Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Come disinstallare app Android

di

Entusiasmato dall’acquisto del tuo primo smartphone Android, hai fatto incetta di app: hai scaricato tutto quello che ti capitava a tiro nel Play Store e ora, come ampiamente prevedibile, non hai più lo spazio per fare nulla. Vista la situazione non ci sono dubbi: il tuo cellulare ha bisogno di una massiccia opera di “pulizia”. Devi fare una cernita delle app che ti servono davvero e devi sbarazzarti di tutte le altre. Sai già come procedere, vero? No?! Allora rimediamo subito, non c’è altro tempo da perdere.

Prenditi cinque minuti di tempo libero e scopri come disinstallare app Android grazie alle indicazioni che trovi di seguito. Vedremo innanzitutto come cancellare le applicazioni in maniera “standard” agendo dalle impostazioni di Android, dopodiché scopriremo come rimuovere più app in sequenza e come eliminare tutte quelle applicazioni che non si riescono a disinstallare in quanto protette a livello di sistema.

Mi chiedi se si possono rimuovere anche quelle app, spesso inutili, che si trovano preinstallate su molti smartphone Android? La risposta è sì, ci occuperemo anche di questo. Per ora concentriamoci sulle operazioni più basilari e vediamo come disinstallare le app “normali” da tutte le versioni più diffuse di Android, ti assicuro che è davvero un gioco da ragazzi!

Indice

Come disinstallare app Android: procedura standard

Come disinstallare app Android: procedura standard

Iniziamo questa guida analizzando quelli che sono i passaggi da compiere per disinstallare app Android secondo la procedura standard prevista dal sistema operativo, la quale consente di cancellare in quattro e quattr’otto le applicazioni non più utili.

Ti anticipo che i nomi dei pulsanti e delle voci di menu che troverai in questo capitolo potrebbero essere leggermente diversi da ciò che vedi sullo schermo, principalmente a causa delle piccole differenze tra una versione di Android e l’altra.

Ad ogni modo, il metodo più semplice di agire consiste nell’individuare l’icona dell’app nella schermata Home oppure nel drawer del dispositivo, effettuare un tap prolungato sulla stessa e trascinarla sul pulsante Disinstalla/Elimina o l’icona del cestino, che dovrebbe comparire sullo schermo. In alcuni casi, le summenzionate voci compaiono all’interno di un menu “dedicato”. Per eliminare definitivamente l’app, rispondi in maniera affermativa all’avviso successivo, sfiorando il pulsante Disinstalla/OK.

In alternativa, puoi ottenere lo stesso risultato agendo dalle Impostazioni di Android: apri queste ultime facendo tap sul simbolo a forma d’ingranaggio residente nella schermata Home oppure nel drawer del dispositivo, raggiungi le sezioni App e notifiche > Mostra tutte le app e fai tap sul nome dell’applicazione che intendi cancellare. Infine, sfiora i pulsanti Disinstalla e OK e il gioco è fatto.

Come disinstallare app Android: procedura standard

Su alcuni device il percorso da seguire è leggermente diverso: se, per esempio, il tuo è uno smartphone Xiaomi con a bordo il sistema operativo MIUI, devi recarti in Impostazioni > App > Gestisci app e, dopo aver fatto tap sul nome dell’applicazione da disinstallare, toccare i pulsanti Disinstalla e OK.

Tra le altre cose, le più recenti versioni della MIUI di Xiaomi consentono anche di eliminare più app contemporaneamente: per farlo, entra nel pannello Impostazioni > App > Gestisci app, sfiora l’icona del cestino (il pulsante Disinstalla) che si trova in alto e apponi il segno di spunta accanto a ciascuna delle applicazioni di cui intendi liberarti. Per concludere, fai tap sul pulsante Disinstalla [XX] MB e concludi il tutto premendo il pulsante OK.

Come disinstallare app Android preinstallate

Come disinstallare app Android preinstallate

Hai acquistato uno smartphone “brandizzato” da un preciso produttore, oppure hai notato la presenza di applicazioni di sistema, per te inutili, che non possono essere eliminate con la procedura standard di cui ti ho parlato poco fa?

In tal caso, ti farà piacere sapere che esistono numerose applicazioni che permettono di disinstallare app Android preinstallate in poco tempo. Tuttavia, è bene precisare due cose fondamentali: la prima è che il dispositivo deve essere stato preventivamente sottoposto alla procedura di root, altrimenti la procedura non andrà a buon fine; in secondo luogo, eliminare un’app preinstallata e/o di sistema può rendere lo smartphone instabile oppure inutilizzabile, costringendoti a ripristinarlo.

Personalmente, non mi riterrò responsabile per eventuali malfunzionamenti o danni che potresti riscontrare, a seguito della messa in pratica delle istruzioni che sto per darti: io ti ho avvisato!

Fatta questa doverosa premessa, lascia che ti spieghi come agire. Tra le tante app disponibili, ti consiglio di dare un’opportunità a System App Remover: disponibile gratuitamente sul Play Store e sugli store alternativi per dispositivi che non sono provvisti di servizi Google (con presenza di annunci pubblicitari), essa consente di eliminare le applicazioni installate su Android con estrema facilità.

Inoltre, se qualcosa dovesse andare storto, è possibile ripristinare al volo l’app eliminata, grazie al pratico cestino disponibile; System app Remover è disponibile anche in versione Pro a pagamento, al costo di 1,89€, senza annunci pubblicitari.

Per ottenerla, collegati allo store di riferimento del tuo dispositivo, cerca l’app usando l’apposito campo e, quando l’hai trovata, tocca il pulsante Installa, per scaricarla sul dispositivo.

Fatto ciò, avvia l’app e consenti la richiesta di accesso root, facendo tap sull’apposito pulsante. Se tutto è andato per il meglio, dovresti ora visualizzare la lista delle applicazioni di sistema incluse nel dispositivo: facendo attenzione a non disinstallare quelle contrassegnate dalla dicitura [Da tenere] oppure [Key Module], indispensabili per far funzionare Android, apponi il segno di spunta accanto al nome dell’app (o delle app) da rimuovere, fai tap sul pulsante Disinstalla [X] MB e conferma la volontà di procedere, sfiorando il pulsante .

A disinstallazione avvenuta, non ti resta che riavviare il dispositivo e verificare che l’app sgradita non sia più lì, al suo posto. In caso di problemi, puoi ripristinare le app disinstallate con facilità: avvia System App Remover, fai tap sul simbolo del cestino visibile in alto, apponi il segno di spunta accanto al nome dell’applicazione da ripristinare e tocca i pulsanti Restore e , per concludere.

Se il tuo telefono non dispone dei permessi di root (oppure se ritieni che questa soluzione sia troppo rischiosa), puoi seguire un approccio più “soft”, andando a eliminare tutti gli aggiornamenti delle applicazioni di sistema e disattivando quelle di cui non hai bisogno. Trovi tutto spiegato nel capitolo successivo di questa guida.

Come disinstallare aggiornamento app Android

Come disinstallare aggiornamento app Android

Hai notato che una delle app di Android ha iniziato a comportarsi in maniera strana, dopo aver ricevuto un aggiornamento? In tal caso, la strada più semplice è quella di eliminarla dal sistema operativo, per poi reinstallarla dopo il rilascio di eventuali update correttivi.

Tuttavia, se si tratta di un’applicazione preinstallata con lo smartphone e, di conseguenza, non eliminabile (a meno che non si disponga dei permessi di root), puoi disinstallarne gli aggiornamenti e poi disattivarla, in attesa che le cose ritornino alla normalità.

Farlo è semplicissimo: per prima cosa, apri le Impostazioni di Android, facendo tap sul simbolo dell’ingranaggio residente nella schermata Home oppure nel drawer del dispositivo, tocca le voci App e notifiche e Mostra tutte le app e, successivamente, fai tap sul nome dell’app per la quale intendi eliminare gli aggiornamenti. Per finire, sfiora i pulsanti Disinstalla aggiornamenti e OK.

Infine, per evitare problemi futuri dovuti alla reinstallazione involontaria degli aggiornamenti, ti consiglio di disattivare completamente l’app: a seguito di questa operazione, essa scomparirà dalla lista delle app presenti nel drawer e/o nella schermata Home, non riceverà gli aggiornamenti futuri, a meno che non venga riabilitata manualmente.

Per disattivare un’applicazione, recati nuovamente nel menu Impostazioni > App e notifiche > Mostra tutte le app > [nome app] di Android, fai tap sul pulsante Disattiva e rispondi in maniera affermativa all’avviso successivo, per concludere. Per attivarla nuovamente, ripeti i medesimi passaggi e premi, questa volta, il pulsante Attiva.

Come disinstallare app Android da PC

Come disinstallare app Android da PC

Se, per qualche motivo, non sei riuscito a eliminare le app Android “sgradite” direttamente tramite lo smartphone, puoi far fronte alla cosa impiegando ApowerSoft ApowerManager, un programma per Windows e macOS, dotato di numerose funzioni, tra cui quella per disinstallare le app. Di base, ApowerManager è un software gratuito, ma ne è disponibile una versione a pagamento che sblocca caratteristiche aggiuntive (non utili ai fini di questa guida).

Ad ogni modo, per scaricare il programma, collegati a questo sito Web e clicca sul pulsante Scarica ora, per avviare il download del pacchetto d’installazione del programma.

In seguito, se utilizzi Windows, apri il file .exe appena scaricato e clicca sul pulsante Installa adesso, per avviare il setup del programma, che verrà terminato in maniera automatica (ricordati di acconsentire alla richiesta dell’UAC). Al termine dell’installazione del programma, clicca sul pulsante Apri ora e poi sul pulsante , per due volte consecutive, in modo da inizializzare i componenti necessari.

Se, invece, il tuo è un Mac, apri il file .pkg che hai scaricato in precedenza e clicca sul pulsante Apri, in modo da bypassare le restrizioni imposte da Apple nei confronti dei file di questo tipo. In seguito, clicca sul pulsante Continua per due volte consecutive, poi su Accetta e Installa; quando richiesto, inserisci la password del Mac nell’apposito campo, fai clic sul pulsante Installa software e attendi che l’installazione venga ultimata. Il software dovrebbe avviarsi in automatico.

A partire da questo momento, le procedure per Windows e macOS si equivalgono: al primo avvio, dovresti visualizzare la finestra di richiesta di registrazione: per evitarla, clicca sulla (X) situata in alto a destra.

A questo punto, collega lo smartphone al computer tramite cavo USB e attiva il debug USB, in modo da autorizzare la comunicazione del software con il computer: per riuscirci, raggiungi il menu Impostazioni > Info sul telefono/dispositivo di Android e fai tap sulla voce Numero build per sette volte consecutive, in modo da sbloccare le opzioni di sviluppo.

Fatto ciò, raggiungi il menu Impostazioni > Sistema, tocca le voci Avanzate e Opzioni per sviluppatori/Opzioni di sviluppo e sposta su ON la levetta relativa alla voce Debug Android/USB. Per finire, rispondi affermativamente al messaggio che ti viene proposto (maggiori info qui).

Dopo alcuni istanti, sullo schermo del dispositivo Android, dovrebbe comparire una notifica relativa alle autorizzazioni di debug USB: apponi il segno di spunta accanto alla dicitura Consenti sempre da questo computer e tocca il pulsante Consenti, per autorizzare definitivamente la comunicazione.

A questo punto, torna al computer e clicca sul pulsante Consentito, successivo, visibile nella finestra di ApowerManager, e attendi qualche istante affinché il dispositivo venga correttamente riconosciuto e configurato.

Ora, clicca sul pulsante Applicazioni collocato nella parte alta della schermata del programma, seleziona la voce Installata visibile nella barra laterale di sinistra e attendi che, sullo schermo del device Android, compaiano le richieste d’accesso ai vari elementi della memoria. Quando ciò avviene, fai tap più volte sul pulsante Consenti, per accordare i permessi necessari.

A questo punto, nella finestra di ApowerManager, dovrebbe comparire la lista delle app installate sul dispositivo; per eliminarle, apponi il segno di spunta accanto ai relativi nomi e clicca sul pulsante Disinstalla, collocato in alto, per procedere. Se necessario, premi sul bottone e il gioco è fatto.

Salvatore Aranzulla

Autore

Salvatore Aranzulla

Salvatore Aranzulla è il blogger e divulgatore informatico più letto in Italia. Noto per aver scoperto delle vulnerabilità nei siti di Google e Microsoft. Collabora con riviste di informatica e cura la rubrica tecnologica del quotidiano Il Messaggero. È il fondatore di Aranzulla.it, uno dei trenta siti più visitati d'Italia, nel quale risponde con semplicità a migliaia di dubbi di tipo informatico. Ha pubblicato per Mondadori e Mondadori Informatica.