Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero
Salvatore Aranzulla Day
Evento di formazione SEO con Salvatore Aranzulla. Scopri il programma

Come scaricare applicazioni Android

di

Non sei un grande appassionato di tecnologia, ma il tuo fidato cellulare, dopo anni di onorato servizio, non si accende più, ti ha abbandonato in maniera definitiva. A questo punto, pur di non restare tagliato fuori dal mondo, hai messo da parte la tua riluttanza verso le moderne tecnologie e così ti sei deciso a fare il “grande passo”: hai finalmente acquistato uno smartphone con sistema operativo Android. Hai infatti sentito un gran parlare di questo sistema operativo che viene elogiato per la sua facilità di utilizzo ma soprattutto per le tantissime applicazioni di cui dispone. È proprio per questo che ti sei deciso ad effettuarne l’acquisto.

Beh, se le cose stanno in questo modo non posso fare altro che farti i miei complimenti per l’acquisto del tuo primo smartphone. Come hai ben compreso, gli smartphone Android si caratterizzano per l’ampia disponibilità di applicazioni da scaricare. Come dici? Vorresti provarne a centinaia ma sei davvero alle prime armi con il mondo degli smartphone e non sai come scaricare applicazioni Android sul tuo nuovo dispositivo? Ma dai, non preoccuparti! Se è questa la dritta di cui hai bisogno posso senz’altro aiutarti!

Oggi sono proprio qui per spiegarti come scaricare applicazioni Android, quindi mettiti comodo, prendi in mano il nuovo smartphone e segui per filo e per segno le mie indicazioni. Ti spiegherò nel dettaglio cosa dovrai fare per scaricare applicazioni Android. Potrai così scaricare le tue prime app, o i tuoi primi giochi: a te la scelta. Pronto per iniziare? Come al solito, ti auguro una buona lettura.

Creare e associare un account Google

Per prima cosa devi sapere che per scaricare le applicazioni Android è necessario che tu abbia un account Google, ossia un indirizzo Gmail, e che quest’ultimo sia associato al tuo smartphone o tablet Android.

Nel caso in cui tu non abbia mai creato un account Google e abbia bisogno di indicazioni precise su come procedere, ti consiglio di eseguire quest’operazione preliminare seguendo i procedimenti da me indicati nella mia guida intitolata “Come creare Account Google”.

Una volta fatto, prosegui nella lettura; ti spiego come associare tale account al tuo smartphone Android. Tieni conto però che la procedura può variare leggermente a seconda della versione di Android presente nel tuo smartphone.

In linea generale, per associare un account Google esistente al tuo smartphone, apri l’applicazione delle Impostazioni del dispositivo (simbolo dell’ingranaggio) scorri il menu che si apre fino ad arrivare alla dicitura Account: fai clic su di essa e premi sul pulsante +Aggiungi Account e premi poi sul pulsante Google. A questo punto, ti verrà chiesto se possiedi un indirizzo Gmail tramite il quale dovrai autenticati usando i dati del tuo account. Altrimenti puoi premere sul bottone Oppure Crea un nuovo Account e seguire la procedura guidata per creare un nuovo indirizzo Gmail sul momento: si tratta di inserire nome e cognome, scegliere un indirizzo e impostare una password. Nulla di complesso, insomma.

Se preferisci, puoi creare un account Gmail anche dal computer. Come? Semplicemente collegandoti a Google, cliccando sul pulsante Accedi che si trova in alto a destra e selezionando la voce Crea un account situata in basso.

Accedere al Play Store

A procedura ultimata, prendi il tuo smartphone, collegalo a Internet in Wi-Fi o 3G/LTE (in quest’ultimo caso fa’ attenzione ai costi del traffico dati) e accedi al Play Store di Google (simbolo di un sacchetto bianco con un triangolo colorato al centro) toccando la sua icona presente nella home screen di Android o nella schermata in cui ci sono le icone di tutte le app installate sul dispositivo.

A questo punto ti troveri nella schermata App e Giochi, tramite la quale potrai visualizzerai la lista delle applicazioni e dei giochi in primo piano. Per sfogliare le applicazioni in maniera più ampia pigia sulle voci collocate nella parte alta dello schermo: Classifiche per visualizzare le applicazioni più votate; Giochi per visualizzare soltanto i giochi presenti all’interno del PlayStore di Android, Categorie per visualizzarle in base alla categoria d’appartenenza (es. comunicazione, fotografia, giochi ecc.); Da non perdere per visualizzare una sezione relativa alle migliori applicazioni presenti nello store digitale di Android, Accesso in Anteprima per visualizzare l’elenco delle applicazioni non ancora pubblicate che puoi provare in anteprima e Famiglia per visualizzare l’elenco di applicazioni e giochi pensate per tutti.

Una volta individuata l’applicazione da scaricare, tocca la sua icona e, nella schermata che compare, premi prima sul pulsante Installa che comparirà per visualizzare i permessi della app (ossia vedere su quali componenti del sistema agisce), e poi sul pulsante Accetto per accettare le sue condizioni di utilizzo e scaricarla sul tuo telefonino. Al termine dell’installazione, l’applicazione comparirà nella lista delle applicazioni installate nel sistema e potrà essere usata in qualsiasi momento.

Nel caso delle applicazioni a pagamento, prima del download devi associare una carta di credito o una carta prepagata al tuo account di Google. La procedura dura pochi secondi e va fatta una sola volta e, nelle occasioni successive, le applicazioni a pagamento si scaricheranno come quelle gratuite (solo con un paio di “tap”, dunque) e il loro costo verrà scalato dal tuo credito sulla carta in maniera automatica.

Per visualizzare l’elenco completo delle applicazioni che hai installato sul tuo dispositivo, apri il PlayStore di Google (simbolo di un sacchetto bianco con un triangolo colorato al centro) toccando la sua icona. Premi poi sul pulsante del menu (simbolo di tre linee orizzontali) e poi premi sulla voce Le mie app e i miei giochi: visualizzerai in una nuova schermata l’elenco completo delle applicazioni e dei giochi che hai scaricato sul tuo dispositivo, suddivise in tre diverse sezioni.

La sezione Aggiornamenti riguarda le app che hanno bisogno di un aggiornamento: premi sul pulsante Aggiorna tutto per avviare l’aggiornamento collettivo, altrimenti su ogni singola applicazione, premi sul pulsante Aggiorna.

La sezione Installate ti permetterà di visualizzare l’elenco completo di applicazioni presenti sul tuo dispositivo. Se desideri disinstallarne una fai tap sulla sua icona e premi sul pulsante Disinstalla. Infine, la sezione Raccolta comprende il registro completo di tutte le applicazioni precedentemente installate sul tuo dispositivo e poi rimosse. Per ripulire questo elenco di app, fai clic sulla X e poi su Ok.

Puoi utilizzare il Google Play Store anche sul PC usando qualsiasi browser di navigazione, come Chrome, Firefox, Internet Explorer o Safari. Pensa, visitandolo potrai selezionare dal computer le applicazioni da installare sul tuo telefonino e queste ultime verranno scaricate automaticamente sul dispositivo non appena questo sarà connesso a Internet.

Per scaricare applicazioni Android dal computer, collegati al Play Store, esegui l’accesso con il tuo account Google (se necessario), tramite la procedura che ti ho indicato precedentemente e sfoglia le applicazioni in maniera simile a quanto visto sulla versione mobile del servizio. Dopodiché tocca l’icona dell’applicazione che desideri scaricare sul tuo dispositivo, clicca sul pulsante Installa due volte consecutive e il gioco è fatto.

Store alternativi per scaricare app Android

Oltre al Google Play Store esistono anche degli store alternativi a quello di Google, che consentono di scaricare applicazioni e giochi in maniera del tutto legittima.

Al contrario di altri sistemi operativi, come iOS e Windows Phone, Android permette infatti di scaricare le applicazioni da fonti diverse dal suo store ufficiale. Tuttavia si tratta di un’operazione da eseguire con cognizione di causa, per ragioni di sicurezza del tuo dispositivo. Come ti ho spiegato anche nel mio post sugli antivirus per Android, la piattaforma del robottino verde può essere colpita dai malware (come i computer) e scaricare applicazioni da fonti esterne al Play Store può aumentare il rischio di imbattersi in minacce di questo tipo.

Se nonostante tutto sei curioso e vuoi approfondire quest’argomento, scopri come procurarti applicazioni al di fuori del Google Play Store e come installarle leggendo la mia guida su come installare i file APK (ossia i pacchetti d’installazione delle app Android).

Tra gli storie alternativi per scaricare applicazioni Android, i più famosi sono Amazon Underground, Aptoide, AppBrainTorrApk: te ne parlo nel dettaglio nelle righe che seguono:

  • Amazon Underground: uno tra gli stori meno conosciuti e più sottovalutati che ti permettono di scaricare applicazioni e giochi Android è Amazon Underground. L’applicazione è il negozio virtuale di Amazon e il suo punto di forza è la presenza delle versioni completamente gratuite di alcuni giochi famosi, con micro transazioni ridotte o del tutto assenti.
  • Aptoide: Aptoide è uno tra i più popolari store alternativi per scaricare app e giochi Android. Tra le caratteristiche più interessanti di Aptoide vi è la presenza di uno speciale simbolo di uno scudetto verde con una V che contrassegna un’app come Verificata. App e giochi che hanno tale simbolo, presentano un certificato di affidabilità: Aptoide, tramite firma crittografata e scansione antivirus, garantisce la sicurezza del file da installare. Tutte le altre applicazioni contrassegnate da uno scudetto giallo con punto esclamativo potrebbero essere state alterate; è sconsigliato scaricarle in quanto meno attendibili.
  • AppBrain: uno store alternativo per scaricare app e giochi Android. Una tra le sue caratteristiche prevede la possibilità di tracciare le app scaricare sul proprio dispositivo per visualizzare una lista di app simili da scaricare, compatibili con i nostri interessi.
  • TorrApk: store alternativo per scaricare applicazioni e giochi pensato per i dispositivi Android di fascia bassa che permette di scaricare i file apk delle applicazioni anche agli smarpthone low cost che, secondo le linee guida di Google, non rispettano i requisiti necessari per l’installazione.