Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Come spostare le icone sul desktop

di

La disposizione delle icone sul desktop, soprattutto se si ha bisogno di avere molti file, cartelle e programmi sempre sotto mano, è un aspetto molto importante nell’organizzazione dei propri dispositivi: proprio con l’intento di ordinare le icone sul tuo PC — o anche su un dispositivo mobile — hai deciso di dedicarti a creare una nuova disposizione, più comoda e funzionale. Tuttavia, non sei sicuro di come fare: magari non riesci a muovere le icone liberamente, oppure vorresti sapere come spostarle automaticamente in base a determinati criteri.

Se le cose stanno così, non temere: sei capitato nel posto giusto al momento giusto. In questa guida, infatti, sarà mio compito spiegarti come spostare le icone sul desktop, sia sui PC Windows, sia su Mac, in tante modalità diverse: manualmente, automaticamente, con o senza mouse. Inoltre, ti parlerò del mondo mobile spiegandoti come procedere sui dispostivi Android e su iPhone e iPad.

Tutto ciò che devi fare è metterti comodo, prenderti pochi minuti di tempo e seguire con attenzione le indicazioni che ti fornirò. Sono sicuro che, con un po’ di impegno, alla fine della lettura riuscirai facilmente nel tuo intento e potrai sfruttare al meglio tutte le opzioni di personalizzazione e organizzazione offerte dal tuo desktop. Buona lettura e buon divertimento!

Indice

Come spostare le icone sul desktop: Windows 10

Come spostare icone sul desktop: Windows 10

Iniziamo, dunque, da Windows 10 e Windows 11: i passaggi da compiere sono gli stessi su entrambi i sistemi operativi.

Se desideri spostare le icone sul desktop in modo che siano ordinate per nome, data, dimensione o tipo, puoi farlo muovendo il puntatore del mouse su un’area vuota dello schermo e facendo clic con il pulsante destro: nel menu che ti viene mostrato, individua la voce Ordina per e clicca su di essa, questa volta con il tasto sinistro del mouse, per aprire un secondo menu. Qui puoi selezionare, sempre premendo sinistro, una delle quattro opzioni disponibili per spostare automaticamente le icone: Nome, Dimensione, Tipo elemento, oppure Ultima modifica. Le icone già presenti sul desktop saranno così immediatamente spostate secondo l’ordine che hai scelto.

Forse desideri disporle manualmente, secondo un tuo ordine personalizzato: nulla di più semplice. In questo caso, tutto ciò che devi fare è cliccare sull’icona che vuoi muovere e tenere premuto il tasto mentre sposti il mouse per trascinarla verso il punto in cui vorresti spostarla: una volta fatto, rilasciala sollevando il dito dal tasto. Avrai così spostato l’icona con successo nella sua nuova posizione. Puoi ripetere lo stesso procedimento con tutte le icone e determinarne l’ordine e la posizione sul desktop come più ti aggrada.

Come spostare le icone del desktop liberamente

Come spostare le icone sul desktop liberamente

Come dici? Hai seguito le mie indicazioni per spostare le icone manualmente, ma ogni volta che provi a trascinarle tornano nella posizione iniziale? Non preoccuparti: ciò significa che sul tuo PC è impostata la Disposizione automatica, l’opzione che consente al sistema di posizionare le icone sul desktop autonomamente secondo una griglia prestabilita. L’attivazione di questa funzionalità impedisce di spostare le icone, trascinandole e rilasciandole liberamente sullo schermo.

Per disattivarla, clicca su un punto vuoto del desktop con il tasto destro del mouse, per aprire il menu contestuale, da cui puoi selezionare la voce Visualizza: qui troverai l’opzione Disponi icone automaticamente, accanto alla quale sarà presente un segno di spunta che ne indica l’attivazione. Una volta individuata la voce, fai clic con il tasto sinistro su di essa per rimuoverlo e disattivare l’opzione.

Fatto ciò, potrai selezionare le icone tenendo premuto il tasto sinistro e spostando il mouse per trascinarle dove preferisci, esattamente come ti ho indicato nel capitolo precedente.

Come spostare le icone sul desktop senza mouse

Touchpad

Può accadere che il mouse, per vari motivi, non funzioni: se si tratta di un modello wireless, ad esempio, può capitare che la batteria si scarichi in un momento poco opportuno. Insomma, è facile trovarsi a usare il PC senza il supporto fisico del mouse. In quest’evenienza, si può fare affidamento su alcune modalità alternative per interagire con il computer.

La prima soluzione è adoperare la tastiera a mo’ di mouse come spiegato nel mio tutorial dedicato all’argomento. In alternativa, se hai un portatile, puoi usare il trackpad integrato. Se sul tuo computer è disattivato, puoi consultare un’altra mia guida per sapere come attivarlo.

In alternativa potresti pensare di usare lo smartphone come mouse remoto grazie ad alcune app, disponibili gratuitamente sia su Android che su iPhone, ad esempio Remote Mouse, che si trova sul Play Store e store alternativi per Android e su App Store per iPhone.

Dopo aver installato l’app in questione, devi installare anche il client ufficiale sul computer: per farlo, collegati alla pagina di download ufficiale e clicca sui pulsanti Scaricalo subito e Windows. A download completato, avvia dunque il file RemoteMouse.exe e clicca sui pulsanti , OK, Next e Finish, per concludere il setup.

In seguito, avvia Remote Mouse sul telefono, segui il tutorial iniziale, assicurati che il computer e lo smartphone siano collegati alla stessa rete Wi-Fi, premi sui pulsanti Ok, ho capito e Consenti e seleziona il nome del tuo computer nell’app.

Potrai così simulare il clic sinistro toccando lo schermo dello smartphone con un dito, il clic destro con due dita e trascinare tenendo premuto e spostando il dito sulla superficie. Comodo, vero?

Come non far spostare le icone sul desktop

Come non far spostare le icone sul desktop

Ora che ti sei dedicato alla disposizione delle tue icone sul desktop, ti resta un unico dubbio: come non farle spostare e mantenere l’ordine che hai accuratamente organizzato a ogni accensione del PC, anche in caso di modifica della risoluzione dello schermo. Ebbene, Windows offre una semplice soluzione anche a questa esigenza.

Anche in questo caso devi accedere al menu che si apre facendo clic destro su una qualsiasi parte vuota del desktop e selezionare la voce Visualizza premendo il tasto sinistro del mouse: nel secondo menu che comparirà sarà presente anche l’opzione Allinea icone alla griglia. Anch’essa è affiancata da un segno di spunta, se è già attivata. Se non lo è, fai clic per attivarla.

Così facendo, i file, le cartelle e i collegamenti presenti sul desktop manterranno la stessa esatta posizione da te indicata.

In alternativa, potresti cliccare su Disponi icone automaticamente: in questo caso, sarà Windows a scegliere una disposizione per le icone, che potrai comunque modificare scegliendo tra le opzioni Nome, Dimensione, Tipo elemento e Ultima modifica. Per ulteriori dettagli, ti consiglio la lettura della mia guida su come bloccare la posizione delle icone sul desktop.

Come spostare le icone sul desktop: Windows 7

Come spostare le icone sul desktop su Windows 7

Sui PC con sistema operativo Windows 7 la procedura è simile a quella che ho descritto nel capitolo dedicato a Windows 10. Una volta avviato regolarmente il sistema, puoi spostare le icone manualmente, fai clic su una di esse con il tasto sinistro e tieni premuto mentre muovi il mouse per trascinarla verso la nuova posizione, per poi lasciarla andare.

Se, invece, preferisci che siano spostate automaticamente, fai clic destro sul desktop per aprire il menu di scelta rapida con la voce Ordina per, per scegliere premendo una delle opzioni disponibili e spostare le icone in ordine di nome, tipo, ultima modifica o dimensioni.

Come spostare le icone sul desktop: Mac

Come spostare le icone sul desktop Mac

Anche su Mac lo spostamento manuale delle icone del desktop funziona tramite il sistema del drag & drop, ossia il semplice trascinamento di file, cartelle e programmi e il rilascio nella nuova posizione, valido per tutte le versioni del sistema operativo macOS. Fai, dunque, clic sull’icona da spostare e, tenendo premuto, sposta il puntatore del mouse verso il punto di rilascio, per poi sollevare il dito e lasciar andare il tasto.

Per lo spostamento automatico e la disposizione delle icone in un determinato ordine puoi invece fare affidamento su alcune funzionalità di macOS, a cui puoi accedere facendo clic destro su un qualunque punto vuoto della Scrivania e cliccando sulla voce Ordina per del menu che così si apre. Qui potrai selezionare una delle opzioni di ordine disponibili: nome, tipo, data dell’ultima apertura, di aggiunta, di modifica, di creazione, dimensioni, oppure tag, premendo sulla relativa voce nel menu che compare per organizzarle automaticamente.

Per fissare la disposizione delle icone e fare in modo che non si spostino, fai ancora una volta clic destro su un’area vuota dello schermo e poi sulla voce Ordina per: ora, seleziona l’opzione Allinea alla griglia. In questo modo non verrà apportata alcuna modifica al posizionamento delle icone anche in caso di modifica della risoluzione dello schermo. Facile, no?

Se non puoi utilizzare il mouse, le soluzioni che ho fornito per il sistema operativo Windows sono valide anche per macOS. Puoi innanzitutto pensare di usare la tastiera a mo’ di mouse come spiegato nel mio tutorial dedicato o, se hai un portatile, il touchpad integrato (acquistabile anche separatamente per i Mac fissi).

Apple Magic Trackpad 2 - Argento
Vedi offerta su Amazon

Anche Remote Mouse, l’app per smartphone di cui ti ho parlato precedentemente, è disponibile su macOS alla pagina di download ufficiale del client, cliccando sul pulsante Scaricalo subito e poi sulla voce Mac per essere reindirizzato alla pagina del Mac App Store del programma: clicca sul pulsante Vedi nel Mac App Store e poi sul pulsante Ottieni/Installa nella finestra che si apre. Una volta installata l’app anche sul tuo smartphone Android e iOS e collegati entrambi i dispositivi alla stessa rete Wi-Fi, potrai seguire le stesse indicazioni che ho fornito nel capitolo dedicato per selezionare, trascinare e rilasciare le icone a tuo piacimento sulla Scrivania dallo smartphone.

Come spostare le icone sul desktop: Android

Come spostare icone su Android

Come dici? Vorresti piuttosto sapere come organizzare le tue icone su un dispositivo Android, spostandole sulla schermata Home come preferisci? Anche in questo caso, la procedura è piuttosto semplice: tutto ciò che devi fare è tenere premuto sull’icona e muoverla verso la sua nuova posizione in uno spazio vuoto dello schermo, per poi sollevare il dito e rilasciarla. Se invece desideri che l’icona in questione sia una delle quattro in primo piano (nella griglia in fondo alla schermata), puoi trascinarla in basso e lasciarla al suo nuovo posto: in questo modo, sarà visibile su tutte le schermate.

Forse vorresti proprio spostare l’icona un’altra schermata: in tal caso, tenendo premuto su di essa, spostala verso il bordo dello schermo a destra o a sinistra, a seconda della schermata di destinazione. Nel momento in cui compare la schermata successiva, trascina l’icona verso il centro e rilasciala dove desideri.

Se, invece, vuoi portare in Home Screen un’icona presente nel drawer (il menu con tutte le app installate sul dispositivo), puoi selezionarla in quest’ultimo, tenere premuto e trascinarla nel punto della Home Screen desiderato.

Per informazioni e dettagli aggiuntivi su come organizzare la schermata Home su Android, consulta pure questa guida che ho dedicato interamente a questo argomento.

Come spostare le icone sul desktop: iOS

Come spostare icone iOS

La icone nella home screen sia degli iPhone che iPad possono essere spostate con facilità in modo simile a quello descritto per i dispositivi Android: tutto ciò che devi fare è pigiare su un’icona, tenere premuto e attendere che tutte le icone inizino a “danzare”.

Fatto ciò, sei libero di trascinare le icone dove desideri, tenendo premuto su di esse e muovendone nella nuova posizione, spostandole verso destra o sinistra per passarle da una schermata all’altra; per selezionarne più di una, premi con un altro dito anche sulle altre icone che vorresti spostare. Per spostarle, invece, nella barra Dock in fondo alla schermata, dovrai ripetere quest’operazione prima spostando una delle quattro (il numero massimo disponibile) già presenti, per poi trascinarvi quelle nuove. Infine, puoi confermare la nuova disposizione premendo il tasto Home dell’iPhone o dell’iPad.

Devi anche sapere che iOS 14 e iPadOS 15 e successivi offrono anche un utile strumento per l’organizzazione delle app, App Library: questa funzionalità consente di spostare automaticamente le app sia secondo le categorie (come ad esempio Produttività, Social, Giochi e altre) che in base alle ultime aggiunte o ai Suggerimenti che, in base all’utilizzo delle app nei giorni precedenti, includono quelle più usate.

Per utilizzare questa funzione, scorri fino alla all’ultima schermata della Home e fai tap sull’icona di Libreria app per accedere alle categorie già disponibili: premendo sulle icone più grandi si avvierà automaticamente la relativa app, mentre invece, toccando una di quelle più piccole, si aprirà la cartella. Se desideri eliminare un’icona della Home screen per visualizzarla solo nella Libreria app, tieni premuto su di essa, per poi toccare le voci Rimuovi app e Sposta nella liberia app nel menu che ti viene mostrato. Per spostare un’icona dalla Libreria app alla schermata Home, invece, fai nuovamente un tap prolungato sull’icona in questione e seleziona poi l’opzione Aggiungi a Home.

Per saperne di più e avere altri consigli su come organizzare al meglio le icone sul tuo iPhone o iPad, ti invito alla lettura della mia guida su come organizzare le app su iPhone.

Salvatore Aranzulla

Autore

Salvatore Aranzulla

Salvatore Aranzulla è il blogger e divulgatore informatico più letto in Italia. Noto per aver scoperto delle vulnerabilità nei siti di Google e Microsoft. Collabora con riviste di informatica e cura la rubrica tecnologica del quotidiano Il Messaggero. È il fondatore di Aranzulla.it, uno dei trenta siti più visitati d'Italia, nel quale risponde con semplicità a migliaia di dubbi di tipo informatico. Ha pubblicato per Mondadori e Mondadori Informatica.