Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero
Salvatore Aranzulla Day
Evento di formazione SEO con Salvatore Aranzulla. Scopri il programma

Come configurare Kodi

di

Dopo aver sentito tanto parlare di Kodi, il programma che permette di “trasformare” computer, smartphone, tablet e TV Box in dei veri e propri centri multimediali, hai deciso di installarlo e di verificare in prima persona le sue potenzialità. La tua scelta si è rivelata davvero azzeccata, difatti Kodi vanta un margine d’impiego a dir poco sconfinato e le sue funzioni per gestire, organizzare e riprodurre contenuti multimediali ti hanno lasciato a bocca aperta. Ora però è arrivato il momento di fare sul serio!

Dopo aver portato a termine l’installazione del software sul tuo dispositivo preferito, seguendo le mie indicazioni al riguardo, ti stai giustamente chiedendo come configurare Kodi al meglio e quindi sei finito nuovamente qui. Beh, sono felice di comunicarti che ti trovi anche stavolta nel posto giusto al momento giusto! Di seguito, infatti, ti spiegherò nel dettaglio i passaggi per eseguire la configurazione di Kodi e per personalizzare ogni aspetto del software in base alle tue esigenze.

Solo una piccola precisazione prima di cominciare: io nel tutorial farò riferimento a Kodi per Windows, tuttavia sappi che i passaggi da seguire sono pressoché identici su tutte le altre piattaforme software, come macOS, Linux e Android. Fatta questa doverosa premessa, direi che è arrivato il momento di entrare in azione: ritagliati un po’ di tempo tutto per te, avvia Kodi, e leggi con molta attenzione le mie dritte. Vedrai: in men che non si dica, riuscirai a personalizzare al meglio questo fantastico programma e a sfruttarlo pienamente! Buona lettura e buon divertimento!

Indice

Come configurare la lingua di Kodi

Come configurare Kodi - Lingua

Dopo aver installato e avviato Kodi, hai preso un grosso spavento perché hai notato che il programma è in lingua inglese: non preoccuparti, puoi tradurlo in italiano in pochi e semplicissimi passaggi!

Per tradurre Kodi in italiano, clicca sul piccolo pulsante  collocato nella parte alta della schermata principale del software, seleziona in seguito l’icona Interface Settings e, nel pannello successivo, spostati sulla voce Regional. Clicca quindi sull’opzione Language situata nella parte destra della finestra e seleziona la voce Italian dalla lista che viene mostrata a schermo.

Per completare la procedura e impostare l’italiano anche per la disposizione della tastiera, fai clic sulle voci Regionale e Layout della tastiera, scegli l’opzione Italian QWERTY (o qualsiasi altra disposizione desideri) dalla lista che viene mostrata a schermo e, infine, pigia sul pulsante OK.

Per quanto riguarda Kodi 16, la versione precedente del programma, i passaggi da effettuare sono leggermente diversi: nella schermata principale, scorri la barra di controllo centrale fino a trovare la voce System, selezionala, clicca sulle voci Appearance International, scegli l’opzione Italian dalla lista che ti viene proposta e conferma la tua scelta con un ulteriore clic. Da questo momento in poi, tutte (o quasi) le voci di Kodi saranno in lingua italiana.

Come configurare un profilo in Kodi

Come configurare un profilo in Kodi

Il passo immediatamente successivo all’impostazione della lingua in Kodi è la creazione di un profilo personale: si tratta di un’operazione molto importante, soprattutto se hai intenzione di condividere la tua installazione di Kodi con altre persone. Grazie a questa funzionalità, infatti, ciascun utente di Kodi può avere le sue impostazioni generali e le sue personalizzazioni su add-on e librerie, che potrà richiamare semplicemente selezionando il proprio account.

Dunque, per creare un profilo personale, fai clic sul pulsante  presente nella schermata principale di Kodi, successivamente clicca sull’icona Impostazioni Profilo, poi sulla voce Profilo e sull’icona Aggiungi Profilo. A questo punto, digita il nome che intendi assegnare al tuo profilo nella casella Nome Profilo, clicca su Immagine profilo per impostare un avatar e, per proteggere le eventuali modifiche con una password, fai clic sulla voce Blocca Preferenze, poi sul pulsante Sì e ancora sulla voce Master Lock.

Seleziona, a questo punto, una delle opzioni disponibili (password numericasequenza di tasti password testuale), inserisci la password che intendi usare per proteggere il tuo profilo, clicca sul pulsante OK, reinserisci la password e fai ancora clic sul pulsante OK. Completata l’operazione precedente, pigia ancora sul pulsante OK e scegli se creare il nuovo profilo partendo dalle impostazioni attuali (cliccando sul pulsante Copia default) o dalle impostazioni predefinite del programma (cliccando invece sul pulsante Ricomincia da capo). Ripeti questa operazione per tutti gli utenti che intendi aggiungere.

Successivamente, clicca sulla voce Generale collocata sulla sinistra, sposta l’interruttore Mostra schermata di login all’avvio su Attivo se desideri che Kodi chieda quale profilo usare all’avvio, oppure clicca sulla voce Login automatico all’avvio per scegliere il profilo che deve essere caricato per impostazione predefinita. Completata questa operazione, se necessario, inserisci la password del Master Lock impostata in precedenza per salvare le impostazioni e il gioco è fatto.

Se utilizzi Kodi 16, puoi raggiungere la voce Profilo selezionando la voce Sistema situata nella barra di controllo e, successivamente, cliccando sull’opzione Profili. Il resto delle impostazioni sono molto simili a quelle della versione più recente del software.

Come impostare skin e tema di Kodi

Kodi - Impostazione skin

L’aspetto di Kodi ti sembra piatto e vorresti dargli un po’ di colore in più, magari con quel tocco di stile che di certo non guasta? Stai tranquillo, personalizzare l’interfaccia del programma è estremamente semplice grazie alle skin e ai temi messi a disposizione sia dal team di sviluppo che dalla comunità di utenti.

Per procedere, fai clic sul pulsante di Kodi, poi sull’icona Impostazione interfaccia, sulla voce Skin (collocata nella parte sinistra della finestra) e successivamente sull’opzione Skin collocata in sua corrispondenza, nella seconda parte del pannello. Clicca poi sul pulsante Altro…, seleziona una skin dalla lista che compare, attendi che questa venga applicata automaticamente e pigia sul pulsante  per confermare i cambiamenti.

A questo punto, puoi personalizzare ulteriormente l’aspetto della skin grazie alle voci Tema, Colore e Caratteri e, se previsto, modificare le modalità di visualizzazione di menu, icone, elementi di sfondo e altro, cliccando sulla voce Configura Skin….

Se stai usando Kodi 16, puoi raggiungere la sezione Skin spostandoti sulla voce Sistema della barra di controllo, cliccando poi sui pulsanti ImpostazioniAspetto e, infine, spostandoti nella sezione Skin collocata nel pannello di sinistra.

Come configurare add-on e repository di Kodi

Kodi - sezione add-on

Come ti ho già accennato in precedenza, le potenzialità di Kodi possono essere davvero sconfinate: questo risultato è ottenuto grazie alla presenza degli add-on, dei piccoli componenti aggiuntivi che possono essere installati nel programma “principale” per ampliarlo con funzioni caratteristiche extra non presenti al momento della prima installazione.

Questi add-on, in genere, vengono progettati dalle comunità di sviluppatori e aggiunti a un particolare repository già presente nel programma, suddiviso per categorie (audio, aspetto, giochi, video, immagini, meteo, sottotitoli e così via). Esistono comunque dei repository aggiuntivi, creati e gestiti da persone indipendenti dal team di Kodi, che contengono tantissimi altri add-on pronti da utilizzare. Infine, il programma permette anche l’installazione “manuale” di pacchetti contenenti add-on scaricati da siti Internet di terze parti, e non contenuti nei repository.

Fatta questa premessa, veniamo al dunque: per accedere alla sezione dedicata ai componenti aggiuntivi di Kodi, pigia sul pulsante Add-on collocato nella schermata principale del programma, fai clic sul pulsante Scarica e seleziona la categoria di add-on da scaricare. Ad esempio, puoi aggiungere la compatibilità ai controller di alcune console cliccando sulle voci Add-on GiochiProfili controller, selezionando il controller che desideri aggiungere (ad es. Genesis Controller) e cliccando sul pulsante Installa.

Per quanto riguarda Kodi 16, invece, devi recarti in Sistema > Impostazioni, selezionare la voce Installa da repository, scegliere la categoria più appropriata, cliccare sull’icona dell’add-on e infine sul pulsante Installa. Una notifica ti avvertirà quando l’installazione verrà completata.

Alcuni add-on, subito dopo l’aggiunta, richiedono una configurazione specifica per il corretto funzionamento: completata l’installazione, puoi accedere alle opzioni di configurazioni dell’add-on cliccando sul pulsante Configura del pannello ad esso dedicato, che puoi raggiungere cliccando sull’icona del componente aggiuntivo collocata all’interno della sezione I miei Add-on.

Se vuoi aggiungere nuovi repository a Kodi, clicca sul pulsante  residente nella schermata principale del software, poi sull’icona File (per Kodi 16, seleziona le voci Sistema > Gestione file dalla schermata principale del programma), fai doppio clic sulla voce Aggiungi sorgente collocata nel pannello di sinistra, seleziona la voce <Nessuno>, digita l’indirizzo del repository nell’apposita casella di testo, pigia il pulsante OK, assegna un nome al repository e pigia ancora sul pulsante OK: da questo momento, puoi installare gli add-on presenti nel repository appena configurato con la procedura illustrata poc’anzi.

Come ti ho già accennato, puoi installare pacchetti aggiuntivi anche tramite file scaricati da Internet (in formato .zip) ma, per ragioni di sicurezza, devi prima attivare l’installazione da sorgenti sconosciute. Per farlo, clicca sui pulsanti Sistema, seleziona la voce Add-on, sposta su Attivo l’interruttore in corrispondenza di Sorgenti sconosciute e conferma l’operazione cliccando sul pulsante . Kodi 16 non ha bisogno di questo passaggio.

Per installare l’add-on dal file .zip, ritorna alla schermata principale di Kodi, clicca sul pulsante Add-on, poi sul pulsante a forma di scatola collocato in alto a sinistra e sulla voce Installa da un file zip (su Kodi 16, puoi raggiungere lo stesso risultato cliccando sulle voci  Sistema > ImpostazioniAdd-on, poi due volte sulla voce (..) collocata in alto e sull’opzione Installa da un file zip). Infine, segui le istruzioni a schermo per sfogliare la memoria del tuo dispositivo e selezionare il file .zip scaricato in precedenza.

Come configurare la libreria multimediale di Kodi

Il fine principale di Kodi è quello di “trasformare” il PC (o altri dispositivi su cui viene eseguito) in un centro multimediale: è dunque arrivato il momento di aggiungere a Kodi le raccolte di immagini, file musicali e video in tuo possesso, così che il programma possa indicizzarli, organizzarli e metterli a tua disposizione in un solo clic.

Dunque, per aggiungere i tuoi film alla raccolta multimediale di Kodi, clicca sulla voce Film collocata nella schermata iniziale del programma e successivamente sul pulsante Inserisci sezione file (su Kodi 16, puoi raggiungere lo stesso risultato selezionando le voci Video > File).

Fai dunque clic sulla voce Aggiungi Video…, pigia sul pulsante Esplora e seleziona la voce che più si confà alla posizione dei file che vuoi aggiungere (puoi usare il gestore Zeroconf per aggiungere file presenti in memoria, la condivisione SMB per prelevare i file da un NAS o da un server di rete, puoi aggiungere un disco NFS, un’intera playlist, un dispositivo UPnP o un percorso di rete personalizzato), dopodiché segui le istruzioni a schermo e completa la selezione dei file.

Una volta ritornato alla schermata di inserimento, fai clic sul percorso appena inserito, pigia sul pulsante OK e sulla voce Inserisci un nome per questa sorgente Media, assegna un nome alla sorgente (ad es. “Film dal disco di rete”), pigia due volte sul pulsante OK, poi sulle voci Questa Directory ContieneFilm e, infine, clicca sui pulsanti OK . Puoi aggiungere alla categoria tutte le sorgenti media che desideri seguendo le medesime istruzioni.

Dopo aver completato la procedura, potrai accedere alla lista dei film aggiunti a Kodi semplicemente cliccando sulla voce laterale Film (o sul pulsante Film della barra di controllo su Kodi 16) e visualizzare tutti i file video cliccando invece sulla voce Video.

Seguendo la stessa procedura, puoi configurare le altre librerie multimediali del programma: Serie TV, Immagini e Video Musicali. Per riprodurre un contenuto, devi semplicemente cliccare sulla sua icona collocata nell’apposita sezione della libreria. Facile, no?

Altre impostazioni di Kodi

Se sei arrivato fino a questo punto, vuol dire che hai appreso i concetti di base su come configurare Kodi secondo le tue necessità. Oltre a farti i miei più sinceri complimenti, voglio invitarti a dare un’occhiata anche al ricco pannello Impostazioni di Kodi, utile a configurare l’ambiente di lavoro e adattarlo ancor di più alle proprie esigenze.

Per accedervi, clicca sul pulsante  collocato nella schermata iniziale di Kodi e guarda attentamente la schermata proposta: ciascuna icona identifica una sezione e, all’interno di esse, è possibile modificare le varie impostazioni cliccando sulle relative voci, intervenendo sugli interruttori, selezionandole dai menu a tendina proposti o digitando le informazioni richieste nei campi di testo. Di seguito ti fornisco una panoramica della suddivisione di suddette sezioni.

  • Impostazioni Player – questa sezione contiene le opzioni relative al riproduttore multimediale interno di Kodi. Da qui è possibile attivare o disattivare la riproduzione automatica dei video, impostare la durata dei salti temporali ottenibili tramite la pressione del pulsante Skip, aumentare o diminuire la frequenza di aggiornamento, scegliere la lingua dei sottotitoli, il ritardo per la sincronizzazione audio/video e molto altro.
  • Impostazioni Media – in questa sezione si trovano le opzioni di visualizzazione dei contenuti multimediali nelle schermate del programma. Da qui si possono aggiungere/rimuovere sorgenti dalle librerie, agire sulla modalità di visualizzazione delle icone, attivare/disattivare le anteprime, scegliere il database remoto da cui vengono recuperate le informazioni mutlimediali, attivare o disattivare gli aggiornamenti automatici delle librerie all’avvio e tante altre opzioni.
  • Impostazioni PVR & TV – qui è possibile decidere le opzioni riguardo alla gestione delle IPTV (canali, controlli a schermo, guide digitali e così via) e alla registrazione dei contenuti digitali PVR. Questa sezione è particolarmente utile quando Kodi viene utilizzato per vedere la TV su PC.
  • Impostazioni Servizio – in questa sezione si possono definire i dettagli riguardo i servizi di fruizione dei contenuti. Ad esempio, si possono attivare o disattivare l’interfaccia web e il controllo tramite app, configurare i servizi UPnP, DLNAMeteoAirPlay, e altre tipologie di servizi simili.
  • Impostazioni Interfaccia – come hai già avuto modo di imparare, da qui è possibile definire tutti gli aspetti grafici di Kodi, dalla skin alla lingua, passando per il salvaschermo, il Master Lock e il comportamento all’avvio.
  • Impostazioni Skin – questa sezione contiene le opzioni di configurazione e comportamento relativi alla skin correntemente in uso (animazioni, scorrimento automatico, visualizzazione di informazioni in tempo reale, immagini di sfondo e via discorrendo). Di solito, ciascuna skin dispone di impostazioni fortemente personalizzate.
  • Impostazioni Profilo – come già visto in precedenza, questa sezione riguarda la configurazione dei profili utenti aggiunti a Kodi.
  • Impostazioni sistema – da qui è possibile definire nel dettaglio il comportamento di Kodi: ad esempio, si può decidere di avviarlo a schermo intero o in finestra, configurare il dispositivo di uscita per l’audio e quello di inserimento dei comandi (mouse/tastiera, joystick, telecomando, ecc.), i parametri di accesso a Internet (come i proxy, ad esempio), le impostazioni per il risparmio energetico, per l’installazione e l’aggiornamento degli add-on e per la registrazione degli eventi (logging).
  • Informazioni Sistema – questa schermata racchiude tutte le informazioni relative al dispositivo su cui Kodi è in esecuzione (sistema operativo, uso della memoria e del processore, stato della rete, indirizzo IP, stato dei dischi, tempo di esecuzione e quant’altro).
  • Log Eventi – in questa sezione è possibile accedere alla lista degli eventi registrati dal programma (se la registrazione è stata attivata da Impostazioni sistema > Logging).
  • File – da qui è possibile accedere a un browser interno, utile sia per navigare tra i file in rete o sul dispositivo che per aggiungere nuovi repository.

Anche la schermata delle Impostazioni di Kodi 16 è molto fornita, ed è possibile accedervi tramite le voci Sistema > impostazioni. Le sezioni, tuttavia, sono organizzate in modo leggermente diverso rispetto a quanto visto poc’anzi: di seguito una panoramica generale.

  • Aspetto – qui sono racchiuse tutte le impostazioni per la configurazione dell’aspetto di Kodi (skin, lingua, elenco dei file, screen saver ed eventualmente risparmio energetico).
  • Video – questa è la sezione che contiene le impostazioni per la gestione della libreria video, per la riproduzione dei filmati e per i sottotitoli.
  • TV – in questo pannello figurano tutte le impsotazioni relative all’uso di Kodi come riproduttore di IPTV (OSD, guida elettronica, riproduzione/registrazione dei canali e così via).
  • Musica – in questa sezione, è possibile accedere alle impostazioni relative alla gestione della libreria musicale (visualizzazione, riproduzione dei brani e comportamento per la riproduzione dei CD Audio).
  • Immagini – da qui è possibile personalizzare il comportamento della modalità presentazione della libreria fotografica di Kodi.
  • Meteo – da qui è possibile scegliere il servizio meteo per la visualizzazione delle previsioni.
  • Add-on – è la schermata di gestione degli add-on: da qui è possibile scaricarli dai repository o installarli da archivi .zip, come visto in precedenza.
  • Servizi – tramite questa sezione, è possibile configurare Kodi per l’accesso ai servizi di rete, impostando il nome del dispositivo, il comportamento di UPnPDLNA e AirPlay, le opzioni di controllo tramite interfaccia Web oppure app di terze parti.
  • Sistema – da qui è possibile impostare aspetti come la visualizzazione a tutto schermo o in finestra, la calibrazione del video, le uscite audio, i dispositivi di controllo, il risparmio energetico e la registrazione degli eventi.

Come se tutto questo non fosse abbastanza, il pannello impostazioni di Kodi si “adatta” anche al tipo di utente che lo utilizza: in fondo allo schermo, nel pannello di sinistra, è possibile impostare la visualizzazione delle impostazioni in tre modalità differenti, che ti elenco di seguito.

  • Standard – attiva per impostazione predefinita, questa modalità mostra le voci, i pannelli e i menu più noti e utilizzati.
  • Avanzato – questa modalità mostra impostazioni più dettagliate sulla configurazione di Kodi.
  • Esperto – si tratta della modalità che mostra tutte, ma proprio tutte, le impostazioni disponibili in Kodi.
  • Base – è una modalità adatta a chi è alle prime armi, che mostra soltanto le impostazioni di base.

Per passare da una visualizzazione all’altra, è sufficiente cliccare sulle voci ⚙ Standard⚙ Avanzato⚙ Esperto⚙ Base, collocate in basso a sinistra per ciascuna sezione. Per concludere, in ciascuna schermata delle impostazioni è quasi sempre disponibile la voce Ripristina le precedenti impostazioni a predefinite, che permette di riportare ai valori iniziali tutte le impostazioni contenute nella sezione in cui ci si trova.

Insomma, hai a che fare con un pannello che si adatta a tutte le esigenze e i “livelli” di esperienza e che, tra l’altro, permette di riportare allo stato iniziale più impostazioni per volta, in un solo clic: cosa chiedere di più?!