Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Come si usa Google Maps

di

Devi raggiungere un luogo dove non sei mai stato e hai bisogno di un navigatore satellitare per conoscerne il percorso? Vuoi sapere quanto tempo è richiesto per giungere in un luogo, sia che tu vada in auto che con i mezzi di trasporto pubblico? Se queste sono soltanto alcune delle domande che ti stai ponendo, sarai felice di sapere che potrai ottenere tutte le risposte che cerchi utilizzando un’app di navigazione, che puoi installare sul tuo smartphone o tablet, senza che tu debba acquistare apparecchi aggiuntivi.

Che tu abbia un dispositivo Android, un iPhone o un iPad, puoi usare l’app ufficiale di Google Maps, per la navigazione in tempo reale oppure semplicemente per consultare la mappa e trovare i luoghi che stai cercando. Il celebre servizio di mappe di Google è totalmente gratuito ed è spesso molto attendibile, grazie anche al monitoraggio del traffico in tempo reale. Come dici? Ci avevi già pensato ma, non essendo particolarmente ferrato in ambito tecnologico, non hai idea di come si usa Google Maps? Non preoccuparti, perché ci sono qui io apposta per fornirti tutte le informazioni di cui hai bisogno.

Nei prossimi capitoli, infatti, ti spiegherò come utilizzare questo servizio sia tramite il tuo smartphone e il tuo tablet che direttamente da PC, grazie all’apposita versione Web accessibile da qualsiasi browser. Tutto ciò che devi fare è metterti bello comodo e prestare attenzione ai suggerimenti che ti fornirò: sono sicuro che, alla fine della lettura, sarai riuscito ad avviare la tua prima navigazione con Google Maps! Detto ciò, non mi resta che augurarti una buona lettura!

Indice

Come si usa Google Maps sul cellulare

Google Maps

Se ti trovi fuori casa e vuoi impostare la navigazione satellitare con Google Maps per raggiungere uno specifico luogo, nei prossimi paragrafi ti indicherò come eseguire quest’operazione e come utilizzare alcune delle funzionalità di questo servizio.

Come prima cosa, devi installare l’app Google Maps. Quest’ultima è già disponibile “di serie” nella maggior parte dei dispositivi Android. Nel caso in cui sul tuo non fosse presente, puoi comunque prelevarla da questo link, che rimanda al Play Store. È anche disponibile una versione “più leggera”, Google Maps Go, sempre sul Play Store. Se vuoi sapere come si usa Google Maps su iPhone, invece, devi prima installarne l’app dall’App Store.

Cronologia spostamenti Google Maps

Prima di entrare nel vivo del funzionamento di Maps, una piccola premessa relativa alla privacy: sappi che Google Maps registra le tue preferenze, i tragitti che hai percorso e i luoghi visitati. Tutte queste informazioni sono a te accessibili e consultabili, oltre a consentirti di poter cancellare tutte quelle che non ritieni opportune.

Puoi consultare l’apposita sezione tramite questo link e accedendo con lo stesso account Google associato a Google Maps (e al dispositivo). Nel caso in cui non volessi che venga tenuta traccia dei tuoi spostamenti, ti basta semplicemente spostare su OFF la levetta a fianco della dicitura Cronologia delle posizioni.

In alternativa, puoi usare Google Maps in modalità incognito, cioè senza che venga tenuta traccia dei tuoi spostamenti e dei luoghi che hai cercato, facendo tap sull’icona del tuo profilo, in alto, e selezionando la voce Attiva modalità di navigazione in incognito.

Modalità incognito Google Maps

Fatta questa breve premessa, passiamo all’azione: per avviare la navigazione in Maps, devi prima abilitare sia la connessione a Internet che il GPS sul tuo dispositivo. Puoi eseguire facilmente queste operazioni tramite il Centro Notifiche di Android o il Centro di Controllo di iOS/iPadOS. Nel caso, però, avessi qualche dubbio al riguardo, puoi consultare le mie guide su come funziona il GPS e su come attivare Internet sul cellulare.

Fatto ciò, avvia l’app di Google Maps e cerca un luogo, usando la barra in alto. Puoi cercare un indirizzo, il nome esatto di un luogo o di un’attività oppure indicare genericamente la categoria di appartenenza di un’attività (ad esempio “ristoranti” o “musei”), per individuare tutte quelle nelle vicinanze.

Quando hai individuato ciò che stai cercando sulla mappa, pigia sul suo segnalino, per accedere a una serie di informazioni aggiuntive. Ad esempio, puoi avviare la modalità Street View (se disponibile), per accedere a una visualizzazione 3D del luogo. Nel caso di un’attività, potrai invece vederne le recensioni, gli orari, il sito Web, il numero di telefono, le foto e tantissime altre informazioni utili.

Ricerca di luoghi su Google Maps

Se vuoi raggiungere un luogo che hai trovato, premi sul tasto Indicazioni, in modo da entrare in modalità navigazione. Nella nuova sezione che visualizzi, ti verranno mostrati tutti i possibili percorsi per raggiungere quel luogo, indicandoti il tempo e lo stato del traffico; inoltre, puoi visualizzare la distanza e il tempo che ti sarà richiesto per raggiungerlo.

Queste informazioni fanno riferimento alla tipologia di mezzo di trasporto selezionato per la navigazione. Ad esempio, premendo l’icona dell’auto, imposterai la navigazione tramite veicolo, mentre pigiando sull’icona di un treno, potrai visualizzare come raggiungere quel luogo tramite i mezzi di trasporto pubblico.

Vuoi sapere come si usa Google Maps a piedi? In questo caso, ti basta pigiare sull’icona dell’omino in alto, che trovi vicino alle schede di cui ti ho parlato nelle precedenti righe, per visualizzare il percorso a piedi, senza mezzi di trasporto di alcun genere.

Calcolo percorso Google Maps

Puoi anche personalizzare la navigazione, accedendo alle diverse funzionalità disponibili su Google Maps. Tutto ciò che devi fare è pigiare sull’icona , in alto, e scegliere una delle opzioni che ti vengono mostrate nel riquadro.

Ad esempio, puoi inserire delle tappe nel percorso (Aggiungi tappa), nel caso dovessi raggiungere più luoghi intermedi senza dover di volta in volta impostare la navigazione. Puoi scegliere l’orario di partenza o di arrivo (Imposta ora di partenza o di arrivo), per essere sicuro di non arrivare in ritardo, grazie alla previsione delle tempistiche di Google Maps.

Navigazione con Google Maps

Quando hai fatto, premi sul tasto Avvia, per iniziare la navigazione in tempo reale. Durante questa visualizzazione, hai a disposizione altri strumenti che possono aiutarti a tenere d’occhio il percorso, anche nel caso in cui tu stessi guidando. Ad esempio, pigiando sull’icona del volume, puoi attivare i controlli audio della navigazione; premendo l’icona della nuvoletta, invece, potrai effettuare delle segnalazioni, come la presenza di un autovelox, un incidente o un rallentamento.

Quando raggiungerai la tua destinazione, Google Maps uscirà automaticamente dalla modalità navigazione. Nel caso, però, volessi interromperla prima di raggiungere il luogo da te indicato, premi semplicemente sull’icona X che trovi in basso.

Come si usa Google Maps offline

Scaricare mappe offline Google Maps

Vuoi sapere come usare Google Maps senza Internet, per evitare di consumare il traffico dati della tua SIM? In questo caso, sappi che il celebre servizio di Google dispone della funzionalità Mappe offline, per memorizzare tutti i dati di una specifica area impostata dall’utente.

Questa funzionalità risulta molto utile, ad esempio, nel caso in cui tu voglia usare Google Maps all’estero. Infatti, dopo aver scaricato la mappa della zona, potrai continuare a usare Google Maps in modalità offline senza consumare dati e rischiare addebiti indesiderati sul telefono. È importante, però, che tu tenga attivo il GPS, nel caso in cui tu voglia effettuare una navigazione in tempo reale. Tenendo disabilito anche il GPS, potrai solo accedere alla mappa e calcolare il percorso.

Per scaricare le mappe offline, avvia dunque Google Maps e fai tap sull’icona del tuo profilo, in alto. Nella schermata che visualizzi, premi dunque sulla voce Mappe offline e pigia sul pulsante Seleziona la tua mappa. Quello che devi fare adesso è scorrere con le dita sulla mappa, per individuare l’area (delimitato dal rettangolo azzurro sullo schermo) di cui vuoi memorizzare i dati in locale.

Posizionando due dita sullo schermo e avvicinandole o allontanandole otterrai, rispettivamente, un ingrandimento o un rimpicciolimento della mappa. Ti avviso che, rimpicciolendo la mappa, all’interno del riquadro azzurro saranno presenti più luoghi da memorizzare. Questo comporterà un maggiore spazio occupato sulla memoria del dispositivo.

Quando hai fatto, premi sul tasto Scarica, in basso, per avviare il download dei dati per la visualizzazione offline. Nell’elenco delle mappe che ti viene mostrato, pigia poi sull’icona , a fianco, per accedere ad alcuni strumenti: puoi aggiornare i dati (Aggiorna), rinominare la mappa (Rinomina), cancellarla (Elimina) oppure visualizzarla (Visualizza).

Come usare Google Maps su Android Auto/CarPlay

Android Auto

Hai acquistato un’automobile con il supporto ad Android Auto o CarPlay? In questo caso, puoi usare Google Maps con questi sistemi. Come dici? Non hai idea di cosa stia parlando? Te lo spiego subito: sono dei sistemi presenti nei computer di bordo dei veicoli che consentono di utilizzare la navigazione GPS, la riproduzione musicale, la telefonia e qualsiasi altro servizio semplicemente collegando il proprio smartphone.

Moltissime automobili sono munite di questi software, sia di serie che come optional, così da consentire di spostare tutte le principali funzionalità dello smartphone sul computer di bordo e ridurre le distrazioni che possono insorgere dall’uso pericoloso di questo dispositivo mobile durante la guida.

Se vuoi sapere di più su questi sistemi di cui sono muniti i computer di bordo dei veicoli, ti consiglio di leggere alcune mie guide dedicate a quest’argomento. Nel dettaglio, puoi consultare le mie guide su come funziona Android Auto e su come installare CarPlay.

Come si usa Google Maps da PC

Usare Google Maps da PC

Vuoi usare Google Maps da PC? In tal caso, devo avvisarti che questo servizio di Google da Web non permette di effettuare la navigazione in tempo reale. Ciò significa che potrai comunque esplorare la mappa, ricercare i luoghi, visualizzarne le informazioni e calcolare i percorsi. Tutto ciò che riguarda la navigazione, invece, non potrà essere effettuato, se non tramite l’apposita app per dispositivi mobili, di cui ti ho parlato in precedenza.

Detto ciò, per usare Google Maps da PC, raggiungi la pagina Web ufficiale del servizio e utilizza la barra di ricerca, in alto, per ricercare un indirizzo, un luogo o un’attività. Quando hai individuato quella che stai cercando, selezionandola dalla mappa o dalla barra laterale: ti verranno così mostrate diverse informazioni.

Ad esempio, puoi leggere l’indirizzo, il numero di telefono o il sito Web, se presenti, delle foto oppure gli orari di apertura o chiusura. Per calcolare il percorso, invece, premi sul tasto Indicazioni stradali e digita, nell’apposita casella in alto, l’indirizzo o il luogo di partenza, in modo che ti vengano mostrati tutti i possibili percorsi.

Tramite le icone in collocate alto a sinistra, puoi scegliere se il percorso lo effettuerai tramite un veicolo, un mezzo di trasporto pubblico o a piedi. Puoi anche impostare l’orario di partenza o di arrivo, facendo clic sul menu a tendina Partenza adesso.

Sebbene non sia possibile eseguire la navigazione in tempo reale da Web, puoi comunque inviare il percorso già calcolato all’app Google Maps sul tuo smartphone o tablet. Come? Semplicemente premendo sulla dicitura Invia indicazioni stradali al tuo telefono, che trovi sulla barra laterale.

Ti avviso, però, che questa funzionalità richiede che tu abbia precedentemente eseguito l’accesso a Google Maps da Web, tramite il tasto Accedi in alto a destra, e che l’account Google sia lo stesso di quello che stai utilizzando sul tuo dispositivo Android o iOS/iPadOS.

Salvatore Aranzulla

Autore

Salvatore Aranzulla

Salvatore Aranzulla è il blogger e divulgatore informatico più letto in Italia. Noto per aver scoperto delle vulnerabilità nei siti di Google e Microsoft. Collabora con riviste di informatica e cura la rubrica tecnologica del quotidiano Il Messaggero. È il fondatore di Aranzulla.it, uno dei trenta siti più visitati d'Italia, nel quale risponde con semplicità a migliaia di dubbi di tipo informatico. Ha pubblicato per Mondadori e Mondadori Informatica.