Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Come pagare CBILL

di

Hai ricevuto un bollettino da pagare entro breve termine ma non hai proprio tempo di recarti alle poste e affrontare la lunga coda che, sai già, ti attende all’ingresso. Hai pensato anche all’Home Banking, ma l’ultima volta che avevi controllato, il tuo istituto non consentiva il pagamento “diretto” di siffatti importi.

E ora? Come risolvere la questione? Scusa, controlla un attimo: annesso alla bolletta in tuo possesso, c’è forse un codice CBILL? Sì? E se ti dicessi che, tramite quel codice potresti avere la possibilità di estinguere il tuo debito senza neanche muoverti di casa? Sì, hai letto bene!

CBILL, come scoprirai tra breve, è un meccanismo di pagamento integrato nei sistemi di Internet Banking proprietari di tantissime banche, il quale consente di pagare, tra le altre cose, i bollettini postali emessi da un’ampia gamma di aziende creditrici e alcuni avvisi PagoPA. Se vuoi saperne di più e, soprattutto, vuoi scoprire come pagare CBILL, continua a leggere: trovi spiegato tutto qui sotto.

Indice

Cos’è CBILL

Come pagare CBILL

Cominciamo dalle base. Qualora non ne avessi mai sentito parlare, CBILL è un sistema progettato e sviluppato da CBI S.c.p.a. che fa da “intermediario” tra i sistemi di Home Banking in uso dagli utenti e i soggetti creditori, siano essi aziende di servizi oppure enti della Pubblica Amministrazione: nella fattispecie, si tratta di un meccanismo che si integra alla perfezione nei sistemi di gestione online di numerosi istituti bancari, che consente di pagare online bollette, bollettini e avvisi pagoPA (quindi anche tributi come la TARI, le tasse universitarie, il bollo auto, le cartelle esattoriali e i ticket sanitari, per fare qualche esempio) in modo semplicissimo.

Il punto di forza di questo servizio consiste nella sua inclusione all’interno dell’Internet Banking messo a disposizione dagli istituti di credito compatibili e, per questo motivo, non bisogna effettuare transazioni separate per accedervi ed effettuare pagamenti.

Tra le banche aderenti al servizio CBILL figurano, per esempio, nomi come Unicredit, la Banca Nazionale del Lavoro, la Banca Popolare dell’Emilia Romagna, il Monte dei Paschi di Siena, la Banca Mediolanum e tantissimi altri protagonisti del settore. Quindi, se ti stai chiedendo se è possibile pagare CBILL con UniCredit, pagare CBILL con BNL, pagare CBILL con BPER, pagare CBILL con MPS o, ancora, pagare CBILL con Mediolanum, sappi che la risposta è assolutamente affermativa.

Per controllare se la banca presso cui è domiciliato il tuo conto consente il pagamento delle utenze tramite CBILL, puoi effettuare una ricerca su questo sito Web; se, invece, sei interessato a PagoPA, puoi ottenere l’elenco degli istituti di credito aderenti ai pagamenti tramite CBILL consultando questo documento.

All’atto pratico, effettuare un pagamento con CBILL è semplicissimo: basta accedere al proprio sistema di Internet Banking e, dopo aver individuato l’apposita sezione, inserire il nome dell’azienda creditrice, il codice del pagamento e il relativo importo nel modulo proposto; a ciascun pagamento verrà applicata una piccola commissione, variabile da banca a banca.

Nel capitolo successivo di questa guida ti spiegherò, per l’appunto, come portare a termine il tutto utilizzando i sistemi Home Banking accessibili da Web, oppure le app dedicate per smartphone e tablet.

Come pagare con CBILL

Come pagare con CBILL

Dopo averti fornito le dovute delucidazioni del caso, è giunto il momento di metterci all’opera e di capire, insieme, come pagare con CBILL utilizzando il sistema di Home Banking offerto dagli istituti di credito. Ai fini di questa guida, io mi avvarrò di un conto online CheBanca!, tuttavia i passaggi da seguire sono simili per la maggior parte delle banche e dei servizi finanziari online compatibili.

Tanto per cominciare, per agire da computer, collegati al sito del tuo Internet Banking, clicca sul pulsante dedicato all’area clienti, specifica, se richiesto, la tipologia di conto in tuo possesso (privato o business) e immetti le credenziali d’accesso che ti sono state fornite all’atto dell’apertura del conto, provvedendo eventualmente a completare il login portando a termine l’autenticazione a due fattori tramite SMS, codice monouso, app o qualsiasi altro tipo di sistema previsto.

Ad accesso effettuato, individua la sezione del sito dedicata a conti e carte, seleziona il tuo numero di conto, individua (ed eventualmente espandi) la sezione dedicata ai pagamenti e clicca sul banner, sulla voce o sul pulsante dedicato a CBILL, che dovrebbe risiedere al suo interno.

Se tutto è filato liscio, dovresti avere accesso alla schermata di pagamento di CBILL: specifica, innanzitutto, la tipologia di pagamento da effettuare (se verso un’azienda privata o un’ente di Pubblica Amministrazione, ove disponibile), indica il nome dell’azienda creditrice, il codice identificativo del pagamento (che trovi sulla bolletta/modulo di pagamento) e l’importo da pagare e clicca sul pulsante Continua/Avanti/Conferma per passare allo step successivo, che consiste nella conferma della transazione.

A questo punto, non devi fare altro che seguire le istruzioni che ti vengono fornite su schermo per concludere il pagamento: in linea generale, dovrebbe esserti richiesto di confermare la tua identità usando il sistema d’autenticazione previsto dalla banca (ad es. l’inserimento di una password monouso, ricevuta tramite SMS o generata tramite app) e concludi il tutto cliccando sul pulsante Conferma/Paga.

Come pagare CBILL

Se, invece, preferisci pagare tramite app per smartphone e tablet, avvia quest’ultima, effettua l’accesso al tuo conto autenticandoti con la modalità più opportuna (riconoscimento facciale/Face ID, impronta/Touch ID, codice di sicurezza o altro sistema) e, ad accesso effettuato, richiama il menu principale dell’app e individua la sezione Pagamenti.

Infine, fai tap sulla voce relativa a CBILL e, per concludere la transazione, segui le medesime istruzioni viste poc’anzi per PC; in questo caso, per velocizzare l’operazione, potrai scansionare il codice univoco di pagamento direttamente tramite la fotocamera del dispositivo, senza la necessità di digitarlo a mano.

Ti faccio presente che CBILL, tra le sue caratteristiche, prevede la possibilità di accorgersi in tempo reale di eventuali pagamenti duplicati: qualora tentassi erroneamente a pagare due volte la stessa bolletta (mediante un codice identificativo già usato in precedenza), il sistema ti segnalerà la cosa immediatamente e ti impedirà di portare a termine la transazione.

Come già accennato nelle battute precedenti di questa guida, che ciascuna banca applica una propria commissione ai pagamenti; per ulteriori informazioni, consulta il sito informativo di CBILL oppure contatta direttamente il tuo istituto di credito.

Oltre che tramite Internet Banking, alcuni istituti di credito consentono di pagare con CBILL anche presso gli ATM (in questo caso, dopo aver inserito la carta e il relativo codice PIN, devi recarti nella sezione relativa ai pagamenti e selezionare il servizio CBILL) e gli sportelli “fisici”.

Salvatore Aranzulla

Autore

Salvatore Aranzulla

Salvatore Aranzulla è il blogger e divulgatore informatico più letto in Italia. Noto per aver scoperto delle vulnerabilità nei siti di Google e Microsoft. Collabora con riviste di informatica e cura la rubrica tecnologica del quotidiano Il Messaggero. È il fondatore di Aranzulla.it, uno dei trenta siti più visitati d'Italia, nel quale risponde con semplicità a migliaia di dubbi di tipo informatico. Ha pubblicato per Mondadori e Mondadori Informatica.