Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Come vedere le app che consumano Internet

di

Stai riscontrando dei consumi anomali sul traffico di rete dati della tua SIM? Vuoi sapere quali app si connettono alla rete e quanto traffico consumano? Se queste sono le domande che ti stai ponendo, sei capitato nel posto giusto al momento giusto.

In questa mia guida, infatti, ti illustrerò come vedere le app che consumano Internet, sia sui dispositivi mobili che utilizzano Android e iOS, sia sui computer con sistema operativo Windows e macOS. Nel caso in cui gli strumenti messi a disposizioni da Android e da iOS non fossero per te soddisfacenti, ti indicherò anche delle alternative che potrebbero fare al caso tuo.

Scommetto che non vedi l’ora di cominciare, non è vero? In tal caso, non perdiamo altro tempo e diamoci da fare! Dai, siediti bello comodo e prenditi qualche minuto di tempo libero per leggere i suggerimenti che ho preparato per te in questa mia guida. Sono sicuro che riuscirai a trovare una soluzione che soddisferà le tue esigenze. Sei pronto? Iniziamo subito! Ti auguro una buona lettura!

Indice

Vedere le app che consumano Internet su smartphone e tablet

Che tu abbia un dispositivo Android o un dispositivo iOS, puoi monitorare il consumo del traffico Internet usando alcuni strumenti predefiniti di sistema o tramite app di terze parti: a te la scelta.

Vedere le app che consumano Internet su Android

Se vuoi verificare il consumo del traffico dati delle app su uno smartphone o su un tablet Android, puoi fare riferimento all’apposita sezione presente nelle Impostazioni. Fai quindi tap sull’icona con il simbolo di un ingranaggio che trovi in home screen e, nella schermata che ti viene mostrata, seleziona la voce Wireless e reti.

A questo punto, fai tap sulla dicitura Dati mobili per visualizzare un grafico sull’attuale consumo della rete dati sul device. Sotto di questo, individua la dicitura Valutazione uso del traffico per accedere al monitoraggio giornaliero, settimanale e mensile del traffico dati di ogni app, espresso in KB, MB o GB.

Se vuoi limitare l’accesso alla rete Internet di un’app, nella sezione Dati mobili, individua la dicitura App in rete e togli il segno di spunta nella casella di destra in corrispondenza dell’app alla quale vuoi bloccare l’accesso alla rete. Puoi decidere di bloccare l’accesso ai soli dati mobili, al solo Wi-Fi o a entrambi.

Vedere le app che consumano Internet su iOS

Per controllare il consumo di dati Internet delle singole applicazioni sui dispositivi con iOS, puoi utilizzare lo strumento predefinito di questo sistema operativo. Per accedervi, fai tap sull’icona con il simbolo di un ingranaggio (l’app Impostazioni) che trovi nella home screen.

Nella schermata che ti viene mostrata, pigia sulla dicitura Cellulare e scorri l’elenco di voci fino a individuare la sezione Dati cellulare. Troverai l’elenco delle app installate sul dispositivo, sotto il cui nome puoi visualizzare la quantità di dati fino adesso trasmessi, espressa in KB, MB o GB.

In testa alla sezione, trovi la dicitura Periodo attuale, che permette di verificare il consumo totale di traffico effettuato dalle app fino a quel momento. Se volessi bloccare l’accesso a Internet a qualche app, puoi utilizzare i pulsanti di attivazione a fianco, spostando da ON a OFF la corrispondente levetta.

Se riscontri un consumo anomalo di dati, scorri fino in fondo la schermata e pigia sulla dicitura Azzera statistiche per due volte consecutive. Adesso, torna all’elenco delle app per verificare l’utilizzo dei dati in background. In caso, utilizza normalmente il dispositivo e abbi cura di monitorare di volta in volta per riscontrare un eventuale uso anomalo del traffico da parte di qualche app.

App per vedere il consumo dei dati

Tra le applicazioni alternative che ti possono aiutare a monitorare il consumo del traffico dati (in modo più dettagliato rispetto agli strumenti predefiniti di Android e di iOS), ti consiglio My Data Manager, che è disponibile gratuitamente sul Play Store di Android e sull’App Store di iOS.

Su Android, raggiungi il link al Play Store che ti ho indicato nelle righe precedenti e fai tap sul pulsante Installa, su Accetto e, infine, su Apri. Su iPhone e iPad, per scaricare l’app, raggiungi il link che ti ho fornito e fai tap sul pulsante Ottieni. Abilita il download e l’istallazione dell’app tramite il Touch ID, il Face ID o l’immissione della password dell’account iCloud. Al termine, premi il pulsante Apri per iniziare a utilizzare l’applicazione.

Dopo aver aperto My Data Manager, scorri la sua schermata principale e premi sui pulsanti Consento e Accetto. Adesso, se possiedi un dispositivo Android, fai tap su Salta e poi su Continua per proseguire. Dopodiché, premi sul riquadro in rosso che trovi in basso e abilita i permessi all’app premendo sul pulsante Vai a impostazioni e spostando la levetta da OFF a ON per l’app My Data Manager.

Su iOS, fai invece tap sulla dicitura Operazioni preliminari e sposta su ON la levetta in corrispondenza della voce Abilita VPN per continuare. Nella schermata che ti viene mostrata, pigia sulla dicitura Allow, poi sulle voci Ecco fatto e Non ora e il gioco è fatto.

Adesso puoi analizzare i consumi delle app. Nella barra in alto, trovi tre icone corrispondenti alle diverse tipologie di connessione alla rete dati: Mobile, cioè la rete dati della SIM, Wi-Fi e Roaming. Al centro dello schermo puoi visualizzare la quantità di traffico fino adesso utilizzata, espressa anche con un grafico.

Su Android, facendo tap sull’icona con il simbolo , puoi accedere ad altre funzionalità, le quali sono disponibili anche su iOS, ma nella barra in basso. Tramite la scheda Storico, puoi visualizzare le tre tipologie di traffico di rete nella giornata attuale o in quelle precedenti. Nella scheda App (su Android) o App Tracker (su iOS) puoi visualizzare il consumo delle singole applicazioni.

Inoltre, tramite la voce I miei dati, puoi impostare dei piani in base a quello sottoscritto sulla propria SIM, in caso di fatturazione a consumo. Su iOS questa sezione si trova in Impostazioni.

Scegli quindi Ho un piano regolare (Imposta piano individuale su iOS), nel caso in cui Internet è utilizzato soltanto sul dispositivo in uso, oppure Ho un piano condiviso (Imposta piano condiviso su iOS), nel caso in cui usi spesso la funzione hotspot.

Indica poi il ciclo di fatturazione e la quantità di traffico a disposizione. Se hai impostato un avviso, funzione raggiungibile tramite la voce I miei avvisi, puoi abilitare una notifica che ti segnala quando stai per terminare il traffico dati disponibile.

Vedere le app che consumano Internet su PC

Sei solito lavorare in tethering sul tuo PC usando lo smartphone come modem? Allora credo proprio che tu abbia bisogno di alcune soluzioni per scoprire le app che consumano più dati su Windows e macOS.

Vedere le app che consumano Internet su Windows

Se utilizzi un computer con Windows 10, puoi monitorare il consumo delle app tramite il pannello Impostazioni. Nel caso, ti consiglierò anche degli altri metodi che consistono nell’utilizzo di strumenti alternativi inclusi sempre all’interno di questo sistema operativo.

Impostazioni di Windows

Per visualizzare il consumo del traffico Internet delle app su Windows, apri il pannello delle Impostazioni tramite la combinazione di tasti Windows + i. In alternativa, premi il pulsante Start (l’icona della bandierina collocata nell’angolo in basso a sinistra dello schermo) e fai clic sull’icona con il simbolo di un ingranaggio che trovi sulla sinistra del menu che si apre.

Nel pannello delle Impostazioni di Windows, fai clic sulla voce Rete e Internet e, nella barra laterale di sinistra, seleziona la scheda Consumo dati. Adesso, pigia sulla dicitura Visualizza l’uso per app per accedere all’elenco delle applicazioni e dei software che effettuano del traffico nella rete. A fianco di ognuna di esse, potrai leggere la quantità di traffico fino ad ora consumato.

Monitoraggio risorse e Gestione attività

Un altro strumento che puoi utilizzare per verificare il consumo del traffico Internet di app e software su Windows è Monitoraggio risorse: questo strumento permette di eseguire, nello specifico, un monitoraggio del consumo del traffico Internet in tempo reale. Al suo interno, però, sono presenti altre schede per monitorare altri aspetti del computer, come ad esempio l’impiego delle risorse del processore, della RAM o del disco rigido.

Per utilizzare Monitoraggio risorse, fai clic sull’icona con il simbolo di una lente d’ingrandimento che trovi in basso a sinistra nella barra delle applicazioni. Nella casella di testo, digita i termini monitoraggio risorse e fai clic sul corrispondente risultato di ricerca.

Nella schermata che visualizzi, fai clic sulla scheda Rete, che trovi nell’area in alto, e accedi alle diverse sezioni per vedere i processi e i servizi attualmente attivi sul computer e il loro corrispondente traffico sulla rete Internet.

Oltre a questo strumento, puoi utilizzare anche Gestione attività (Task Manager). Apri il suo pannello tramite la combinazione di tasti Ctrl + Maiusc + Esc oppure fai clic con il tasto destro sulla barra delle applicazioni in basso e seleziona, nel menu contestuale, la voce Gestione attività.

Nella scheda Processi, puoi vedere l’elenco di tutti i processi attualmente attivi. Facendo clic sull’etichetta della colonna Rete, puoi ordinare i processi in base all’attuale consumo della banda Internet, così da vedere quale processo attualmente sta effettuando un traffico sulla rete.

Per una maggiore accuratezza, però, ti consiglio di utilizzare lo strumento Monitoraggio risorse di Windows, di cui ti ho parlato nelle righe precedenti. Monitoraggio risorse e Gestione attività sono disponibili anche nelle versioni di Windows precedenti a Windows 10.

Vedere le app che consumano Internet su macOS

Se possiedi un Mac, puoi visualizzare le applicazioni e i software che stanno utilizzando l’accesso a Internet, attraverso il pannello Monitoraggio attività.

Per utilizzare questo strumento predefinito di macOS, fai clic sull’icona di Finder che trovi nel Dock in basso. Nella schermata che ti viene mostrata, seleziona la scheda Applicazioni, nella barra laterale di sinistra. Scorri l’elenco e individua la cartella Utility, all’interno della quale trovi lo strumento Monitoraggio attività di macOS.

In alternativa, fai clic sull’icona con il simbolo di una lente d’ingrandimento che trovi nell’angolo in alto a destra, nella barra dei menu. Nella casella di testo, digita i termini monitoraggio attività e seleziona il corrispondente risultato di ricerca, che fa riferimento all’applicazione di macOS.

Fatto ciò, nella schermata che si apre, seleziona la scheda Rete, per accedere all’elenco delle applicazioni che hanno eseguito fino adesso l’accesso alla rete Internet. Facendo clic sulle etichette delle colonne Byte inviati e Byte ricevuti, puoi ordinare le app rispettivamente in base al traffico in upload o in download effettuato.

Se oltre a monitorare i consumi delle app vuoi anche limitarli, puoi installare un’applicazione come TripMode, che permette di scegliere singolarmente le applicazioni a cui concedere l’accesso a Internet quando si lavora in tethering e, inoltre, consente di visualizzare i consumi di ogni applicazione utilizzata. Te ne ho parlato più in dettaglio nel mio tutorial su come controllare il traffico Internet.