Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Miglior Ultrabook: guida all’acquisto

di

Nel corso degli anni, i computer portatili hanno concesso a un sempre più nutrito numero di utenti e di professionisti di compiere le proprie attività in mobilità. Proprio questa è la caratteristica peculiare dei notebook, tuttavia grazie alle ultime tecnologie e all’avanzare dei processi di miniaturizzazione, i vari produttori sono riusciti a portare sul mercato modelli di computer ancor più semplici da portare in giro rispetto ai notebook tradizionali.

Sono i cosiddetti Ultrabook, computer portatili con determinate caratteristiche tecniche e che, soprattutto, sono molto sottili e pesano pochissimo. Solitamente non sono molto potenti e non sono in grado di sostituire in tutto e per tutto un desktop, ma per chi può accettarne i compromessi possono rappresentare la migliore soluzione. Proprio per questo motivo sono diventati in poco tempo i computer ideali per tutti i professionisti che possono o devono lavorare in mobilità, sostituendo senza problemi un notebook per le attività di base.

Sono diversi i criteri da considerare nella scelta di un computer di questa categoria ma, niente paura, sei nella pagina giusta! Qui sotto ti spiegherò tutte le nozioni principali da conoscere in questo ambito, in modo che tu possa scegliere il miglior Ultrabook per le tue specifiche esigenze. Se non conosci termini come CPU, GPU e non sai chi sono i principali nomi del settore, quindi, mettiti comodo, armati un po’ di pazienza e scopri tutto quello che c’è da sapere per affrontare il tuo prossimo acquisto.

Indice

Significato Ultrabook

Tecnicamente, il termine Ultrabook è un marchio registrato da Intel (nota azienda produttrice di processori) che indica una categoria di computer portatili particolarmente piccoli e leggeri con processori del produttore di Santa Clara.

In questa accezione sono computer portatili con determinate caratteristiche: autonomia di lunga durata, buone prestazioni e, come avviene spesso sui tablet, un ripristino dalla modalità standby rapido. Tipicamente utilizzano un corpo in metallo che serve, oltre che a ridurre dimensioni, spessore e peso, anche a dissipare passivamente il calore prodotto dall’elettronica interna.

Gli Ultrabook adottano soprattutto processori Intel Core di diverse fasce di prezzo, unità di archiviazione SSD (più compatte rispetto ai tradizionali hard-disk, e più silenziose), anche se di recente anche AMD ha iniziato a proporre processori Ryzen adatti per computer portatili di dimensioni, spessore e peso ridotti, quindi sul mercato puoi tranquillamente trovare anche Ultrabook AMD.

Come scegliere un Ultrabook

La scelta di un Ultrabook è molto semplice, anche se è necessario avere alcune competenze basilari in ambito informatico. È chiaro che tu abbia già stabilito che il tuo prossimo computer portatile dovrà essere sottile, leggero e facile da portare in giro, oltre che dovrà avere una buona autonomia operativa. Come ti spiegavo poco sopra, infatti, queste sono tutte caratteristiche presenti negli Ultrabook.

Ti ricordo, inoltre, che gli Ultrabook sono diversi da 2-in-1 e convertibili. Esteticamente sono molto simili a un computer portatile tradizionale, hanno un’apertura a conchiglia e non hanno parti che possono essere separate (ad esempio il modulo tastiera). Se sei alla ricerca di una tipologia di dispositivo differente, quindi, ti consiglio di dare un occhio alla mia guida all’acquisto dei migliori notebook, che affronta il tema in maniera più generale.

Monitor, risoluzione

Nella scelta del miglior Ultrabook, non puoi prescindere dal monitor, che è una caratteristica fondamentale. Tipicamente, questa categoria di prodotto viene proposta in form factor dalle dimensioni compatte, quindi puoi trovare modelli da circa 11 pollici o 13 pollici a un massimo di 15,6 pollici. Questa caratteristica indica le dimensioni del monitor installato, o per meglio dire la diagonale del pannello.

Un discorso a parte e più approfondito lo merita la risoluzione, ovvero il numero dei pixel presenti sul lato lungo e sul lato corto del display (un esempio è la risoluzione 1920×1080, Full HD, caratterizzata da 1920 pixel sul lato lungo e 1080 su quello corto). Moltiplicando le cifre si ottiene, invece, il numero complessivo dei pixel presenti su schermo, ma questo è un dato che difficilmente i vari produttori citano all’interno della lista delle specifiche tecniche dei prodotti.

  • Risoluzione HD – essendo gli Ultrabook computer portatile di fascia media o medio-alta, è difficile trovare modelli con display a risoluzione HD. In questo caso avresti risoluzioni da 1280×800 o 1366×768 pixel, ma in linea di massima ti sconsiglio Ultrabook con specifiche simili.
  • Risoluzione Full HD – si tratta della risoluzione più diffusa sia su Ultrabook che su computer portatili tradizionali, ed è molto utilizzata anche su desktop. I pixel sono 1920×1080, con una definizione dell’immagine ottimale considerando le diagonali tipiche degli Ultrabook.
  • Risoluzione Quad HD – detta anche 2K, questa risoluzione prevede un numero di pixel pari a 2560×1440 pixel. La definizione è superiore rispetto alla Full HD a parità di diagonale, tuttavia non sempre questo è un bene. Soprattutto sui modelli con display più piccoli gli elementi dell’interfaccia possono essere molto piccoli e costringere l’utente a modificare le impostazioni del sistema operativo, per ottenere un’esperienza d’uso migliore.
  • Risoluzione Ultra HD – questa risoluzione è la più alta che si può trovare sugli Ultrabook di attuale generazione. Vale anche in questo caso la considerazione fatta prima, sugli elementi dell’interfaccia che possono essere presentati con dimensioni troppo ridotte per essere ben distinguibili. Nota anche come 4K, indica una risoluzione di 3840×2160 pixel.

Gli Ultrabook possono inoltre presentare anche un monitor touch-screen, quindi che dà la possibilità di impartire comandi anche con l’uso del dito o di un pennino capacitivo. Sono pochi, però, i modelli che prevedono quest’ultima possibilità, che è più semplice da trovare su 2-in-1 e convertibili.

CPU e GPU

La CPU (o processore) è una componente fondamentale di qualsiasi sistema informatico e potrebbe essere considerata come il cervello del computer. Esegue i calcoli generici e la sua capacità di farlo è dovuta a diversi fattori, come frequenza di calcolo e numero di core. Incide, nelle prestazioni, anche l’architettura utilizzata, e solitamente un’architettura più moderna non solo concede elaborazioni più veloci, ma consente di effettuare le varie operazioni consumando meno energia impattando meno nella durata della batteria.

Molti Ultrabook utilizzano CPU Intel Core, che si suddividono in diverse famiglie: i processori Intel Core m consumano pochissimo ma non hanno grandissime prestazioni e si trovano in prodotti estremamente compatti. Abbiamo poi gli Intel Core i3, i5 e i7, che vengono usati rispettivamente in sistemi di fascia bassa, media e alta, con i singoli prodotti che vengono riconosciuti con quattro cifre: la prima indica la generazione (7, 8, ad esempio, indicano la settima e l’ottava generazione), le altre genericamente la fascia di prestazioni. Le cifre possono essere seguite da un suffisso letterale: sugli Ultrabook di solito il suffisso è U, che indica i processori di Intel a più basso consumo energetico.

Puoi trovare sul mercato anche Ultrabook con CPU AMD, come ti dicevo poco sopra. In questo caso, i processori saranno della serie AMD Ryzen, che rappresenta la fascia medio-alta e alta del produttore concorrente di Intel, e un’ottima alternativa sia in ambito prestazionale sia in ambito di consumi energetici.

Abbiamo poi la GPU (o scheda video), che sugli Ultrabook è di solito integrata nello stesso package della CPU per preservare quanto più possibile i consumi energetici. Si tratta di un processore non generico, come la CPU, ma dedicato ai soli calcoli grafici. Quando è integrata nel processore condivide la RAM con la CPU, mentre quando è dedicata solitamente ha anche una memoria che viene destinata alla sola elaborazione delle attività grafiche richieste dal software.

Memoria

Anche la memoria è una parte fondamentale di qualsiasi sistema informatico. La RAM è la memoria di sistema, che lavora in sinergia con la CPU e le altre componenti fondamentali e immagazzina i suoi dati in maniera temporanea fino allo spegnimento del computer. Questo tipo di memoria mantiene i dati delle applicazioni aperte e, naturalmente, maggiore è il quantitativo di RAM e più alto sarà il numero di dati che può tenere in memoria senza rallentare il sistema. Di solito gli Ultrabook partono da 4GB di RAM per i modelli più economici, ma se vuoi un minimo di prestazioni in multi-tasking ti consiglio di tenere in considerazione solo i modelli da 8GB in su.

Abbiamo poi la memoria di archiviazione, o storage per dirlo in inglese. Questa contiene tutti i dati permanenti del computer, quindi il sistema operativo, le applicazioni, i file, i documenti: tutto quello che finisce nell’unità di archiviazione non viene cancellato al riavvio. Difficilmente c’è un classico hard disk meccanico (HDD) su un Ultrabook, ma più probabilmente ci sarà un SSD, cioè un’unità a stato solido, molto più rapida e senza parti mobili.

Quest’ultimo garantisce prestazioni molto superiori e totale silenzio, e può essere presente nel formato da 2.5″ o nel più piccolo formato M.2. Spesso la memoria di storage è sostituibile, e nel caso dei modelli M.2 potrebbero usare interfacce PCIe o SATA III, fra cui la prima è molto più veloce. I modelli più economici potrebbero inoltre utilizzare unità flash eMMC, più lente degli SSD ma più veloci degli hard-disk.

Batteria

Anche la batteria è naturalmente una caratteristica fondamentale in un Ultrabook, ed è la componente che consente di utilizzare il dispositivo in mobilità, quando non si ha a disposizione la corrente elettrica. I produttori di Ultrabook indicano le specifiche della batteria integrata con diverse unità di misura, e fra le più usate abbiamo i milliampereora (mAh). A volte puoi trovare il numero di celle presenti nel pacco batterie, oppure unità di misura come Wh (Watt/ora) o V (Volt) (per ottenere i mAh basta dividere i Wh per V, e moltiplicare il risultato per 1000).

In ogni caso, superiore è il numero e maggiore dovrebbe essere l’autonomia che ti puoi aspettare da quel prodotto, ma non è così semplice! La reale durata della batteria, infatti, è decisa anche dal consumo energetico di ogni singola componente presente nell’Ultrabook.

Porte

Su un Ultrabook il discorso delle porte è delicatissimo, visto che le dimensioni sono risicate e non c’è molto spazio per eventuali connettori, soprattutto se questi sono di dimensioni ragguardevoli. Nei modelli più recenti, e più sottili, non c’è spazio neanche per le porte USB Type-A (quelle a dimensioni tradizionali), ma abbiamo solo le porte USB Type-C per connettori reversibili.

Le porte USB, inoltre, non sono tutte uguali: le USB 3.1 di seconda generazione possono trasferire dati fino a 1250MB/s, mentre quelle di prima generazione (che spesso vengono nominate USB 3.0) raggiungono un massimo di 625MB/s. Ci sono poi le USB 2.0 che si fermano fino a 60MB/s.

Su un Ultrabook è molto difficile, invece, trovare la porta Ethernet o le porte per monitor esterni. Spesso si usa la USB Type-C con funzionalità Thunderbolt 3 per collegare monitor esterni, ma potresti anche trovare una HDMI o una DisplayPort nelle varianti mini o micro. Spesso gli Ultrabook utilizzano, proprio per le carenze in termini di connettività fisica, soluzioni Wireless: verifica sempre la presenza del supporto degli standard Wi-Fi (meglio se AC dual-band 2.4/5GHz, o Wi-Fi 5) e Bluetooth (dalla versione 4.0 in su).

Altri componenti

Molto importante in un Ultrabook è il design, sia esterno sia interno. Solitamente, il materiale utilizzato per la scocca è metallico, e fra le soluzioni più sfruttate abbiamo lega di alluminio, lega di magnesio o fibra di carbonio per i modelli più estremi. Il materiale stabilisce spesso anche il valore dello spessore, visto che con un materiale più resistente si può osare di più in questo particolare ambito. L’uso di leghe metalliche raffinate, però, può incidere drasticamente nel costo di produzione del sistema.

La tastiera è un altro componente importante del computer: se puoi farlo verifica con mano la cedevolezza durante la digitazione dei tasti o la comodità nella stesura di lunghi testi. Su un Ultrabook ti consiglio poi le tastiere ad isola, cioè con i singoli tasti che vengono separati dal telaio del computer, e considera anche la scelta di un modello con tasti retroilluminati, per digitare comodamente anche in ambienti con luce scarsa.

Proprio come un computer portatile tradizionale, anche gli Ultrabook possono montare una webcam, e possono integrare un card reader per la lettura/scrittura di schede di memoria SD o microSD. È molto raro (se non impossibile) che un Ultrabook contenga anche un drive per dischi ottici, come DVD o Blu-Ray (che comunque si possono acquistare separatamente).

Sistema operativo

Per funzionare un Ultrabook ha bisogno di un sistema operativo, cioè un software di base che si interfaccia con i singoli componenti presenti nel sistema. Per farlo, il sistema operativo utilizza i driver e altro codice sviluppato per operare a basso livello con l’hardware installato. Questi processi sono invisibili all’utente, che vede solo un’interfaccia grafica semplificata con diverse applicazioni che gli consentono di eseguire operazioni attraverso il proprio computer. Ci sono diversi sistemi operativi sul mercato, spesso con applicazioni e compatibilità proprie, ma i file sono spesso “universali” e possono essere visionati o modificati da tutti i computer (ad esempio i JPG per le foto o gli MP4 per i video).

  • Windows – è il sistema operativo più diffuso sugli Ultrabook e l’ultima versione disponibile in commercio è Windows 10. Dispone di un numero molto elevato di applicazioni e giochi e ha uno store personalizzato da cui scaricare quelle più avanzate.
  • macOS – un sistema operativo molto apprezzato sugli Ultrabook, disponibile solo ed esclusivamente nella famiglia Apple MacBook. Sviluppato internamente da Apple e funzionante ufficialmente solo sui prodotti del colosso di Cupertino, si caratterizza per la grande semplicità d’uso e per la sinergia con i prodotti di Apple (iPhone, iPad).
  • Chrome OS – non è troppo diffuso in Italia, ma alcuni Ultrabook molto economici utilizzano il sistema operativo Chrome OS. È sviluppato da Google e si basa sull’uso di servizi in cloud (ma non solo). Si caratterizza per la leggerezza ma in termini di applicazioni è inferiore rispetto agli altri sistemi operativi disponibili su piazza.
  • Linux – alcuni modelli di computer portatili compatti potrebbero integrare una distribuzione del sistema operativo Linux. Fra le più celebri, ad esempio, ti cito Ubuntu, distribuzione che viene curata da Canonical e che trovi su uno dei prodotti che ti suggerirò più avanti.

Quale Ultrabook comprare

Proprio per il lavoro di miniaturizzazione che c’è dietro un computer portatile di questo tipo, mediamente un Ultrabook ha un prezzo al pubblico abbastanza elevato. Qui di seguito ti propongo una selezione di prodotti da cui puoi scegliere quale Ultrabook comprare, anche se tecnicamente alcuni di questi prodotti sono semplici computer portatili dalle dimensioni compatte. I più economici ti obbligheranno ad accettare qualche compromesso e sono preferibili i modelli dalla fascia media in su, ma non disperare! Anche se hai limiti di budget ci sono prodotti che possono darti delle soddisfazioni se non hai esigenze professionali.

Miglior Ultrabook economico (meno di 600€)

Lenovo Ideapad S130

Miglior Ultrabook
Lenovo Ideapad S130 è un computer portatile compatto estremamente interessante: costa pochissimo e pesa poco meno di un chilogrammo pur integrando un display da 14 pollici. Le specifiche tecniche non sono esaltanti, e a questo prezzo sarebbe troppo chiedere di più: abbiamo infatti il supporto della risoluzione 1366×768 pixel, un processore Intel Celeron N4000 con 4GB di RAM e 64GB di spazio di archiviazione, Windows 10. Nel colore Midnight Blue vanta un’estetica gradevole, ma la qualità costruttiva non è paragonabile a quella dei modelli top di gamma.

Microtech e-book Pro

Miglior Ultrabook
Microtech è un’azienda italiana che delega la produzione e gran parte della progettazione dei propri prodotti alla Cina. Microtech e-book Pro è un modello di notebook compatto di questo produttore, abbastanza interessante per la precisione negli assemblaggi in relazione al prezzo. Le specifiche tecniche sono di basso livello: processore Intel Celeron N400, 4GB di RAM e 32GB di spazio di archiviazione eMMC, tuttavia si fa notare il pannello da 14,1 pollici a risoluzione Full HD. Questo prodotto pesa meno di 1,4Kg ed è spesso 1,4 centimetri, quindi è decisamente compatto e molto comodo da portare in giro.

Chuwi Lapbook Pro

Miglior Ultrabook
Chuwi Lapbook Pro monta un pannello da 14,1″ a risoluzione Full HD con CPU Intel Celeron N4100, 4GB di RAM e 64GB di spazio di archiviazione. Implementa poi una porta USB 3.0 e una porta USB Type-C, Wi-Fi 5 dual-band e il peso è contenuto in soli 1,4Kg a fronte di dimensioni pari a 324 x 209 x 13,4 mm. Lo spazio di archiviazione è su eMMC, ma può essere espanso con un qualsiasi SSD M.2. Se ti interessa conoscere quale modello comprare puoi dare un’occhiata alla mia guida all’acquisto sul miglior SSD.

Teclast F7 Plus

Miglior Ultrabook
Questo computer con display LCD IPS da 14,1″ pesa un chilogrammo e mezzo ed è spesso meno di 2 cm. Anche in questo caso troviamo supporto alla risoluzione Full HD e un processore Intel Celeron N4000, ma il comparto memorie è più interessante. Abbiamo infatti 8GB di RAM e 256GB di archiviazione, non su eMMC ma su SSD. Questo computer ha una durata della batteria media di 8 ore grazie all’unità presente da 38Wh e il profilo è di soli 7mm nella parte più sottile (quella anteriore). Abbiamo poi supporto al Wi-Fi ac (Wi-Fi 5). Le prestazioni sono soddisfacenti per un uso basilare (navigazione Web, consultazione delle e-mail, riproduzione video).

TECLAST F7PLUS Notebook Portatile 14.1 Pollici 256 GB SSD, 8 GB RAM, I...
Vedi offerta su Amazon

Chuwi Lapbook Plus

Miglior Ultrabook
Chuwi Lapbook Plus non è poi così diverso dal modello Pro, ma costa un po’ di più ed è sostanzialmente migliore. Iniziamo dal display, che è un 15,6 pollici a risoluzione 4K (3840×2160 pixel)! Sì, hai letto bene: il produttore cinese propone un pannello Ultra HD su un prodotto da meno di 450 euro! Fra le caratteristiche vanno citati: CPU Intel Atom x7-E3950 (non potentissima, soprattutto in considerazione del numero di pixel che deve “muovere”), 8GB di RAM, 256GB di spazio di archiviazione su SSD più slot di espansione M.2. La batteria, inoltre, è da 36,5Wh e consente un’autonomia di 9 ore.

Chuwi AeroBook

Miglior Ultrabook
Chuwi AeroBook è un Ultrabook dotato di processore Intel Core m3-6Y30, 8GB di RAM e 256GB di spazio di archiviazione su SSD. Monta un pannello da 13,3 pollici a risoluzione Full HD nel formato 16:9, quindi 1920×1080 pixel, e riesce ad avviare il sistema operativo (Windows 10) in meno di 8 secondi. Questo computer utilizza una tastiera a isola senza bordi con passo da 3mm per i tasti, i quali sono retroilluminati per consentire una comoda digitazione anche al buio. Abbiamo anche una porta USB Type-C con Power Delivery (per la ricarica di dispositivi esternamente) e due porte USB 3.0 full-size.

Acer Swift 1

Miglior Ultrabook

Questo modello pesa solo 1,3Kg e ha uno spessore di 1,5 cm nel punto massimo. Acer Swift 1 è fra i notebook compatti blasonati più economici che puoi comprare. Non ti aspettare, però, grandi prestazioni: qui abbiamo un processore Intel Pentium N5000 con GPU integrata, 4GB di RAM e 128GB di SSD. Viene venduto con il sistema operativo Windows 10 S, e monta un display Full HD da 14 pollici.

Huawei MateBook D

Miglior Ultrabook
Huawei MateBook D viene venduto in due varianti e diverse opzioni per quanto riguarda l’hardware integrato. Le due varianti hanno display diversi: la prima da 14 pollici, la seconda da 15.6 pollici, ed entrambe vantano il supporto della risoluzione Full HD. Questo notebook compatto può essere fornito con processori Intel Core di ottava generazione (Core i3 o Core i5, principalmente), o con CPU AMD Ryzen. La RAM è in ogni caso di 8GB o di 256GB, mentre il sistema operativo è Windows 10. Il peso è per entrambi i modelli sotto i 2Kg: 1,45Kg per quello da 14″, 1,9Kg per quello da 15.6″ (considerate le dimensioni non sono pochi). Lo spessore è in entrambi i casi inferiore, e di molto, ai 2 cm.

HUAWEI MateBook D 14" Laptop, Processore Intel Core i5-8250U, 2.4 GHz,...
Vedi offerta su Amazon

Miglior Ultrabook di fascia media (fra 600 e 1000€)

Lenovo Ideapad S540

Miglior Ultrabook
Lenovo Ideapad S540 pesa poco più di un chilogrammo e mezzo e monta un display da 14 pollici a risoluzione Full HD. Silenzioso nel funzionamento anche sotto sforzo, monta un processore AMD Ryzen 5 3500u Quad-Core con 8GB di RAM (4 saldati, e gli altri 4 su modulo separato) e 256GB di spazio di archiviazione su un veloce SSD basato su piattaforma NVMe PCIe. Questo notebook viene venduto con sistema operativo Windows 10 Home e dispone di tre porte USB 3.0 più un lettore di schede di memoria SD.

Acer Swift 3

Miglior Ultrabook
Acer Swift 3 è un computer portatile dalle dimensioni molto compatte, in relazione alla diagonale del display. Pesa 1,4Kg con uno spessore ridotto in 1,5cm. Utilizza un processore Intel Core i5-8265U con 8GB di RAM e 256GB di storage su SSD, mentre la batteria da 48Wh consente di coprire l’intera giornata lavorativa. Questo modello supporta la risoluzione Full HD con un pannello da 14 pollici, e ha una GPU integrata nello stesso package della CPU della famiglia Intel UHD 820. La scocca è interamente in alluminio e consente di dissipare il calore prodotto dall’hardware integrato. Non manca il lettore di impronte per eseguire lo sblocco rapido del dispositivo in totale sicurezza.

Asus Zenbook UX333

Miglior Ultrabook
Un notebook di dimensioni estremamente compatte, grazie al display da 13,3 pollici a risoluzione Full HD e la scocca ritagliata su misura sull’hardware. Asus Zenbook UX333 pesa solamente 1,09Kg e può vantare uno spessore ridotto a meno di 2cm pur integrando un processore Intel Core i5-8265U, 8GB di RAM e un SSD da 256GB per lo spazio di archiviazione. Abbiamo anche una GPU dedicata, una nVidia GeForce MX150 con 2GB di VRAM dedicata, e il sistema operativo è Windows 10. Non ti aspettare grandi prestazioni con i giochi, però, la GPU non è il massimo in questo particolare ambito. Come porte abbiamo una USB 2.0, una USB 3.1 Type-A (quindi full-size) e una porta USB Type-C reversibile.

MSI PS42

Miglior Ultrabook
MSI PS42 è un altro notebook estremamente compatto con display IPS da 14″ con risoluzione Full HD, e hardware di alto livello. Qui abbiamo infatti un processore Intel della famiglia Core i7, fra le più alte della società, e nello specifico il modello Core i7-8550U. Questo viene supportato da 8GB di RAM e 256GB di spazio di archiviazione su SSD, mentre la scocca è spessa solo 1,6cm per un sistema pesante solo 1,19Kg. La GPU è integrata nella CPU, per un sistema che ha una cornice ultrasottile da 5,7mm intorno al display e un sistema di ventilazione basato su due ventole dedicate e tre heatpipe.

Lenovo Yoga S730

Miglior Ultrabook
Con un peso di pochissimo superiore al chilogrammo, Lenovo Yoga S730 si fa apprezzare per diverse caratteristiche. Utilizza una CPU Intel Core i5-8265U, abbastanza potente per diversi ambiti lavorativi, che viene supportata da 8GB di RAM e 512GB di spazio di archiviazione su unità SSD. Abbiamo poi un pannello da 13,3 pollici a risoluzione Full HD, e non manca un lettore di impronte per l’autenticazione all’avvio e al ripristino. Windows 10 Home è il sistema operativo preinstallato,e abbiamo anche la disponibilità di tre porte USB 3.0.

Asus Vivobook A403

Miglior Ultrabook
Asus Vivobook A403 è un computer portatile estremamente compatto. Monta un display da 14 pollici a risoluzione Full HD con tecnologia anti-riflesso, 250 nits di luminosità massima e un processore Intel Core i7-8565U con 16GB di RAM e 512GB di spazio di archiviazione su un veloce SSD PCIe. Il sistema operativo è al solito Windows 10, per un sistema che offre tre porte USB 2.0, una porta USB 3.0 e una porta HDMI. La batteria è da ben 72Wh, il tutto all’interno di un computer che pesa solamente 1,35Kg ed è spesso poco più di un centimetro e mezzo.

Asus Vivobook S15

Miglior Ultrabook
L’Asus Vivobook S15 è un computer non troppo compatto in assoluto, ma che vanta dimensioni molto interessanti in rapporto alla diagonale del display, che è di 15.6 pollici. La risoluzione supportata è la Full HD, per un sistema che riesce a pesare qualcosina in meno di 2Kg. Monta l’ottimo processore Intel Core i7-8565U Quad-Core con ben 16GB di RAM e 512GB di spazio di archiviazione, configurandosi come un’ottima macchina per il professionista. Ha anche una GPU dedicata, non potentissima, che è la nVidia GeForce MX150 con 2GB di VRAM dedicata. Il sistema operativo installato nativamente è Windows 10 Home.

HP Spectre x360

Miglior Ultrabook
Questo computer premium è decisamente interessante in termini di form factor, prestazioni e anche prezzo. A meno di 1000 euro propone infatti il formato convertibile all’interno di un modello con display da 13″ con cornici ridotte e risoluzione Full HD. Abbiamo poi un buon processore Intel Core i5-8265U, 8GB di RAM e 256GB di spazio di archiviazione su questo modello, audio curato da Bang & Olufsen e quattro altoparlanti integrati. Il display può essere ruotato di 360° in modo da usare il sistema in diverse modalità, e abbiamo anche uno chassis in metallo e un pennino capacitivo per prendere appunti direttamente su schermo. Il peso è contenuto in soli 1,33Kg e lo spessore è di 1,5cm.

HP-PC Spectre x360 13-ap0001nl Convertibile, Intel Core i5-8265U, RAM ...
Vedi offerta su Amazon

Miglior Ultrabook di fascia alta (più di 1000€)

Asus Zenbook UX433

Miglior Ultrabook
A un prezzo di poco superiore ai 1000 euro puoi trovare in commercio l’Asus Zenbook UX433, Ultrabook di grande qualità con tastierino numerico retroilluminato, integrato all’interno del touch-pad. Questo modello può montare un display da 14″ a risoluzione Full HD, e un processore Intel Core i7-8565U con 8GB di RAM e 512GB di spazio di storage su unità SSD. Abbiamo poi una GPU nVidia GeForce MX150 dedicata con 2GB di VRAM, una tastiera anch’essa retroilluminata e tre porte USB, fra cui una Type-C per connettori reversibili.

Asus Zenbook UX433
Vedi offerta su Amazon

Apple MacBook Air con display Retina

Miglior Ultrabook
Il MacBook Air potrebbe essere considerato il precursore di tutti gli Ultrabook e a partire dal 2018 è stato rinnovato con un modello del tutto nuovo sia come forme, sia come hardware che, soprattutto, come display. Apple MacBook Air con display Retina monta infatti un pannello IPS da 13,3 pollici a risoluzione 2560×1600 pixel, processori Intel Core i5 Dual-Core con 8 o 16GB di RAM e SSD molto veloci basati su PCIe con tagli da 128GB fino a un massimo di 1,5TB. La batteria da 50,3Wh offre una grandissima autonomia operativa rispetto ad altri dispositivi della stessa categoria, e come porte abbiamo due Thunderbolt 3 con connettore USB Type-C. Gli altoparlanti sono due e non manca il jack audio da 3.5mm, mentre la tastiera è retroilluminata con switch a farfalla. Nel 2019 Apple ha introdotto il supporto al True Tone per il display che gli permette di adattare tonalità di colore e luminosità in base alla luce che c’è in ambiente. Come ogni computer Apple, il sistema operativo è macOS.

Razer Blade Stealth

Miglior Ultrabook
Questo modello non è fra i più recenti ma di certo è fra i più interessanti. Razer Blade Stealth si camuffa infatti da dispositivo pensato per il gioco, soprattutto per via della presenza di una tastiera con retroilluminazione RGB personalizzabile, tuttavia l’assenza di una GPU dedicata non permette di giocare adeguatamente con i titoli di ultima generazione. In questa variante che ti propongo qui di seguito abbiamo un processore Intel Core i7-7500u, 16GB di RAM e 512GB di spazio di archiviazione su SSD. Il display è da 12,5 pollici con risoluzione Quad HD +, per un prodotto che pesa solamente 1,28Kg.

Razer Blade Stealth 31,75 cm (12,5, 4 K) Ultrabook (Intel Core i7 – 75...
Vedi offerta su Amazon

Microsoft Surface Laptop 3

Miglior Ultrabook
Microsoft Surface Laptop 3 è un computer portatile proposto in due versioni, una da 13,5″ con processori Intel Core i5 e Core i7 di decima generazione, l’altra da 15 pollici con processori AMD Ryzen 5 e 7 di ultima generazione con GPU integrata AMD Radeon RX Vega. I due modelli si differenziano anche per la risoluzione video supportata, 2256×1504 pixel e 2496×1664 pixel, entrambi con aspect-ratio di 3:2 e touch-screen a 10 punti. Non ci sono grandi differenze oltre a quelle che ti ho appena menzionato: entrambi i modelli implementano una porta USB Type-A, una USB Type-C, supporto a Wi-Fi 6 e Wi-Fi 5 rispettivamente per il modello da 13,5 e 15″, e pesano solamente 1,3Kg e 1,5Kg, nonostante le dimensioni dei display. Sono i portatili “reference” di Microsoft con Windows 10, e in assoluto tra i migliori sul mercato per quanto riguarda il rapporto peso/prestazioni. La qualità costruttiva è a livelli molto alti, e il modello più piccolo è disponibile anche con una finitura in alcantara per la parte superiore dove risiede la tastiera (retroilluminata con tasti a isola).

Microsoft Surface Laptop 3, 13", Core i5, RAM 8 GB, SSD 128 GB, Platin...
Vedi offerta su Amazon
Microsoft Surface Laptop 3, 15", AMD Ryzen 5 3580U, RAM 8 GB, SSD 128 ...
Vedi offerta su Amazon

Dell XPS 13

Miglior Ultrabook
Il Dell XPS 13 è un computer decisamente compatto e fra i migliori dell’intera categoria degli Ultrabook e dei notebook in generale. Monta una componentistica hardware di prestigio, con processori fino a Intel Core i7 di ottava generazione, e ha un pannello da 13,3 pollici dalla risoluzione di 3200×1800 pixel o da 1920×1080 pixel, per i modelli più economico. La GPU è integrata, mentre nel modello che ti propongo qui di seguito abbiamo 16GB di RAM e 512GB di spazio di archiviazione su SSD PCIe molto veloce. Viene fornito con Windows 10 al primo avvio e ha un telaio di materiale metallico che porta il peso complessivamente a circa 1,2Kg. Particolarità di questa famiglia è data dalle dimensioni risicate delle cornici che attorniano il display. Lo schermo è un IPS di alta qualità, con luminosità di 400 nits e alto rapporto di contrasto.

Lenovo ThinkPad X1 Carbon

Miglior Ultrabook
Con un peso di 1,8Kg e dimensioni abbastanza contenute (lo spessore è di soli 1,6cm), il Lenovo ThinkPad X1 Carbon si candida fra i migliori computer portatili di dimensioni ridotte. Si caratterizza per il design sobrio e le cornici ridotte attorno al display, e qui sotto ti propongo la versione con pannello da 14 pollici a risoluzione Full HD (chiaramente un IPS di qualità), processore Intel Core i5-8250U, 8GB di RAM e SSD da 256GB per lo spazio di archiviazione. Questo modello utilizza un sensore di impronte per lo sblocco sicuro e dispone di ben quattro porte USB 3.0. L’autonomia è di 9 ore e mezza, secondo quanto dichiarato dal produttore,

Apple MacBook Pro 13″

Miglior Ultrabook
Sebbene sia venduto come computer per professionisti, garantendo quindi prestazioni in assoluto molto elevate, l’Apple MacBook Pro 13″ può essere considerato un Ultrabook grazie al peso inferiore al chilogrammo e mezzo (esattamente 1,4Kg). Il notebook professionale più compatto di Apple utilizza un pannello da 13,3 pollici a risoluzione 2560×1600 pixel e una tastiera retroilluminata di qualità, con tasti a corsa ridotta e switch a farfalla, la quale presenta nella parte superiore un display OLED interattivo chiamato Touch Bar, che presenta tasti diversi in base all’applicazione utilizzata in un determinato momento. Questo sistema può essere venduto con processori Intel Core i5 e Core i7, GPU Intel integrata della famiglia Iris Plus, fino a 16GB di RAM e fino a un massimo di ben 2TB di archiviazione su SSD PCIe velocissimi. Abbiamo poi due o quattro porte Thunderbolt 3 (in base alla versione) con connettore USB Type-C e batterie da 58Wh circa, che consentono un’autonomia di massimo 10 ore durante un uso moderato. Il sistema operativo è macOS.

Apple MacBook Pro (13", 8GB RAM, Archiviazione 256GB) - Grigio Sideral...
Vedi offerta su Amazon

Dell XPS 15

Miglior Ultrabook
Dell XPS 15 è la versione di dimensioni maggiori di XPS 13, e sul piano del design non ha molte differenze rispetto a quest’ultimo. In questo caso abbiamo un pannello da 15,6 pollici che può riportare risoluzioni differenti: 1920×1080 pixel (Full HD) per quanto riguarda il modello di base; 3840×2160 pixel (4K) per quanto invece concerne i modelli più avanzati e costosi. Questo notebook dalle dimensioni compatte (pesa solo 1,78Kg, pochissimo se si considerano le dimensioni del display) può integrare processori Intel Core i7 di ottava generazione, 16GB di RAM, SSD PCIe velocissimi da 512GB e fra le porte abbiamo una Thunderbolt 3 e due USB 3.0, Si tratta di un computer completo, capace di un’ottima autonomia su singola carica, e viene venduto con Windows 10. Lo spessore è di 11mm nel punto più sottile, raggiungendo un massimo di 17mm.

DELL XPS 15 9570 Argento Computer portatile 39,6 cm (15.6") 1920 x 108...
Vedi offerta su Amazon

Apple MacBook Pro 15″

Miglior Ultrabook
L’Apple MacBook Pro 15 è probabilmente il miglior computer portatile fra quelli disponibili in circolazione. In relazione alle dimensioni del display è estremamente compatto: è spesso solo 1,5 centimetri, e pesa 1,8Kg. Tutto questo nonostante abbia tutte le caratteristiche del MacBook Pro da 13″, e anche qualcosina in più. Questo modello infatti può montare processori esa-core anche della famiglia Intel Core i9, ha un pannello da 15 pollici a risoluzione 2880×1800 pixel, e ha GPU dedicate della famiglia AMD Radeon Pro. È molto potente ed è destinato a un uso professionale, ma questo sposta il listino prezzi molto in alto, soprattutto per le versioni più potenti. Ha una grossa batteria da 83,6Wh che garantisce fino a 10 ore di autonomia su singola carica, quattro porte Thunderbolt 3 con connettore USB Type-C, e ovviamente non manca la Touch Bar.

Salvatore Aranzulla

Autore

Salvatore Aranzulla

Salvatore Aranzulla è il blogger e divulgatore informatico più letto in Italia. Noto per aver scoperto delle vulnerabilità nei siti di Google e Microsoft. Collabora con riviste di informatica e cura la rubrica tecnologica del quotidiano Il Messaggero. È il fondatore di Aranzulla.it, uno dei trenta siti più visitati d'Italia, nel quale risponde con semplicità a migliaia di dubbi di tipo informatico. Ha pubblicato per Mondadori e Mondadori Informatica.