Store, che costa costo 14,99 euro e include elementi extra da inserire nei propri progetti).

Per scaricare gratuitamente SweetHome 3D, recati sul sito Web del programma e fai clic prima sul link Scarica Sweet Home 3D e poi sul pulsante verde Download presente nella pagina apertasi.

A scaricamento completato, se stai agendo da un PC Windows, apri il file in formato .exe che hai ottenuto e clicca sui pulsanti OK e Avanti. Successivamente, seleziona la voce Accetto i termini del contratto di licenza, clicca per altre quattro volte consecutive sul pulsante Avanti e porta a termine il setup, facendo clic sui pulsanti Installa e Fine.

Su Mac, invece, apri il pacchetto.dmg che hai scaricato e trascina l’icona di SweetHome 3D nella cartella Applicazioni di macOS. Recati, poi, in quest’ultima, fai clic destro sull’icona di Sweet Home 3D e seleziona la voce Apri per due volte consecutive (operazione necessaria soltanto al primo avvio del software, che serve a “bypassare” le restrizioni imposte da Apple verso i programmi provenienti da fonti non certificate).

Ora puoi finalmente iniziare a prendere familiarità con il programma. Nella parte superiore della finestra, trovi i pulsanti che permettono di aggiungere pareti, testi, rimuovere elementi aggiunti nel progetto e così via. Per sapere il significato esatto di ciascun pulsante (visto che ce ne sono diversi), fai stazionare per qualche istante il puntatore del mouse su di essi.

Facendo clic su una delle voci presenti nel menu posizionato sulla sinistra, puoi scegliere i vari elementi da inserire nel progetto, ordinati in categorie ben specifiche (Bagno, Luci, Porte e finestre, etc.). Per aggiungere un elemento nel progetto, basta trascinarlo nell’area di lavoro e ridimensionarlo tramite gli appositi cursori presenti lungo il suo perimetro.

Nella parte inferiore della finestra, invece, puoi trovare l’elenco completo degli elementi inseriti nel progetto (sulla sinistra) e il progetto in 3D (sulla parte destra), a cui puoi cambiare la visuale servendoti delle apposite freccette.

A lavoro ultimato, ricordati di salvare il progetto: per farlo, clicca sul pulsante Salva Home situato in alto a sinistra e seleziona nome, formato e posizione in cui salvare il file.

SketchUp (Windows/macOS/Online)

SketchUp

Un’altra soluzione che ti consiglio di provare è SketchUp. Si tratta di un programma di progettazione avanzato, usato da molti professionisti del settore e disponibile anche come servizio online gratuito. Supporta numerosi formati, offre varie opzioni per importare ed esportare progetti e, cosa che può tornare utile ai neofiti dell’architettura, include un database con modelli 3D realizzati da altri utenti, che risultano utili per prendere spunto e ottenere qualche idea in più sui progetti da realizzare.

Prima di illustrarti per sommi capi il suo funzionamento, è mio dovere dirti che, nel momento in cui scrivo, soltanto la versione online di SketchUp è gratuita. Se vuoi accedere al “pacchetto completo”, devi sottoscrivere uno dei piani d’abbonamento tra quelli disponibili, a partire da 119 dollari/anno, che offrono la possibilità di accedere a tutte le funzioni (molte delle quali sono disponibili solo nel client desktop, incluso nell’abbonamento da 299 dollari/anno).

Per avvalerti della versione gratuita di SketchUp, che come ti ho già detto è utilizzabile soltanto online tramite il browser, recati su questa pagina e clicca sul pulsante Sign Up situato in corrispondenza del box SketchUp Free. Nella pagina che si apre, fornisci il tuo indirizzo e-mail, nell’apposito campo testuale, clicca sul pulsante Next, compila il modulo visualizzato a schermo specificando il tuo nome (First Name), cognome (Last Name) e password (Password), apponi il segno di spunta sulla casella I’m not a robot, per superare la verifica di sicurezza, e poi clicca sul bottone Create new account. In alternativa, puoi cliccare sul bottone Sign in with Google (presente nella pagina di registrazione di SketchUp) e loggarti direttamente con il tuo account Google.

A registrazione avvenuta, dovresti trovarti al cospetto della pagina di benvenuto di SketchUp che, come puoi notare, è strutturata nel seguente modo: in alto si trovano i menu a tendina Create New e Open che, rispettivamente, permettono di creare e importare progetti. Se hai deciso di crearne uno nuovo, apri il primo menu e seleziona una delle opzioni disponibili (es. Simple-Template – Millimeters), altrimenti se vuoi importare uno dal computer, apri il secondo menu e poi seleziona la voce My computer.

Fatto ciò, ti ritroverai al cospetto dell’area di lavoro di SketchUp. Nella parte centrale dello schermo è ben visibile il progetto al quale stai lavorando. Sulla toolbar posta a sinistra, invece, trovi le icone dei vari strumenti disponibili: la lente d’ingrandimento, che permette di cercare rapidamente funzioni e strumenti; la freccia, che permette di selezionare elementi presenti nel foglio di lavoro; la gomma, che consente di cancellare elementi aggiunti al progetto; la croce, che permette di spostare gli elementi aggiunti nell’area di lavoro; la matita, che consente di disegnare sul foglio di lavoro, e così via.

Quando hai terminato le modiche al tuo progetto, ricordati di cliccare sul pulsante Save posto in alto a sinistra, così da salvare il lavoro fatto. Nella pagina che si apre, poi, seleziona la cartella in cui salvare il progetto e, dopo avergli assegnato un nome, clicca sul pulsante Save here.

Se vuoi approfondire il funzionamento di SketchUp, soprattutto perché sei interessato alla versione a pagamento del servizio, ti rimando alla lettura dell’approfondimento in cui spiego con maggior dovizia di particolari come usare SketchUp. Spero possa tornarti utile.

Programmi per architetti d’interni

Sei alla ricerca di programmi per architetti d’interni? In linea di massima, le soluzioni che ti ho elencato nelle righe precedenti dovrebbero esserti utili anche a questo scopo, ma consentimi ugualmente di parlarti di altri programmi per architetti 3D che possono tornarti utili.

AutoCAD (Windows/macOS)

AutoCAD

Quando si parla di software per architetti, non si può non fare menzione di AutoCAD. Si tratta del software di disegno tecnico per eccellenza, sviluppato dalla software house Autodesk. È utilizzato e apprezzato da architetti, ingegneri e altri professionisti del settore in tutto il mondo. Trattandosi di un software pensato prettamente per un uso di tipo professionale, non è gratuito: l’abbonamento parte da 2.245 euro/anno, ma è possibile usufruire della versione di prova gratuita, utilizzabile per un periodo di 30 giorni.

Per avvalerti della trial del programma, devi innanzitutto creare un account Autodesk. Per riuscirci, recati su questa pagina e compila il modulo di registrazione indicando il tuo nome, cognome, e-mail (per due volte) e password. Dopodiché accetta le condizioni d’uso del servizio e clicca sul pulsante Crea Account per proseguire. Nella nuova pagina apertasi, clicca sl pulsante Chiudi e, infine, clicca sul link che hai ricevuto alla casella di posta con la quale ti sei registrato, così da verificare l’account.

Ora, puoi scaricare la trial di AutoCAD. Recati dunque su quest’altra pagina Web e clicca sul pulsante rosso Scarica la versione di prova gratuita. Adesso, apponi il segno di spunta sulla casella AutoCAD (se vuoi scaricare la versione per Windows) o apponi la spunta sulla casella AutoCAD for Mac (per scaricare la versione per macOS, che non ha l’interfaccia in italiano) e poi clicca sul pulsante Avanti per due volte di seguito.

Rispondi, poi, alle domande che ti vengono poste specificando, tramite gli appositi menu a tendina, chi utilizzerà la versione di prova, la lingua preferita e così via, seguendo le istruzioni visualizzate a schermo e cliccando sui pulsanti  AvantiNext. Per avviare il download dell’installer di AutoCAD, poi, premi sul pulsante Inizia il download.

Una volta completato il download, apri il pacchetto d’installazione di AutoCAD e segui le semplici istruzioni a schermo per installare il programma. Se usi Windows, clicca quindi sul pulsante e poi sul bottone Installazione. Nella finestra che si apre, apponi la spunta sulla voce Accetto, poi clicca sui pulsanti Avanti e Installa e attendi che la procedura d’installazione venga ultimata. Infine, clicca sul pulsante Avvia ora.

Su Mac, apri il pacchetto .dmg che hai ottenuto, fai doppio clic sull’icona Install AutoCAD [anno] for Mac, premi sul pulsante Apri, inserisci la password di amministratore del computer nell’apposito campo testuale e clicca sul pulsante OK. Ora, apponi il segno di spunta sulla casella I agree to the Terms of Use, clicca sul pulsante Next per due volte di seguito e attendi che la procedura venga completata. Al termine dell’operazione, premi sul bottone Start.

Dopo aver installato e avviato AutoCAD, chiudi eventuali finestre che pubblicizzano la versione a pagamento del programma e/o finestre di benvenuto varie che potrebbero comparire a schermo e acconsenti a utilizzare la trial di 30 giorni. Dopodiché accedi al tuo account Autodesk (se il login non avviene in automatico).

Come puoi notare, l’interfaccia di AutoCAD è alquanto articolata. Può esserti di aiuto, comunque, individuare le sue varie sezioni, così da iniziare a prendervi un po’ di dimestichezza. Sulla sinistra sono presenti tutti i tool di disegno e modellazione 3D; sulla destra è presente il pannello che permette di gestire i livelli; nella parte superiore della finestra si trova una barra degli strumenti che permette di accedere ad alcune funzioni di salvataggio ed esportazione dei progetti al quale si sta lavorando, mentre la parte centrale dell’interfaccia è occupata dall’area di lavoro vera e propria, sulla quale bisogna agire per disegnare gli elementi che compongono il proprio progetto.

Vista la complessità d’uso del programma, ti consiglio di studiarti per bene il suo funzionamento, facendo riferimento alla guida ufficiale di AutoCAD, reperibile sul sito di Autodesk.

Altri programmi per architetti d’interni

Room Aaranger

Adesso passiamo ad altri programmi per architetti d’interni che faresti bene a prendere in considerazione. Si tratta di alternative che ben si affiancano a quella che ti ho appena menzionato.

  • Room Aranger (Windows/macOS/Linux) — programma per progettare case e arredare interni in 3D grazie all’utilizzo di numerosi tool ed elementi grafici da inserire nei propri progetti. È disponibile al download per Windows, macOS e Linux: costa 19,95 dollari, ma è possibile testarne le funzionalità per 30 giorni.
  • pCon.planner (Windows) — programma dedicato al disegno di interni in 3D, caratterizzato da un’interfaccia semplice e intuitiva, interamente tradotta in italiano. Di base è gratis, ma è possibile acquistare la versione Pro pensata per un uso professionale, nella quale sono forniti strumenti aggiuntivi rispetto alla versione “base”.
  • Autodesk HomeStyler (Online) — è un’applicazione Web utilizzabile direttamente nel browser sviluppata da Autodesk, la società che ha prodotto AutoCAD (di cui ti parlerò più avanti), che permette di creare progetti in modo semplice e veloce. È rivolta prettamente a chi non ha molte pretese (quindi a chi non è un professionista dell’interior design).
Salvatore Aranzulla

Autore

Salvatore Aranzulla

Salvatore Aranzulla è il blogger e divulgatore informatico più letto in Italia. Noto per aver scoperto delle vulnerabilità nei siti di Google e Microsoft. Collabora con riviste di informatica e cura la rubrica tecnologica del quotidiano Il Messaggero. È il fondatore di Aranzulla.it, uno dei trenta siti più visitati d'Italia, nel quale risponde con semplicità a migliaia di dubbi di tipo informatico. Ha pubblicato per Mondadori e Mondadori Informatica.